HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

Juve ora i dettagli, l'Inter e la strategia per Lucas, a Napoli il dopo Lavezzi non è solo Pandev. L'erede di Pandev, gli arabi e il Milan...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come caposervizio e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
07.06.2012 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 41176 volte
© foto di Micri Comunication

Che la Juventus avesse cominciato a fare sul serio lo avevamo già capito ieri. Quando era stato raggiunto un accordo di massima con l'Udinese per Isla e Asamoah. Oggi è stato il turno dei giocatori. Incontri con il procuratore dei due centrocampisti. Per limare i dettagli, per parlare di futuro. Perché se è vero che tecnicamente la Juventus parla di comproprietà, in realtà questa è un'operazione da 30 milioni di euro. Per la precisione 32, visto che siamo ai dettagli. E mentre i ragazzi dovrebbero poi sbarcare a Torino la prossima settimana (Asamoah sabato giocherà con la nazionale, Isla sta recuperando dall'infortunio in Cile) per firme e visite mediche, Juve e Udinese si dovranno incontrare per definire il tutto. Anche le contropartite. In cui non ci sarà Pazienza (l'Udinese ha già bloccato altri due giocatori in quel ruolo), in cui la Juve propone Sorensen, in cui l'Udinese rilancia con Marrone. Ecco questo manca. Per il resto l'accordo c'è. Dettagli appunto.
Sarà necessario incontrarsi di nuovo con il Pescara per Verratti. C'è l'intesa con il giocatore, non con la società. Incontro mercoledì e attenzione agli interessi internazionali (Psg e City?).
Manca invece qualcosa di più (tanto per utilizzare un eufemismo) per vedere in Italia Lucas. Sarebbe previsto un viaggio di Branca in Brasile, per capire meglio la situazione. Che al momento è: 18 milioni di euro al San Paolo, 7 milioni di euro al gruppo di imprenditori che detiene una percentuale del cartellino. Ma 25 milioni (18+7) non bastano. Ne servono molto di più. Tanto che l'Inter sta studiando con la Pirelli una possibile compartecipazione. Visto che il mercato brasiliano per lo sponsor storico dell'Inter è cruciale e che Lucas è uno dei talenti più puri della nazionale verdeoro. Se all'Inter dovessero riuscire ad incastrare tutte le esigenze farebbero un colpaccio. Al momento nulla è certo, tranne l'intenzione. E' per questo che Muller al momento non è una priorità. E' per questo che nel frattempo, in maniera cauta, l'Inter si è rifatta sotto per Giovinco. E il Parma, sempre cautamente, ha chiesto Coutinho, che però per Stramaccioni è incedibile. Arriverà Andreolli (oggi ulteriore incontro con il Chievo), nel mirino Handanovic, tanto che giovedì è previsto un incontro con il Palermo per riparlare di Viviano (magari da poter inserire anche nella trattativa Silvestre?). Dalla Francia scrivono che il sostituto di Maicon sarà Debuchy, che piace anche alla Roma. Alla Roma dove rimarrà Pizarro (che ha rifiutato un'offerta dallo Shanghai Shenhua da 6,5 mln per i prossimi due anni), si continua a pensare a G Rossi. Tutti smentiscono, anche con vigore, ma la Roma ci sta pensando eccome. Prenderlo a prezzi di saldo (seppure infortunato) è un'occasione da non sottovalutare.
Come i pranzi di Berlusconi. Che il 14 giugno incontrerà El Haktoum, primo ministro degli Emirati Arabi. Chissà che tra una portata e l'altra non si parli anche di calcio, di Milan, di possibili ingressi. Con i loro soldi sarebbe decisamente più facile trattenere sia Ibra che Thiago Silva.
A Napoli è iniziato il dopo-Lavezzi. E si chiama Pandev, naturalmente. Che dalla Macedonia giura amore eterno: "Spero di chiudere la carriera al Napoli". E poi il terzino sinistro (in pole Cissokho, per cui il Lione non chiede meno di 11 milioni), idea Gamberini per la difesa, un centrocampista incontrista (Diarra è il preferito ma il più caro).
