HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Juve nell'aristocrazia d'Europa e ora sguardo al futuro. E le panchine per il prossimo anno continuano a ballare. Inter, Jovetic e la fascia sinistra

23.04.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 42410 volte
© foto di Federico De Luca

La soddisfazione del popolo juventino è grande, grandissima. Dopo 12 anni in finale, Allegri ha proseguito nel miglior modo possibile il lavoro iniziato da Conte con un grande filo rosso in sottofondo: Agnelli, Marotta e Paratici. La Juve è entrata nel tavolo delle grandi.
E' lì a giocarsi un sogno con chi negli ultimi anni ha letteralmente dominato la scena europea. Solo grandi squadre, le più forti in assoluto. Ogni accoppiamento sarà una grande partita, in cui per forza la Juve partirà da sfavorita. Ma la Champions è la Champions. E per essere più sicuri (anche con i soldi che arriveranno con la semifinale) per le prossime stagioni il lavoro bianconero va avanti.
Tevez forse stasera pensa meno al Boca, mentre la Juventus all'attaccante da affiancargli per il prossimo anno. Morata rimane, eccome. Llorente molto probabilmente no. No Matri. E quindi ci sono almeno due nomi che ballano e frullano nella testa della coppia mercato.
Dybala e Cavani. Operazioni certamente non semplici, ma affascinanti. Decisamente più caro l'uruguayano che nei prossimi giorni dovrebbe dire alla Juventus se è il caso di proseguire nel corteggiamento oppure no. Con grande concorrenza (soprattutto italiana: Inter e Roma) per l'argentino entrato anche nelle grazie del Tata Martino. La Juve ha la possibilità di avere un piccolo (grande) vantaggio rispetto alle avversarie italiane: i galloni europei e una solidità finanziaria invidiabile. Quest'estate ci sarà da divertirsi: ma le grandi manovre in casa Juve per forza devono iniziare ora. Per bruciare la concorrenza, per avere vantaggi da poter gestire. Il campionato è praticamente archiviato, la coppa Italia è all'atto finale, in Europa è stata piantata una bellissima bandierina al confine delle potenzialità. Ora si può spostare ancora più in là: ma per farlo anche nelle prossime stagioni si deve puntare a giocatori importanti.
Non solo in attacco: c'è anche il centrocampo da sistemare. Senza parlare per forza di Pogba, il cui futuro in questo momento non è stato deciso. Siamo certi che ne parleremo spesso, ma ora tutto tace. Mentre invece comincia a muoversi la Juve per Witsel dello Zenit. Offerti 18 milioni, chiesti 30. Le parti sono lontane ma la trattativa c'è. Peraltro Witsel può giocare anche da trequartista, ruolo che per Allegri è vitale. Ed Allegri sarà accontentato.
L'altro nome, più offensivo, è quello di Mkhitaryan, del Borussia. Cercato dalla Juventus a gennaio, i tedeschi ora devono cambiare molto, lui non è quasi mai stato protagonista in questa stagione. Ed è un assistito di Mino Raiola. Ci si può lavorare insomma.
Possono lavorare ancora anche Benitez e De Laurentiis ma in questo momento (nonostante il Napoli stasera possa conquistare la sua di semifinale) i rapporti non sono idilliaci. Ed è naturale che il presidente azzurro pensi anche a delle alternative. L'identikit è un allenatore di scuola "italiana" ma con esperienza internazionale. Il nome di Mihajlovic è sicuramente in pole. Ma finora solo contatti indiretti. Probabilmente dopo domenica il primo vero faccia a faccia. Per capire se può funzionare davvero. In attesa, ovvio, dei risultati che potrebbero sanare le frizioni di ora.
Inter e Milan sono alle prese con la loro ricostruzione. Stadio a parte per la sostituzione (eventuale ma probabile) di Handanovic il nome forte in questo momento è quello di Federico Marchetti, secondo di Buffon in Nazionale. Anche Marchetti è in scadenza di contratto 2016 con la Lazio e il suo costo non dovrebbe essere proibitivo e il suo ingaggio è decisamente inferiore (soprattutto alle richieste di Handa). Per il resto l'Inter incassa con piacere le parole del procuratore di Yaya Touré che dice di non pensare ai soldi ma al progetto e che considera Mancini un grandissimo. In attacco per il momento i nomi sono Dybala (come detto) e Jovetic per il quale l'Inter ha in testa una strategia come quella di Shaquiri: prestito con obbligo di riscatto. Si sta lavorando in questa direzione. Naturalmente insieme ad Icardi che come detto rinnoverà, anche se ancora la firma sul nuovo contratto non l'ha messo.
Per la difesa il nome più caldo è sempre quello di Vida della Dinamo Kiev: l'Inter ha offerto 6 milioni, i russi ne vogliono 9. Mentre sulla fascia sinistra i nomi sono due: Zukanovic del Chievo e Siqueira dell'Atletico (già seguito da tempo). Per Zukanovic contatti telefonici, incontro previsto nei prossimi giorni.
Anche a Roma, sponda giallorossa, sono in attesa di capire come va a finire la stagione. Se tutto va come i tifosi sperano, comunque una mezza rivoluzione ci sarà lo stesso. Cambieranno almeno 5/6 volti. Dove? In porta serve un titolare (Handanovic piace eccome), gli esterni di difesa devono arrivare (soprattutto a sinistra), a centrocampo c'è il problema del rinnovo di Keita, il riscatto di Nainggolan e la situazione di Pjanic. In attacco Totti, Doumbia, Destro tre prime punte…
Infine giro di panchine. A Genova se Gasperini dovesse salutare in anticipo, sondato Sarri (che evidentemente non piace solo al Milan). Gasp piace al Toro, sulla panchina del quale però Ventura è saldo (nonostante abbia delle esigenze tecniche per la prossima stagione). Ad Empoli se dovesse partire Sarri c'è stata già una chiacchierata con Boscaglia (uno degli artefici del sogno Trapani). A Udine a fine stagione si valuterà la situazione di Stramaccioni: Donadoni ha messo la freccia rispetto ai suoi concorrenti (Maran e Mandorlini). Mentre invece a Sassuolo sanno che Di Francesco è uno dei più richiesti (ad esempio la Fiorentina dovesse partire Montella un pensierino ce l'ha fatto) e allora sta sondando il terreno. Squinzi non ha abbandonato l'idea Inzaghi (cercato anche prima che diventasse allenatore del Milan, ricordate). L'alternativa è Marino, artefice di una clamorosa rimonta a Vicenza (dall'ultimo al secondo posto). Tenetevi forte…

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.