HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Juve: da Trefoloni a Rizzoli. Mancini: Mazzarri è sempre lì. Thohir: Per lui i soci sono ok. Milan: lo sfondone del 30' anniversario

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
13.02.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 26526 volte

Tempi clamorosamente diversi, nessun nesso sostanziale. Ma cronisticamente siamo ancora lì. Il primo pensiero dopo l'infortunio dell'arbitro Rizzoli, un serio professionista e una persona perbene, è corso a Roma-Juventus, una delle partite calde della famosa stagione 2004-2005 di cui poi si occupò l'inchiesta di Calciopoli. L'arbitro Trefoloni di Siena, città gloriosa che ha una vasta provincia, inviò il certificato medico e al suo posto la direzione arbitrale venne affidata a Racalbuto. Che non ha più rilasciato interviste negli anni, ma sarebbe interessante sentirlo su quella settimana più che su quella partita che comunque come quasi tutte prestò il fianco ad alcuni dubbi sugli episodi. Juventus-Napoli non ha nulla a che vedere con quel Roma-Juventus. Ma ci ha sorpreso tantissimo la designazione mediatica di Rizzoli per la partita di questa sera a Torino. Già due giorni prima del comunicato ufficiale AIA con le relative designazioni ufficiali, già si sapeva che avrebbe arbitrato Rizzoli e lo stesso Rizzoli ha fatto sapere del suo infortunio prima delle designazioni. Tutto ciò significa solo una cosa: arbitrare le partite-Scudetto della Juventus mette una pressione pazzesca. A tutti, organici arbitrali in primis. Ma anche ad addetti ai lavori e media che, in qualche caso, sbroccano male male. Per i tifosi juventini la pressione è ingiusta e costruita in vitro storicamente, per gli anti-juventini, da Bigon a Turone, da Ronaldo a Muntari, è invece santificata dalla storia stessa. Non sappiamo se la Storia vera sia un po' più di là o un po' più di qua, come minimo sta nel mezzo. Poi vedete voi. E soprattutto buon lavoro a Orsato.

Walter Mazzarri ha guidato l'Inter dalla panchina in 58 gare ufficiali, conquistando 96 punti e generando una media di 1,65 punti/gara. Roberto Mancini ha guidato l'Inter dalla panchina in 62 partite, conquistando 101 punti e generando una media di 1,63 punti/gara. Questi sono meri conti della serva. Poi però dai conti bisogna passare al peso specifico. Mazzarri giocava peggio e parlava male, è "passato" fra i tifosi interisti. Può essere. Ma il clima mediatico, i pochi soldi spesi e gli "acquisti" fatti per lui (il caso M'Vila è abnorme) rendono molto più difficili e controvento le condizioni in cui il tecnico toscano ha costruito le sue stagioni e le sue medie rispetto al tecnico jesino. Dopotutto Mancini aveva rilevato una squadra sesta in classifica e in Europa League. Con lui è arrivata ottava peggiorando la posizione di "consegna" ed è uscita dalla competizione subendo tanti gol dal Wolfsburg che poi il Napoli di...Benitez aveva nettamente ridimensionato. Continuiamo a pensare che la tifoseria interista debba pungolare di più il proprio allenatore, senza vederlo sempre e comunque sul cavallo bianco su cui è arrivato.

Il calcio parlato, la vera grande passione dell'Italia del pallone, è sfibrato e spossato dai luoghi comuni. Alzate la mano quante volte avete sentito questo: "Ma perché Mr Bee dovrebbe investire tanti soldi per non comandare?". E tu lì a spiegare che in Asia avrebbe il pieno possesso di un brand preziosissimo e prestigiosissimo. Con la possibilità negli anni, fra ricavi e buone operazioni, di salire sempre più nelle quote. Ma di fronte al luogo comune trinariciuto, non c'è pazienza che tenga, non c'è ragionamento o contenuto che regga il confronto. Forse però, miracolosamente, adesso una risposta ai vari "Ma perché Mr.Bee...", arriva inaspettatamente dal fronte opposto di Milano. Rispetto ai 417 milioni di debiti e alla ricerca affannosa di un socio, scopriamo che all'Inter va bene, sì l'Inter può. Dall'altra parte, un socio che arrivi per coprire i debiti e senza comandare è possibile. Luogo comune sdoganato? O luogo comune a orologeria, a seconda dei colori e degli orientamenti anche politici e non solo sportivi? Sarebbe interessante sapere da qualche ascaro mediatico che percorre in lungo e in largo le televisioni per troncare e sopire, da dove sono venuti misteriosamente fuori quei 417 milioni, nascosti da qualche "tutto bene", "tutto perfetto" e soprattutto da tanti palloni buttati via parlando di Milan e provando a far scemi i tifosi rossoneri con visioni solo strumentali e solo subdole.

Il 10 Febbraio 1986 nella Storia del Milan non è successo niente. Nei giorni di trattative per il passaggio di una Società da una mano all'altra, le intese verbali e gli accordi di principio anche positivi e significativi non significano nulla. Sono giorni di passaggio e di sviluppo. Contano, nel calcio e nella vita di tutti i giorni, solo le firme. E le firme sui documenti, con le relative girate delle azioni del Milan, sono arrivate il 20 Febbraio 1986. Non prima e non dopo: il 20 Febbraio 1986. Il presidente Berlusconi apprese la notizia delle firme, senza le quali ti senti ormai proprietario ma non lo sei ufficialmente e definitivamente fino a che non vengono messe nero su bianco, mentre era a Parigi al lavoro per il varo de La Cinq ed era in attesa proprio di quella conferma. Le firme. Sul tema è tutto chiaro e non c'è confusione. Il trentennale del salvataggio del Milan ricorrerà sabato 20 Febbraio 2016, a due giorni da Napoli-Milan. Non stiamo facendo i precisetti per 10 giorni. Ci sono momenti in cui lo capisci se la forma è solo forma o anche sostanza. E anche la stropicciata corsa alla diligenza, per alcuni anche con una comprensibile fretta editoriale e per altri la conferma della propria ormai conclamata dissociazione psicologica giustificata solo dalla disperazione, sulla data del Trentennale conferma le tendenze del momento. Proprio gli odiatori del periodo dell'arancia meccanica di Calciopoli che volevano distruggere il Milan, oggi cercano lo spazio per riscrivere la Storia del Milan al posto del Milan. C'è qualcosa di vagamente ondivago, di sostanzialmente posticcio, in tutto questo. Stranezze, un po' come nello splendido film del Re Leone, nel periodo di mezzo della storica pellicola di Disney. Eccolo allora il posto del presidente Berlusconi il 20 Febbraio 2016, il suo posto, sulla roccia più alta delle Terre del Branco. Il Re Leone venne distribuito tre giorni prima della Partita del Secolo del Milan: 4-0 ad Atene contro il Barcellona di Cruyff, Romario e Stoitchov ad Atene. Di questo suo dna si deve nutrire il Milan, perché la Storia non è mai tempo perso. Non deve essere un alibi, non deve essere un disco rotto, ma è certamente una grande quercia con radici nel passato che deve tornare a rinverdire nel futuro. E dalla Storia non si scappa, non solo bisogna saperla bene ma non bisogna mai farla distorcere da nessuno. Perché una Storia obliqua, come è negli auspici dei gufetti che provano a metterci mano, può generare solo un futuro opaco. Ciò che non vuole il presidente Berlusconi e che non accadrà con il presidente Berlusconi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.