HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juve ultima offerta per Draxler, Inter ancora tutto in piedi. Il Milan riallaccia Soriano, la Roma alla caccia di un trequartista e il Napoli incontra Lemina... pronti ai fuochi d'artificio?

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
27.08.2015 17.37 di Luca Marchetti   articolo letto 275889 volte
© foto di Federico De Luca

Fine mercato di corsa per tutte le squadre italiane. Tutte. Ognuno ha da fare qualche cosa, anche di grosso e questi saranno i sei giorni più intensi di tutta quest'estate scoppiettante. Veri e propri fuochi d'artificio. Partiamo con le notizie più fresche quelle della Juventus. Che Draxler, come abbiamo sempre detto, non l'ha mai mollato. E ha cambiato anche strategia. Non possiamo dire che regna ottimismo in casa bianconera, ma l'offerta è stata alzata eccome. Ora dai 15 di base si è passati ai 22-23 milioni più bonus. Come a dire: abbiamo capito che il giocatore è sano, e il problema non è che non crediamo in lui, anzi. Ma la nostra valutazione di fondo rimane sempre quella e quindi bonus. Il problema è che (al di là della distanza economica) lo Schalke non scende dai propri principi. Intanto la valutazione che fa del trequartista tedesco è 32,5 milioni. Scenderebbe anche a 30. Ma obbligatoriamente senza bonus. Allergia al segno più. E così si tratta ma la strada rimane estremamente in salita.

La campagna di Russia per Witsel procede. Anche qui i numeri non sono proprio confortanti, ma comunque più bassi. La valutazione che fa lo Zenit del centrocampista belga è intorno ai 25 milioni di euro. Un prezzo che potrebbe ulteriormente abbassarsi se nel frattempo i russi dovessero arrivare a Joao Moutinho. L'arrivo del centrocampista del Monaco potrebbe spingere Witsel al trasferimento. Cartellino dunque più abbordabile a fronte però di uno stipendio già alto. La Juve è in fase di riflessione e nel frattempo saluta Llorente. Rescissione di contratto per lui. Arrivato a zero, se ne va a zero anche per facilitare il trasferimento di un giocatore con cui i rapporti sono stati cordialissimi e assolutamente sotto l'insegna dell'affetto. Naturalmente a questo punto Zaza non dovrebbe partire più.

In piena fibrillazione di mercato anche l'Inter. L'ultimatum a Perisic continua, almeno ancora per un giorno. Il Wolfsburg ancora non ha risposto all'offerta nerazzurra (19 milioni complessivi) e nel frattempo i tedeschi hanno ceduto De Bruyne al City per 75 milioni di euro. Avete letto bene. 75 milioni di euro. Questo non significa in automatico che l'Inter riceverà un no. Anzi. L'entourage del giocatore e gli intermediari sono ottimisti, il ragazzo sta spingendo per andare via. Ma il via libera non è ancora arrivato e quindi Ausilio lavora anche sulle piste parallele. Quella alternativa è Lamela. Accordo con il giocatore raggiunto ieri (con il papà e il suo procuratore), accordo di massima con il Tottenham in tasca. Quando arriva una risposta dalla Germania si deciderà di lanciare l'assalto in Inghilterra. O Perisic o Lamela quindi. Con Lavezzi che rimane una pista percorribile. Ma il Pocho ancora non ha risposto (e sembrerebbe non intenzionato ad accettare. I suoi agenti peraltro domani saranno a Roma per andare a parlare con Iturbe (altro loro assistito) che sembra aver aperto alla possibilità di andare al Genoa.

Gli altri nomi per il secondo attaccante sono Ljajic (con la Roma si potrebbe pensare anche a uno scambio di giocatori), Perotti e Borini (il cui prezzo è stato fissato in 8 milioni, visto che un'offerta del genere è già arrivata al Liverpool da parte del Sunderland)

E per la corsia sinistra, tramontata la pista Coentrao l'Inter tiene Siqueira e Ghoulam.

Il Napoli ha incontrato invece il fratello di Lemina per un'ora a Milano. Aggiornamenti nei prossimi giorni ma il Napoli continua a fare sul serio e continua a insidiare la Juventus che aveva messo gli occhi sul ragazzo (ma per il futuro). Contatti sempre vivi con Vecino della Fiorentina, in uscita De Guzman a breve darà una risposta al Sunderland e intanto non si è allenato: siamo ai saluti.

Il Milan a centrocampo dopo aver vagliato alcune piste straniere potrebbe tornare su Soriano. Tra giovedì e venerdì previsto nuovo appuntamento con la Samp per cercare di trovare un accordo, al momento parti distanti. Intanto Paletta ha firmato per l'Atalanta.

La Roma è impegnata nelle cessioni (Iturbe più Genoa che West Ham, Ljaijc Inter e Aston Villa, Gervinho Celta Vigo le più recenti ma nessuna convincente) ma nel frattempo guarda al proprio centrocampo. La situazione di Strootman non getta i giallorossi nell'emergenza, ma se dovesse capitare un'occasione di mercato in questi ultimi giorni Sabatini cercherà di coglierla. Non si cerca un titolare ma un giocatore in grado di poter completare il reparto e non avere la coperta troppo corta.

La Samp aspetta la risposta di Vilhena del Psv. Accordo con i club raggiunto ma il ragazzo (alle prese con un problema familiare) deve ancora dare la risposta definitiva. Ieri l'intermediario dell'operazione, Paolo Scotti, è volato in Olanda per parlare col ragazzo, fra poche ore sapremo la sua decisione. Intanto i blucerchiati lavorano su Hojbjerg del Bayern Monaco e su Carbonero della Roma sul quale c'è un bel derby con il Genoa. La Samp era arrivata prima, il Genoa ha rilanciato, ieri il controsorpasso.

A Palermo non hanno dubbi: Gilardino sarà rosanero. Manca solo l'ok dei cinesi e poi potrà allenarsi con la sua nuova maglia, il Chievo metterà sotto contratto Coda (attaccante classe 1988) svincolato dal Parma e poi magari lo girerò in B, il Bologna ha parlato con Giaccherini ed è in trattativa con il Benfica per Filip Djuric, attaccante esterno 23 anni, croato anche nel giro della Nazionale. E ci sarebbe anche un'idea Ibarbo, visti i buoni rapporti fra le tre società. Paredes andrà all'Empoli, in salita Prcic Torino per via dei problemi di lista, a Bergamo visti i problemi economici con Matri si potrebbe virare su Nico Castillo ora al Bruges. Il Carpi ha puntato Floccari del Sassuolo e c'è stato un incontro fra Sogliano e il suo agente. Per il momento interlocutorio ma si può proseguire a parlare. Il Frosinone vicinissima a Tonev dell'Aston Villa e si valuta anche Celin, attaccante brasiliano svincolato. Poi in B Galano obiettivo del Vicenza, Coppola ormai fatta alla Ternana, Cagliari preso Salamon, all'Entella piacciono Gentili e Vita del Vicenza. In Lega Pro i colpi più importanti di giornata sono del Catania, presi Ferrario e Bastrini in difesa, e del Cittadella che si rinforza in attacco con Litteri.

Ma il meglio deve ancora venire. Ultimi giorni. Tenetevi forte, anzi fortissimo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.