VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Juve: da Trefoloni a Rizzoli. Mancini: Mazzarri è sempre lì. Thohir: Per lui i soci sono ok. Milan: lo sfondone del 30' anniversario

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
13.02.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 26528 volte

Tempi clamorosamente diversi, nessun nesso sostanziale. Ma cronisticamente siamo ancora lì. Il primo pensiero dopo l'infortunio dell'arbitro Rizzoli, un serio professionista e una persona perbene, è corso a Roma-Juventus, una delle partite calde della famosa stagione 2004-2005 di cui poi si occupò l'inchiesta di Calciopoli. L'arbitro Trefoloni di Siena, città gloriosa che ha una vasta provincia, inviò il certificato medico e al suo posto la direzione arbitrale venne affidata a Racalbuto. Che non ha più rilasciato interviste negli anni, ma sarebbe interessante sentirlo su quella settimana più che su quella partita che comunque come quasi tutte prestò il fianco ad alcuni dubbi sugli episodi. Juventus-Napoli non ha nulla a che vedere con quel Roma-Juventus. Ma ci ha sorpreso tantissimo la designazione mediatica di Rizzoli per la partita di questa sera a Torino. Già due giorni prima del comunicato ufficiale AIA con le relative designazioni ufficiali, già si sapeva che avrebbe arbitrato Rizzoli e lo stesso Rizzoli ha fatto sapere del suo infortunio prima delle designazioni. Tutto ciò significa solo una cosa: arbitrare le partite-Scudetto della Juventus mette una pressione pazzesca. A tutti, organici arbitrali in primis. Ma anche ad addetti ai lavori e media che, in qualche caso, sbroccano male male. Per i tifosi juventini la pressione è ingiusta e costruita in vitro storicamente, per gli anti-juventini, da Bigon a Turone, da Ronaldo a Muntari, è invece santificata dalla storia stessa. Non sappiamo se la Storia vera sia un po' più di là o un po' più di qua, come minimo sta nel mezzo. Poi vedete voi. E soprattutto buon lavoro a Orsato.

Walter Mazzarri ha guidato l'Inter dalla panchina in 58 gare ufficiali, conquistando 96 punti e generando una media di 1,65 punti/gara. Roberto Mancini ha guidato l'Inter dalla panchina in 62 partite, conquistando 101 punti e generando una media di 1,63 punti/gara. Questi sono meri conti della serva. Poi però dai conti bisogna passare al peso specifico. Mazzarri giocava peggio e parlava male, è "passato" fra i tifosi interisti. Può essere. Ma il clima mediatico, i pochi soldi spesi e gli "acquisti" fatti per lui (il caso M'Vila è abnorme) rendono molto più difficili e controvento le condizioni in cui il tecnico toscano ha costruito le sue stagioni e le sue medie rispetto al tecnico jesino. Dopotutto Mancini aveva rilevato una squadra sesta in classifica e in Europa League. Con lui è arrivata ottava peggiorando la posizione di "consegna" ed è uscita dalla competizione subendo tanti gol dal Wolfsburg che poi il Napoli di...Benitez aveva nettamente ridimensionato. Continuiamo a pensare che la tifoseria interista debba pungolare di più il proprio allenatore, senza vederlo sempre e comunque sul cavallo bianco su cui è arrivato.

Il calcio parlato, la vera grande passione dell'Italia del pallone, è sfibrato e spossato dai luoghi comuni. Alzate la mano quante volte avete sentito questo: "Ma perché Mr Bee dovrebbe investire tanti soldi per non comandare?". E tu lì a spiegare che in Asia avrebbe il pieno possesso di un brand preziosissimo e prestigiosissimo. Con la possibilità negli anni, fra ricavi e buone operazioni, di salire sempre più nelle quote. Ma di fronte al luogo comune trinariciuto, non c'è pazienza che tenga, non c'è ragionamento o contenuto che regga il confronto. Forse però, miracolosamente, adesso una risposta ai vari "Ma perché Mr.Bee...", arriva inaspettatamente dal fronte opposto di Milano. Rispetto ai 417 milioni di debiti e alla ricerca affannosa di un socio, scopriamo che all'Inter va bene, sì l'Inter può. Dall'altra parte, un socio che arrivi per coprire i debiti e senza comandare è possibile. Luogo comune sdoganato? O luogo comune a orologeria, a seconda dei colori e degli orientamenti anche politici e non solo sportivi? Sarebbe interessante sapere da qualche ascaro mediatico che percorre in lungo e in largo le televisioni per troncare e sopire, da dove sono venuti misteriosamente fuori quei 417 milioni, nascosti da qualche "tutto bene", "tutto perfetto" e soprattutto da tanti palloni buttati via parlando di Milan e provando a far scemi i tifosi rossoneri con visioni solo strumentali e solo subdole.

Il 10 Febbraio 1986 nella Storia del Milan non è successo niente. Nei giorni di trattative per il passaggio di una Società da una mano all'altra, le intese verbali e gli accordi di principio anche positivi e significativi non significano nulla. Sono giorni di passaggio e di sviluppo. Contano, nel calcio e nella vita di tutti i giorni, solo le firme. E le firme sui documenti, con le relative girate delle azioni del Milan, sono arrivate il 20 Febbraio 1986. Non prima e non dopo: il 20 Febbraio 1986. Il presidente Berlusconi apprese la notizia delle firme, senza le quali ti senti ormai proprietario ma non lo sei ufficialmente e definitivamente fino a che non vengono messe nero su bianco, mentre era a Parigi al lavoro per il varo de La Cinq ed era in attesa proprio di quella conferma. Le firme. Sul tema è tutto chiaro e non c'è confusione. Il trentennale del salvataggio del Milan ricorrerà sabato 20 Febbraio 2016, a due giorni da Napoli-Milan. Non stiamo facendo i precisetti per 10 giorni. Ci sono momenti in cui lo capisci se la forma è solo forma o anche sostanza. E anche la stropicciata corsa alla diligenza, per alcuni anche con una comprensibile fretta editoriale e per altri la conferma della propria ormai conclamata dissociazione psicologica giustificata solo dalla disperazione, sulla data del Trentennale conferma le tendenze del momento. Proprio gli odiatori del periodo dell'arancia meccanica di Calciopoli che volevano distruggere il Milan, oggi cercano lo spazio per riscrivere la Storia del Milan al posto del Milan. C'è qualcosa di vagamente ondivago, di sostanzialmente posticcio, in tutto questo. Stranezze, un po' come nello splendido film del Re Leone, nel periodo di mezzo della storica pellicola di Disney. Eccolo allora il posto del presidente Berlusconi il 20 Febbraio 2016, il suo posto, sulla roccia più alta delle Terre del Branco. Il Re Leone venne distribuito tre giorni prima della Partita del Secolo del Milan: 4-0 ad Atene contro il Barcellona di Cruyff, Romario e Stoitchov ad Atene. Di questo suo dna si deve nutrire il Milan, perché la Storia non è mai tempo perso. Non deve essere un alibi, non deve essere un disco rotto, ma è certamente una grande quercia con radici nel passato che deve tornare a rinverdire nel futuro. E dalla Storia non si scappa, non solo bisogna saperla bene ma non bisogna mai farla distorcere da nessuno. Perché una Storia obliqua, come è negli auspici dei gufetti che provano a metterci mano, può generare solo un futuro opaco. Ciò che non vuole il presidente Berlusconi e che non accadrà con il presidente Berlusconi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.