HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Juve, il campione chiesto da Conte. Milan, per il mercato si scommette in Francia. Inter, il terzo posto deciderà gli acquisti

Primo Direttore Sportivo di colore a laurearsi a Coverciano con il massimo dei voti. Ds della Nazionale congolese, ex ds del Catanzaro e Colognese. Opinionista tv per Sportitalia e Sky, commentatore dei Mondiali Under 20.
22.04.2012 00.00 di Malu' Mpasinkatu  articolo letto 28066 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

Si torna in campo con un protagonista in meno. L'addio a Piermario Morosini è stato struggente ma dopo una domenica di riflessione e di dolore, è giusto tornare a giocare. Ci spostiamo subito sull'universo del calciomercato, dove negli ultimi giorni hanno segnato dei passi in avanti per quanto riguarda Juve e Milan. I bianconeri stanno cercando di acquistare un top player, un giocatore in grado di fare la differenza. Si è parlato di Cavani, uomo da 20 gol a stagione, ma anche di campionissimi come Robben e Van Persie. Sono solo voci ma questo fa capire come la dirigenza di corso Galielo Ferraris stia già lavorando per trovare quel rinforzo che mister Conte ha fatto intendere di volere a tutti i costi. I bianconeri faranno sicuramente la Champions e per tornare ad essere protagonisti nella competizione dalle grandi orecchie bisogna per forza investire. Dipenderà ovviamente dalla conquista o meno del titolo a fine stagione. La corsa con il Milan è sempre più avvincente e si deciderà all'ultimo match. Gli uomini di Conte per questo turno rischiano maggiormente visto che affrontano la Roma, in piena corsa per l'Europa. Il Milan aspetta il Bologna e può giovare della settimana di riposo. Galliani e Braida hanno messo al sicuro due giovani per la prossima stagione, indipendentemente dal risultato. Riccardo Montolivo sarà rossonero, così come Francesco Acerbi, difensore del Chievo Verona. Il giocatore di Caravaggio però non sarà sufficiente per rimpolpare il centrocampo visto l'esodo che si avrà per la scadenza di tanti veterani. Si parla di Bakaye Traorè, centrocampista maliano del Nancy, gran recupera-palloni ma che deve ancora dimostrare di poter indossare la maglia del Milan. Diciamo che si tratta di una bella scommessa. Per quanto concerne l'Inter tutto dipende dall'entrata in Champions. Un terzo posto darebbe tutt'altro aspetto alla stagione dei nerazzurri, in eterna ricorsa sin dalla prima giornata. Stramaccioni vuole che i suoi ragazzi giochino con serenità, senza l'ossessione dell'Europa, anche perchè ci sono sei punti da colmare in sei giornate, una missione non certo facile. Moratti però vorrebbe rivoluzionare la squadra con modifiche anche a livello dirigenziale.
E' stato un "clasico" tutto da gustare con la vittoria di Josè Mourinho su Guardiola, forse presuntuoso nel lanciare tutti i giovani in campo e lasciando in panchina gente come Fabregas e Sanchez. Il Real Madrid ha giocato prevalentemente una gara difensiva, per poi ripartire grazie alla velocità delle sue punte. Il gol di Ronaldo è la fotografia della partita, con il Barcellona che attacca e i blancos che ripartono per pungere. Il Real Madrid ipoteca il titolo con 7 punti di vantaggio a quattro giornate dalla fine della stagione. Un ritorno al successo dopo anni di dominio assoluto dei blaugrana e forse in finale di Champions potrebbe esserci la rivincita più bella per Guardiola. Per ora resta solo un'idea perchè le due squadre spagnole dovranno ribaltare le sconfitte contro Bayern Monaco e Chelsea. Sarà un finale di stagione effervescente per il campionato italiano e inglese, visto che in Spagna e in Germania abbiamo già dei vincitori.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
30.07 - Con chiunque parlo di calcio, sia il mio amico barista che l'agente Fifa di turno, tutti concordano sul definire il nostro calcio alla frutta. La Serie A non è mai stata così in disgrazia e, ad onor del vero, anche il mio pensiero non si discosta tanto dal comune senso di...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
29.07 - E niente, questa settimana tento l'esperimento "editoriale live". L'ennesima boiata insomma. Il fatto è che non potevo non approfittare dell'invito nella lussuosissima sede Sky di Rogoredo per il mega sorteggione galattico dei calendari e, quindi, scrivo direttamente dal...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
28.07 - Se il buongiorno si vede dal mattino, allora, è preferibile rimettersi a letto e rimboccarsi le coperte. Se il Milan perde una partita a luglio o agosto, Galliani fa venire giù il finimondo perché il Milan è il Milan 12 mesi all'anno e non può fare brutte figure neanche in...
Editoriale DI: Mauro Suma
26.07 - Inutile girarci attorno. Un buon Mondiale da parte di Balotelli avrebbe dato il via ad una serie di operazioni importanti per il Milan, in vero e proprio stile fuochi d'artificio. Oggi invece, nonostante la partenza di Kakà, non ci sono prospettive di accelerazioni immediate...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
25.07 - Sappiamo bene che oggi basta un tweet o un procuratore che passa per Place Vendome e gli sembra di avere visto un sosia di Conte, per far diventare una non notizia in una quasi notizia. Ma nessuno si sbagli e nessuno cerchi di inquinare le acque di un addio limpido e genuino...
Editoriale DI: Luca Marchetti
24.07 - La scena se l'è presa tutta Astori, senza dubbio. Già era una vicenda intricata con il Cagliari che non lo voleva mollare e la Lazio che lo corteggiava da un mese. Nel giro di poche ore si è passati dal rinnovo con il Cagliari alla cessione alla Roma ad un passo. Com'è stati...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
23.07 - Oggi mi sento più mistico del solito. Merito (o colpa) di De Laurentiis. Quando parla il patron del Napoli, tutto può accadere. E' una sorta di certezza incrollabile. Ospite ad Aspettando il Calciomercato, mi sono cuccato l'intero show del grande DeLa. Ad una platea formata...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
22.07 - "Cinque giorni che ti ho perso" cantava uno straordinario Michele Zarrillo in un Sanremo di qualche anno fa. Solo che oggi siamo al settimo giorno di "Juve senza Conte" e quindi Zarrillo c'azzecca una fava, al limite solo perché la tristezza della sua canzonetta ben si sposa...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
21.07 - Antonio, secondo me hai già nostalgia del tuo lavoro. Quando ti svegli la mattina cosa fai? Va bene coccolarsi figlia e moglie ma tu sei uno da battaglia. Non ti vedo proprio al sole 12 ore al giorno, anche se nell'intervista di addio ero nero più per la rabbia che per...
Editoriale DI: Italo Cucci
20.07 - Riflettete. Comunque ce la raccontino, la storia di Antonio Conte ha un solo titolo: lo hanno licenziato. Le rivelazioni, le ricostruzioni e i commenti non possono ignorare un dato di fondo: il tecnico voleva partecipare in termini decisivi alla campagna acquisti-cessioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510