HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve, fatta per Mandzukic già sei colpi. Ora Oscar. La verità su Tevez e Pirlo. Pogba assediato. Inter senza soldi, solo Imbula. Milan, c'è Kondogbia

19.06.2015 07.33 di Enzo Bucchioni   articolo letto 190831 volte
© foto di Federico De Luca

Come al solito la coppia Marotta-Paratici nega tutto, lavora in silenzio, e poi morde come un cobra. Il blitz di ieri a Madrid

è fruttato l'accordo con l'Atletico per il centroavanti croato Mandzukic, vecchio pallino bianconero. Agli spagnoli andranno 15 milioni, all'attaccante un contratto di tre anni con l'opzione per il quarto a cifre crescenti, comunque sopra i tre milioni di euro. All'Atletico non si è ambientato, non ha fatto una grossa stagione e Simeone ha convinto i suoi dirigenti a puntare su Callejon del Napoli (l'accordo con il giocatore c'è) e cercare di portare a casa un altro attaccante centrale. Il sogno è Higuain, ma il discorso è lungo.

Intanto la Juve si muove, compra e si rafforza. Con Mandzukic, in attesa dell'ufficialità, sono già sette i giocatori arrivati a Torino per un rafforzamento importante quando il mercato non è ancora entrato nel vivo.

Dybala, Khedira, Zaza, Berardi, Rugani, Neto e ora Mandzukic sono una bella pattuglia. I bianconeri hanno speso una cifra che si aggira attorno agli ottanta milioni di euro, in grandi numeri, quello che la Juventus ha ricevuto dai premi Champions. Ma non è finita qui, ci sono da risolvere i problemi principali sia in entrata che in uscita. Altri colpi sono all'orizzonte

In uscita, come vi abbiamo sempre detto, Tevez voleva andare al Boca e il suo desiderio, giocata la finale Champions, è realtà. L'accordo è fatto, Marotta ha mantenuto fede a un impegno, ora si tratta di portare a casa 5-6 milioni dagli argentini. Si discute. E se Tevez ha deciso e non tornerà indietro, una settimana di nazionale ha fatto invece venire molti dubbi a Pirlo. Il giocatore ha in sostanza già deciso di lasciare la Juve per andare a New York, nella Lega americana, per un ingaggio favoloso da 12 milioni di euro. Aveva deciso l'addio al campionato, sperando di lasciarsi aperto uno spiraglio per giocare l'Europeo dell'anno prossimo con la Nazionale.

Parlando con Antonio Conte in ritiro, Pirlo ha capito che neppure per lui ci sarà il posto garantito se andrà a giocare in un campionato dove i ritmi sono diversi, non c'è intensità agonistica fisica e mentale. Il rischio di diventare un ex giocatore è alto e Conte lo ha fatto riflettere.

Ora Pirlo vacilla, la voglia di giocare e provare a vincere l'unica competizione nella quale non ha trionfato è un grande stimolo.

Alla Juve ufficialmente non ha ancora comunicato niente, la decisione in famiglia è definitiva, ma potrebbe esserci un ripensamento.Vedremo.

Grande attesa anche per Pogba. Raiola lavora senza fretta, sono trattative da portare avanti con calma, tanto più che il giocatore per la Juve è ufficialmente incedibile. Quando arriverà l'offerta vera, circostanziata, irrinunciabile, Marotta trarrà le conclusioni. Tutti i pretendenti aspettano la mossa dei rivali.

Il City sembra in vantaggio, i tabloid inglesi continuano a parlare di cifre assurde (l'ultima 120 milioni più Jovetic), comunque qualcosa bolle in pentola. La Juve tra il francese e Vidal cercherà di monetizzare per reinvestire immediatamente.

Allegri vuole Oscar del Chelsea e come vi abbiano già detto da oltre un mese, il discorso è apertissimo. Gli inglesi vogliono 30 milioni.

E' chiaro che se la Juventus continua a comprare e trattare giocatori di questo calibro, tutto fa pensare che la cessione di Pogba sia già in agenda. A quel punto si passerà anche a chiudere per un centrocampista di sostanza fra quelli che la Juve ha in mano come Allan, Witsel o Nainggolan che, guarda caso, la Roma fatica a riscattare dal Cagliari che chiede 20 milioni per la metà. C'è dietro la Juve? Possibile.

Con questo mercato, era chiaro da tempo ma ora è realtà, la Juve scaverà un solco ancora più profondo con le rivali, almeno in Italia.

Il Milan, in attesa dell'ufficialità di Jackson Martinez ha incassato il no di Ibra come era facile prevedere. Galliani si è allora buttato sul centrocampo, il settore che ha più bisogno. Mihajlovic ha convinto De Jong a restare e questo è un bel colpo. Poi si sta lavorando su Kondogbia. Galliani è in Francia, ha l'accordo con il giocatore, ma il Monaco vuole 35 milioni. Tanta roba.

Il discorso comunque è aperto in attesa dei sessanta giorni che mister Bee si è preso per chiudere l'acquisto del 48 per cento del Milan con iniezione di denaro fresco.

Denaro che non ha l'Inter. Ausilio fatica, è senza liquidità, se non vende difficilmente arriverà a giocatori di primissima fascia. Dopo tanti tentativi, ora l'attenzione è su Imbula del Marsiglia, un playmaker davanti alla difesa che sicuramente serve. Ma val la pena per cedere Kovacic?

Per la difesa preso Murillo, il sogno Miranda si allontana, l'Atletico non scende sotto i quindici milioni

Nel frattempo la Roma ha preso Bertolacci e tratta Bacca con il Siviglia. Il Napoli sta chiudendo con il terzetto richiesto da Sarri vale a dire i tre empolesi Valdifiori, Saponara e Hjsay. De Laurentiis vuol pagare venti, l'Empoli chiede venticinque. A 20 si chiude e l'allenatore comincia a costruire la sua squadra. In uscita Callejon verso l'Atletico, un bel tesoretto per gli azzurri.

Intanto Ferrero tratta Fernando e si è ributtato su Cassano, spera di ricomporre a Genova la coppia Cassano-Balotelli vista in nazionale. Auguri.

La Fiorentina ha finalmente l'allenatore Paulo Sousa che probabilmente sarà presentato lunedì o martedi' al massimo e sta mettendo assieme la rosa per le idee del tecnico. Sousa vuol giocare il 4-2-3-1 con due centrocampisti bravi a chiudere e ripartire, di corsa e di cervello. Uno di sicuro sarà Badelj, l'altro probabilmente Danilo. Non c'è più spazio per un libero pensatore come Pizarro, bravissimo, ma troppo condizionante. Tornerà in Cile.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.