HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juve, se Conte va al PSG c'è l'idea Klopp. L'allenatore furioso con Marotta: rinnovo più difficile. Keita bianconero per Quagliarella. Icardi all'Atletico Madrid

18.04.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 49092 volte
Juve, se Conte va al PSG c'è l'idea Klopp. L'allenatore furioso con Marotta: rinnovo più difficile. Keita bianconero per Quagliarella. Icardi all'Atletico Madrid

E' Klopp, l'allenatore del Borussia Dortmund, il grande obiettivo di Andrea Agnelli e di Giuseppe Marotta per la panchina bianconera se, come sembra, Antonio Conte deciderà di non rinnovare il contratto. Il nome del tedesco, tenuto nascosto per settimane è sempre stato l'uomo sul quale ha puntato sotterraneamente la società da quando ha capito che tenere Conte non sarebbe stato né così facile e tanto meno scontato.
In un primo tempo le attenzioni erano state rivolte verso Roberto Mancini che ha un contratto di tre anni con il Galatasary ma una clausola per la quale può liberarsi per andare a una grande, poi da quando sono arrivati segnali di un possibile divorzio tra il Borussia e Klopp, Agnelli ha puntato dritto su di lui e a questo punto forse non dispiacerebbe neppure troppo se Conte decidesse di andar via.
La situazione per la panchina bianconera, come vi abbiamo sempre detto fregandocene degli insulti dei tifosi bianconeri, non è così semplice come è sempre stato descritto. Dove sono finiti quelli che per mesi hanno parlato di accordo già raggiunto, di firma imminente? I giornali sono in collezione, per fortuna. Le cose non sono mai state così facili perché Conte è combattuto, vorrebbe restare, ma nelle stesso tempo ha forti remore per l'organico della Juventus, per alcuni giocatori che forse hanno già dato il meglio e per i mondiali che gli restituiranno almeno dieci bianconeri molto usurati fisicamente e mentalmente.
Cosa posso fare con una squadra così? Riuscirò a trovare le motivazioni dopo tre scudetti consecutivi? Sono questi i grandi interrogativi che tormentano Conte e lo fanno dubitare del suo futuro.
Sente il bisogno di cimentarsi per altri traguardi, è un ambizioso e partire per vincere il quarto scudetto probabilmente non lo soddisfa. Vuole conoscere esattamente i programmi della Juventus, vuole sapere se c'è davvero l'intenzione di investire ancora per colmare almeno in parte il divario con le grandi d'Europa per provare a diventare protagonisti anche oltre l'Italia.
Conte vuole aspettare a sedersi intorno a un tavolo, vuole vincere matematicamente il titolo e provare a portare in dote anche l'Europa League che è l'ultimo obiettivo. Sa benissimo che il suo potere contrattuale sarebbe molto più alto con due titoli e per questo vuole aspettare. La Juve invece ha furia perché sa che il suo allenatore è molto corteggiato e teme di perderlo a maggior ragione se vincerà anche la coppa.
Le parole di mercoledì' di Marotta suonate come un ultimatum , hanno dato molto fastidio a Conte, non si aspettava una pressione di questo genere per metterlo in difficoltà con i tifosi e allora se fino a due giorni fa c'erano cinquanta probabilità su cento che Conte rimanesse in bianconero, dopo queste parole di Marotta la percentuale è notevolmente scesa.
Secondo voi, Conte è uno che si fa dare gli ultimatum. Ecco perché la situazione è complessa e qualcuno all'interno della Juve tifa perché Conte se ne vada per aprire un nuovo ciclo con Klopp ritenuto un personaggio carismatico, capace di far giocare bene le squadre, di lanciare i giovani e molto più aziendalista di Conte.
Il finale di questa storia è ancora tutto da scrivere. Probabilmente l'allenatore e la società si incontreranno appena lo scudetto sarà matematico, ma per chiudere il discorso Conte vuole aspettare metà maggio.
Klopp è ancora legato al Borussia, ma il ciclo sembra finito e la voglia di cambiare aria è tanta. C'è anche il Barcellona, ma i blaugrana per prendere Klopp dovrebbero cambiare modo di giocare e troppi interpreti: non è cosa. Tra l'altro l'allenatore tedesco sarà a Montecatini il 12 maggio per ritirare il premio Maestrelli e in quell'occasione, probabilmente incontrerà Marotta.
Intanto si è fatto pressante su Conte il Psg. Il lavoro di Blanc non ha completamente soddisfatto, è maturata l'idea che in uno spogliatoio di campioni servirebbe un allenatore più duro, più pressante. Proprio la presenta di almeno dieci- dodici giocatori base che parlano italiano avrebbe indotto Conte a preferire la società parigina piuttosto che Arsenal e Monaco che lo corteggiano da tempo. In Francia gli chiederebbero subito la Champions, una sfida che a Conte piace.
Se la Juve vuol trattenere l'allenatore pugliese dovrà fare un adeguato piano di rafforzamento che vada oltre i Cerci e i Paletta già promessi. Vedremo. Oggi come oggi la partita è completamente aperta e anche quelli che a gennaio avevano già parlato di accordo fatto dovranno ricredersi. Alcuni lo hanno già fatto.
In attesa, Marotta sta cercando di fare alcune operazioni di mercato soprattutto tese a un forte ringiovanimento. Uno degli obiettivi più importanti è Keita, l'attaccante spagnolo della Lazio ex Barca, che sta impressionando. La Juve ha offerto Quagliarella (c'è l'accordo con Lotito) e soldi, ma il presidente della Lazio vuole prima allungare il contratto di Keita per avere maggiore potere contrattuale al momento della cessione.
A proposito di cessioni, Maurito Icardi lascerà quasi sicuramente l'Inter per le sue vicende personali. L'argentino è forte, ha grandi margini di miglioramento, ma uno dei primi imput di Thohir ai dirigenti è quello di avere una squadra di professionisti seri in grado di portare alto il nome dell'Inter nel mondo. Le avventure personali di Icardi (Wanda Nara) e la sua esuberanza mediatica (corna e quant'altro) hanno aggiunto fastidio ai fastidi del presidente indonesiano. L'Atletico dovrà sostituire Diego Costa destinato al Chelsea e Simeone ha chiesto proprio Icardi. L'affare si farà, all'Inter dovrebbe andare Torres anche se si aspetta l'ultima decisione sul futuro di Mazzarri prima di avviare la campagna acquisti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.