HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Juve, Lamela per Vucinic si fa. Pirlo rimane, Pogba e Conte invece... Inter, Mazzarri a rischio!

10.01.2014 00.00 di Enzo Bucchioni  articolo letto 65359 volte
Juve, Lamela per Vucinic si fa. Pirlo rimane, Pogba e Conte invece... Inter, Mazzarri a rischio!

La Juve con lo scudetto in tasca si sta già muovendo per il futuro anche e soprattutto per convincere Conte che l'anno prossimo avrà una grande squadra capace di competere anche in Champions. L'allenatore, infatti, non ha ancora deciso se rimanere o accettare le proposte dall'estero. Insiste soprattutto il Manchester, Ferguson si è convinto anche dopo aver parlato con il suo amico Lippi che Conte lo conosce bene, che l'ex centrocampista bianconero è l'ideale per rifondare il Manchester.
Conte deciderà a marzo. Se la Juve investirà, allora proverà ancora a fare bene in Champions, altrimenti lascerà in dote il terzo scudetto e andrà a fare un'altra esperienza.
Lamela sarebbe un segnale forte e Andrea Agnelli lo sa benissimo. Anche per questo ha mandato Marotta in Inghilterra nelle scorse settimane per cercare di tradurre in pratica l'idea di scambiare Vucinic con Lamela. L'operazione piace a tutti.
Lamela è stato pagato 30 milioni l'estate scorsa, Vucinic è valutato 15 milioni dalla Juventus. Si tratta di trattare sulla differenza, i bianconeri vogliono dare un conguaglio attorno ai dieci milioni da mettere in bilancio l'estate prossima. In sostanza ora le due società stanno trattando per uno scambio puro con obbligo di riscatto già fissato a giugno. In Inghilterra hanno capito che Lamela difficilmente si inserirà in un calcio molto più fisico di quello che era abituato a giocare, mentre Vucinic è l'attaccante ideale per il 4-4-2. Conte stravede per Lamela che potrebbe essere utilizzato come esterno nel 4-3-3, ma anche come attaccante centrale con Tevez. Entrambe le società hanno fretta perché i due giocano pochissimo da una parte e dall'altra e servono forze fresche.
La Juve ha chiuso anche l'operazione Pirlo. Il giocatore aveva voglia di provare un'avventura all'estero, ma si è convinto (complice anche la famiglia e le sue attività) che forse è tardi per cambiare abitudini, lingua e paese per esplorare un calcio nuovo. E' stato molto tentato dal ritorno al Milan quando l'ha chiamato il suo amico Maldini e soprattutto quando è arrivata la telefonata di Seedorf, ma Pirlo pensava che l'era Galliani fosse tramontata. Quando ha capito invece che comunque lo zio Fester resterà e il progetto è rivolto ai giovani, non ci sono soldi, non ha voglia di fare il gran ritorno solo per una rivincita morale. Tra l'altro la Juventus lo ha accontentato con un biennale (all'inizio i bianconeri gli avevano offerto solo un anno) confermando la stessa cifra di ingaggio (4 milioni) per la prima stagione e anche per la seconda ma legata alle presenze. Manca solo la firma, ma l'accordo c'è e la stretta di mano con Agnelli pure.
Sarà più difficile, invece, trattenere Pogba. Il suo procuratore (il mitico Raiola) ha capito di avere per le mani un'altra gallina dalle uova d'oro e dopo Ibrahimovic può fare la stessa cosa con Pogba. Il Psg ha fatto più di un sondaggio, lo vuole a tutti i costi, (ma ci sono anche Real e Chelsea), gli ha offerto 7 milioni di ingaggio mentre alla Juve ora ne guadagna uno. Con la rinegoziazione al massimo può salire a 4 (tetto bianconero) se prolungherà il contratto che scade nel 2016.
Operazione molto costosa, difficilissima da chiudere proprio perché Raiola ha portato Pogba alla Juve dal Manchester a parametro o poco più e adesso lo vuole gestire come ritiene più opportuno per monetizzare al massimo. Del resto la Juve (anche volendo) non può alzare l'ingaggio fissato per tutti a 4 milioni come limite massimo. Favorire Pogba sarebbe un effetto valanga con gli altri e i costi salterebbero in aria.
Si pensa quindi a una super cessione di lusso (modello Cavani e oltre) per monetizzare e comprare poi 2-3 giocatori comunque di grande livello a cominciare da Lamela che sarebbe appunto pagato a giugno. Per Pogba, se Raiola dovesse insistere nel non firmare il prolungamento di contratto, la Juventus è intenzionata a chiedere una cifra altissima, vicina agli 80 milioni, anche considerata la giovane età del centrocampista francese. Si cerca il rinnovo con una clausola rescissoria, ma Raiola non ci sente.
La vittoria sulla Roma e la tranquillità ritrovata in campionato dopo l'eliminazione dalla Champions, però hanno comunque permesso alla Juventus di fare già da ora dei piani di rafforzamento e dei programmi decisi per la nuova stagione.
Improvvisamente infuocata, invece, la situazione all'Inter. Il passaggio di proprietà è stato un trauma. Non si sa più chi comanda all'interno della società e dello spogliatoio, c'è un vuoto di potere e di programmi pauroso. La squadra ne ha immediatamente risentito e gli ultimi risultati sono disastrosi. Il buon lavoro fatto da Mazzarri in inizio stagione sembra vanificato, l'eliminazione dalla coppa Italia di ieri sera contro l'Udinese ha trasformato l'ambiente in un polveriera.
C'è chi propone di far fuori immediatamente Mazzarri e di puntare su un allenatore conosciuto a livello internazionale (De Boer?) capace di lavorare anche con i giovani. Per chi non lo avesse ancora capito, infatti, Thohir non ha più grande budget dopo aver speso 300 milioni per comprare la società e il programma dei prossimi anni è il risanamento economico con la politica dei giovani. Improvvisamente sono tornati i tempi duri.
A Napoli, invece, i soldi ce li hanno, ma faticano a trovare i giocatori giusti per alzare il livello come vuole Benitez. Saltato (per ora?) Gonalons, Bigon sta tentando il Verona per Jorginho dopo che la Fiorentina ha allentato la presa. Il Verona però non scende sotto i dieci milioni.
Sempre in casa viola, è stato fissato il budget per il mercato invernale: 10 milioni. Pradè e Macia avevano in mano Heitinga e Mario Suarez dell'Atletico, ma dopo il ko di Rossi serve un attaccante. Suarez resta comunque nel mirino, per l'attacco si spera di convincere Di Natale. L'operazione è partite complici i buoni rapporti (si sta parlando di Cuadrado) con l'Udinese. La moglie vuol tornare a Empoli, lui comunque non resterà in Friuli a fare il dirigente, cinque mesi alla grande di calcio giocato con il ritorno in Europa prima di chiudere la carriera è più di un'idea.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.