HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juve, vendi Pogba e apri la cassa. Milan, se ci sei batti un colpo. Panchine in B: chi merita e chi no. Catania, Lo Monaco-Pulvirenti: meglio due morti che un ferito

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.06.2016 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 48738 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' stata la prima vera settimana in cui almeno qualcosa si è mosso. Il mercato in Italia non cambierà mai. Se vuoi programmare hai sbagliato Paese. I calciatori non hanno una testa per pensare e delegano ai procuratori, i quali non giudicano mai, o quasi mai, per il bene del calciatore ma lo mandano solo a chi offre di più. Errore grave. Meglio guadagnare 50 mila euro in meno ma andare in società serie, con progetti, visione e che abbiano un reale interesse nei confronti del calciatore, anziché pensare al guadagno di anno in anno. La Juventus si sta muovendo meglio di tutti, come sempre, con un tempismo perfetto. L'operazione Pjanic, se fatta al 30 agosto, dopo due mesi di finti tira e molla, sarebbe stata giudicata da tutti come la trattativa dell'anno. E', invece, passata quasi inosservata. Tutto troppo facile. Ma se vinci 5-0 con il Barcellona non può passare il concetto che è stata una passeggiata, semplicemente hai fatto qualcosa di grandioso. La Juve sta demolendo le avversarie italiane e si sta rinforzando per la corsa all'Europa. Qui c'è tutta la programmazione della società e la credibilità dei suoi dirigenti. Adesso scriveremo qualcosa che va contro il popolo. ma tant'è... La Juventus deve vendere Pogba al Real Madrid. Si prenda tutto il tempo di cui ha bisogno ma alla fine faccia cassa perché occasioni così capitano poche volte. Molti soldi e Morata. Operazione da chiudere subito. La Juve deve sfruttare l'onda di entusiasmo del real Campione d'Europa e il desiderio di Zidane di allenare Pogba. Perez paga e paga bene, Marotta può davvero fare la plusvalenza del secolo.
La Juve progetta, l'Inter riflette, il Milan è alle Maldive. Non può una società così gloriosa non sapere di che morte morire quando tutte le altre fanno mercato. Non sappiamo chi sarà il proprietario, non conosciamo l'allenatore e non si sa cosa fare di chi vuole andare via (vedi Bacca) né chi potrebbe arrivare. Brocchi viene trattato come l'ultimo arrivato e questo comportamento non lo merita. Giampaolo è fermo sulla tangenziale Est in attesa di una chiamata. Poi che senso avrebbe bruciare Brocchi per dare una wild card a Giampaolo? Cose davvero dell'altro mondo.

Il vero mercato della settimana è stato quello delle panchine in serie B. Mentre in A il Crotone ha sbagliato a fidarsi di De Zerbi, in serie B l'Ascoli ha fatto firmare un biennale ad Alfredo Aglietti. Un allenatore che con squadroni di qualità non riesce mai a conquistare l'obiettivo minimo. A Chiavari è retrocesso al primo anno e fallito i play off al secondo. Qualcuno penserà che l'Entella ha fatto già un miracolo ad arrivare nona in classifica ma solo perché l'Entella non ha una storia. Così come il Sassuolo. Ma oggi la differenza non la fanno più le piazze bensì la solidità di una società. Se hai Caputo, Troiano, Masucci, Volpe, Iacobucci e Cutolo e arrivi nono significa che in panchina non hai un vincente. Il Perugia ha aperto le porte a Cristian Bucchi che, finalmente, si è liberato dalla Presidentessa di Macerata, la quale non ha avuto neanche un briciolo di riconoscenza nei confronti di un allenatore che l'ha portata a giocarsi i play off con un budget che non sarebbe servito neanche per la salvezza. Bucchi a Perugia trova una squadra forte e una società solida. Santopadre è un ottimo Presidente e Goretti un bravo Direttore Sportivo. Questa squadra ha bisogno di qualche puntello ma non di essere rivoluzionata. Boscaglia a Novara, come Bucchi a Perugia, trova già una squadra competitiva che deve essere solo migliorata. Partire da Da Costa, Dickman, Mantovani, Viola, Casarini, Bolzoni e Lanzafame è un bel punto di partenza. Dovrà valorizzare giovani forti come Schiavi e Beye che possono davvero seguire le orme di Bruno Fernandes e Faragò. Grande allenatore in fase offensiva, attacca sempre con cinque elementi, dovrà avere un occhio di riguardo alla linea difensiva. Il Bari cerca un allenatore mentre il Benevento scioglierà a breve le riserve. Al Bari Marco Baroni sarebbe perfetto; persona perbene e pragmatica, anche lui come tanti altri deve migliorare qualcosa ma la persona non si discute e come allenatore è un gran lavoratore.
In chiusura ci vogliamo occupare del Catania. Non lo facevamo da tempo. Piazza a noi, da sempre, molto cara. Conoscete bene il nostro pensiero. Lo Monaco è stata la fortuna del Catania, Pulvirenti ha ammazzato il bimbo nella culla. Ora si sono ritrovati ma il nostro pensiero è leggermente cambiato. Sapete che non guardiamo mai in faccia ad amici o nemici e diciamo sempre quello che pensiamo, perché il rapporto con il lettore viene prima di un'amicizia. Non offendiamo nessuno se diciamo che Lo Monaco e Pulvirenti hanno perso entrambi con questo matrimonio bis che di fatto è un funerale reciproco. Se per anni sputo veleno su una persona non posso cambiare idea drasticamente sulla stessa persona solo per convenienza. Lo Monaco e Pulvirenti si sono fatti una guerra clamorosa che oggi non può finire in un abbraccio. La verità è che entrambi si sono resi conto di non poter fare a meno l'uno dell'altro. Pulvirenti è passato dall'altare alla polvere. Lo Monaco, dopo Catania, ha purtroppo fallito da Dirigente e da Presidente del Messina. Il Direttore è un amico ma come avremmo voluto dirglielo di persona glielo diciamo pubblicamente. Siamo fatti così. Siamo fatti male ma amiamo dire sempre ciò che pensiamo. Lo Monaco non avrebbe dovuto accettare le condizioni poste da Pulvirenti. Pur di lavorare, ha accettato condizioni che uno come lui mai avrebbe accettato prima. Il quadretto si è completato. Ha perso il Catania, i catanesi e Pulvirenti ma da due settimane ha perso anche Lo Monaco, l'unico vero vincitore post disastro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.