HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juve: da Gigi a Gigio? Marotta muove le acque e punta... un altro obiettivo. Milan: arriva il closing, ma i rossoneri attendono l'ultimo (importante) regalo di Galliani. Inter: la verità sulla "promessa" di Simeone

15.11.2016 07.27 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 55794 volte
© foto di Alessio Alaimo

Non c'è tempo da perdere, devo andare alla finale di Pechino Express. Organizzano un buffet con "laiv tuitting" dove ognuno dice la sua. Non ho assolutamente niente da dire e men che meno me ne frega qualcosa se non per tre motivi: voglio stringere la mano in segno di massimo rispetto a Costantino della Gherardesca, fare una foto con Tina Cipollari, azzannare il buffet offerto dalla produzione.

Ritengo Della Gherardesca un mito, il motivo è assai poco televisivo. Un giorno lo incrocio in palestra, "temporeggia" sul tapis roulant di fianco al mio e non parla mai. Dopo venti minuti di camminata a due all'ora (giuro) si gira verso di me e dice: "Io ho fatto. Arrivederci". Non l'ho mai più rivisto.

Tina Cipollari invece non l'ho mai incontrata. Siccome sono certo che non sia reale tipo Eta Beta, il Gabibbo o Paperoga, voglio capire come fanno a renderla così credibile.

Capirete che l'attesa di cotanta abbondanza rende le questioni pallonare poco importanti, anche perché - diciamolo - al decimo giorno di pausa per la nazionale non c'è una mazza da dire, anche se molti vogliono farci credere che in realtà ci sia "molto da dire".

Marotta fa una battuta su Donnarumma e la faccenda diventa immediatamente "La Juve ha opzionato Donnarumma!".

Ventura dice "bisognerebbe anticipare l'inizio della serie A" e subito diventa "Ventura ci vuol togliere le ferie!".

La Nazionale vince 4-0 con il Liechtenstein (o come si scrive) e divampa la polemica sull'otto a zero "che doveva essere e invece non è stato. Vergogna!".

Poca roba, converrete.

Per questo motivo scriveremo pochi pensierini giusto per far finta di sapere delle cose qualunque.

1) Milan, i saluti di Galliani, il closing, la clausola "La Scala"

Galliani continua a salutare: dice addio al Milan, non smette di ricordare che presto abbandonerà la nave rossonera. Questa cosa accadrà alla firma del closing prossimo venturo. La data c'è (2 o 13 dicembre), tutto sembra abbastanza indirizzato, anche se alcuni punti interrogativi devono ancora essere sciolti (quali sono i nomi degli investitori? Spenderanno sul mercato da subito?). Nel mare di questioni, quella più interessante riguarda l'aspetto burocratico posto all'attenzione di tutti dall'avvocato Giuseppe La Scala, vice-presidente dei Piccoli Azionisti: "Fininvest ha specificato che "gli acquirenti si impegnano a compiere importanti investimenti per un ammontare di 350 milioni nell'arco di un triennio, di cui 100 milioni al momento del closing". Onde evitare che tale stipulazione possa essere oggetto di revoca o modifica, è indispensabile che la società dichiari espressamente di volerne profittare, altrimenti il versamento potrebbe anche essere annullato o rinviato di sei mesi. In più, con il bilancio che sarà ancora in netto passivo a fine anno (potrebbe chiudersi con un rosso di 60 milioni stanti gli attuali conti, ndr), la cordata cinese deve sostituirsi a Fininvest nel ripianare i conti". Una sorta di "garanzia" a tutela del club che merita di essere presa in considerazione dall'attuale dirigenza, anche solo per evitare ogni genere di fraintendimento presente e futuro.

2) Juve, Donnarumma, Bentancur

Partiamo da una certezza, ovvero da Bentancur, il giovine del Boca (opzionato nel giorni della cessione Tevez) che a giugno raggiungerà Torino e che gli esperti definiscono "già pronto" per lo sbarco in Europa.

E Donnarumma? Alla Signora piace davvero? Sì, ma piace anche a mia zia e dubito che il portierone giocherà nel cortile della mia anziana parente.

