HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Juve, ecco le strategie di Marotta. Nel mirino Verratti, ma anche Pastore, Aguero, Mkhitaryan e Matuidi. La Christillin in Fifa il perché della pace di Agnelli con Tavecchio. Oggi l'Inter decide su De Boer. Suning vuole Rooney...

28.10.2016 07.26 di Enzo Bucchioni  articolo letto 37202 volte
© foto di Federico De Luca

Marotta ormai è un habituè delle televisioni prima di ogni partita della Juve, un po' come faceva Galliani con il Milan dei bei tempi. Raramente Marotta dice cose banali, anzi racconta parecchie verità e le sue parole vanno interpretate. L'altro giorno, a proposito del mercato, ha detto che la Juventus è una grande società e ogni giorno lavora per cogliere opportunità, monitorare situazioni e fare dei piani di lavoro. Tradotto significa che la Juve ha già messo gli occhi su alcuni obiettivi soprattutto per l'anno prossimo, ma se capita anche per gennaio. E la strategia è sempre la stessa che ha portato negli anni in bianconero Tevez, Evrà, Khedira, Dani Alves, ma anche Higuain. Giocatori che hanno dei problemi nelle loro squadre, a parametro o con la clausola, che non sono più felici dove giocano, vogliono nuove avventure e la Juventus è una squadra tornata molto appetibile. L'Italia è un must.

Anche per questo vanno tenute in grande considerazioni le voci che arrivano dai media stranieri, inglesi, spagnoli o francesi che siano. Quando un nome comincia a circolare vuol dire che il suo procuratore sta lavorando in quella direzione, niente nasce per caso. Poi dal provare a prendere un giocatore a prenderlo ce ne passa, ma le idee frullano.

L'obiettivo vero della Juve, notoriamente, è Marco Verratti. Il giocatore è sempre più insofferente al campionato francese, il suo rendimento è calato e non è solo colpa dell'infortunio, poi non lega con Emery. La litigata dell'altro giorno di sicuro lascerà il segno nel rapporto con l'allenatore e la Juve sta monitorando attentamente la situazione. La proposta al suo procuratore è vecchia, Verratti guadagna una cifra ancora abbordabile anche per la Juve (tre milioni con i bonus) e la pista è caldissima. Ma potrebbe essere ancora più facile arrivare a Pastore, 27 anni, da sempre un pallino di Marotta, anche lui finito ai margini del Psg. L'ex Palermo è un trequartista che farebbe molto comodo, 4,2 milioni il suo ingaggio.

Anche il fidatissimo Raiola è all'opera per accontentare Marotta, per metterlo sulla strada buona e il debito di riconoscenza del procuratore dopo i 27 milioni incassati nell'affare Pogba è enorme. Matuidi, sfuggito in estate, è un altro che la Juve vorrebbe, magari già a gennaio. L'ultimo nome sussurrato nell'orecchio di Marotta da Raiola è però un altro: Mkhitaryan. La Juve lo segue da tempo, ha mollato la presa l'estata scorsa di fronte ai 31 milioni scuciti dal Manchester United al Borussia, ma l'armeno, 27 anni, non si è ambientato, gioca poco e ora è uno scontento da tentare.

L'obiettivo più grosso, più importante, però è un altro e si chiama Aguero. L'argentino, 28 anni, è in rotta con Guardiola e ripercorrere la strada di Tevez potrebbe essere più di un'idea. In questo caso però c'è di mezzo un contratto in essere e fra l'altro onerosissimo (11 milioni), anche se i tabloid inglesi sono scatenati nell'indicare la pista bianconera. Lasciate lavorare Marotta che, tra l'altro, sta cercando di portare a casa Witsel a gennaio invece che a giugno, come già detto più volte. Già detto anche del corteggiamento a Herrera del Porto.

La Juve però lavora pure molto per la politica sportiva. Hanno scosso l'ambiente del calcio le parole positive e il sostanziale appoggio alla ricandidatura di Tavecchio alla presidenza della Federcalcio dello storico nemico Andrea Agnelli. Cosa è successo? La vicenda è incredibile, Tavecchio ha 73 anni, ce lo vedete fino a 77 in Federcalcio con i limiti già palesati?

Agnelli sembrava l'unico baluardo nemico, il capofila degli avversari, il giovane dirigente per il rinnovamento e invece si è convertito anche lui al tavecchismo. Il presidente Figc è un vecchio democristiano, politicamente e diplomaticamente bravissimo. Ha offerto a Evelina Christillin, juventina doc, il posto nel board della Fifa. La Juve, in sostanza, ora guida il calcio mondiale con una persona di famiglia. In cambio ecco l'appoggio a Tavecchio nella speranza che questo abbraccio non faccia morire il calcio.

Intanto mi sarebbe piaciuto che quanto scritto dal Fatto Quotidiano a proposito degli affari del presidente Tavecchio fosse ripreso, fatto oggetto di inchieste e chiarito a livello mediatico. Nel suo genere è una bella bomba e sponsorizzare il silenzio non è un grande merito per la categoria. Vorremmo farci un'idea più precisa, senza pregiudizi, soprattutto per il calcio. Magari Tavecchio è un santo assoluto (e di sicuro lo è), ma questo silenzio e questi silenziatori sono imbarazzanti.

Imbarazzante anche quello che è successo attorno a De Boer dal dieci agosto in poi. Quasi una caccia all'uomo, qualcuno ha deciso che non deve allenare l'Inter e già dopo la prima sconfitta a Chievo lo volevano esonerare. Un assurdo. Oggi il Cda dell'Inter dovrà dirci qualcosa di più certo in merito. Di sicuro De Boer poteva fare meglio, alcuni errori sono evidenti, ma in due mesi senza conoscere il nostro calcio, la squadra, la lingua, poteva da solo cambiare le sorti dell'Inter? E poi siete sicuri che Blanc saprebbe fare subito meglio o sarebbe invece un anno da buttare? Simeone è lontano, datevi una calmata. Mi sembra una situazione morattiana, dite ai cinesi che così non si fa se si vuole mettere in piedi un progetto serio. A proposito di cinesi, in ottica merchandising e promozione del brand Inter, la Suning ha in testa di portare in maglia rossonera dei testimonial di grande livello, giocatori di prima fascia. Se ne parlerà anche oggi nel Cda, ma il desiderio di molti sarebbe un attacco deciso a Rooney, attaccante di 31 anni, popolarissimo in Cina. Guadagna 13 milioni, non sappiamo quanta voglia abbia di lasciare l'Inghilterra anche se il Manchester di Mou l'affascina sempre meno. Discorso tutto da valutare che però, intanto, infiamma i tabloid inglesi. Di cosa vi meravigliate?

Non meravigliano neppure le dichiarazioni anti-Higuain del presidente De Laurentiis. Il duello a distanza non finirà mai, nel faccia a faccia di domani il presidente del Napoli si gioca molto. Anche per questo ha voluto dare un messaggio molto concreto alla squadra. Vuole un regalo, battere la Juve di Higuain per Adl ha quasi il sapore di uno scudetto. La squadra ha capito cosa si gioca, Sarri è avvisato. Pronostico? Una volta sarebbe stato 1X2, bei tempi quelli del Totocalcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

22.11 - Eccoci. "Che vita di merda" cantava qualche anno fa nel brano "Alfonso" una strepitosa Levante, cantautrice con i fiocchi. Questo è l'incipit di almeno altri 3 o 4 editoriali negli ultimi dieci anni, segno che a volte c'è qualcosa di peggio della pausa per la Nazionale:...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.