VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Juve: Martial se parte Morata. Ancelotti: punta Marcelo, Alex Sandro Real. Sabatini: è uno o trino? Donnarumma: unico, vero, incedibile

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
26.03.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 38656 volte

Siamo fra coloro che pensano che la Juventus non prenderà Cavani. Un prospetto chilometrato, alla Tevez, la società bianconera ha dimostrato di prenderlo e valorizzarlo sì, ma al giusto prezzo. I costi di Cavani sono un salto triplo rispetto a quelli di Carlitos. Ecco allora che se la spada di Damocle che il Real Madrid tiene sospesa sul capo del direttore Marotta un po' come fece il tiranno di Siracusa, Dionigi, sullo stesso Damocle, dovesse scendere verso il basso provocando la partenza di Morata, il prospetto su cui sarebbe naturale per la Juventus dirigersi dovrebbe avere una età adeguata per sostituire lo spagnolo che è un '92. Non quindi l'87 Cavani, ma Anthony Martial: un talento del 1995 pieno di voglia di riscattarsi dopo l'annus horribilis di Manchester. Anche su Morata la Juventus fece un grande investimento dopo le luci e le ombre di Alvaro nel Real Madrid di Ancelotti. E Martial, con il ricavato di Morata, potrebbe essere la pista giusta. Non sappiamo come si dice Recompra in inglese e non intendiamo andare su google, ma la spada di Damocle è una e la Juventus, nel caso, non vorrà perseverare.

Siamo andati a riguardare la foto dei giocatori festanti del Real Madrid attorno al tavolo della conferenza stampa di Carlo Ancelotti, pochi minuti dopo la consegna della Champions League avvenuta a favore della squadra merengue dopo la finale con l'Atletico Madrid nel Maggio 2015. C'erano, attorno a Carlo, fra gli altri Pepe e Marcelo. Gli unici, forse assieme ad Isco, possibili protagonisti di scambi di mercato. E a ben guardare, le fasce del Bayern una rinfrescata la meriterebbero. Se dovesse partire Marcelo, uno sguardo dalle parti di Alex Sandro il Real Madrid lo butterà. Ed è un vantaggio per la Juventus essere costantemente alle prese con un dialogo con Club del genere. Con il Real parla di Morata, al Bayern ha ceduto Vidal e Coman e c'è Gotze in sospeso dalla scorsa estate. Saranno vasi di ferro le squadre dai grandi fatturati di Monaco di Baviera e di Madrid, ma in questi suoi anni positivi e importanti la Juventus sa farsi rispettare anche se, al giusto prezzo, tutto si può fare. Alex Sandro compreso.

Walter Sabatini è uomo di guizzi, ma anche di tanta tanta continuità. Un Antonio Conte della scrivania. Un dirigente che ha voglia e bisogno di lavoro, tanto lavoro, per nutrirsi, per gratificarsi, per sentirsi sempre dalla parte giusta della trincea. Tutto giusto e tutto bello, corretto, rispettabile. Ad ogni uomo di calcio, la sua dimensione. E' stato spesso accostato al Milan, in questi giorni. Dove ci sono due direttori sportivi, quelli di sempre, il presidente Berlusconi e Adriano Galliani. Dove ci sono ritmi, misure, consuetudini ultra e ultra consolidate. Non sempre è semplice per gli allenatori, anche quelli che hanno vissuto Milan e Milanello per anni, sintonizzarsi sulle frequenza abituali della Casa, figurarsi per gli uomini di scrivania e i direttori sportivi in generale. Ha saputo e alla grande essere uno il direttore in uscita dalla Roma, in questo senso saprebbe essere trino? Walter Sabatini piace ai tifosi rossoneri ed è stimato e apprezzato da tutto il mondo del calcio, Milan compreso. Ci sono momenti in cui saper essere gli uomini giusti al posto giusto non dipende da chi sceglie ma da chi viene scelto. Alle prossime settimane l'ultima o la prima parola.

Abbiamo dovuto attendere, perdona caro Gigio, un campo irlandese, un green di Waterford per cadere nel più totale innamoramento. Dovevate vederlo Donnarumma contro l'Irlanda Under 21, ci riferiamo a chi non lo avesse visto per via dell'orario d'inizio della gara, le 19.00, l'Abbagnale dei pali, lo stabiese rossonero. Sicuro, alto, forte, autorevole, a suo agio. A soli 17 anni e 28 giorni, record italiano destinato a durare nel tempo per un Nazionale Under 21. Un record destinato a durare per tanto tempo, dopo quello sottratto a Sebastiano Rossi. Un altro primato dai guantoni rossoneri anche se stabilito in maglia azzurra. Ma Donna...tranquilli: il Milan non lascia nemmeno finire la frase. Qui non si tratta di offerte irrinunciabili o meno. Non se ne parla. Stavamo per scrivere uomo Milan, poi ci siamo ricordati della sua età. Ragazzo-simbolo Milan allora, senza se e senza tentazioni. Lo stesso dicasi per Alessio Romagnoli. Non è con questi giocatori che il Milan finanzierà il suo mercato prossimo venturo. Sono giovani, sono italiani, sono bravi e predestinati. Non hanno ad esempio le caratteristiche di Stephan El Shaarawy su cui il Milan ha fatto sì mercato in uscita ma dopo due anni e mezzo in cui non c'erano più stati, per tanti e anche comprensibili motivi, suoi segnali in maglia rossonera. Sul resto si discute, si vede, si alza l'asticella alla grande, ma Donnarumma e Romagnoli no. Punti di riferimento per durare davvero negli anni, sempre più tosti e difficili, del grande calcio.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.