HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve, Lamela per Vucinic si fa. Pirlo rimane, Pogba e Conte invece... Inter, Mazzarri a rischio!

10.01.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 65363 volte
Juve, Lamela per Vucinic si fa. Pirlo rimane, Pogba e Conte invece... Inter, Mazzarri a rischio!

La Juve con lo scudetto in tasca si sta già muovendo per il futuro anche e soprattutto per convincere Conte che l'anno prossimo avrà una grande squadra capace di competere anche in Champions. L'allenatore, infatti, non ha ancora deciso se rimanere o accettare le proposte dall'estero. Insiste soprattutto il Manchester, Ferguson si è convinto anche dopo aver parlato con il suo amico Lippi che Conte lo conosce bene, che l'ex centrocampista bianconero è l'ideale per rifondare il Manchester.
Conte deciderà a marzo. Se la Juve investirà, allora proverà ancora a fare bene in Champions, altrimenti lascerà in dote il terzo scudetto e andrà a fare un'altra esperienza.
Lamela sarebbe un segnale forte e Andrea Agnelli lo sa benissimo. Anche per questo ha mandato Marotta in Inghilterra nelle scorse settimane per cercare di tradurre in pratica l'idea di scambiare Vucinic con Lamela. L'operazione piace a tutti.
Lamela è stato pagato 30 milioni l'estate scorsa, Vucinic è valutato 15 milioni dalla Juventus. Si tratta di trattare sulla differenza, i bianconeri vogliono dare un conguaglio attorno ai dieci milioni da mettere in bilancio l'estate prossima. In sostanza ora le due società stanno trattando per uno scambio puro con obbligo di riscatto già fissato a giugno. In Inghilterra hanno capito che Lamela difficilmente si inserirà in un calcio molto più fisico di quello che era abituato a giocare, mentre Vucinic è l'attaccante ideale per il 4-4-2. Conte stravede per Lamela che potrebbe essere utilizzato come esterno nel 4-3-3, ma anche come attaccante centrale con Tevez. Entrambe le società hanno fretta perché i due giocano pochissimo da una parte e dall'altra e servono forze fresche.
La Juve ha chiuso anche l'operazione Pirlo. Il giocatore aveva voglia di provare un'avventura all'estero, ma si è convinto (complice anche la famiglia e le sue attività) che forse è tardi per cambiare abitudini, lingua e paese per esplorare un calcio nuovo. E' stato molto tentato dal ritorno al Milan quando l'ha chiamato il suo amico Maldini e soprattutto quando è arrivata la telefonata di Seedorf, ma Pirlo pensava che l'era Galliani fosse tramontata. Quando ha capito invece che comunque lo zio Fester resterà e il progetto è rivolto ai giovani, non ci sono soldi, non ha voglia di fare il gran ritorno solo per una rivincita morale. Tra l'altro la Juventus lo ha accontentato con un biennale (all'inizio i bianconeri gli avevano offerto solo un anno) confermando la stessa cifra di ingaggio (4 milioni) per la prima stagione e anche per la seconda ma legata alle presenze. Manca solo la firma, ma l'accordo c'è e la stretta di mano con Agnelli pure.
Sarà più difficile, invece, trattenere Pogba. Il suo procuratore (il mitico Raiola) ha capito di avere per le mani un'altra gallina dalle uova d'oro e dopo Ibrahimovic può fare la stessa cosa con Pogba. Il Psg ha fatto più di un sondaggio, lo vuole a tutti i costi, (ma ci sono anche Real e Chelsea), gli ha offerto 7 milioni di ingaggio mentre alla Juve ora ne guadagna uno. Con la rinegoziazione al massimo può salire a 4 (tetto bianconero) se prolungherà il contratto che scade nel 2016.
Operazione molto costosa, difficilissima da chiudere proprio perché Raiola ha portato Pogba alla Juve dal Manchester a parametro o poco più e adesso lo vuole gestire come ritiene più opportuno per monetizzare al massimo. Del resto la Juve (anche volendo) non può alzare l'ingaggio fissato per tutti a 4 milioni come limite massimo. Favorire Pogba sarebbe un effetto valanga con gli altri e i costi salterebbero in aria.
Si pensa quindi a una super cessione di lusso (modello Cavani e oltre) per monetizzare e comprare poi 2-3 giocatori comunque di grande livello a cominciare da Lamela che sarebbe appunto pagato a giugno. Per Pogba, se Raiola dovesse insistere nel non firmare il prolungamento di contratto, la Juventus è intenzionata a chiedere una cifra altissima, vicina agli 80 milioni, anche considerata la giovane età del centrocampista francese. Si cerca il rinnovo con una clausola rescissoria, ma Raiola non ci sente.
La vittoria sulla Roma e la tranquillità ritrovata in campionato dopo l'eliminazione dalla Champions, però hanno comunque permesso alla Juventus di fare già da ora dei piani di rafforzamento e dei programmi decisi per la nuova stagione.
Improvvisamente infuocata, invece, la situazione all'Inter. Il passaggio di proprietà è stato un trauma. Non si sa più chi comanda all'interno della società e dello spogliatoio, c'è un vuoto di potere e di programmi pauroso. La squadra ne ha immediatamente risentito e gli ultimi risultati sono disastrosi. Il buon lavoro fatto da Mazzarri in inizio stagione sembra vanificato, l'eliminazione dalla coppa Italia di ieri sera contro l'Udinese ha trasformato l'ambiente in un polveriera.
C'è chi propone di far fuori immediatamente Mazzarri e di puntare su un allenatore conosciuto a livello internazionale (De Boer?) capace di lavorare anche con i giovani. Per chi non lo avesse ancora capito, infatti, Thohir non ha più grande budget dopo aver speso 300 milioni per comprare la società e il programma dei prossimi anni è il risanamento economico con la politica dei giovani. Improvvisamente sono tornati i tempi duri.
A Napoli, invece, i soldi ce li hanno, ma faticano a trovare i giocatori giusti per alzare il livello come vuole Benitez. Saltato (per ora?) Gonalons, Bigon sta tentando il Verona per Jorginho dopo che la Fiorentina ha allentato la presa. Il Verona però non scende sotto i dieci milioni.
Sempre in casa viola, è stato fissato il budget per il mercato invernale: 10 milioni. Pradè e Macia avevano in mano Heitinga e Mario Suarez dell'Atletico, ma dopo il ko di Rossi serve un attaccante. Suarez resta comunque nel mirino, per l'attacco si spera di convincere Di Natale. L'operazione è partite complici i buoni rapporti (si sta parlando di Cuadrado) con l'Udinese. La moglie vuol tornare a Empoli, lui comunque non resterà in Friuli a fare il dirigente, cinque mesi alla grande di calcio giocato con il ritorno in Europa prima di chiudere la carriera è più di un'idea.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.