HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juve, ecco i piani per battere il Barça. E poi Benatia, Oscar, Embolo, Witsel e Allan. Pirlo addio. Napoli, via Higuain. Cresce Sarri, no Prandelli.

05.06.2015 07.10 di Enzo Bucchioni   articolo letto 118090 volte
© foto di Federico De Luca

L'assenza di Chiellini complica parecchio i piani di Allegri che da settimane sta ripassando il suo piano tattico per battere il Barcellona o almeno provarci. Fino a ieri abbiamo sempre detto che in una finale le probabilità di vittoria sono sempre 50 a 50, l'infortunio di un difensore rapido nel breve, fisico e carismatico, ci costringe, ragionevolmente, a scendere di un dieci per cento, 60 Barca 40 Juve. Sperando di sbagliare.

Allegri sa benissimo che un attacco da 120 gol come quello degli spagnoli è immarcabile. Messi, Suarez e Neymar non si possono prendere nell'uno contro uno, impensabile una marcatura stretta a uomo, prima o poi ti fregano. Ecco allora studiata la marcatura a tutto campo che prevede un grande pressing a cominciare dagli attaccanti, per impedire al Barca di ragionare, di liberarsi facilmente per il passaggio ai Tre Tenori. Occupazione degli spazi in orizzontale, molto pressing, chiusura delle linee di passaggio, per cercare di far mettere in moto il meno possibile i geni del gol. Impresa difficile, ma solo così la Juve può provare a riconquistare palla e ripartire negli spazi in verticale visto che il Barca in genere lascia giocare. Dovranno essere bravi i centrocampisti a non far prendere velocità alla palla sulla tre quarti e a non far partire Messi e Neymar a raccogliere il passaggio. Il carattere e l'aggressività della Juve, ma anche la capacità tecnica di tenere palla e comunque far gioco, saranno le armi da sfruttare. Al posto di Chiellini forse Barzagli se sta bene. L'alternativa è Ogbonna. Per il resto formazione fatta con Buffon, Lichsteiner, Bonucci, Evra; Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal; Tevez e Morata.

Questa Juve proverà a entrare nella storia e centrare il triplete, ma comunque sarà una stagione straordinaria e molto logorante per un gruppo che ha dato molto. Per questo, come vi abbiamo già detto, per non ripetere l'errore dell'Inter nel 2010, la Juve ha deciso di rinnovare e rinforzare parecchio questa rosa. Che, tra l'altro, perderà comunque un giocatore importante come Pirlo che ha già comunicato alla società la sua intenzione di chiudere negli Usa o nei paesi arabi.

Dopo Dybala e Khedira e la decisione di portare in ritiro con l'assenso del Sassuolo sia Zaza che Berardi per decidere poi se riscattarli entrambi o uno solo, Marotta e Paratici stanno tessendo una tela straordinariamente ambiziosa. Come sappiamo ci sono circa cento milioni da spendere derivanti da tutti i premi collegati alla Champions.

E poi c'è in ballo il discorso Pogba che condiziona non poco. Ma anche per Vidal stanno arrivando offerte molto importanti, quindi uno dei due potrebbe anche partire. L'idea è sempre quella di vendere il francese per una cifra irrinunciabile. Si aspetta l'ufficializzazione dell'offerta del City per 120 milioni, già ventilata da molti giornali inglesi. Si sono già mposse Barcellona e Chelsea. La Juve deciderà entro la metà di giugno per programmare meglio.

