HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Juve, Inter, Milan, Napoli e Roma: ecco tutti gli obiettivi di mercato. Tre dall'Atalanta in bianconero. Per Biglia Lotito vuole 20 milioni. Verratti verso il Chelsea. Il closing rossonero il 21 novembre. Muriel per Sarri

11.11.2016 00.00 di Enzo Bucchioni  articolo letto 30276 volte
Juve, Inter, Milan, Napoli e Roma: ecco tutti gli obiettivi di mercato. Tre dall'Atalanta in bianconero. Per Biglia Lotito vuole 20 milioni. Verratti verso il Chelsea. Il closing rossonero il 21 novembre. Muriel per Sarri

Se il mercato non si ferma mai e lo sappiamo, dopo quasi un terzo del campionato sono chiare anche le esigenze delle varie squadre e gli interventi che dovranno essere fatti a gennaio.

La Juventus ha bisogno assoluto di un centrocampista, forse due. Se l'obiettivo è provare a scalare la Champions, quel reparto ha bisogno di maggior qualità e quantità. Su Witsel abbiamo scritto da mesi. Ha un accordo con la Juve, arriverà a giugno a parametro zero. Se lo Zenit lo molla a gennaio può incassare 5-6 milioni offerti da Marotta. Comunque il belga non può bastare, servono giocatori che possano giocare in Europa. Lo stesso discorso vale per Matuidi (vecchio pallino) promesso da Raiola, ma il Psg non molla. Idem per Herrera del Porto che, fra l'altro, costa 40 milioni. Troppo. Tolisso del Lione è un altro obiettivo, ma anche lui non può fare la Champions. E' vero che consentirebbe a Khedira, Pjanic e Marchisio di riposare in campionato, ma è una consolazione parziale. Ecco allora che Paratici sta cercando delle strade alternative e la prima porta a Kessie' dell'Atalanta, uno che si ispira a Yaya Tourè. Forza fisica, capacità di inserirsi senza palla, buona tecnica, sa fare anche il difensore: ma è pronto? Per la Juve sarebbe una scommessa, ma Paratici sta provando a fare un pacchetto. Piacciono molto anche Caldara e Conti. Se Kessie' interessa per subito, i due difensori potrebbero rimanere nerazzurri fino a giugno. La pista è calda, l'Atalanta non ha problemi a vendere, fa una valutazione elevata per Kessiè (dieci milioni), ma la Juve è decisa.

In arrivo anche un altro giovane, classe 1997, vale a dire l'uruguaiano Bentancur. Il Boca lo vorrebbe liberare per l'estate, Marotta sta provando a prenderlo da subito, ma ambientarsi nel nostro campionato per un sud americano non è mai automatico. Sembra svanito invece l'obiettivo di sempre, vale a dire Verratti. La Juve stava cercando di mettere in piedi un'operazione per la prossima stagione, ma sull'ex pescarese si è inserito il Chelsea. Verratti è un pallino di Conte da sempre, se scende in campo Abramovich è facile capire come finirà.

Scenderanno in campo anche i cinesi dell'Inter. Oltre a cambiare l'allenatore, hanno deciso di cambiare anche qualcosa in rosa. Intanto 29 giocatori sono troppi (aveva ragione De Boer) almeno in quattro lasceranno Appiano. E' chiaro poi che a questa squadra manchino un grande centrale difensivo, un esterno di difesa e un regista. Dopo aver esaminato da vicino le caratteristiche dei giocatori, sarà Pioli a decidere su chi puntare e chi tagliare. Per la regia non è escluso che venga fatto un tentativo di trasformare Banega in un centrocampista basso. Se protetto nella fase difensiva, può essere una carta importante. Nel caso contrario si proverà a convincere Lotito per Biglia. Il presidente laziale sa che rischia di perdere il giocatore a zero nel 2018, oggi chiede venti milioni, vedremo. Per la difesa il sogno è Lindelof, svedese del Benfica con una clausola rescissoria da 30 milioni. Si può fare questa follia? Se Ausilio riuscirà a piazzare qualche esubero pesante non è escluso. L'esterno sarà Darmian, da tempo Mourinho ha dato l'ok alla cessione proprio alla sua ex società.

Su Darmian si potrebbe inserire il Milan per cedere poi De Sciglio, ma in attesa del closing e della nuova proprietà cinese, le idee non sono chiarissime. A proposito, il closing è fissato per il 21 novembre, SinoEurope sta completando l'iter dell'operazione che dovrebbe portare al versamento di altri 440 milioni nelle casse della Fininvest. Arrivato il bonifico ci sarà l'assemblea dei soci, fissata per il due dicembre per sancire l'addio a Silvio Berlusconi che diventerà presidente onorario, ma soprattutto per prendere atto della nuova proprietà cinese al 99 per cento o poco più. In caso di slittamento è pronta una seconda convocazione per il 13 dicembre. Insomma, entro l'anno l'operazione sarà chiusa. Difficile pensare a immediati investimenti sul mercato. Al Milan servirebbe un centrocampista davanti alla difesa per dare il cambio a Locatelli ed evitare di usurarlo troppo ( è un '98), ma servirebbe anche un vice Niang. Montella vorrebbe Badelj che ha avuto a Firenze, ma la Fiorentina non mollerà il giocatore a gennaio, soprattutto a una concorrente per l'Europa League. Salvo offerte irrinunciabili, ma non credo.

I problemi più grossi, comunque, li ha il Napoli. Dopo l'infortunio di Milik dovevano prendere subito uno svincolato, hanno perso tre mesi. Il falso nueve non funziona e Gabbiadini patisce la pressione e l'ambiente, oltre a non essere un centroavanti vero. Fra l'altro Milik ha già fatto sapere che prima della primavera non si parli del suo ritorno e giustamente. Zaza è stato offerto. E' adatto al gioco di Sarri? Ho qualche dubbio. Meglio Pavoletti, ma il colpo vero sarebbe Muriel. Con Sarri potrebbe fare davvero l'ultimo step del suo tormentato percorso per diventare un grande giocatore. Ma Gabbiadini tornerebbe alla Samp? L'operazione, comunque, si sta imbastendo con Ferrero che, come al solito, parla troppo. Ma il Napoli è tornato a pensare anche al portiere (troppo tardi) dopo gli ultimi exploit di Reina. Sportiello messo in panchina da Gasperini è già una pesante idea di ritorno. C'è solo da battere la Fiorentina.

La Roma, all'apparenza, non avrebbe bisogno di grandi cose. Spalletti, però, ha paura che la coppa d'Africa condizioni Salah. Non è tanto per l'assenza di un mese, preoccupa il dopo. Di solito dopo questa manifestazione i giocatori sono sgonfi e fisicamente a pezzi. Nel mirino c'è il Papu Gomez, all'Atalanta offerto Iturbe che, però guadagna troppo. I giallorossi sono anche su Zampano e visti gli ottimi rapporti con Sebastiani, a tre milioni e mezzo l'affare si farà. Probabilmente già a gennaio, molto dipenderà dalla classifica del Pescara.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.