HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Juve, da Conte ad Allegri la musica non cambia. Il nostro CT piange e rimpiange. Inter, Romeo precedente pericoloso. Napoli, il mercato parta dalla difesa

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 è Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb. Vive e lavora a Milano dal 2004. mcriscitiello@sportitalia.com Twitter: MCriscitiello
24.11.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 38847 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Se qualcuno ha notato la differenza tra Conte ed Allegri alzi un dito. Scegliete voi quello che preferite. Allegri è un tipo silenzioso e pacato, Conte è preferito dai giornalisti perché alza la voce, urla e corre in panchina come uno scalmanato alla prima partita in serie A; ma per risultati e gioco la situazione, alla Juve, non è cambiata di una virgola. Vinceva e vince, con facilità, in Italia. Stenta, perde e a volte vince in Champions League. La garanzia dei tifosi bianconeri è la società. Dove per società si intendono Agnelli, Marotta e Paratici che quotidianamente fanno un ottimo lavoro, scoprono giovani di valore ed arrivano primi sul mercato. La Roma, per fortuna che c'è e speriamo continui ad esserci, ha un ottimo passo ma non ha ancora carisma ed esperienza tali da soffiare lo scudetto alla Juventus. Vedere Pogba in Italia è un privilegio. Ci lamentiamo che mancano i Campioni in serie A ma, in un organico, poter contare su gente come Tevez, Pogba, Pirlo e Buffon è un ottimo bigliettino da visita anche per il resto del mondo; il problema sarà trattenerli più a lungo possibile con un progetto che soddisfi i grandi campioni. Il vero pericolo è Pogba, perché gestito da uno come Mino Raiola che sa fare benissimo il suo lavoro; il suo appunto. Ripetizioni sul metodo Raiola. Prende un big, lo gestisce benissimo, dopo uno, massimo due anni gli inizia a suggerire di fare casino nello spogliatoio, dichiarazioni alla stampa mirate con un solo obiettivo: un suo assistito, in carriera, deve cambiare aria almeno 4-5 volte. Questo comporta un giro di danari elevato, contratti più importanti e il vero jolly non lo cala mai sulla percentuale (misera) sulla procura bensì sulla famosa mediazione. Vamos Mino. Non vi siete chiesti perché quando Raiola ha agganciato Hamsik dopo poco lo ha perso? Semplice, Hamsik è uno che fa una vita sana, non accetta i consigli di chi gli dice di sfasciare tutto per andar via, anche perché Marek a Napoli sta bene e guadagnare 4 milioni o 3 milioni all'anno, per lui, non c'è differenza. Adesso il rischio è con Pogba. Il ragazzo è serio ma l'importante è tutelarlo bene alla Juve.
Parlavamo di Allegri e Conte. La Juve non è cambiata, con il nuovo mister ma neanche l'talia è cambiata nel passaggio da Prandelli a Conte. La crisi del calcio italiano non si risolve in due mesi e neanche pagando 10 milioni ad un allenatore in due anni. A Conte avevano promesso di spostare il Duomo in Piazza Plebiscito e di portare il Vaticano in Piazza del Campo. Ingenuo Carletto (No Tav) che gli ha promesso tutto ciò oppure chi ha creduto alle favole estive? Conte non ha capito una cosa: in Nazionale non serve urlare in conferenza stampa e sbraitare dalla panchina per cambiare il modus operandi di una Federazione vecchia e senza idee di ringiovanimento. Oggi Don Antonio sembra sia morso da una tarantola perché gli manca la quotidianità del campo, il campionato e il rapporto fisso con i calciatori. Vorrebbe 200 incontri all'anno con i tecnici di A e B, poi vuole parlare con quelli di Lega Pro e infine conoscere anche gli allenatori di serie D. Conte senza limiti. Premesso che nessuno lo caccia fuori se va a vedere un paio di allenamenti in B, Lega Pro e D, non può pensare che il mondo cambi per far felice lui. Ha accettato questa scommessa assurda, adesso la provi a vincere; ricordando che per fare meglio di Prandelli dovrebbe vincere l'Europeo in Francia e non migliorare il risultato del Mondiale.
Facevamo una riflessione a voce alta, l'altro giorno in diretta su Sportitalia. Riporto il mio pensiero: l'assunzione, a libro paga, dell'arbitro Romeo nella FC Internazionale è una mossa strana e pericolosissima. Svolgimento: vedendo entrare Romeo, tutto sorridente, nello spogliatoio interista prima del derby fa riflettere. Eri interista quando arbitravi l'Inter? Perché tra mille team manager esperti, la società nerazzurra si è sentita "in dovere" di prendere Romeo in questo ruolo? Stiamo parlando di un arbitro di A che ha smesso ieri e non 20 anni fa. Attenzione: gli arbitri si riuniscono e si parlano, si dicono tutto. Oggi una società di serie A fa arrivare all'orecchio la voce ad un arbitro di serie A (ripetizione voluta per stressare il concetto) che quando smetterà con il fischietto ci sarà un contratto in società ad aspettarlo. Questo arbitro con che spirito arbitrerà il club in questione? Il giochino è pericoloso e un arbitro che ha smesso di fare questo mestiere un anno fa non può ritrovarsi, dopo poco, nello spogliatoio di una grande squadra come l'Inter. Non c'è nulla di male, certo, ma evitare i cattivi pensieri sarebbe preferibile. Immaginate cosa accadrebbe se, a fine carriera, Gianluca Rocchi diventasse il nuovo team manager della Juventus. IMMAGINATE!!!
Chiusura di editoriale dedicata al Napoli. Poche righe per esprimere l'imbarazzo di una società che doveva pensare a costruire la squadra partendo dalla difesa e non dall'attacco. Benitez deve rivedere molte cose se in casa prende tre gol dal Cagliari di Zeman che è lì a lottare per non retrocedere. Mancano le basi e il Napoli, per puntare al terzo posto, deve correre ai ripari prendendo rinforzi utili alla fase difensiva.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.