HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Juve: Martial se parte Morata. Ancelotti: punta Marcelo, Alex Sandro Real. Sabatini: è uno o trino? Donnarumma: unico, vero, incedibile

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
26.03.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38589 volte

Siamo fra coloro che pensano che la Juventus non prenderà Cavani. Un prospetto chilometrato, alla Tevez, la società bianconera ha dimostrato di prenderlo e valorizzarlo sì, ma al giusto prezzo. I costi di Cavani sono un salto triplo rispetto a quelli di Carlitos. Ecco allora che se la spada di Damocle che il Real Madrid tiene sospesa sul capo del direttore Marotta un po' come fece il tiranno di Siracusa, Dionigi, sullo stesso Damocle, dovesse scendere verso il basso provocando la partenza di Morata, il prospetto su cui sarebbe naturale per la Juventus dirigersi dovrebbe avere una età adeguata per sostituire lo spagnolo che è un '92. Non quindi l'87 Cavani, ma Anthony Martial: un talento del 1995 pieno di voglia di riscattarsi dopo l'annus horribilis di Manchester. Anche su Morata la Juventus fece un grande investimento dopo le luci e le ombre di Alvaro nel Real Madrid di Ancelotti. E Martial, con il ricavato di Morata, potrebbe essere la pista giusta. Non sappiamo come si dice Recompra in inglese e non intendiamo andare su google, ma la spada di Damocle è una e la Juventus, nel caso, non vorrà perseverare.

Siamo andati a riguardare la foto dei giocatori festanti del Real Madrid attorno al tavolo della conferenza stampa di Carlo Ancelotti, pochi minuti dopo la consegna della Champions League avvenuta a favore della squadra merengue dopo la finale con l'Atletico Madrid nel Maggio 2015. C'erano, attorno a Carlo, fra gli altri Pepe e Marcelo. Gli unici, forse assieme ad Isco, possibili protagonisti di scambi di mercato. E a ben guardare, le fasce del Bayern una rinfrescata la meriterebbero. Se dovesse partire Marcelo, uno sguardo dalle parti di Alex Sandro il Real Madrid lo butterà. Ed è un vantaggio per la Juventus essere costantemente alle prese con un dialogo con Club del genere. Con il Real parla di Morata, al Bayern ha ceduto Vidal e Coman e c'è Gotze in sospeso dalla scorsa estate. Saranno vasi di ferro le squadre dai grandi fatturati di Monaco di Baviera e di Madrid, ma in questi suoi anni positivi e importanti la Juventus sa farsi rispettare anche se, al giusto prezzo, tutto si può fare. Alex Sandro compreso.

Walter Sabatini è uomo di guizzi, ma anche di tanta tanta continuità. Un Antonio Conte della scrivania. Un dirigente che ha voglia e bisogno di lavoro, tanto lavoro, per nutrirsi, per gratificarsi, per sentirsi sempre dalla parte giusta della trincea. Tutto giusto e tutto bello, corretto, rispettabile. Ad ogni uomo di calcio, la sua dimensione. E' stato spesso accostato al Milan, in questi giorni. Dove ci sono due direttori sportivi, quelli di sempre, il presidente Berlusconi e Adriano Galliani. Dove ci sono ritmi, misure, consuetudini ultra e ultra consolidate. Non sempre è semplice per gli allenatori, anche quelli che hanno vissuto Milan e Milanello per anni, sintonizzarsi sulle frequenza abituali della Casa, figurarsi per gli uomini di scrivania e i direttori sportivi in generale. Ha saputo e alla grande essere uno il direttore in uscita dalla Roma, in questo senso saprebbe essere trino? Walter Sabatini piace ai tifosi rossoneri ed è stimato e apprezzato da tutto il mondo del calcio, Milan compreso. Ci sono momenti in cui saper essere gli uomini giusti al posto giusto non dipende da chi sceglie ma da chi viene scelto. Alle prossime settimane l'ultima o la prima parola.

Abbiamo dovuto attendere, perdona caro Gigio, un campo irlandese, un green di Waterford per cadere nel più totale innamoramento. Dovevate vederlo Donnarumma contro l'Irlanda Under 21, ci riferiamo a chi non lo avesse visto per via dell'orario d'inizio della gara, le 19.00, l'Abbagnale dei pali, lo stabiese rossonero. Sicuro, alto, forte, autorevole, a suo agio. A soli 17 anni e 28 giorni, record italiano destinato a durare nel tempo per un Nazionale Under 21. Un record destinato a durare per tanto tempo, dopo quello sottratto a Sebastiano Rossi. Un altro primato dai guantoni rossoneri anche se stabilito in maglia azzurra. Ma Donna...tranquilli: il Milan non lascia nemmeno finire la frase. Qui non si tratta di offerte irrinunciabili o meno. Non se ne parla. Stavamo per scrivere uomo Milan, poi ci siamo ricordati della sua età. Ragazzo-simbolo Milan allora, senza se e senza tentazioni. Lo stesso dicasi per Alessio Romagnoli. Non è con questi giocatori che il Milan finanzierà il suo mercato prossimo venturo. Sono giovani, sono italiani, sono bravi e predestinati. Non hanno ad esempio le caratteristiche di Stephan El Shaarawy su cui il Milan ha fatto sì mercato in uscita ma dopo due anni e mezzo in cui non c'erano più stati, per tanti e anche comprensibili motivi, suoi segnali in maglia rossonera. Sul resto si discute, si vede, si alza l'asticella alla grande, ma Donnarumma e Romagnoli no. Punti di riferimento per durare davvero negli anni, sempre più tosti e difficili, del grande calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.