HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve-Higuain, il campionato è già finito? De Laurentiis si salva con le clausole, Suning-Wu e i cinesi che conquistano Milan e Inter. Ma senza soldi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
24.07.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 66505 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il precursore delle clausole fantasmagoriche, vent'anni fa, era stato Ronaldo. Non Cristiano, bensì il Fenomeno, con Moratti che aveva pagato 48 miliardi di lire per il più meraviglioso degli attaccanti moderni. Veloce, rapido, letale. Ronaldo a ventun anni era destinato a vincere tutto, se non fosse per Francia 1998, per quella scaletta che ci ricordiamo tutti. Una finale, a Saint Denis, da fantasma e la vittoria di Zinedine Zidane, divenuto Roy ancor più di Michel Platini. A diciotto anni da quelle immagini, in Francia si è giocato un altro grande torneo, Moratti non è più il presidente dell'Inter, di attaccanti brasiliani non ce ne sono più, diventando di fatto i nuovi portoghesi. C'è però l'argentino Higuain che, fino a tre anni fa, era considerato come l'alter ego di Benzema. Su quel livello, perché non arrivi al Real Madrid a caso, ma non tale da valere novantaquattro milioni di euro.

La Juventus, però, è differente da quell'Inter. Il Fenomeno faceva la differenza, saltava come birilli Nesta e Cannavaro, ma aveva dei compagni di squadra che, pur essendo forti, non erano a livello di una Juventus monumentale. Ronaldo faceva la differenza da solo, il Pipita ha siglato trentasei gol spaccando le partite ma senza mai mostrare quella superiorità che era propria del brasiliano, approdato dal Barcellona. Va detto, appunto, che la Juventus vince da cinque anni e continuerà a vincere nella prossima stagione. Oa tocca alle cessioni, perché il tesoretto è dato anche dagli Sturaro e dagli Zaza, un po' come ha fatto il Bayern Monaco con i Rode e i Gotze. Ecco, forse quest'ultimo poteva essere un grande acquisto per qualsiasi italiana, se Joao Mario vale quaranta milioni e André Gomes sessanta.

Aurelio De Laurentiis, in tutto questo, è molto bravo. Perché per la terza volta riesce a sfuggire all'ira dei napoletani trovando terreno fertile e una questione contrattuale. Non cedere Higuain dopo le parole del fratello non avrebbe avuto senso. Così come non aveva senso il mantenerlo in rosa con un'offerta da 94 milioni di euro. Come per Cavani e Lavezzi la risposta è quella "c'è una clausola" e va pagata. Altrimenti Higuain non si muove. Il core ngrato di Higuain parte dall'anno scorso, quando il Napoli era un work in progress, in costruzione, ma c'era già chi tuonava sui mancati acquisti. Di fatto il procuratore già sapeva di non poter lasciare i partenopei perché il campionato del Pipita, pur ottimo, non era stato così devastante come l'ultimo. Gioco fatto, dunque, dopo un inverno da miglior centravanti di sempre. Gli attaccanti vanno, gli attaccanti vengono, il Napoli potrà sostituire degnamente Higuain con i soldi recuperati. Il presidente è molto bravo ad amministrare, pur con pressioni e difficoltà, ma se fosse onesto intellettualmente eviterebbe certe sparate. Che sanno ancora di motorino ai calendari, dove quest'anno non c'era nessuno (come per Juventus e Roma).

C'è poi un sottobosco di azioni e di parole che coinvolgono le altre squadre. La Roma che appare ridimensionata - ma che in realtà ha calciatori in più che possono fare bene con Spalletti - la Lazio che è su una scialuppa e aspetta di essere salvata dopo il naufragio Bielsa, il Sassuolo che settimana prossima inizierà la propria stagione ancora con Berardi e Sansone, la Fiorentina che spende qualche milione ma che per ora appare sempre uguale a se stessa, con i casi Rossi e Gomez sempre in bilico. In tutto questo ci sono Inter e Milan a giocare a rimpiattino: i nerazzurri ne dicono una, ne pensano un'altra e ne fanno una terza, perché Ausilio spiega di essere "vigili ma a posto", Mancini ha i mal di pancia, Suning non ha ancora realmente portato grande sconvolgimento. Arrivati i due argentini Banega e Ansaldi, qualcosa almeno a centrocampo andrà fatto. Dipenderà molto dalla questione Icardi. Dall'altra parte del Naviglio il Milan non ride, di certo, perché è appeso sì a Bacca, ma anche alle speranze di chiudere un accordo che ha del tragicomico. Arriveranno i cinesi, ne siamo certi (?), ma da Bee a Wu il pensiero è sempre quello: perché ci impiegano così tanto? Berlusconi continua a cambiare idea oppure c'è qualcosa che non sappiamo che blocca la trattativa? Nelle serie minori ci sono ristoratori che passano per grandi imprenditori che possono salvare la squadra in bilico: il Milan sembra in saldo in Paolo Sarpi, sebbene sia una grossa boutique. La più costosa del nostro calcio, anche più di Higuain.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.