VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Juve ora i dettagli, l'Inter e la strategia per Lucas, a Napoli il dopo Lavezzi non è solo Pandev. L'erede di Pandev, gli arabi e il Milan...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come caposervizio e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
07.06.2012 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 41533 volte
© foto di Micri Comunication

Che la Juventus avesse cominciato a fare sul serio lo avevamo già capito ieri. Quando era stato raggiunto un accordo di massima con l'Udinese per Isla e Asamoah. Oggi è stato il turno dei giocatori. Incontri con il procuratore dei due centrocampisti. Per limare i dettagli, per parlare di futuro. Perché se è vero che tecnicamente la Juventus parla di comproprietà, in realtà questa è un'operazione da 30 milioni di euro. Per la precisione 32, visto che siamo ai dettagli. E mentre i ragazzi dovrebbero poi sbarcare a Torino la prossima settimana (Asamoah sabato giocherà con la nazionale, Isla sta recuperando dall'infortunio in Cile) per firme e visite mediche, Juve e Udinese si dovranno incontrare per definire il tutto. Anche le contropartite. In cui non ci sarà Pazienza (l'Udinese ha già bloccato altri due giocatori in quel ruolo), in cui la Juve propone Sorensen, in cui l'Udinese rilancia con Marrone. Ecco questo manca. Per il resto l'accordo c'è. Dettagli appunto.
Sarà necessario incontrarsi di nuovo con il Pescara per Verratti. C'è l'intesa con il giocatore, non con la società. Incontro mercoledì e attenzione agli interessi internazionali (Psg e City?).
Manca invece qualcosa di più (tanto per utilizzare un eufemismo) per vedere in Italia Lucas. Sarebbe previsto un viaggio di Branca in Brasile, per capire meglio la situazione. Che al momento è: 18 milioni di euro al San Paolo, 7 milioni di euro al gruppo di imprenditori che detiene una percentuale del cartellino. Ma 25 milioni (18+7) non bastano. Ne servono molto di più. Tanto che l'Inter sta studiando con la Pirelli una possibile compartecipazione. Visto che il mercato brasiliano per lo sponsor storico dell'Inter è cruciale e che Lucas è uno dei talenti più puri della nazionale verdeoro. Se all'Inter dovessero riuscire ad incastrare tutte le esigenze farebbero un colpaccio. Al momento nulla è certo, tranne l'intenzione. E' per questo che Muller al momento non è una priorità. E' per questo che nel frattempo, in maniera cauta, l'Inter si è rifatta sotto per Giovinco. E il Parma, sempre cautamente, ha chiesto Coutinho, che però per Stramaccioni è incedibile. Arriverà Andreolli (oggi ulteriore incontro con il Chievo), nel mirino Handanovic, tanto che giovedì è previsto un incontro con il Palermo per riparlare di Viviano (magari da poter inserire anche nella trattativa Silvestre?). Dalla Francia scrivono che il sostituto di Maicon sarà Debuchy, che piace anche alla Roma. Alla Roma dove rimarrà Pizarro (che ha rifiutato un'offerta dallo Shanghai Shenhua da 6,5 mln per i prossimi due anni), si continua a pensare a G Rossi. Tutti smentiscono, anche con vigore, ma la Roma ci sta pensando eccome. Prenderlo a prezzi di saldo (seppure infortunato) è un'occasione da non sottovalutare.
Come i pranzi di Berlusconi. Che il 14 giugno incontrerà El Haktoum, primo ministro degli Emirati Arabi. Chissà che tra una portata e l'altra non si parli anche di calcio, di Milan, di possibili ingressi. Con i loro soldi sarebbe decisamente più facile trattenere sia Ibra che Thiago Silva.
A Napoli è iniziato il dopo-Lavezzi. E si chiama Pandev, naturalmente. Che dalla Macedonia giura amore eterno: "Spero di chiudere la carriera al Napoli". E poi il terzino sinistro (in pole Cissokho, per cui il Lione non chiede meno di 11 milioni), idea Gamberini per la difesa, un centrocampista incontrista (Diarra è il preferito ma il più caro).
All'Udinese visto che le cessioni sono praticamente definite potrebbe non partire più Cuadrado (che era cercato dal Napoli), il Palermo venerdì incontrerà Miccoli, offerti tre anni a Balzaretti, Sannino sarà presentato venerdì, Brienza è ufficiale. Venerdì (o al massimo sabato) sarà il giorno dell'ufficialità di Montella a Firenze. Gamberini ha ricevuto offerte da Everton e Bayer Leverkusen. Il Parma ha fatto un sondaggio per Parolo, su Ceccarelli ci sono Parma e Atalanta, su Canini interesse del Genoa e dell'Atalanta. Il Catania ha invece chiesto informazioni su Cutolo e Eramo. Il Torino ha parlato con il Catania di Antenucci (che sarà riscattato) e Maxi Lopez (solo info). Per la porta sondaggio per Rafael del Santos. Lo Zenit sta per presentare un'offerta da 10 milioni per Nainngolan. Felipe Melo vicino al Corinthians.
A Pescara Gasperini non andrà. Ora torna in grande vantaggio Ferrara, e la new entry si chiama Stroppa.
Poi qualche news dalla B: Davide Nicola sarà il nuovo allenatore del Livorno, Sean Sogliano il nuovo ds del Verona. Dove (se dovesse partire Mandorlini) potrebbe arrivare Mangia, corteggiato anche dal Padova, dove a fare il ds andrà Salvatori. De Luca (in gol anche ieri sera) piace a Catania e Palermo. Alla Ternana si conclude la trafila dei rinnovi: vicinissime anche le firme di Ambrosi e Pisacane.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.