HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Juve ora i dettagli, l'Inter e la strategia per Lucas, a Napoli il dopo Lavezzi non è solo Pandev. L'erede di Pandev, gli arabi e il Milan...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come caposervizio e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
07.06.2012 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 41199 volte
© foto di Micri Comunication

Che la Juventus avesse cominciato a fare sul serio lo avevamo già capito ieri. Quando era stato raggiunto un accordo di massima con l'Udinese per Isla e Asamoah. Oggi è stato il turno dei giocatori. Incontri con il procuratore dei due centrocampisti. Per limare i dettagli, per parlare di futuro. Perché se è vero che tecnicamente la Juventus parla di comproprietà, in realtà questa è un'operazione da 30 milioni di euro. Per la precisione 32, visto che siamo ai dettagli. E mentre i ragazzi dovrebbero poi sbarcare a Torino la prossima settimana (Asamoah sabato giocherà con la nazionale, Isla sta recuperando dall'infortunio in Cile) per firme e visite mediche, Juve e Udinese si dovranno incontrare per definire il tutto. Anche le contropartite. In cui non ci sarà Pazienza (l'Udinese ha già bloccato altri due giocatori in quel ruolo), in cui la Juve propone Sorensen, in cui l'Udinese rilancia con Marrone. Ecco questo manca. Per il resto l'accordo c'è. Dettagli appunto.
Sarà necessario incontrarsi di nuovo con il Pescara per Verratti. C'è l'intesa con il giocatore, non con la società. Incontro mercoledì e attenzione agli interessi internazionali (Psg e City?).
Manca invece qualcosa di più (tanto per utilizzare un eufemismo) per vedere in Italia Lucas. Sarebbe previsto un viaggio di Branca in Brasile, per capire meglio la situazione. Che al momento è: 18 milioni di euro al San Paolo, 7 milioni di euro al gruppo di imprenditori che detiene una percentuale del cartellino. Ma 25 milioni (18+7) non bastano. Ne servono molto di più. Tanto che l'Inter sta studiando con la Pirelli una possibile compartecipazione. Visto che il mercato brasiliano per lo sponsor storico dell'Inter è cruciale e che Lucas è uno dei talenti più puri della nazionale verdeoro. Se all'Inter dovessero riuscire ad incastrare tutte le esigenze farebbero un colpaccio. Al momento nulla è certo, tranne l'intenzione. E' per questo che Muller al momento non è una priorità. E' per questo che nel frattempo, in maniera cauta, l'Inter si è rifatta sotto per Giovinco. E il Parma, sempre cautamente, ha chiesto Coutinho, che però per Stramaccioni è incedibile. Arriverà Andreolli (oggi ulteriore incontro con il Chievo), nel mirino Handanovic, tanto che giovedì è previsto un incontro con il Palermo per riparlare di Viviano (magari da poter inserire anche nella trattativa Silvestre?). Dalla Francia scrivono che il sostituto di Maicon sarà Debuchy, che piace anche alla Roma. Alla Roma dove rimarrà Pizarro (che ha rifiutato un'offerta dallo Shanghai Shenhua da 6,5 mln per i prossimi due anni), si continua a pensare a G Rossi. Tutti smentiscono, anche con vigore, ma la Roma ci sta pensando eccome. Prenderlo a prezzi di saldo (seppure infortunato) è un'occasione da non sottovalutare.
Come i pranzi di Berlusconi. Che il 14 giugno incontrerà El Haktoum, primo ministro degli Emirati Arabi. Chissà che tra una portata e l'altra non si parli anche di calcio, di Milan, di possibili ingressi. Con i loro soldi sarebbe decisamente più facile trattenere sia Ibra che Thiago Silva.
A Napoli è iniziato il dopo-Lavezzi. E si chiama Pandev, naturalmente. Che dalla Macedonia giura amore eterno: "Spero di chiudere la carriera al Napoli". E poi il terzino sinistro (in pole Cissokho, per cui il Lione non chiede meno di 11 milioni), idea Gamberini per la difesa, un centrocampista incontrista (Diarra è il preferito ma il più caro).
