VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Juve: da Gigi a Gigio? Marotta muove le acque e punta... un altro obiettivo. Milan: arriva il closing, ma i rossoneri attendono l'ultimo (importante) regalo di Galliani. Inter: la verità sulla "promessa" di Simeone

15.11.2016 07.27 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 55837 volte
© foto di Alessio Alaimo

Non c'è tempo da perdere, devo andare alla finale di Pechino Express. Organizzano un buffet con "laiv tuitting" dove ognuno dice la sua. Non ho assolutamente niente da dire e men che meno me ne frega qualcosa se non per tre motivi: voglio stringere la mano in segno di massimo rispetto a Costantino della Gherardesca, fare una foto con Tina Cipollari, azzannare il buffet offerto dalla produzione.

Ritengo Della Gherardesca un mito, il motivo è assai poco televisivo. Un giorno lo incrocio in palestra, "temporeggia" sul tapis roulant di fianco al mio e non parla mai. Dopo venti minuti di camminata a due all'ora (giuro) si gira verso di me e dice: "Io ho fatto. Arrivederci". Non l'ho mai più rivisto.

Tina Cipollari invece non l'ho mai incontrata. Siccome sono certo che non sia reale tipo Eta Beta, il Gabibbo o Paperoga, voglio capire come fanno a renderla così credibile.

Capirete che l'attesa di cotanta abbondanza rende le questioni pallonare poco importanti, anche perché - diciamolo - al decimo giorno di pausa per la nazionale non c'è una mazza da dire, anche se molti vogliono farci credere che in realtà ci sia "molto da dire".

Marotta fa una battuta su Donnarumma e la faccenda diventa immediatamente "La Juve ha opzionato Donnarumma!".

Ventura dice "bisognerebbe anticipare l'inizio della serie A" e subito diventa "Ventura ci vuol togliere le ferie!".

La Nazionale vince 4-0 con il Liechtenstein (o come si scrive) e divampa la polemica sull'otto a zero "che doveva essere e invece non è stato. Vergogna!".

Poca roba, converrete.

Per questo motivo scriveremo pochi pensierini giusto per far finta di sapere delle cose qualunque.

1) Milan, i saluti di Galliani, il closing, la clausola "La Scala"

Galliani continua a salutare: dice addio al Milan, non smette di ricordare che presto abbandonerà la nave rossonera. Questa cosa accadrà alla firma del closing prossimo venturo. La data c'è (2 o 13 dicembre), tutto sembra abbastanza indirizzato, anche se alcuni punti interrogativi devono ancora essere sciolti (quali sono i nomi degli investitori? Spenderanno sul mercato da subito?). Nel mare di questioni, quella più interessante riguarda l'aspetto burocratico posto all'attenzione di tutti dall'avvocato Giuseppe La Scala, vice-presidente dei Piccoli Azionisti: "Fininvest ha specificato che "gli acquirenti si impegnano a compiere importanti investimenti per un ammontare di 350 milioni nell'arco di un triennio, di cui 100 milioni al momento del closing". Onde evitare che tale stipulazione possa essere oggetto di revoca o modifica, è indispensabile che la società dichiari espressamente di volerne profittare, altrimenti il versamento potrebbe anche essere annullato o rinviato di sei mesi. In più, con il bilancio che sarà ancora in netto passivo a fine anno (potrebbe chiudersi con un rosso di 60 milioni stanti gli attuali conti, ndr), la cordata cinese deve sostituirsi a Fininvest nel ripianare i conti". Una sorta di "garanzia" a tutela del club che merita di essere presa in considerazione dall'attuale dirigenza, anche solo per evitare ogni genere di fraintendimento presente e futuro.

2) Juve, Donnarumma, Bentancur

Partiamo da una certezza, ovvero da Bentancur, il giovine del Boca (opzionato nel giorni della cessione Tevez) che a giugno raggiungerà Torino e che gli esperti definiscono "già pronto" per lo sbarco in Europa.

E Donnarumma? Alla Signora piace davvero? Sì, ma piace anche a mia zia e dubito che il portierone giocherà nel cortile della mia anziana parente.

