HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve: Gabbiadini al Napoli, gli ultimi dubbi L'Empoli nega Rugani e la Fiorentina non molla Savic. No a Zaza e Berardi, dal Sassuolo arriva Vrsaljko. Ecco come il Milan spendera' i 20 milioni dello sponsor.

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
05.12.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35325 volte
© foto di Federico De Luca

Manolo Gabbiadini è del Napoli, o quasi. Formalmente sono tutti d'accordo, ieri il procuratore del giocatore ha raggiunto l'intesa di massima con Bigon per l'ingaggio e il contratto, ma adesso alla Juve si sono fatti venire gli ultimi dubbi.

Il giocatore, 23 anni, in comproprietà con la Sampdoria, esterno sinistro d'attacco, ma capace di ricoprire tutti i ruoli offensivi, è un talento che potrebbe fare ancora di più. Può crescere, maturare, ha grandi doti tecniche e atletiche.

Chi l'ha detto che in futuro non può essere da Juventus? E poi undici milioni (5,5 per la metà ai bianconeri) a qualcuno non sembrano molti. I bianconeri non volevano scendere dai 15 iniziali, quando mancano le firme tutto può ancora succedere. Fra l'altro a Torino si sono chiesti anche se è logico rafforzare una potenziale rivale per lo scudetto.

Domande che dovrebbero essere fugate oggi in un senso o in un altro, il giocatore a Napoli dovrebbe andare a ricoprire il ruolo che era di Insigne e all'occorrenza sa fare anche il vice-Hamsik.

Il primo a dare l'ok all'operazione è stato il presidente della Samp Ferrero che è felice per il primo colpo di mercato da mettere in cassa, fa un favore al collega De Laurentiis (non si sa mai) ed è convinto di non indebolire i blucerchiati perché vuol fare il grande colpo mediatico Cassano. Noi tifiamo. Una coppia Ferrero-Cassano è da urlo, mentre qualche perplessità la nutre Mihajlovic. L'allenatore non avrebbe smontato un gruppo che funziona benissimo e (soprattutto) teme che l'arrivo di Cassano possa turbare lo spogliatoio. Fra l'altro c'è uno stipendio molto alto da pagare e se il barese non accetta l'autoriduzione il colpo sarà duro convincerlo a tornare a Genova. Vedremo.

Se la Juventus dirà sì all'operazione Gabbiadini è solo per portare a casa un po' di liquidità da reinvestire subito. I bianconeri erano convinti di non fare nulla a gennaio, ma gli infortuni di Asamoah e Romulo impongono qualche puntello per la difesa, soprattutto sugli esterni. Per questo si sta pensando al nazionale croato Vrsaljko (22 anni) arrivato dal Genoa al Sassuolo grazie alla Signora. Quindi niente Zaza o Berardi (se ne parlerà a giugno), mentre il discorso sul difensore è ben avviato. Non basta.

Marotta pensa di prendere subito anche Rugani dall'Empoli, ma i toscani non mollano e non molleranno. Si vogliono salvare e Rugani e troppo importante e poi la loro metà del cartellino la tengono stretta anche perché Sabatini vorrebbe portarlo alla Roma per fargli fare coppia con Romagnoli, una difesa giovane dal grande talento. Il ds romano ha già fatto le sue avances all'Empoli e sta lavorando a fari spenti, potrebbe nascere un bel braccio di ferro con la Juve con tanto di guadagnato per il ds Carli.

Sempre in tema difensori, la Juve ha incassato anche il no della Fiorentina per Savic. Caso mai se ne potrà riparlare a giugno dopo che il giocatore avrà rinnovato con i viola (scade nel 2016). Sicuramente non a gennaio. E no anche a Giovinco da parte della Fiorentina: guadagna troppo. E poi il giocatore ha deciso: se ne andrà dalla Juve non ora, ma a parametro zero, vuole trovarsi da solo una squadra per guadagnare sul cartellino.

La caccia al difensore resta comunque un tema invernale. Anche Mancini dopo Mazzarri ha bocciato Vidic, se si troverà un amatore sarà liberato da subito, ma è difficile. Così il Mancio ha convinto Nastasic a tornare con lui. Ora c'è da convincere il City a lasciarlo a Milano in prestito per sei mesi: l'operazione si può fare. Il giocatore è giovane e con l'Inter potrebbe rilanciarsi, in questo modo il City potrebbe recuperare parte di quanto speso per comprarlo (25 milioni).

Mancini sta provando anche a convincere Campbell e soprattutto Wenger per avere l'esterno d'attacco costaricense in prestito, mentre l'Atletico e il Psg hanno detto no per Cerci e Lavezzi. Nessuna illusione, Thohir punta sui prestiti e su un mercato di basso profilo, la situazione economica interista è sempre complicata.

Il Milan invece ha tirato una boccata d'ossigeno con i 100 milioni in cinque anni di Emirates. Come saranno investiti i 20 di questa stagione. Finalmente si sta pensando a qualche centrocampista. Il nome sulla lista di Galliani è Brozovic, 22 anni della Dinamo Zagabria, ma la valutazione (8 milioni) spaventa. E poi sul giocatore è arrivata anche l'Arsenal che ha sempre la vista lunga. L'alternativa è italiana si chiama Baselli dell'Atalanta. Nel Milan ricostituirebbe una bella coppia con Bonaventura. Ai bergamaschi sono stati proposti Niang e Saponara. Discorso aperto.

Inzaghi vuole anche un esterno e Galliani sta pensando al prestito di Sergi del Barcellona che Luis Enrique fa giocare poco, ma l'ingaggio spaventa. Soluzione low cost Lazaar del Palermo.

Ieri a Roma ha prolungato De Sanctis e questo significa molte cose, intanto che Neto resterà a Firenze. Il giocatore ha dato mandato al suo procuratore di trattare solo con la Fiorentina, chiede più soldi come è logico che sia, ma ora che si trova bene è convinto che sarebbe sbagliato rimettersi subito in gioco e pensa di poter ancora migliorare. E' giovane (25 anni) e per un portiere la carriera è appena cominciata, caso mai ci potrà essere un'altra occasione in futuro per lasciare Firenze e andare in una grandissima società. L'accordo con i viola si farà prima di gennaio.

Accordo praticamente fatto invece per Pantaleo Corvino come direttore generale del Bologna. Torna nel calcio attivo dopo tre anni, con grandi ambizioni. Con il Bologna ha da tempo una intesa, c'era solo da aspettare che il passaggio di società e le incombenze economiche fossero chiuse. Fatto. Ora si può pensare a siglare il contratto definitivo per Corvino con un piano di lavoro per il pronto ritorno in serie A.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.