HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

Juve, tra Cavani e Verratti con i soldi di Pogba. Dybala, si tratta. Conte decide a giugno. Inter, via Podolski per Lucas Leiva. Roma, Ancelotti il dopo Garcia

13.02.2015 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 37027 volte
© foto di Federico De Luca

Dalla tela che la Juve sta tessendo in gran segreto spesso escono delle indiscrezioni che lasciano ormai ben pochi dubbi come abbiamo sempre sostenuto: Pogba è destinato a lasciare i bianconeri.

Del resto solo con questa enorme plusvalenza i bianconeri riusciranno a fare un mercato importante per rafforzare la Juventus anche in chiave Champions. Marotta sa benissimo che Morata non basta (la recumpra del Real caso mai è dal 2016) e l'estate prossima deve preoccuparsi di trovare un grande attaccante capace di andare in doppia cifra per preparare anche il dopo-Tevez (nel 2016 tornerà in Argentina). Prima o poi anche Pirlo si dovrà arrendere all'età e in difesa c'è bisogno di un dopo-Barzagli pescando un giocatore di alto livello. Attaccante, regista e difensore, tre posti chiave ai quali va unito un trequartista vero, in grado di dare fantasia e imprevedibilità alla manovra della Juve di Allegri.

Come fare a reperire tutti questi soldi e tutti questi giocatori ormai è chiaro a tutti. Pogba finirà all'asta, cento milioni sono possibili, ottanta sicuri. Raiola è da tempo al lavoro per affiancare i bianconeri e l'ultima società che ha capito di aver bisogno di un giocatore così è il Real: l'affare con qualcuno si farà.

Raiola, comunque, è abilissimo e la Juventus con la sua collaborazione venderà Pogba sicuramente al meglio. L'ex pizzaiolo sta puntando dritto anche sul Psg con il quale ha buoni rapporti da sempre. Gli sceicchi proprietari del club hanno confermato il loro interesse e Raiola sta tessendo la sua tela. Cavani è il grande oggetto del desiderio della Juventus e il giocatore tornerebbe in Italia volentieri anche per togliersi dall'ombra di Ibra. Ma alla Juve piace molto anche Verratti, il dopo Pirlo ideale.

Sul giovane regista ha messo gli occhi da un pezzo anche il Barcellona che vuole sostituire Xavi, ma l'accoppia Cavani-Verratti più qualche milione di euro in cambio di Pogba, per la Juve potrebbe essere un grande affare. Si sta lavorando e certe operazioni si fanno con grande pazienza, non è facile mettere assieme tutte le caselle anche perché Cavani guadagna cifre improponibili per la Juve e si stratta quindi, eventualmente, di convincere il giocatore a spalmarsi l'ingaggio o roba del genere. Un po' di soldi ai bianconeri arriveranno anche dalla cessione di Llorente che sembra ormai destinato a finire ai margini del progetto bianconero. Preso a parametro zero, lo spagnolo comunque sarà una bella plusvalenza perché nel suo paese ci sono club disposti a spendere cifre importanti.

Alla Juve piace molto anche Dybala che sarebbe l'ideale sostituto di Tevez nel 2016. La situazione con il Palermo però sta precipitando e la sparata di Zamparini di due giorni fa ha complicato il lavoro che i bianconeri stavano facendo dietro le quinte. Chi c'è alle spalle di Dybala che turba i programmi della Juve e di Zamparini?

Secondo qualcuno l'Inter, ma la situazione è complessa per i personaggi in campo. Alla Juve interessa anche Vazquez, 25 anni, esploso tardi, ma sicuramente il trequartista di fantasia e corsa che farebbe al caso di Allegri. Anche su questo tavolo Marotta c'è. Un affare praticamente già concluso è De Jong. Il centrocampista è in scadenza e non vuol restare al Milan, già pronto il trasferimento a Torino alla corte del suo ex allenatore Allegri che vuole usarlo come interno di centrocampo in alternativa a Vidal.