Parliamoci chiaro, nessuno sa se il buon Gigio oltre che in azzurro sarà l'erede di Buffon anche alla Juve, nessuno tranne il buon Minone Raiola, uno assai sensibile agli spostamenti dei fenomeni e ancor più ai loro ingaggi. La sensazione è che Marotta abbia mosso le acque solo per vedere "l'effetto che fa", un tentativo ovviamente "a salve" se si pensa che il Milan attende di conoscere i suoi futuri proprietari, ovvero coloro che faranno firmare al buon Gigio il suo primo contratto e che dovranno convincerlo a sposare la causa rossonera "nei secoli dei secoli".

3) Inter, Ausilio, Pioli, Suning.

Ausilio ha parlato: "L'obiettivo è la Champions". Nel mare in tempesta, i nerazzurri provano a ritrovare la rotta. Il dato di fatto è che il tempo dei "tentativi" è terminato e solo una serie di vittorie potranno permettere all'Inter di tentare "l'impresa", perché di quello si tratta. Per raggiungere il terzo posto Pioli dovrà riuscire a realizzare una media superiore ai due punti per partita, ovvero tantissimi. Non sarà semplice, ma questo non significa - come molti insinuano - che l'Inter abbia già un accordo con Simeone per la prossima stagione. L'argentino probabilmente un giorno guiderà i nerazzurri, ma non certo perché si è accordato in queste settimane. Pioli è stato scelto non per "traghettare", ma per tentare un miracolo: dovesse riuscirci la panchina sarà sua anche la prossima stagione.

Sentite, è inutile prenderci in giro: non ho niente da raccontarvi se non queste boiate. Potrei continuare mandando a quel paese Muller per il suo peana contro San Marino, potrei analizzare le severe dichiarazioni di Fascetti nei confronti del "figlioccio" Cassano ("ritirati! È finito il tempo delle scuse!), ma sarebbe un allungare il brodo.

Sapete che c'è? L'unica cosa buona di queste due settimane è stato il canale "Rocky", lanciato sul satellite con lo scopo di attenuare la generale rottura di maroni. La saga del pugile italiano vista in loop ci ha infine permesso di far caso a delle cose che ancora non avevamo messo a fuoco (twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com)

Le dieci cose importanti di "Rocky" che forse non avete mai notato:

1) Adriana è un cesso fotonico.
2) Il cane Birillo è molto più sveglio di Rocky, anche solo perché non si fa menare come una zampogna e cresce mangiando crocchette da ricco, comprate con i soldi di Rocky.
3) Nel mondo reale Rocky dopo aver battuto Ivan Drago si farebbe Brigitte Nielsen, invece torna da Adriana.
4) Adriana oltre a essere un cesso ha un fratello rompicoglioni: Poli. Non conosciamo il fratello di Brigitte Nielsen, ma sicuramente peggio non poteva essere.
5) Mangiare 5 albumi crudi alle 5 del mattino e poi correre a zero gradi forse aiuta a diventare campione del mondo di boxe, di sicuro ti fa andare al cesso più in fretta della combo "caffè con sigaretta".
6) Il messaggio sotteso in "Rocky" non è "lotta e combatti e tutti i tuoi sogni si avvereranno", ma "se sei un malavitoso di Filadelfia avrai sempre i posti in prima fila e delle fighe di fianco" (oh, lo strozzino è sempre in prima fila).
7) Adriana oltre a essere un cesso non sa neanche pattinare. In più se tu gli dici "scusa Adriana, sono fortissimo nella boxe, non so fare altro, me la lasci fare?" lei ti risponde "no, preferisco che lavori in macelleria perché altrimenti ti fai male". Una stronza colossale.
8) Evitate di comprare la carne in macelleria a Filadelfia.
9) Lo speaker che commenta gli incontri di Rocky è lo stesso che fa le telecronache di "Holly e Benji", una specie di Mario Mattioli della Rai ma con Rocky invece di Clemente Russo.
10) La storia che se riesci a prendere al volo una gallina, allora puoi battere Apollo Creed, è una cazzata inventata da un vecchio sordo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.