All'Udinese visto che le cessioni sono praticamente definite potrebbe non partire più Cuadrado (che era cercato dal Napoli), il Palermo venerdì incontrerà Miccoli, offerti tre anni a Balzaretti, Sannino sarà presentato venerdì, Brienza è ufficiale. Venerdì (o al massimo sabato) sarà il giorno dell'ufficialità di Montella a Firenze. Gamberini ha ricevuto offerte da Everton e Bayer Leverkusen. Il Parma ha fatto un sondaggio per Parolo, su Ceccarelli ci sono Parma e Atalanta, su Canini interesse del Genoa e dell'Atalanta. Il Catania ha invece chiesto informazioni su Cutolo e Eramo. Il Torino ha parlato con il Catania di Antenucci (che sarà riscattato) e Maxi Lopez (solo info). Per la porta sondaggio per Rafael del Santos. Lo Zenit sta per presentare un'offerta da 10 milioni per Nainngolan. Felipe Melo vicino al Corinthians.
A Pescara Gasperini non andrà. Ora torna in grande vantaggio Ferrara, e la new entry si chiama Stroppa.
Poi qualche news dalla B: Davide Nicola sarà il nuovo allenatore del Livorno, Sean Sogliano il nuovo ds del Verona. Dove (se dovesse partire Mandorlini) potrebbe arrivare Mangia, corteggiato anche dal Padova, dove a fare il ds andrà Salvatori. De Luca (in gol anche ieri sera) piace a Catania e Palermo. Alla Ternana si conclude la trafila dei rinnovi: vicinissime anche le firme di Ambrosi e Pisacane.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
20.10 - La premessa è un atto dovuto: in questo momento così triste per il calcio italiano, dove ci entusiasmiamo per un 2-2 tra Inter e Napoli, bisogna dire grazie alla Roma e al suo tecnico, Garcia: grazie per regalarci qualche emozione e per non aver già steso il tappeto rosso alla...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
19.10 - Molto meglio anche la più scialba partita di pallone, piuttosto che sentirsi bombardati da informazioni su argomenti più o meno scivolosi quando il pallone è in sosta. Sceicchi e cinesi, banche americane o tycoon di ogni dove hanno animato queste due lunghissime settimane...
Editoriale DI: Mauro Suma
18.10 - A metà settimana Massimiliano Allegri ha chiamato a raccolta gli juventini, sulle colonne del Corriere della Sera. Doveva essere l'adunata, il segnale di un ambiente che si ricompatta e si ripropone. Invece si è rivelata una chiamate alle armi all'incontrario. Dopo la sua...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
17.10 - Dei veleni dopo Juve-Roma, quindici giorni dopo, e non se ne può davvero più. L'unico che è uscito da vero signore è il presidente della Roma Pallotta mentre per tutti gli altri tesserati che sono andati fuori dal seminato e dalle righe aspettiamo ancora il deferimento alla...
Editoriale DI: Luca Marchetti
16.10 - Stavolta ve lo scrivo da subito, più che notizie troverete un'analisi. A costo di perdere "numeri" di visualizzazioni sul mio editoriale, avevo piacere di condividere con voi queste riflessioni determinate da altri numeri, incontrovertibili, su come e quanto il mercato può...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
15.10 - Ci sono momenti che valgono una vita o, in questo caso, una carriera... Domenica sera, in un San Siro tutt'altro che amichevole, il condottiero Mazzarri si giocherà tutto. Personalmente mi ricorda molto il Neo di Matrix. Ve lo ricordate il suo primo incontro con Morpheus?...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
14.10 - L'ottavo giorno vide che si stavano divertendo troppo e quindi inventò "la pausa per la Nazionale". Ecco, ci piace pensare che la "pausa per la Nazionale" sia una punizione divina, una penitenza, la mannaia che colpisce noi appassionati di pallone per aver esagerato con le...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
13.10 - La sosta ha ammazzato Walter Mazzarri, semplicemente perchè ha dato il tempo a Thohir di pensare. Un Presidente che vive dall'altra parte del Mondo non può prendere decisioni drastiche in una settimana o poco più. La squadra di calcio è come una pasticceria, una pizzeria o un...
Editoriale DI: Raffaele Auriemma
12.10 - La democrazia è controllo e non può esserci libertà vera senza la previsione di una pena. Parliamo di calcio, di quel microcosmo fatto di regole (scritte e non scritte) che talvolta vengono disattese oppure degradate al rango di quelle consuetudini che possono essere...
Editoriale DI: Mauro Suma
11.10 - Alla stragrande maggioranza dell'Italia non juventina batteva il cuore mentre Totti tuonava dallo Juventus Stadium. Inutile negarlo. A tutti quei cinquantenni che, soli con loro stessi nella loro irrazionalità sportiva, si sono sentiti derubati da ragazzi e magari a torto o a...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.