HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Juve, Dybala è fatta. Ora arrivano Cavani, Allan e Witsel. Ecco il piano per battere il Barça. Inter, il difensore è Kaya con Touré. Anche Jovetic. Milan, Ancelotti vieni...

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
15.05.2015 07.20 di Enzo Bucchioni   articolo letto 130357 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus è tornata, il calcio italiano dopo cinque anni si ritrova una squadra in finale di Champions. I meriti sono soprattutto di Andrea Agnelli che da quando è al timone della società bianconera non ha sbagliato una mossa. I quattro scudetti consecutivi in Italia e adesso la finale di Champions a sorpresa, con una squadra costruita senza un grande budget, con pochi campioni, ma tutta gente di grande carattere, fame e affidabilità.

Agnelli ha scelto Marotta, l'architetto di questa Juve. Conte l'ha costruita, l'ha plasmata e fatta diventare vincente. Allegri l'ha perfezionata trasformandola in una macchina capace di correre qualsiasi competizione. Dall'Italia all'Europa, il filo bianconero spezzato nel 2006 si ricollegata alla finale del 2003, ai grandi trionfi del passato. E' il grande ritorno della Juve, Calciopoli è dimenticata, la serie B pure.

E adesso questa Champions la Juventus vuole vincerla. Il piano è pronto, contro una squadra stellare, contro un attacco incredibile come quello degli spagnoli che con Messi, Neymar e Suarez hanno il potenziale da gol più forte del mondo, la Juventus saprà mettere in campo le sue armi migliori. Il centrocampo bianconero è fortissimo, con quantità, qualità, corsa e rabbia agonistica, Pogba, Vidal e Marchisio dovranno interrompere le linee di passaggio del Barcellona, cercare di impedire che la palla arrivi ai Tre Tenori o arrivi il meno possibile. Il resto lo farà anche la difesa bianconera, sempre fortissima e attenta.

Le ripartenze di Morata e Tevez, centralmente possono far male alla coppia Mascherano-Piquè, sicuramente non dei fulmini. Insomma la Juve questa Champions può e vuole vincere, come vuol vincere la coppa Italia mercoledì contro la Lazio. C'è aria di Triplete, ma soprattutto c'è in costruzione una squadra ancora più forte, capace di competere stabilmente ad alto livello con le più grandi d'Europa.

Tutto questo grazie alla montagna di milioni di euro che sono entrati nelle casse bianconeri dall'Uefa, ad oggi circa 100 milioni che possono ancora aumentare. Circa 50 dal market pool, più di 30 dai bonus e dai risultati di partecipazione, più di 15 dal botteghino, con gli spiccioli fanno cento. Non basta. Alla Juve stanno pensando di dire no ai 7 milioni forfettari dell'Adidas per i diritti di merchandising. I bianconeri vogliono venderli da soli e contano di ricavare molto di più proprio in virtù dei successi della squadra. Aver eliminato il Real ha fatto schizzare l'attenzione mediatica mondiale attorno alla Juve. Vincere aiuta a vincere, il tutto fa incassare.

E così il piano di riallinearsi alle più grandi società d'Europa si sta attuando. Il fatturato è passato da 150 a 300 milioni, i piani di investimento e le spese di mercato possono salire in proporzione.

Il budget fatto a febbraio e del quale vi abbiamo sempre informato, è stato ritoccato al rialzo, ora Marotta ha a disposizione una cifra enorme che gli consentirà di comprare quelli che lui chiama top-players, ma anche di offrire ingaggi più alti.

Così se ai 100 milioni della Champions, uniamo gli incassi del campionato e la probabile cessione di Pogba, è facile capire cosa sarà la Juve prossima ventura.

A proposito di Pogba, proprio il tesoretto in cassa, consente ora ai bianconeri di fissare il prezzo a 100 milioni e non mollare. L'idea di venderlo c'è sempre per le ragioni che vi abbiamo spiegato da tempo, ma visto che ora la Juve ha meno bisogno di soldi e in teoria può competere per l'ingaggio, cederà solo come vuole e a chi vuole. Non a caso gli ottanta milioni offerti dal Barcellona sono stati rifiutati.

