HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juve, ora sei europea ma Vidal è un problema. Duello con l'Inter per Nastasic. La clausola che libera Mancini. Ecco perché Torres deve giocare. Prandelli un perdente

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
28.11.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40169 volte
© foto di Federico De Luca

Questa Juve è il capolavoro di Allegri. Non la facciamo tanto lunga per la vittoria sul Malmoe, squadra modesta, ma è tutto quello che stanno mostrando i bianconeri (carattere, buon gioco, compattezza) che ci fa pensare a una squadra finalmente competitiva anche in Champions League. L'allenatore è stato bravo prima nel non smontare la Juve di Conte, poi nel cambiarla gradualmente fino a fare accettare dal gruppo il nuovo modulo, più europeo, più efficace, più adatto a una squadra che negli ultimi tre anni si è spremuta molto.

Con il 3-5-2 di Conte era obbligatorio andare a mille all'ora, c'era grande aggressività, con il rischio di non poter tenere tutta la partita, di esporsi al contropiede e di sprecare molte occasioni per scarsa lucidità. Così la Juve ha pagato anche contro squadre più deboli. Allegri è stato bravo nel capire che per continuare a essere competitivi, i bianconeri dovevano cambiare qualcosa, soprattutto doveva ridisegnare la squadra in base alle caratteristiche dei giocatori.

Contro squadre più forti è inutile aggredire, mostrare i muscoli. Con questo 4-3-2-1 la Juve difende più bassa, gioca a ritmo più lento, ragiona con i suoi straordinari centrocampisti, ma sa andare in contropiede con una grande velocità e abilità tecnica. Trova soprattutto più spazio per attaccare e lasciare a Tevez più libertà di movimento per favorire le sue giocate, ma anche per liberare gli inserimenti dei centrocampisti. Il test con l'Atletico del nove dicembre sarà fondamentale per capire a che punto sono i progressi anche in campo europeo visto che in Italia contro la Lazio i bianconeri hanno giocato una partita pressoché perfetta.

C'è solo un problema e si chiama Vidal. Il centrocampista usato come vertice alto di una sorta di rombo, come incursore sul modello di Boateng al Milan , ha un ginocchio che lo tormenta, ma soprattutto sembra aver perso fiducia.

In Svezia ha giocato con poca testa, sprecando contropiede importanti. La Juventus continua a negare, ma Vidal è sul mercato, se dovesse arrivare una offerta ritenuta interessante (la Juve vorrebbe quaranta milioni) potrebbe partite anche a gennaio. Ufficialmente però nessuno si è fatto avanti anche perché la vita non esemplare del cileno è a conoscenza di tutti, anche fuori Torino. Oggi le grandi squadre quando comprano un giocatore a certi livelli, valutano anche i comportamenti e la vita privata. Insomma, cedere Vidal sarà un problema se la Juve non abbasserà il prezzo. Il City la scorsa estate aveva fatto un sondaggio e la Juve sta cercando di riallacciare il discorso anche per avere Nastasic, un difensore che farebbe molto comodo. L'Empoli a gennaio non mollerà Rugani e il ritorno di Barzagli è un giallo, in primavera quando si deciderà la stagione, la Juve vuole farsi trovare pronta e un difensore serve. L'ex viola oggi non gioca e il suo cartellino potrebbe essere un affare.

Nel frattempo però l'arrivo di Mancini all'Inter ha complicato le cose. E' stato proprio il Mancio a volerlo al City e lo ritiene un giocatore molto importante. Nastasic a questo punto avrebbe detto chiaramente al City di preferire l'Inter per ritrovare il tecnico con il quale ha vinto la Premier. Ma dove li trova i soldi l'Inter? E' questo il vero interrogativo che accompagnerà il mercato di gennaio.

E' vero che Mancini ha chiesto un difensore e un esterno, ma i nomi che circolano da Nastasic appunto, a Cerci, sono molto costosi con ingaggi elevati. In questo mese l'allenatore dovrà valutare il parco-giocatori molto numeroso dell'Inter e suggerire eventuali operazioni in uscita che potrebbero coinvolgere almeno un big per fare cassa e reinvestire su giocatori più adatti all'idea di gioco di Mancini. Guarin è sotto esame. Comunque tra gennaio e giugno, l'Inter ha promesso al nuovo tecnico che farà una squadra in grado di tornare a competere ad alto livello per lo scudetto e per un posto in Champions. Se non dovesse accadere, nel contratto c'è una clausola, simile a quella che Mancini aveva con il Galatasaray, attraverso la quale l'allenatore si può liberare a fine stagione. Naturalmente nessuno si augura questo, a cominciare da Mancini, l'Inter ha ritrovato serenità e con la giusta posizione degli uomini in campo, ci sono importanti margini di miglioramento.

Cosa che non può sperare il Milan che ha un organico decisamente non all'altezza soprattutto nel reparto centrale. Troppi attaccanti, pochi centrocampisti, questo è il problema. Che fare? Il tentativo di usare Pazzini come scambio è difficile. Il Pazzo guadagna molto per squadre di media levatura e nessuno vuole privarsi di giocatori di valore. Alla fine resterà al Milan sperando di giocare di più, ma Torres è intoccabile. Non è solo Berlusconi che lo impone, ma anche gli uomini del marketing e del merchandising gradiscono la presenza dello spagnolo che ha ancora un grande nome a livello internazionale e in questo momento gli aspetti extra calcio sono fondamentali. Quindi Torres continuerà a giocare sperando che ritrovi una forma decente e su questo ripartirà Inzaghi.

Nel frattempo si è arenata una delle operazioni che sembravano pronte al decollo, vale a dire Giovinco alla Fiorentina. Il giocatore vuol restare bianconero per giocare la Champions, almeno qualche spezzone, e liberarsi a giugno a parametro zero.

Soprattutto per i viola lo stipendio di Giovinco (quasi tre milioni) non è proponibile e la Juve non intende accollarsi nessun onere. La Fiorentina ha deciso: punterà sul recupero di Marco Marin. Mentre sul mercato ci sono Lazzari, un centrocampista che può far comodo a molte squadre, El Hamdaoui e Yakovenko. Al portiere Neto in scadenza, la Fiorentina ha offerto un milione in più di ingaggio (1,6) e cinque anni di contratto, aspetterà la risposta entro Natale per fare i piani futuro. Se Neto dirà no, spazio a Tatarusanu. Alla finestra c'è la Roma che ha capito da un pezzo che De Santis non può essere il portiere del futuro.

A proposito di ex viola, altro flop per Prandelli esonerato dal Galatasaray. Dopo la Nazionale (un autentico, storico disastro), don Cesarino ha confermato di essere un perdente che sa vendersi molto bene. Vittorie zero, ma tanti soldi presi dappertutto. Complimenti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.