HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Juve, le strategie per vincere la Champions. Pogba via, si o no. Allegri lo vuole. Isco resta a Madrid. Tentazione Ozil. Milan ai cinesi per 700 milioni. I dubbi di Berlusconi. Colpa di Totti, Spalletti va in Nazionale.

22.04.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38594 volte
© foto di Federico De Luca

Allegri ha deciso di restare alla Juve, finalmente lo ha detto a chiare lettere anche pubblicamente, allontanando dubbi e forti tentazioni (che ci sono state) sul suo futuro. Ha capito che è difficile trovare una società più organizzata della Juventus e dal punto di vista tecnico il divario con le altre grandi d'Europa non è più così grande dopo i buoni acquisti dell'ultimo mercato. Anche dal punto di vista economico avrà un contratto (cinque milioni) che si avvicina al top della categoria, il più alto in Italia.

Allora cosa separa ancora Allegri dalla firma?

L'accordo ci sarà presto, nessun dubbio, la discussione ora verte sui programmi del mercato e in particolare sul futuro di un giocatore-chiave, parliamo naturalmente di Paul Pogba.

La Juventus sta pensando di cederlo e scatenare un'asta fra le pretendenti, potrebbe significare portare a casa 100-120 milioni di euro. Una cifra astronomica e una plusvalenza da favola visto che per il giocatore la Juve ha sborsato solo delle provvigioni, tutto meno di cinque milioni di euro.

Con certe cifre in mano la Juventus potrebbe comprare 3-4 giocatori di grande livello per scalare l'ultimo gradino che la separa dalle grandi d'Europa.

Allegri invece è contrario. Sa benissimo che ha raggiunto con la squadra attuale una alchimia straordinaria, c'è fusione tra vecchi e nuovi, c'è condivisione tattica, la base è molto forte e cambiare troppo potrebbe significare fare dei danni. Tenere un giocatore duttile come Pogba è una fortuna, per Allegri senza stravolgere la rosa attuale, con l'acquisto di un trequartista importante, un centrocampista, un difensore e un attaccante se parte Morata, questa Juve può puntare alla Champions.

E con i soldi della Champions, gli eventuali 30 milioni del Real per Morata e qualche altra cessione accessoria per mettere dentro qualche giovane di grande prospettiva (Mandragora, Ganz o Lapadula), la spesa sarebbe gestibile con un budget da Juventus senza bisogno di vendere Pogba che, caso mai, potrebbe comunque essere ceduto l'anno prossimo vista la sua giovane età.

In sostanza Allegri chiede questo: non vendete nessun pezzo grosso, rafforzate questo gruppo e io provo a vincere la Champions.

Su questo si discute, sarà il grande tema del mercato e dell'estate. Intanto, però, Marotta lavora e dopo l'intesa con Benatia, ha incassato il no di Isco che, almeno per ora, vuol restare al Real. L'ultima idea è buttarsi su Ozil e Sanchez, una coppia che all'Arsenal ha fatto una grande stagione. Sanchez potrebbe essere l'alternativa a Morata, Ozil il trequartista che manca. Ma i nomi sul taccuino sono sempre i solidi, da Mkhitaryan a Andrè Gomes. Allegri stia tranquillo, comunque un trequartista arriverà e lui potrà passare dal 3-5-2 al 4-3-1-2 a seconda delle partite. Scongiurata invece la partenza di Bonucci. C'è Conte che insiste, ma la Juventus sta facendo muro sul difensore tanto che il Chelsea si sta portando su Manolas della Roma.

Per il centrocampista, causa anche l'infortunio di Marchisio, la Juve sta tornando con grande forza su Witsel dello Zenit che ha deciso di lasciare la Russia. Si può fare con una quindicina di milioni visto che il giocatore è in scadenza l'anno prossimo.

Su Witsel c'era anche il Milan, ma le incertezze sul futuro della società hanno bloccato tutto.

