HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Juve, se fosse arrivato Guarin sarebbe partito Vidal. Roma: Pjanic, al Psg non si può dire no. Inter: i tifosi volevano Thohir, non le frasi dell'avvocato. Christian Brocchi: Cremona? Doha e a testa alta...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
25.01.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 69782 volte

Fredy Guarin ha tre anni meno di Vucinic e si sente nel pieno della sua carriera, non nell'ultimo segmento. E' esplosivo, decisivo e ha voglia di vincere. La scintilla con Antonio Conte sarebbe scoccata senza alcun dubbio ed è assolutamente normale che la Juventus lo abbia richiesto. Sarebbe stata una operazione nettamente a favore della Juventus, e i tifosi interisti si sono opposti. Ma, tema da affrontare, cosa sarebbe accaduto nello spogliatoio bianconero se Guarin fosse stato accontentato? Pogba, Pirlo, Vidal, Marchisio e Guarin. Cinque big per tre posti di centrocampo, con una competizione, il Campionato, sostanzialmente indirizzata e l'altra, l'Europa League, tradizionalmente ostica alle squadre italiane. Insomma, cinque così forti sarebbero stati troppi. Fosse arrivato Guarin, il giocatore più simile alle caratteristiche del colombiano si sarebbe rivelato certamente Vidal. Per passo, pericolosità, energia e posizione in campo Guarin è il giocatore più assimilabile a Vidal. Il quale peruviano in settimana ha dichiarato di essere il migliore al mondo nel suo ruolo e nel suo calcio. Una esplosione di autostima che contrasta un po', che dite, con il verbo dell'umiltà e della spina attaccata di Conte. L'approdo di Guarin avrebbe anche potuto essere il primo passo della futuribile e per certi versi ricchissima operazione Vidal. Entrate e uscite, uscite ed entrate, è il calcio di oggi, il calcio italiano soprattutto.

Con i controllori dell'UEFA pronti a passare il bilancio del PSG al setaccio del Financial Fair Play, una operazione a due/tre cifre come quella di Pogba, sarebbe stata impossibile per il Club parigino. Ecco allora, dalla bocca del tecnico Laurent Blanc, un nome importante, costoso, ma intermedio. Il nome di MiralemPjanic. Ci interessa, e a dirlo non è il primo che passa per strada, ma l'allenatore del Club più expensive d'Europa e del Mondo. Lo stesso Club che ha strapagato quest'estate, acquistandolo proprio dalla Roma, il talentuosissimo difensore brasiliano Marquinhos. Giusto che la Roma, alle prese con una possibilissima qualificazione in Champions League e una possibilissima conquista della Coppa Italia, smentisca e sopisca le voci. Ma proprio il Club giallorosso ha dimostrato di saper acquistare bene dopo aver ceduto altrettanto bene. E se il PSG offrisse più di 25 milioni, la Roma, rinforzata da Nainggolan, saprebbe poi bene come spenderli. Mai dire mai.

I tifosi dell'Inter non sono scesi in piazza per Guarin-Vucinic. O quantomeno, non solo per quello. Ci sono andati dopo aver preso atto per giorni che nel suo primo mercato da presidente nerazzurro, ErickThohir tendeva a traccheggiare. Ci sono andati dopo aver letto sul Corriere della Sera, opportunamente fatte filtrare, tutte le perplessità del presidente Moratti sull'assenza dal mercato del nuovo Club di via Durini. Non vedevano l'ora di soppesare e valutare la prima mossa, e quando hanno sgranato gli occhi di fronte alle notizie d'agenzia sul "baratto" Guarin-Vucinic non li ha tenuti più nessuno. Siamo convinti che i primi ad essere dispiaciuti di dover prendere l'iniziativa rispetto alla loro Società, siano stati proprio i tifosi con gli striscioni davanti alla sede interista. Non gradivano di dover essere proprio loro a dover dimostrare la scarsa reattività dei loro stessi dirigenti. Non è stato dunque un momento qualunque, quello di inizio settimana sulla piazza nerazzurra. Ma uno di quelli da ricordare, da evocare come lo spartiacque di un'epoca. E proprio per questo, dopo le martellate bianconere del giorno prima, doveva essere Thohir a rispondere. Lui, in carne e ossa. Lui, petto in fuori. Non l'ordinata pagina scritta da un legale e firmata dal grande atteso. Per non dire grande assente, un po' su tutta la linea.

Dieci giorni di calcio piacevole ed educato. Niente proteste dei suoi ragazzi sul campo e tanti complimenti da parte dei dirigenti dei Settori giovanili dei Top club europei. Così Cristian Brocchi si è preso la rivincita sui titolacci decembrini sulle scommesse e affini. La sua squadra, gli Allievi I/II Divisione del Milan, al Torneo di Doha, in Qatar e in diretta su Milan Channel, si è lasciata alle spalle Barcellona, Manchester e Paris Saint Germain. E solo l'espulsione, ingiusta di un loro difensore, dopo mezz'ora di gioco, alla quale il Milan di Brocchi ha reagito non protestando ma continuando a giocare a calcio, ha impedito ai '98 rossoneri di arrivare in Finale. Ma anche se in Semifinale con il Real Madrid è finita 1-2 con la grande occasione del pareggio nel recupero, il Milan ha espresso l'MVP della Finale 3' posto (Andre Llamas) e il capocannoniere del Torneo, Patrick Cutrone con 6 gol. Bravo Cristian. Mai fuori dalle righe, amatissimo dai suoi giocatori. Così, sul campo, ci si lascia alle spalle tutto. Da veri uomini di calcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan: le lancette indietro di un giorno. e attenzione alle nuvole nere. Roma: Strootman, calendario decisivo. L'Inter di Kia non trova continuità 10.12 - Per ore intere, giorni e settimane si è parlato del 13 Dicembre. Una volta arrivati in prossimità della data fatidica, abbiamo dovuto un po' tutti cambiare giorno. Una sorta di ora legale moltiplicata per 24. Solitamente si mettono le lancette indietro di un'ora. Questa...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.