All'Udinese visto che le cessioni sono praticamente definite potrebbe non partire più Cuadrado (che era cercato dal Napoli), il Palermo venerdì incontrerà Miccoli, offerti tre anni a Balzaretti, Sannino sarà presentato venerdì, Brienza è ufficiale. Venerdì (o al massimo sabato) sarà il giorno dell'ufficialità di Montella a Firenze. Gamberini ha ricevuto offerte da Everton e Bayer Leverkusen. Il Parma ha fatto un sondaggio per Parolo, su Ceccarelli ci sono Parma e Atalanta, su Canini interesse del Genoa e dell'Atalanta. Il Catania ha invece chiesto informazioni su Cutolo e Eramo. Il Torino ha parlato con il Catania di Antenucci (che sarà riscattato) e Maxi Lopez (solo info). Per la porta sondaggio per Rafael del Santos. Lo Zenit sta per presentare un'offerta da 10 milioni per Nainngolan. Felipe Melo vicino al Corinthians.
A Pescara Gasperini non andrà. Ora torna in grande vantaggio Ferrara, e la new entry si chiama Stroppa.
Poi qualche news dalla B: Davide Nicola sarà il nuovo allenatore del Livorno, Sean Sogliano il nuovo ds del Verona. Dove (se dovesse partire Mandorlini) potrebbe arrivare Mangia, corteggiato anche dal Padova, dove a fare il ds andrà Salvatori. De Luca (in gol anche ieri sera) piace a Catania e Palermo. Alla Ternana si conclude la trafila dei rinnovi: vicinissime anche le firme di Ambrosi e Pisacane.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
25.11 - Buonasera e complimenti per la trasmissione. E niente, oggi si parte col basket. Anzi no, con la dichiarazione di Luca Dalmonte, coach di Roma che l'altro giorno ha lanciato la proposta: "Cancelliamo l'ora di ginnastica a scuola". No, dico, ma siamo matti? Ricordo momenti...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Michele Criscitiello
24.11 - Se qualcuno ha notato la differenza tra Conte ed Allegri alzi un dito. Scegliete voi quello che preferite. Allegri è un tipo silenzioso e pacato, Conte è preferito dai giornalisti perché alza la voce, urla e corre in panchina come uno scalmanato alla prima partita in serie A;...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
23.11 - Credere o meno? Innanzitutto vanno registrate tutte le informazioni che stanno vorticosamente girando sulla proprietà del Napoli e sul futuro di De Laurentiis al timone del prestigioso club azzurro. I soli segnali da raccogliere con certezza sono quelli relativi alle smentite...
Editoriale DI: Mauro Suma
22.11 - Roberto Mancini si è presentato in maniera molto sobria ed equilibrata. Gli anni british lo hanno fatto crescere. Meno spigoloso, meno avventato. Del resto il Mancio ha allenato a Manchester, là dove per anni sulla sponda opposta ha regnato Sir Alex Ferguson all'insegna del...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
21.11 - Moratti ha confermato di essere stato lui a consigliare a Thohir di rimettere Mancini sulla panchina dell'Inter, ma c'è di più: la telefonata al Mancio l'ha fatta proprio l'ex presidente in persona. E allora come mai Massimo Moratti poche settimane fa si è dimesso da...
Editoriale DI: Luca Marchetti
20.11 - Due uragani. Entrambi da parte di allenatori. E un mercato che prende forma. Partiamo con calma e con ordine. Mancini pur senza parlare, se non in conferenza stampa, è stato un vero e proprio terremoto. Inaspettato, soprattutto nelle tempistiche. Come inaspettato è stato lo...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
19.11 - Intendiamoci, lo so bene anche io... Il calcio è fatto di ribaltoni e di contraddizioni ma, a questo punto, difficile capirci qualcosa. Sta accadendo di tutto e di più. Thohir che, dopo aver difeso a spada tratta il suo primo ufficiale Mazzarri, lo getta nell'arena e lo lascia...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
18.11 - Bentrovati. Scusate il cattivo umore. Abbiamo i reumatismi, la pelle cotta, le scarpe impantanate, l'orchite a grappoli, centinaia di ombrelli in mezzo alle balle perché esci di casa, lo perdi, lo ricompri a cinque euro dal tizio che inevitabilmente spunta all'angolo della...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
17.11 - Si era presentato come l'uomo dei bilanci, colui che aveva inventato il nuovo business del calcio con le banche ed avevamo creduto che potesse cambiare il calcio italiano. Sì, ma per mezzo secondo. Poi abbiamo scoperto che è il calcio italiano ad aver cambiato lui. Thohir si è...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
16.11 - Se sarà argomento solo d'altra gente lo scopriremo presto, anche attraverso il mercato di gennaio. Parliamo di scudetto, ovviamente, quel desiderio ardente di ogni italiano che vive di pallone e che a Napoli sta diventando una adorabile ossessione. Bisogna osare adesso che la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.