HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Doppio confronto Napoli-Juventus: come finirà?
  La Juve vincerà entrambe le gare
  Il Napoli avrà la meglio in entrambe le sfide
  La Juve mantiene il vantaggio in A ma perde in Coppa
  Il Napoli recupera in A ma esce in Tim Cup

TMW Mob
Editoriale

Juve, ora sei europea ma Vidal è un problema. Duello con l'Inter per Nastasic. La clausola che libera Mancini. Ecco perché Torres deve giocare. Prandelli un perdente

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
28.11.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 40171 volte
© foto di Federico De Luca

Questa Juve è il capolavoro di Allegri. Non la facciamo tanto lunga per la vittoria sul Malmoe, squadra modesta, ma è tutto quello che stanno mostrando i bianconeri (carattere, buon gioco, compattezza) che ci fa pensare a una squadra finalmente competitiva anche in Champions League. L'allenatore è stato bravo prima nel non smontare la Juve di Conte, poi nel cambiarla gradualmente fino a fare accettare dal gruppo il nuovo modulo, più europeo, più efficace, più adatto a una squadra che negli ultimi tre anni si è spremuta molto.

Con il 3-5-2 di Conte era obbligatorio andare a mille all'ora, c'era grande aggressività, con il rischio di non poter tenere tutta la partita, di esporsi al contropiede e di sprecare molte occasioni per scarsa lucidità. Così la Juve ha pagato anche contro squadre più deboli. Allegri è stato bravo nel capire che per continuare a essere competitivi, i bianconeri dovevano cambiare qualcosa, soprattutto doveva ridisegnare la squadra in base alle caratteristiche dei giocatori.

Contro squadre più forti è inutile aggredire, mostrare i muscoli. Con questo 4-3-2-1 la Juve difende più bassa, gioca a ritmo più lento, ragiona con i suoi straordinari centrocampisti, ma sa andare in contropiede con una grande velocità e abilità tecnica. Trova soprattutto più spazio per attaccare e lasciare a Tevez più libertà di movimento per favorire le sue giocate, ma anche per liberare gli inserimenti dei centrocampisti. Il test con l'Atletico del nove dicembre sarà fondamentale per capire a che punto sono i progressi anche in campo europeo visto che in Italia contro la Lazio i bianconeri hanno giocato una partita pressoché perfetta.

C'è solo un problema e si chiama Vidal. Il centrocampista usato come vertice alto di una sorta di rombo, come incursore sul modello di Boateng al Milan , ha un ginocchio che lo tormenta, ma soprattutto sembra aver perso fiducia.

In Svezia ha giocato con poca testa, sprecando contropiede importanti. La Juventus continua a negare, ma Vidal è sul mercato, se dovesse arrivare una offerta ritenuta interessante (la Juve vorrebbe quaranta milioni) potrebbe partite anche a gennaio. Ufficialmente però nessuno si è fatto avanti anche perché la vita non esemplare del cileno è a conoscenza di tutti, anche fuori Torino. Oggi le grandi squadre quando comprano un giocatore a certi livelli, valutano anche i comportamenti e la vita privata. Insomma, cedere Vidal sarà un problema se la Juve non abbasserà il prezzo. Il City la scorsa estate aveva fatto un sondaggio e la Juve sta cercando di riallacciare il discorso anche per avere Nastasic, un difensore che farebbe molto comodo. L'Empoli a gennaio non mollerà Rugani e il ritorno di Barzagli è un giallo, in primavera quando si deciderà la stagione, la Juve vuole farsi trovare pronta e un difensore serve. L'ex viola oggi non gioca e il suo cartellino potrebbe essere un affare.

Nel frattempo però l'arrivo di Mancini all'Inter ha complicato le cose. E' stato proprio il Mancio a volerlo al City e lo ritiene un giocatore molto importante. Nastasic a questo punto avrebbe detto chiaramente al City di preferire l'Inter per ritrovare il tecnico con il quale ha vinto la Premier. Ma dove li trova i soldi l'Inter? E' questo il vero interrogativo che accompagnerà il mercato di gennaio.

E' vero che Mancini ha chiesto un difensore e un esterno, ma i nomi che circolano da Nastasic appunto, a Cerci, sono molto costosi con ingaggi elevati. In questo mese l'allenatore dovrà valutare il parco-giocatori molto numeroso dell'Inter e suggerire eventuali operazioni in uscita che potrebbero coinvolgere almeno un big per fare cassa e reinvestire su giocatori più adatti all'idea di gioco di Mancini. Guarin è sotto esame. Comunque tra gennaio e giugno, l'Inter ha promesso al nuovo tecnico che farà una squadra in grado di tornare a competere ad alto livello per lo scudetto e per un posto in Champions. Se non dovesse accadere, nel contratto c'è una clausola, simile a quella che Mancini aveva con il Galatasaray, attraverso la quale l'allenatore si può liberare a fine stagione. Naturalmente nessuno si augura questo, a cominciare da Mancini, l'Inter ha ritrovato serenità e con la giusta posizione degli uomini in campo, ci sono importanti margini di miglioramento.

Cosa che non può sperare il Milan che ha un organico decisamente non all'altezza soprattutto nel reparto centrale. Troppi attaccanti, pochi centrocampisti, questo è il problema. Che fare? Il tentativo di usare Pazzini come scambio è difficile. Il Pazzo guadagna molto per squadre di media levatura e nessuno vuole privarsi di giocatori di valore. Alla fine resterà al Milan sperando di giocare di più, ma Torres è intoccabile. Non è solo Berlusconi che lo impone, ma anche gli uomini del marketing e del merchandising gradiscono la presenza dello spagnolo che ha ancora un grande nome a livello internazionale e in questo momento gli aspetti extra calcio sono fondamentali. Quindi Torres continuerà a giocare sperando che ritrovi una forma decente e su questo ripartirà Inzaghi.

Nel frattempo si è arenata una delle operazioni che sembravano pronte al decollo, vale a dire Giovinco alla Fiorentina. Il giocatore vuol restare bianconero per giocare la Champions, almeno qualche spezzone, e liberarsi a giugno a parametro zero.

Soprattutto per i viola lo stipendio di Giovinco (quasi tre milioni) non è proponibile e la Juve non intende accollarsi nessun onere. La Fiorentina ha deciso: punterà sul recupero di Marco Marin. Mentre sul mercato ci sono Lazzari, un centrocampista che può far comodo a molte squadre, El Hamdaoui e Yakovenko. Al portiere Neto in scadenza, la Fiorentina ha offerto un milione in più di ingaggio (1,6) e cinque anni di contratto, aspetterà la risposta entro Natale per fare i piani futuro. Se Neto dirà no, spazio a Tatarusanu. Alla finestra c'è la Roma che ha capito da un pezzo che De Santis non può essere il portiere del futuro.

A proposito di ex viola, altro flop per Prandelli esonerato dal Galatasaray. Dopo la Nazionale (un autentico, storico disastro), don Cesarino ha confermato di essere un perdente che sa vendersi molto bene. Vittorie zero, ma tanti soldi presi dappertutto. Complimenti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.