Parliamoci chiaro, nessuno sa se il buon Gigio oltre che in azzurro sarà l'erede di Buffon anche alla Juve, nessuno tranne il buon Minone Raiola, uno assai sensibile agli spostamenti dei fenomeni e ancor più ai loro ingaggi. La sensazione è che Marotta abbia mosso le acque solo per vedere "l'effetto che fa", un tentativo ovviamente "a salve" se si pensa che il Milan attende di conoscere i suoi futuri proprietari, ovvero coloro che faranno firmare al buon Gigio il suo primo contratto e che dovranno convincerlo a sposare la causa rossonera "nei secoli dei secoli".

3) Inter, Ausilio, Pioli, Suning.

Ausilio ha parlato: "L'obiettivo è la Champions". Nel mare in tempesta, i nerazzurri provano a ritrovare la rotta. Il dato di fatto è che il tempo dei "tentativi" è terminato e solo una serie di vittorie potranno permettere all'Inter di tentare "l'impresa", perché di quello si tratta. Per raggiungere il terzo posto Pioli dovrà riuscire a realizzare una media superiore ai due punti per partita, ovvero tantissimi. Non sarà semplice, ma questo non significa - come molti insinuano - che l'Inter abbia già un accordo con Simeone per la prossima stagione. L'argentino probabilmente un giorno guiderà i nerazzurri, ma non certo perché si è accordato in queste settimane. Pioli è stato scelto non per "traghettare", ma per tentare un miracolo: dovesse riuscirci la panchina sarà sua anche la prossima stagione.

Sentite, è inutile prenderci in giro: non ho niente da raccontarvi se non queste boiate. Potrei continuare mandando a quel paese Muller per il suo peana contro San Marino, potrei analizzare le severe dichiarazioni di Fascetti nei confronti del "figlioccio" Cassano ("ritirati! È finito il tempo delle scuse!), ma sarebbe un allungare il brodo.

Sapete che c'è? L'unica cosa buona di queste due settimane è stato il canale "Rocky", lanciato sul satellite con lo scopo di attenuare la generale rottura di maroni. La saga del pugile italiano vista in loop ci ha infine permesso di far caso a delle cose che ancora non avevamo messo a fuoco (twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com)

Le dieci cose importanti di "Rocky" che forse non avete mai notato:

1) Adriana è un cesso fotonico.
2) Il cane Birillo è molto più sveglio di Rocky, anche solo perché non si fa menare come una zampogna e cresce mangiando crocchette da ricco, comprate con i soldi di Rocky.
3) Nel mondo reale Rocky dopo aver battuto Ivan Drago si farebbe Brigitte Nielsen, invece torna da Adriana.
4) Adriana oltre a essere un cesso ha un fratello rompicoglioni: Poli. Non conosciamo il fratello di Brigitte Nielsen, ma sicuramente peggio non poteva essere.
5) Mangiare 5 albumi crudi alle 5 del mattino e poi correre a zero gradi forse aiuta a diventare campione del mondo di boxe, di sicuro ti fa andare al cesso più in fretta della combo "caffè con sigaretta".
6) Il messaggio sotteso in "Rocky" non è "lotta e combatti e tutti i tuoi sogni si avvereranno", ma "se sei un malavitoso di Filadelfia avrai sempre i posti in prima fila e delle fighe di fianco" (oh, lo strozzino è sempre in prima fila).
7) Adriana oltre a essere un cesso non sa neanche pattinare. In più se tu gli dici "scusa Adriana, sono fortissimo nella boxe, non so fare altro, me la lasci fare?" lei ti risponde "no, preferisco che lavori in macelleria perché altrimenti ti fai male". Una stronza colossale.
8) Evitate di comprare la carne in macelleria a Filadelfia.
9) Lo speaker che commenta gli incontri di Rocky è lo stesso che fa le telecronache di "Holly e Benji", una specie di Mario Mattioli della Rai ma con Rocky invece di Clemente Russo.
10) La storia che se riesci a prendere al volo una gallina, allora puoi battere Apollo Creed, è una cazzata inventata da un vecchio sordo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.