Il Milan ha 14 giocatori in scadenza e nessuno dei quali ha intenzione di rinnovare. Anche per questo in un vertice in società nei giorni scorsi è stata decisa la rifondazione. Inzaghi non ha futuro, si è scoperto che è pure condizionato dai vecchi dello spogliatoio e la fascia di capitano a Muntari è l'ultimo segno di debolezza che Berlusconi non ha gradito. Contro la Juve doveva uscire proprio Muntari, poi la decisione è stata cambiata ed è stato sostituito Poli che giocava meglio. Come mai? Ognuno dia la sua risposta.

Un grande vecchio della società ha fatto presente a Berlusconi che in campo vanno giocatori e calciatori. Il Milan ha sempre avuto dei giocatori (top player di oggi, quelli che sanno giocare, ma hanno una marcia in più nell'ottica della squadra) mentre oggi è pieno di solo calciatori. Anche mediocri.

Si punterà subito su un grande allenatore e su un lavoro sul medio periodo. La rifondazione sarà totale se il Milan non centrerà neppure l'Europa League. Conte è sempre nel mirino, è vero che il Ct è orgoglioso e l'idea di riuscire a cambiare la nazionale contro tutti e tutto resiste. Vuol per far vedere che lui non è Prandelli che ora fa finta di stare dalla parte di Conte solo per difendere sé stesso e il fallimento brasiliano, che con il coraggio e la forza delle idee si può andare avanti. Questa oggi è l'idea di Conte però con Tavecchio non lega e la vera decisione sarà presa dopo le partite di giugno dell'Europeo anche in base a quello che succederà in federcalcio. Se Conte dovesse dire no, il Milan ha comunque bisogno di un allenatore di prima fascia.

Qualcuno ha suggerito Klopp, ma Berlusconi preferisce un italiano e Montella è sempre nel mirino anche se la Fiorentina l'ha blindato.

Rimanendo in tema allenatori, è sempre probabile l'addio di Garcia dalla Roma. Fuori dalla coppa Italia, in difficoltà in campionato, se i giallorossi non dovesse centrare il secondo posto e far bene in Europa League, il divorzio sarebbe inevitabile anche per ragioni interne e polemiche tutte romane.

Sabatini che ha capito tutto da un pezzo ha contattato Mazzarri, ma sta sondando anche Ancelotti. Al Real fino a poche settimane fa era un mito dopo aver vinto la Decima, ora qualche rapporto scricchiola e si sa che in certe società se non vinci e soprattutto se sei italiano (ricordate Capello?), fai presto a cadere in disgrazia. Ancelotti sta bene al Real, ma deve rinnovare il contratto e da sempre il suo sogno è quello di chiudere la carriera con i club alla Roma dove ha cominciato da giocatore più di 30 anni fa.

Sabatini gli ha fatto sapere che nel caso in cui…La partita è aperta, ma il futuro della panchina del Real si deciderà solo in aprile. Sempre in tema di panchine, non per insistere, ci risulta che Benitez abbia già detto a De Laurentiis che non resterà. Ma anche Montella, uno di quello che piacciono al presidente cinematografaro, ha tagliato corto sul suo futuro: resta a Firenze. I maligni dicono che non gli piacerebbe avere un presidente così invadente, ma sono solo maligni.

Visto che parliamo di Montella, è vero che Allan piace molto ai viola. Piace a tal punto che l'anno scorso quando è stata risolta la comproprietà di Cuadrado, la società viola ha fatto un sondaggio per portare subito a Firenze anche il centrocampista. L'Udinese ha detto no, ma ora c'è chi parla di una opzione viola o comunque di una parola data, in caso di cessione ci sarebbe una priorità. Certo è che l'Udinese è una bottega molto cara.

Infine l'Inter. Mancini ha già detto ad Ausilio che Podolski difficilmente sarà nei suoi programmi futuri, è un giocatore non più disposto a rimettersi in gioco e a lavorare per la squadra. Gente così non serve. Sarà restituito all'Arsenal: non era un caso se Wenger non lo faceva giocare. Per il centrocampo Mancini vuole assolutamente Lucas Leiva e il discorso con il Liverpool è ripartito.

TWITTER @EnzoBucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.