HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Juve-Napoli da studiare a Coverciano: il trionfo di due grandi tecnici. Zaza simbolo di un progetto, ma la Juve si affretti a blindare Barzagli. Fiorentina alla cinese: smentite e non solo. Leicester: sognare si può

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
14.02.2016 00.01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49675 volte
© foto di Image Sport

C'era gran traffico di medici e sali per rinvenire le affollate stanze di Coverciano, ieri sera. Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri hanno fatto emozionare così tanto i maestri della scuola italiana che questi non hanno resistito. Scherzi a parte, per il purista della tattica, Juventus-Napoli è stato spettacolo sublime. Reparti cortissimi, pressione infernale e undici uomini che riescono a rinculare ed a spostarsi come uno solo senza grandi patemi d'animo. Bianconeri ed azzurri, soprattutto nel primo tempo, non hanno permesso mai un'invenzione, un tocco particolare, il gesto di un singolo. Undici hanno vinto contro uno, per quasi tutta una partita, finché le energie non hanno tolto lucidità e gli schemi, pur non saltati, hanno lasciato spazio anche all'estro dei campioni.

Simone Zaza, forse, non è ancora campione. Anzi, di certo. Però ieri ha fatto l'Imperatore, sembrava Adriano con quel sinistro che ha rovesciato le gerarchie d'Italia. Con quella cattiveria positiva, con quei movimenti sporchi, duri e concreti, Zaza è l'uomo copertina di un progetto. Che parte dai giovani, cresciuti e cullati altrove, fino a diventare uomini capaci di poter anche decidere la partita dell'anno. E' la vittoria di Marotta, Paratici, ma pure di Allegri. Sul cui futuro chissà, nonostante le dichiarazioni della vigilia, perché un'anima del Chelsea vuole lui e l'altra Sampaoli. Però, per quanto riguarda il presente, ha dimostrato a tutti di essere stato la molla giusta capace di far rinascere la Juventus. Sì, lui. Con Buffon ed Evra. Quell'esame di coscienza chiamato a gran voce dal gruppo che ha una data precisa di svolta. Il derby di Torino. Lì, con quel gol di Cuadrado al 93', è cambiato tutto. La Juventus ha fatto 15 vittorie di fila, numeri da urlo, da campioni veri. Campioni come Barzagli, ieri insuperabile, che invecchiando migliora sempre e che la società dovrebbe pensare seriamente a blindare, già da domani. Campioni come Bonucci, decisivi su Higuain nonostante problemi fisici.

Ieri sera, intanto, è sceso in campo un giocatore che ha forse trovato, nonostante il ko, nonostante costantemente passi sotto l'ombra di Higuain ed Insigne, la consacrazione. Parliamo di Allan, motorino inesauribile del centrocampo di Maurizio Sarri. Uno che farebbe comodo a qualsiasi grande squadra d'Europa e che sussurri raccontano essere seguito da vicino, praticamente ad ogni partita, da due-tre osservatori dei maggiori club europei. Inevitabile. E' stato una scoperta meravigliosa, è un giocatore unico nel genere e De Laurentiis sì che potrà sparare alto anche per un giocatore che non ha paragoni.

Altri temi, sparsi. Ieri si è diffusa la notizia, tramite i colleghi di Sky, di una Fiorentina a caccia di un acquirente in Cina anche disposto a comprare il 100% del club. La società, intanto, smentisce categoricamente. Quel che c'è di certo, è che Diego Della Valle, da anni, ha stretti legami di lavoro con la Cina che venne definita appunto l'Eldorado di Della Valle nel 2013 dai media specializzati in finanza e con Credit Suisse che spiegò come fosse il momento proprio d'investire in Tod's. Nel quarto trimestre scorso la sua Fay ha visto le vendite salite del 3,7%, anche grazie alle vendite nella zona della Greater China. Ed Hogan, altro storico marchio di DDV, continua a crescere in quel territorio nonostante 'il rallentamento locale del lusso', come ha spiegato lo scorso gennaio Il Sole 24 Ore. Secondo le ultime, che la ACF ha però smentito, sarebbe proprio Credit Suisse l'istituto mandatario della possibile cessione del club. La Fiorentina, dal canto suo, potrebbe semmai cercar soci per la costruzione del nuovo stadio, che sta però trovando grandi intoppi (il progetto Cittadella risale, praticamente, all'epoca della Lira o quasi...).

Infine un monito. Una speranza. Un sogno. Che il Leicester City vinca, oggi contro l'Arsenal. Che Claudio Ranieri raggiunga questo fantastico tabù, chiamato titolo. Lì, non ci riuscì neanche Gordon Banks. Lì non ci è riuscito nessuno e la Premier, dalla sua nascita negli anni '90, è sempre andata a soli quattro club. Mai neppure al glorioso Liverpool. Porti un sogno nelle case degli inglesi, Ranieri. Mica solo a Leicester. E forse, anzi certamente, mica solo in Inghilterra. Vinca il titolo, e lo dice un sostenitore dei Reds, oramai disilluso dopo premesse e promesse stagionali con Rodgers prima e Klopp poi. Vinca, Ranieri. Per dimostrare che il calcio è ancora quello che sognavamo da piccoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.