HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juve-Napoli da studiare a Coverciano: il trionfo di due grandi tecnici. Zaza simbolo di un progetto, ma la Juve si affretti a blindare Barzagli. Fiorentina alla cinese: smentite e non solo. Leicester: sognare si può

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
14.02.2016 00.01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49693 volte
© foto di Image Sport

C'era gran traffico di medici e sali per rinvenire le affollate stanze di Coverciano, ieri sera. Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri hanno fatto emozionare così tanto i maestri della scuola italiana che questi non hanno resistito. Scherzi a parte, per il purista della tattica, Juventus-Napoli è stato spettacolo sublime. Reparti cortissimi, pressione infernale e undici uomini che riescono a rinculare ed a spostarsi come uno solo senza grandi patemi d'animo. Bianconeri ed azzurri, soprattutto nel primo tempo, non hanno permesso mai un'invenzione, un tocco particolare, il gesto di un singolo. Undici hanno vinto contro uno, per quasi tutta una partita, finché le energie non hanno tolto lucidità e gli schemi, pur non saltati, hanno lasciato spazio anche all'estro dei campioni.

Simone Zaza, forse, non è ancora campione. Anzi, di certo. Però ieri ha fatto l'Imperatore, sembrava Adriano con quel sinistro che ha rovesciato le gerarchie d'Italia. Con quella cattiveria positiva, con quei movimenti sporchi, duri e concreti, Zaza è l'uomo copertina di un progetto. Che parte dai giovani, cresciuti e cullati altrove, fino a diventare uomini capaci di poter anche decidere la partita dell'anno. E' la vittoria di Marotta, Paratici, ma pure di Allegri. Sul cui futuro chissà, nonostante le dichiarazioni della vigilia, perché un'anima del Chelsea vuole lui e l'altra Sampaoli. Però, per quanto riguarda il presente, ha dimostrato a tutti di essere stato la molla giusta capace di far rinascere la Juventus. Sì, lui. Con Buffon ed Evra. Quell'esame di coscienza chiamato a gran voce dal gruppo che ha una data precisa di svolta. Il derby di Torino. Lì, con quel gol di Cuadrado al 93', è cambiato tutto. La Juventus ha fatto 15 vittorie di fila, numeri da urlo, da campioni veri. Campioni come Barzagli, ieri insuperabile, che invecchiando migliora sempre e che la società dovrebbe pensare seriamente a blindare, già da domani. Campioni come Bonucci, decisivi su Higuain nonostante problemi fisici.

Ieri sera, intanto, è sceso in campo un giocatore che ha forse trovato, nonostante il ko, nonostante costantemente passi sotto l'ombra di Higuain ed Insigne, la consacrazione. Parliamo di Allan, motorino inesauribile del centrocampo di Maurizio Sarri. Uno che farebbe comodo a qualsiasi grande squadra d'Europa e che sussurri raccontano essere seguito da vicino, praticamente ad ogni partita, da due-tre osservatori dei maggiori club europei. Inevitabile. E' stato una scoperta meravigliosa, è un giocatore unico nel genere e De Laurentiis sì che potrà sparare alto anche per un giocatore che non ha paragoni.

Altri temi, sparsi. Ieri si è diffusa la notizia, tramite i colleghi di Sky, di una Fiorentina a caccia di un acquirente in Cina anche disposto a comprare il 100% del club. La società, intanto, smentisce categoricamente. Quel che c'è di certo, è che Diego Della Valle, da anni, ha stretti legami di lavoro con la Cina che venne definita appunto l'Eldorado di Della Valle nel 2013 dai media specializzati in finanza e con Credit Suisse che spiegò come fosse il momento proprio d'investire in Tod's. Nel quarto trimestre scorso la sua Fay ha visto le vendite salite del 3,7%, anche grazie alle vendite nella zona della Greater China. Ed Hogan, altro storico marchio di DDV, continua a crescere in quel territorio nonostante 'il rallentamento locale del lusso', come ha spiegato lo scorso gennaio Il Sole 24 Ore. Secondo le ultime, che la ACF ha però smentito, sarebbe proprio Credit Suisse l'istituto mandatario della possibile cessione del club. La Fiorentina, dal canto suo, potrebbe semmai cercar soci per la costruzione del nuovo stadio, che sta però trovando grandi intoppi (il progetto Cittadella risale, praticamente, all'epoca della Lira o quasi...).

Infine un monito. Una speranza. Un sogno. Che il Leicester City vinca, oggi contro l'Arsenal. Che Claudio Ranieri raggiunga questo fantastico tabù, chiamato titolo. Lì, non ci riuscì neanche Gordon Banks. Lì non ci è riuscito nessuno e la Premier, dalla sua nascita negli anni '90, è sempre andata a soli quattro club. Mai neppure al glorioso Liverpool. Porti un sogno nelle case degli inglesi, Ranieri. Mica solo a Leicester. E forse, anzi certamente, mica solo in Inghilterra. Vinca il titolo, e lo dice un sostenitore dei Reds, oramai disilluso dopo premesse e promesse stagionali con Rodgers prima e Klopp poi. Vinca, Ranieri. Per dimostrare che il calcio è ancora quello che sognavamo da piccoli.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.