Allora ecco la tela di Marotta, con il denaro cash come ha preso Dybala, conta di convincere il Bayern a cedere Benatia che non ha legato molto né con Guardiola né con l'ambiente. Il fatto che la Juve abbia deciso di girare in prestito il giovane Rugani alla Samp dopo averlo riscattato dall'Empoli, ci dice che in difesa arriverà qualcuno più esperto e più forte. Chi se non Benatia? I tedeschi l'hanno pagato attorno ai trenta milioni, l'operazione si può fare a venticinque. Ma il reparto che ha più bisogno di risorse è il centrocampo. Preso Khedira (annuncio dopo la Champions), la Juve stringerà sugli obiettivi che da tempo vi abbiamo anticipato, vale a dire Allan (in va ntaggio sull'Inter) e Witsel per il quale sono scese le pretese dello Zenit e il giocatore ha già dato l'ok. Venti i milioni offerti ai russi. In attesa di chiudere i bianconeri hanno gli occhi anche su Kondogbia del Monaco, obiettivo anche dell'Inter. La liquidità della Juve la pone sempre in vantaggio. Ma sempre per il centrocampo, l'obiettivo è anche un giovane, Embolo del Basilea, 18 anni, tra i dieci più forti d'Europa per l'Uefa. Si sta lavorando anche con il Chelsea, appunto, in chiave Pogba. Un elemento da mettere sul piatto, come già detto da tempo, è Oscar che piace molto ad Allegri come trequartista. Sempre in piedi anche il discorso con il Psg. Lo sceicco dopo un raffreddamento è tornato a fare due conti. Ibra resterà, Cavani si può cedere. Vedremo cosa deciderà la Juve che intanto ha preso il vice Buffon, Norbeto Neto a parametro zero, anche lui nell'ottica del ringiovanimento. Crescerà all'ombra di Buffon.

Dovrà crescere in fretta anche il Milan di Mihajlovic. Il nuovo tecnico ha chiesto un ringiovanimento della rosa, vuole gente motivata che lo segua, non vecchi che pretendono il posto. Intanto vorrebbe Eder e Soriano, suoi pupilli della Samp. Rischia Montolivo con il quale non era in sintonia a Firenze. La mancanza di liquidità sta invece rallentando il mercato dell'Inter. Per il rinnovo di Icardi Thohir si è svenato. Per Tourè è rimasto solo uno spiraglio molto remoto: l'arrivo di Pogba al City. Il sondaggio per Kondogbia ha spaventato. Jovetic si può prendere, il giocatore ha detto ok, ma Ausilio non può ancora chiudere. Sarà un mercato complesso rispetto alle ambizioni del Mancio.

Tre panchine aspettano un padrone. Meglio due e mezzo. A Napoli dopo il no di Emery il cerchio si stringe su Spalletti. Prandelli costa molto meno e si è offerto a poco, ma non scalda la piazza dopo due fallimenti. C'è il timore di ripetere l'esperienza negativa fatta con Donadoni, anche Prandelli non è da Napoli. Sarri è l'ultima idea di De Laurentiis: costa poco e gioca un bel calcio. Sarebbe da Napoli, ci vuole coraggio e in certi casi aiuta.

Da Napoli sarebbe ancora pure Higuain, ma lui ha detto stop. Due anni senza Champions non li regge, per di più l'agguato dell'alstra sera l'ha convinto a mollare tutto e subito. Il Napoli vuole cinquanta milioni, ma ha strappato l'impegno del giocatore a non andare alla Juve, ma solo all'estero. Vedremo.

Tornando alla panchina, De Laurentiis aspetta anche Montella e qui la situazione è pirandelliana. Il tecnico nonostante il contratto, tiene in scacco la Fiorentina. Non si dimette e non dice ufficialmente che resta, salvo un comunicato ambiguo a tarda ora che si puo' leggere in tanti modi, sembra una guerra di posizione.

Comunque Della Valle si è stufato e da ieri ha virato su Paulo Sousa del Basilea, la telefonata di Montella potrebbe arrivare troppo tardi. Situazione assurda per molti versi. L'arrivo del giovane direttore sportivo portoghese Pedro Pereira dal Braga, come responsabile dell'area estera, è una pista che porta ancora di più verso Sousa, un altro portoghese. L'ha consigliato lui?

Chi abbia consigliato Sarri alla Roma è sicuramente il suo grande campionato. Il contatto c'è stato per ammissione dello stesso tecnico. E Garcia? Sembra alle corde, gli avvenimento degli ultimi giorni fanno pensare a una rottura imminente. Ma Sabatini tiene in caldo anche Mazzarri e ci sta provando con Emery che dopo il no al Napoli potrebbe dire si alla Roma. Pochi giorni per sapere.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.