Vendere o non vendere? Questo è il grande dilemma di Berlusconi. Come vi ho già detto, l'offerta di una magnate cinese (il sesto uomo più ricco della Cina) è concreta, importante, reale e non ha niente a che fare con i se e i ma di mister Bee. L'advisor che sta conducendo la trattativa è autorevole, lo statunitense Salvatore Galatioto è fra i top a livello sportivo. L'offerta è circostanziata e per certi versi irrinunciabile. Galatioto, a nome del compratore, offre 750 milioni di euro per il 70 per cento del Milan, in linea con la valutazione di una miliardo fatta da Berlusconi. Al contrario di mister Bee, questo gruppo vuole la maggioranza del club. Considerando che Berlusconi ha speso circa 900 milioni di euro in trenta anni di presidenza del Milan, significherebbe uscire con tanta gloria e trofei senza aver rimesso più di tanto. La famiglia spinge, ma Berlusconi prima di mollare il Milan, dicono nell'entourage, lascerebbe più volentieri la politica. Vedremo.

I cinesi vogliono chiudere in fretta, ci sarebbe una data limite fissata per lunedì prossimo, o al massimo entro fine mese. Se Berlusconi dovesse decidere di non vendere nessuno si aspetti però un futuro roseo per i rossoneri. Il progetto sarà ridimensionato, tanti giovani in mano a Brocchi sperando in un futuro migliore. Ma l'esposizione economica e i soldi da immettere nel Milan sono tanti, alla fine i figli (soprattutto Marina) sono convinti di riuscire a convincere il padre. I cinesi vogliono la maggioranza, ma sono pronti a discutere un eventuale ruolo di Berlusconi nella nuova società. Mercato? Per ora tutto bloccato in attesa di sviluppi, allenatore compreso.

A proposito di allenatori, come uscirà Spalletti dalla vicenda Totti?

Con le ossa rotte. Aveva fatto tutto bene, a Bergamo ha voluto andare oltre, strafare e stravincere e il Dio del Pallone gli ha voltato le spalle. A volte conviene il basso profilo, Spalletti la sua guerra con Totti l'aveva già vinta, non doveva essere un gol all'Atalanta a rimettere in gioco tutto. Ora è più dura, la città e i medi sono con il capitano, due gol di un quasi ex giocatore nel caso di Totti sono due gol di un Dio del Pallone. Ora vorrà continuare a giocare, vorrà tornare a comandare e a decidere delle sorti della Roma. Che fare?

In assenza di Pallotta, Spalletti è fra l'incudine e il martello, ma d'improvviso si è aperta la soluzione: andare in nazionale. L'offerta è interessante (tre milioni), l'occasione è ghiotta, mollare l'inferno di questa Roma con la tranquillità prestigiosa della Nazionale potrebbe essere una soluzione. Spalletti ci pensa, la decisione entro pochi giorni. E Totti poi avrà via libera per giocare fino a quando vorrà con la Roma tenuta in scacco. A volte si sbaglia per troppo amore, questa è una di quelle volte.

Sempre in tema allenatori, Di Francesco come vi avevamo già anticipato mentre tutti lo davano alla Fiorentina o al Milan, resterà a Sassuolo. Contratto da un milione, tanta roba per una squadra sempre più ambiziosa.

Anche Sousa, come vi abbiamo sempre detto, resterà a Firenze. Nonostante gli ultimi periodi complicati, l'allenatore ha sempre le fiducia della società, basterà capirsi meglio e cambiare alcune cose, compresa la comunicazione.

Sempre in caso viola, in attesa della gara di domenica con la Juve, si pensa al mercato. Mario Gomez sta segnando a raffica nel Besiktas che ha tempo fino alla fine del mese per riscattare il tedesco versando mille euro alla Fiorentina. I turchi però non sono convinti della bontà di questa operazione. Gomez ha già fatto sapere che in Turchia non resterà, il suo ingaggio è molto alto, non sarà facile trovare una squadra disposta a comprare a certe cifre un giocatore di 31 anni che guadagna cifre molto alte e poi alla Fiorentina spetterebbe comunque una percentuale sulla vendita fra il trenta e il quaranta per cento.

I turchi, per evitare grane e complicarsi la vita, nonostante i tanti gol di Gomez, stanno pensando di restituire tutto il pacco alla Fiorentina che si ritroverebbe in casa un bel caso. E non è solo un gioco di parole.....

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.