Come finirà non lo sappiamo, di sicuro Raiola centrerà l'obiettivo e il Psg è la pista più sicura anche se il colloquio che Pogba ha avuto con Zidane (sarà lui l'allenatore del Real?) lo ha affascinato molto.

Nel frattempo si è chiusa una trattativa che noi abbiamo sempre dato per fatta da quando vi abbiamo riferito in esclusiva che la Juventus aveva in mano da diversi mesi (febbraio) l'accordo con Dybala che ha scelto la società bianconera per entrare nel mondo del pallone che conta.

La tempestività di Marotta ha fatto capire a Zamparini che anche a lui conveniva dare il ragazzo alla Juve. Dai 40 milioni iniziali la trattativa si è chiusa a circa 30 con i bonus di otto a salire a seconda del rendimento del ragazzo.

Dybala guadagnerà due milioni, anche questi con bonus a salire. Inutile dire che dopo aver preso Rugani, la Juve porta a casa il miglior difensore e il miglior attaccante giovane del campionato. Non basta.

Chiuso l'affare Pogba (la deadline è giugno) si butterà su due centrocampisti già trattati e opzionati. La Juve ha in mano Allan dell'Udinese per una cifra vicina ai quindici milioni e visti i buoni uffici con Pozzo, l'operazione di farà.

Marotta vuole anche un'opzione su Scuffett che rimarrebbe però a giocare a Udine. Dallo Zenit è in arrivo un altro centrocampista importante, il belga Witsel. Se però nessuno dovesse pagare i 100 milioni per Pogba, la Juve prenderebbe solo Allan.

Non basta. Dopo Rugani e Dybala l'affare più vicino è quello di Cavani. Come già detto, le sirene spagnole sono diventate silenziose, i sette milioni promessi a Cavani e un contratto fino al 2019 lo hanno convinto a dire sì.

Ora la Juve tratta con il Psg che da tempo ha messo gli occhi su Pogba. Cavani più cinquanta milioni il conguaglio richiesto dalla Juve per cedere il francese, ma Verratti è più di un'idea dei bianconeri che proveranno ancora fino all'ultimo a prendere Cavani e Verratti. Dipenderà molto dall'allenatore che sostituirà Blanc. Teniamo aperta la pista. Nel frattempo, però, visto che il Bayern vuol liberarsi di Xavi Alonso, lo spagnolo potrebbe essere l'erede di Pirlo nella Juve del futuro. Molto dipenderà da Guardiola.

A proposito di allenatori, Ancelotti ha chiuso con il Real dopo il ko con la Juve. Il City lo vuole e lui ha detto ok, ma c'è qualche ripensamento su Pellegrini. E allora ecco che Galliani continua a chiamare Carletto per convincerlo a tornare al Milan.

Ancelotti è tentato, ma vuol aspettare di sapere quale sarà il futuro del Milan. Con un grande progetto di rilancio dei cinesi e un budget adeguato, potrebbe dire sì.

Al Real potrebbe andare Benitez, soprattutto dopo l'eliminazione dall'Europa League e la Champions in bilico, difficile che De Laurentiis gli chieda di rimanere. Soprattutto è improbabile che l'allenatore decida di restare in un ambiente diventato ostile.

Anche l'Inter si sta muovendo. E' quasi fatta per il terzino destro del Galatasaray Kaya, 24 anni, che Mancini conosce bene. Sette i milioni chiesti, cinque quelli offerti.

Ma l'affare più grosso l'Inter lo vuol chiudere con il City. Convinti Yaya Tourè e Jovetic a venire a Milano, ora il Mancio deve convincere lo sceicco ad accettare venti milioni per entrambi i giocatori. Questo sarà il colpo grosso dell'Inter, poi affari minori con un grande sfoltimento della rosa per cercare risorse che in questo momento scarseggiano. Se arriva Jovetic, naturalmente partirà Kovacic.

Da Roma sempre più alti i rumors su Garcia. Sabatini ha già una intesa con Mazzarri, due anni dopo potrebbe arrivare nella capitale.

Twitter @EnzoBucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.