HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Juve, il primato e l'onnipotenza non ti consentono di perdere la faccia a Parma. Samp, Ferrero giù la maschera. Giuntoli, prepara il centone. La Giustizia Sportiva del futuro...

Nato ad Avellino il 30-09-1983, si è trasferito a Milano per lavorare ad Eurosport e Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb dal 2007 e di Sportitalia. Conduttore del Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012, fondatore della società Micri Communication
13.04.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:   articolo letto 37412 volte
© foto di BALTI/PHOTOVIEWS

Il mondo dei social è talmente bello quanto brutto. Bello perché ti dà la possibilità di confrontarti con tutti gli esseri umani della Terra. Quelli più bravi di te e quelli stupidi che sono fenomeni da baraccone che scrivono e si nascondono dietro ad una tastiera, poi li vedi per strada e non gli daresti due lire. Questo per dire cosa? Dopo la sconfitta della Juventus a Parma si è parlato di scommesse, delle quote sull'1 e della tabaccheria di Parma. Andrebbero censurati direttamente da Zuckenberg. Finita la premessa, passiamo alla vera sconfitta della Juventus. Di questi tempi, se sottovaluti un avversario le prendi, ed anche di santa ragione. Non ci sono Santi. Se la Juve gioca al 30% e il Parma al 95%, vince il Parma. Nel calcio di oggi contano due cose: corsa e fame. La squadra di Allegri ha solo questo piccolo/grande difetto: a volte si distrae e prende imbarcate senza senso. Se giocasse sempre ai suoi livelli, non avrebbe mai alcun problema. Almeno in Italia. Sconfitte che fanno bene non esistono ma quelle che ti fanno arrabbiare a volte servono. Tanto. Con il Monaco i bianconeri ce la possono fare. Sulla carta sono più forti e hanno individualità maggiori rispetto ai francesi. La semifinale è alla portata. Contro il Parma sembrava un'amichevole ma amichevole non lo era. Marotta ha fatto un lavoro strepitoso in questi anni se la squadra andrà avanti in Champions potrà migliorare il suo operato. La Juventus, a Parma, ha peccato di onnipotenza, il vero grande male del Presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero. Bene, di Ferrero bisogna parlarne ogni tanto. In Italia abbiamo un grandissimo difetto. Parliamo e scriviamo solo in base ai risultati del campo ma quelli più importanti sono i risultati del bilancio economico. Il futuro si costruisce con la solidità societaria e non con una stagione da vertice grazie ad un bravo allenatore che domani cambia città e un Direttore Sportivo capace che ti indovina la campagna acquisti. Certo, questi sono meriti di un Presidente ma i tifosi dovrebbero anche chiedersi che garanzie ti dà per il futuro questa persona. La sciarpa in testa, la tarantella in mezzo al campo, le interviste simpatiche fanno colore ma in questo calcio abbiamo bisogno di industriali seri con garanzie economiche da qui al futuro. Guardiamo troppo alla stagione in corso e poco alle tre future. A Parma un anno fa si cantava e ballava, oggi gli resta solo la dignità e già è qualcosa. In Lega Calcio si riuniscono per parlare di tutto ma nessuno si rende conto che, da anni, attorno al tavolo c'è un morto che parla. Eppure ne siete 20 non 20000. Nessuno ha fermato Ghirardi con le sue follie e oggi nessuno chiede a Ferrero "Signore, mi fai vedere i tuoi fatturati con le sale cinematografiche e il tuo stato patrimoniale?". Uno, dico uno, che gli abbia fatto questa benedetta domanda. Ferrero va a farsi intervistare al cabaret o dagli amici perché gli chiedono di cantare e di ballare, ma nessuno si preoccupa che il nostro calcio abbia perso un Signore come Garrone per ritrovarsi con il Ferrero che non è il Re della cioccolata.
Il Carpi sta per andare in serie A ma non lo dite a Lotito che poi con i diritti tv perde appeal internazionale. La serie A fa finta di nulla ma il prossimo anno 2 squadre su 20 giocheranno in uno stadio che non è nella propria città, il 10%. Il Sassuolo a Reggio Emilia, il Carpi chissà dove. E' anche questo frutto del malessere del sistema. Dobbiamo capire che le strutture, al giorno d'oggi, sono più importanti dei calciatori. Centri sportivi e stadi devono essere il punto di partenza. Il Carpi ha costruito un gioiellino di squadra grazie al Direttore Cristiano Giuntoli ma la proprietà avrebbe dovuto seguirlo, oltre il lato sportivo. Nel frattempo Giuntoli prepara i centomila euro di premio a Fabrizio Castori, perché è un allenatore che si è rimesso in gioco, che con la sua esperienza ha avuto l'intelligenza di mettere i calciatori davanti al suo ego e perché ha ascoltato la società; di questi tempi è un trionfo. Castori si merita il premio, a prescindere se resterà a far parte del progetto Carpi in serie A. La filosofia di Giuntoli è vincente. Cambia sempre l'allenatore che vince e, soprattutto, pesca calciatori che il resto del mondo crede che neanche in eccellenza possano giocare.
In chiusura ancora un parere sulla Giustizia Sportiva. La Federazione, negli anni, ha svolto un grande lavoro provando a regolare tutto e tutti, però la Giustizia Sportiva deve tener conto della complessità dell'argomento. Sarebbe bello intervistare il Capo della Procura Federale, Stefano Palazzi. Sentiamo ore e ore di interviste a calciatori che non dicono nulla ma il vero scoop sarebbe ascoltare la voce di Palazzi e quella del Professor Artico. Persone con un'idea e con una cultura neanche paragonabili ai vertici del nostro calcio, malato ed ignorante. Bene, uno come Artico, un Professore Universitario, dovrebbe guidare la rivoluzione del sistema e non limitarsi a stravolgere le classifiche del campo. Punto primo: la giustizia sportiva deve avere tempistiche chiare e MAI può ridursi all'ultimo mese di campionato; perché i tifosi non credono più al verdetto del campo e questo sarebbe letale per lo sport e perché si falsano i tornei quando non c'è più il tempo di recuperare. Palazzi e Artico devono andare oltre la Covisoc che è una Commissione di vigilanza che non serve a nulla ed è guidata dall'approssimazione. Ditemi voi a cosa serve una Commissione di controllo se non fa, da 20 anni a questa parte, blitz stile Guardia di Finanza per indagare sul nero delle società professionistiche e dei conti correnti gonfiati dei tesserati. I calciatori si lamentano, giustamente, se prendono lo stipendio con un giorno di ritardo ma poi scendono a compromessi quando non vedono arrivare il "fuori busta". Assurda la richiesta del -12 alla Reggina a 4 giornate dalla fine del campionato. Ammazzate Foti e ditegli che è un impostore, gli fareste meno male. Una società ha diritto a giocarsi le chance sul campo e non può essere massacrata la classifica, innanzitutto per rispetto dei tifosi calabresi. Fate multe salate a Foti, andate a pignore i conti ma perché devono pagare squadra e tifosi? E poi c'è chi i punti se li compra, con contratti futuri promessi agli avversari, e passa inosservato solo perché è più furbo. Lungi da noi difendere il vecchio Lillo ma il -12 ci dà tanto la sensazione di una vigliaccata. Sono queste le battaglie che dovrebbero portare avanti Palazzi ed Artico, andando a prendere gli squali e non i pesci rossi. Solo così si diventa grandi e si riesce a dare regolarità ai campionati.
Buona settimana!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.