HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Juve: fissato il prezzo per Pogba, 100 milioni. Marotta e Paratici come Moggi e Giraudo con Zidane rifaranno la squadra. Pazzini fuori dal mercato, Inzaghi cambia modulo

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
16.01.2015 00.00 di Enzo Bucchioni  articolo letto 50945 volte
© foto di Federico De Luca

Pogba lascerà la Juventus a fine stagione, ormai è chiarissimo e tutte le caselle del puzzle piano piano si stanno componendo. Il grande regista di questa operazione, inutile dirlo, è Mino Raiola, l'uomo che ha portato il campione francese in bianconero per un pugno di milioni (meno di cinque fra tutto) e adesso lo riporterà via.

Dove? Questo per ora non è dato sapere, ma intanto d'accordo con la Juventus è stato fissato il prezzo. Chi vuole Paul Pogba dovrà sborsare cento milioni di euro, quello che il Tottenham ha ottenuto per Bale. E chi può investire una somma del genere è presto detto: Real Madrid, Manchester United e Manchester City, il Chelsea e il Paris Saint Germain. Stop.

L'intenzione di Raiola, sempre in accordo con la Juventus, è quella di creare una sorta di asta al rialzo. Vedremo.

L'operazione è stata completamente avallata dalla Juventus. Marotta e Paratici si trovano nella stessa identica situazione nella quale si trovarono ai loro tempi, Moggi e Giraudo. La proprietà, Agnelli o Elkann che siano, non ha intenzione di investire sul calcio più dell'ordinaria amministrazione, chi la dirige ha l'obbligo di tenere a posto i bilanci e di arrangiarsi per rafforzare la squadra. Il famoso mercato creativo.

Che fare? Che la Juventus abbia bisogno di un deciso rafforzamento, soprattutto uno svecchiamento della rosa, è chiarissimo. Servirebbero tre giocatori importanti, uno per ogni reparto, più qualche buon giocatore di contorno. I soldi incassati per Pogba saranno destinati proprio a questo, Marotta e Paratici, senza trascurare eventuali occasioni per gennaio, stanno già lavorando per il futuro. Raiola darà una mano segnalando magari giocatori che sono nella sua scuderia, ma i due dirigenti bianconeri hanno già le idee chiare. Quando escono i nomi di Cavani e Falcao siamo di sicuro davanti a tracce di lavoro, ma con cento milioni ci sarà da sbizzarrirsi.

Con cinque giocatori da venti milioni, gente di alto livello, la Juventus ha intenzione di rifondare la squadra e anche se cedere Pogba è un dolore per tutti, in particolare per i tifosi, una operazione analoga l'hanno fatta proprio Moggi e Giraudo vendendo Zidane al Real Madrid per una cifra vicina ai 150 miliardi di lire con i quali consentirono alla Juve di ripartire per un altro ciclo vincente con i vari Buffon, Thuram, Nedved e compagnia.

Alla Juve serve un grande difensore (si punta molto Savic della Fiorentina) più ROLAndo che arriverà a giugno a parametro zero, poi un centrocampista destinato a sostituire Pirlo, un altro che prenderà il posto di Pogba e un attaccante capace di garantire la doppia cifra. Marotta sta lavorando soprattutto su giocatori importanti che hanno voglia di cambiare o non si sentono valorizzati, magari che conoscono già il campionato italiano. Cavani è uno, ma anche Lavezzi del Psg.

Proprio per questo il mercato di gennaio non darà grandi effetti speciali. Dopo il no del Galatasaray per Sneijder, è arrivato anche quello del Borussia per Mikitharian. Tra l'altro le due squadre si affronteranno in Champions e i tedeschi non vogliono indebolirsi , anche se Miki non potrebbe vestire la casacca avversaria. Del difensore neppure parlarne, il recupero di Caceres e quello a fine mese di Barzagli offrono soluzioni ad Allegri.

Se dovesse capitare l'occasione, si prenderà un centrocampista in prestito visto che Asamoah ha un problema più grosso del previsto e forse tornerà solo a primavera inoltrata. Insomma, grazie a Pogba, la Juve se comprerà le pedine giuste, potrà fare veramente una grande squadra anche in chiave Champions.

A proposito di mercato, il Milan non venderà più Pazzini. Cosa buona e giusta, commentiamo noi. Un attaccante che ha segnato dappertutto si deve tenere stretto e dopo la prestazione in coppa Italia con il Sassuolo, finalmente Inzaghi ha capito che gli potrà risolvere molti problemi in attacco, ma anche a centrocampo. Come?

Cambiando modulo. Il Milan ha problemi in mezzo, pochi giocatori e soprattutto poca qualità. Con il 4-2-3-1 le cose potrebbero andare a posto. Montolivo e De Jong sono sicuramente affidabili, recuperano palla e rilanciano, davanti un terzetto composto da Cerci, Menez e Bonaventura sembra l'ideale per sfruttare i movimenti da attaccante vero di Pazzini e soprattutto con Bonaventura può anche aiutare il centrocampo in fase di non possesso palla. Inzaghi ci sta lavorando, una soluzione che comunque non impedisce a Galliani di continuare a inseguire Baselli dell'Atalanta che però non ha voluto Saponara. Si continua a trattare, con il Sassuolo terzo incomodo.

Ai rossoneri serve anche un esterno, ma la pista Pasqual è diventata più difficile perché il giocatore aspetta di rinnovare con la Fiorentina e se i viola non faranno offerte, preferisce trattare a giugno con il cartellino in mano e ricavare un ingaggio importante visto che ha mercato e in tanti lo vogliono, nonostante l'età un biennale potrebbe ancora strapparlo.

Passando all'Inter, ieri sera emissari nerazzurri erano a Madrid per Mario Suarez. Oggi dovrebbe essere il giorno buono per il si o il no degli spagnoli, mentre nel frattempo Ausilio sta lavorando molto per piazzare gli esuberi da Pereyra a Kuzmanovic e tanti altri, per mettere insieme i 15 milioni chiesti dall'Atletico. Ma la tentazione vera e sempre forte, è sempre quella di cedere Guarin e ricavarne una cifra importante. Quindici giorni sono pochi, ma l'Inter ci sta provando.

Più difficile convincere il Liverpool a prestare Lucas Leiva con un diritto di riscatto per giugno. Il fair play finanziario costringe i nerazzurri a queste operazioni da mettere a bilancio per l'anno prossimo.

Tenendosi Pazzini, il Milan ha mollato la pista Destro troppo costosa. L'attaccante della Roma ha numerosi estimatori, ma Garcia vuole un sostituto valido in caso di cessione. Destro non vuole andare in squadre di seconda-terza fascia, mentre sulla Fiorentina si può discutere.

Per questo non è completamente archiviato il discorso scambio con Gomez, si cercherà di capire nelle prossime settimane. Decisive le prestazioni del tedesco. Tra l'altro le due società hanno buoni rapporti dopo l'affare Ljaijc, è in essere anche l'accordo per Bertolacci. Alla Roma potrebbe andare subito anche Neto visto che il rendimento di De Sanctis è ai minimi storici. Bertolacci diventerà viola se il Genoa mollerà la sua metà a Pradè che ha messo sulla bilancia Roncaglia (ora in prestito) e Lazzari. Da Bologna, saltato Ilicic che andrà probabilmente al Toro, Corvino chiede con insistenza Hegazy, un difensore sul quale credo molto. Lo prenderebbe anche a titolo definitivo, sono ore decisive.

TWITTER: @EnzoBucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.