HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Juve-Higuain, il campionato è già finito? De Laurentiis si salva con le clausole, Suning-Wu e i cinesi che conquistano Milan e Inter. Ma senza soldi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
24.07.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 66515 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il precursore delle clausole fantasmagoriche, vent'anni fa, era stato Ronaldo. Non Cristiano, bensì il Fenomeno, con Moratti che aveva pagato 48 miliardi di lire per il più meraviglioso degli attaccanti moderni. Veloce, rapido, letale. Ronaldo a ventun anni era destinato a vincere tutto, se non fosse per Francia 1998, per quella scaletta che ci ricordiamo tutti. Una finale, a Saint Denis, da fantasma e la vittoria di Zinedine Zidane, divenuto Roy ancor più di Michel Platini. A diciotto anni da quelle immagini, in Francia si è giocato un altro grande torneo, Moratti non è più il presidente dell'Inter, di attaccanti brasiliani non ce ne sono più, diventando di fatto i nuovi portoghesi. C'è però l'argentino Higuain che, fino a tre anni fa, era considerato come l'alter ego di Benzema. Su quel livello, perché non arrivi al Real Madrid a caso, ma non tale da valere novantaquattro milioni di euro.

La Juventus, però, è differente da quell'Inter. Il Fenomeno faceva la differenza, saltava come birilli Nesta e Cannavaro, ma aveva dei compagni di squadra che, pur essendo forti, non erano a livello di una Juventus monumentale. Ronaldo faceva la differenza da solo, il Pipita ha siglato trentasei gol spaccando le partite ma senza mai mostrare quella superiorità che era propria del brasiliano, approdato dal Barcellona. Va detto, appunto, che la Juventus vince da cinque anni e continuerà a vincere nella prossima stagione. Oa tocca alle cessioni, perché il tesoretto è dato anche dagli Sturaro e dagli Zaza, un po' come ha fatto il Bayern Monaco con i Rode e i Gotze. Ecco, forse quest'ultimo poteva essere un grande acquisto per qualsiasi italiana, se Joao Mario vale quaranta milioni e André Gomes sessanta.

Aurelio De Laurentiis, in tutto questo, è molto bravo. Perché per la terza volta riesce a sfuggire all'ira dei napoletani trovando terreno fertile e una questione contrattuale. Non cedere Higuain dopo le parole del fratello non avrebbe avuto senso. Così come non aveva senso il mantenerlo in rosa con un'offerta da 94 milioni di euro. Come per Cavani e Lavezzi la risposta è quella "c'è una clausola" e va pagata. Altrimenti Higuain non si muove. Il core ngrato di Higuain parte dall'anno scorso, quando il Napoli era un work in progress, in costruzione, ma c'era già chi tuonava sui mancati acquisti. Di fatto il procuratore già sapeva di non poter lasciare i partenopei perché il campionato del Pipita, pur ottimo, non era stato così devastante come l'ultimo. Gioco fatto, dunque, dopo un inverno da miglior centravanti di sempre. Gli attaccanti vanno, gli attaccanti vengono, il Napoli potrà sostituire degnamente Higuain con i soldi recuperati. Il presidente è molto bravo ad amministrare, pur con pressioni e difficoltà, ma se fosse onesto intellettualmente eviterebbe certe sparate. Che sanno ancora di motorino ai calendari, dove quest'anno non c'era nessuno (come per Juventus e Roma).

C'è poi un sottobosco di azioni e di parole che coinvolgono le altre squadre. La Roma che appare ridimensionata - ma che in realtà ha calciatori in più che possono fare bene con Spalletti - la Lazio che è su una scialuppa e aspetta di essere salvata dopo il naufragio Bielsa, il Sassuolo che settimana prossima inizierà la propria stagione ancora con Berardi e Sansone, la Fiorentina che spende qualche milione ma che per ora appare sempre uguale a se stessa, con i casi Rossi e Gomez sempre in bilico. In tutto questo ci sono Inter e Milan a giocare a rimpiattino: i nerazzurri ne dicono una, ne pensano un'altra e ne fanno una terza, perché Ausilio spiega di essere "vigili ma a posto", Mancini ha i mal di pancia, Suning non ha ancora realmente portato grande sconvolgimento. Arrivati i due argentini Banega e Ansaldi, qualcosa almeno a centrocampo andrà fatto. Dipenderà molto dalla questione Icardi. Dall'altra parte del Naviglio il Milan non ride, di certo, perché è appeso sì a Bacca, ma anche alle speranze di chiudere un accordo che ha del tragicomico. Arriveranno i cinesi, ne siamo certi (?), ma da Bee a Wu il pensiero è sempre quello: perché ci impiegano così tanto? Berlusconi continua a cambiare idea oppure c'è qualcosa che non sappiamo che blocca la trattativa? Nelle serie minori ci sono ristoratori che passano per grandi imprenditori che possono salvare la squadra in bilico: il Milan sembra in saldo in Paolo Sarpi, sebbene sia una grossa boutique. La più costosa del nostro calcio, anche più di Higuain.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.