VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Juve, se Conte va al PSG c'è l'idea Klopp. L'allenatore furioso con Marotta: rinnovo più difficile. Keita bianconero per Quagliarella. Icardi all'Atletico Madrid

18.04.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 49094 volte
Juve, se Conte va al PSG c'è l'idea Klopp. L'allenatore furioso con Marotta: rinnovo più difficile. Keita bianconero per Quagliarella. Icardi all'Atletico Madrid

E' Klopp, l'allenatore del Borussia Dortmund, il grande obiettivo di Andrea Agnelli e di Giuseppe Marotta per la panchina bianconera se, come sembra, Antonio Conte deciderà di non rinnovare il contratto. Il nome del tedesco, tenuto nascosto per settimane è sempre stato l'uomo sul quale ha puntato sotterraneamente la società da quando ha capito che tenere Conte non sarebbe stato né così facile e tanto meno scontato.
In un primo tempo le attenzioni erano state rivolte verso Roberto Mancini che ha un contratto di tre anni con il Galatasary ma una clausola per la quale può liberarsi per andare a una grande, poi da quando sono arrivati segnali di un possibile divorzio tra il Borussia e Klopp, Agnelli ha puntato dritto su di lui e a questo punto forse non dispiacerebbe neppure troppo se Conte decidesse di andar via.
La situazione per la panchina bianconera, come vi abbiamo sempre detto fregandocene degli insulti dei tifosi bianconeri, non è così semplice come è sempre stato descritto. Dove sono finiti quelli che per mesi hanno parlato di accordo già raggiunto, di firma imminente? I giornali sono in collezione, per fortuna. Le cose non sono mai state così facili perché Conte è combattuto, vorrebbe restare, ma nelle stesso tempo ha forti remore per l'organico della Juventus, per alcuni giocatori che forse hanno già dato il meglio e per i mondiali che gli restituiranno almeno dieci bianconeri molto usurati fisicamente e mentalmente.
Cosa posso fare con una squadra così? Riuscirò a trovare le motivazioni dopo tre scudetti consecutivi? Sono questi i grandi interrogativi che tormentano Conte e lo fanno dubitare del suo futuro.
Sente il bisogno di cimentarsi per altri traguardi, è un ambizioso e partire per vincere il quarto scudetto probabilmente non lo soddisfa. Vuole conoscere esattamente i programmi della Juventus, vuole sapere se c'è davvero l'intenzione di investire ancora per colmare almeno in parte il divario con le grandi d'Europa per provare a diventare protagonisti anche oltre l'Italia.
Conte vuole aspettare a sedersi intorno a un tavolo, vuole vincere matematicamente il titolo e provare a portare in dote anche l'Europa League che è l'ultimo obiettivo. Sa benissimo che il suo potere contrattuale sarebbe molto più alto con due titoli e per questo vuole aspettare. La Juve invece ha furia perché sa che il suo allenatore è molto corteggiato e teme di perderlo a maggior ragione se vincerà anche la coppa.
Le parole di mercoledì' di Marotta suonate come un ultimatum , hanno dato molto fastidio a Conte, non si aspettava una pressione di questo genere per metterlo in difficoltà con i tifosi e allora se fino a due giorni fa c'erano cinquanta probabilità su cento che Conte rimanesse in bianconero, dopo queste parole di Marotta la percentuale è notevolmente scesa.
Secondo voi, Conte è uno che si fa dare gli ultimatum. Ecco perché la situazione è complessa e qualcuno all'interno della Juve tifa perché Conte se ne vada per aprire un nuovo ciclo con Klopp ritenuto un personaggio carismatico, capace di far giocare bene le squadre, di lanciare i giovani e molto più aziendalista di Conte.
Il finale di questa storia è ancora tutto da scrivere. Probabilmente l'allenatore e la società si incontreranno appena lo scudetto sarà matematico, ma per chiudere il discorso Conte vuole aspettare metà maggio.
Klopp è ancora legato al Borussia, ma il ciclo sembra finito e la voglia di cambiare aria è tanta. C'è anche il Barcellona, ma i blaugrana per prendere Klopp dovrebbero cambiare modo di giocare e troppi interpreti: non è cosa. Tra l'altro l'allenatore tedesco sarà a Montecatini il 12 maggio per ritirare il premio Maestrelli e in quell'occasione, probabilmente incontrerà Marotta.
Intanto si è fatto pressante su Conte il Psg. Il lavoro di Blanc non ha completamente soddisfatto, è maturata l'idea che in uno spogliatoio di campioni servirebbe un allenatore più duro, più pressante. Proprio la presenta di almeno dieci- dodici giocatori base che parlano italiano avrebbe indotto Conte a preferire la società parigina piuttosto che Arsenal e Monaco che lo corteggiano da tempo. In Francia gli chiederebbero subito la Champions, una sfida che a Conte piace.
Se la Juve vuol trattenere l'allenatore pugliese dovrà fare un adeguato piano di rafforzamento che vada oltre i Cerci e i Paletta già promessi. Vedremo. Oggi come oggi la partita è completamente aperta e anche quelli che a gennaio avevano già parlato di accordo fatto dovranno ricredersi. Alcuni lo hanno già fatto.
In attesa, Marotta sta cercando di fare alcune operazioni di mercato soprattutto tese a un forte ringiovanimento. Uno degli obiettivi più importanti è Keita, l'attaccante spagnolo della Lazio ex Barca, che sta impressionando. La Juve ha offerto Quagliarella (c'è l'accordo con Lotito) e soldi, ma il presidente della Lazio vuole prima allungare il contratto di Keita per avere maggiore potere contrattuale al momento della cessione.
A proposito di cessioni, Maurito Icardi lascerà quasi sicuramente l'Inter per le sue vicende personali. L'argentino è forte, ha grandi margini di miglioramento, ma uno dei primi imput di Thohir ai dirigenti è quello di avere una squadra di professionisti seri in grado di portare alto il nome dell'Inter nel mondo. Le avventure personali di Icardi (Wanda Nara) e la sua esuberanza mediatica (corna e quant'altro) hanno aggiunto fastidio ai fastidi del presidente indonesiano. L'Atletico dovrà sostituire Diego Costa destinato al Chelsea e Simeone ha chiesto proprio Icardi. L'affare si farà, all'Inter dovrebbe andare Torres anche se si aspetta l'ultima decisione sul futuro di Mazzarri prima di avviare la campagna acquisti.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.