VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Juve, vendi Pogba e apri la cassa. Milan, se ci sei batti un colpo. Panchine in B: chi merita e chi no. Catania, Lo Monaco-Pulvirenti: meglio due morti che un ferito

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.06.2016 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 48799 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' stata la prima vera settimana in cui almeno qualcosa si è mosso. Il mercato in Italia non cambierà mai. Se vuoi programmare hai sbagliato Paese. I calciatori non hanno una testa per pensare e delegano ai procuratori, i quali non giudicano mai, o quasi mai, per il bene del calciatore ma lo mandano solo a chi offre di più. Errore grave. Meglio guadagnare 50 mila euro in meno ma andare in società serie, con progetti, visione e che abbiano un reale interesse nei confronti del calciatore, anziché pensare al guadagno di anno in anno. La Juventus si sta muovendo meglio di tutti, come sempre, con un tempismo perfetto. L'operazione Pjanic, se fatta al 30 agosto, dopo due mesi di finti tira e molla, sarebbe stata giudicata da tutti come la trattativa dell'anno. E', invece, passata quasi inosservata. Tutto troppo facile. Ma se vinci 5-0 con il Barcellona non può passare il concetto che è stata una passeggiata, semplicemente hai fatto qualcosa di grandioso. La Juve sta demolendo le avversarie italiane e si sta rinforzando per la corsa all'Europa. Qui c'è tutta la programmazione della società e la credibilità dei suoi dirigenti. Adesso scriveremo qualcosa che va contro il popolo. ma tant'è... La Juventus deve vendere Pogba al Real Madrid. Si prenda tutto il tempo di cui ha bisogno ma alla fine faccia cassa perché occasioni così capitano poche volte. Molti soldi e Morata. Operazione da chiudere subito. La Juve deve sfruttare l'onda di entusiasmo del real Campione d'Europa e il desiderio di Zidane di allenare Pogba. Perez paga e paga bene, Marotta può davvero fare la plusvalenza del secolo.
La Juve progetta, l'Inter riflette, il Milan è alle Maldive. Non può una società così gloriosa non sapere di che morte morire quando tutte le altre fanno mercato. Non sappiamo chi sarà il proprietario, non conosciamo l'allenatore e non si sa cosa fare di chi vuole andare via (vedi Bacca) né chi potrebbe arrivare. Brocchi viene trattato come l'ultimo arrivato e questo comportamento non lo merita. Giampaolo è fermo sulla tangenziale Est in attesa di una chiamata. Poi che senso avrebbe bruciare Brocchi per dare una wild card a Giampaolo? Cose davvero dell'altro mondo.

Il vero mercato della settimana è stato quello delle panchine in serie B. Mentre in A il Crotone ha sbagliato a fidarsi di De Zerbi, in serie B l'Ascoli ha fatto firmare un biennale ad Alfredo Aglietti. Un allenatore che con squadroni di qualità non riesce mai a conquistare l'obiettivo minimo. A Chiavari è retrocesso al primo anno e fallito i play off al secondo. Qualcuno penserà che l'Entella ha fatto già un miracolo ad arrivare nona in classifica ma solo perché l'Entella non ha una storia. Così come il Sassuolo. Ma oggi la differenza non la fanno più le piazze bensì la solidità di una società. Se hai Caputo, Troiano, Masucci, Volpe, Iacobucci e Cutolo e arrivi nono significa che in panchina non hai un vincente. Il Perugia ha aperto le porte a Cristian Bucchi che, finalmente, si è liberato dalla Presidentessa di Macerata, la quale non ha avuto neanche un briciolo di riconoscenza nei confronti di un allenatore che l'ha portata a giocarsi i play off con un budget che non sarebbe servito neanche per la salvezza. Bucchi a Perugia trova una squadra forte e una società solida. Santopadre è un ottimo Presidente e Goretti un bravo Direttore Sportivo. Questa squadra ha bisogno di qualche puntello ma non di essere rivoluzionata. Boscaglia a Novara, come Bucchi a Perugia, trova già una squadra competitiva che deve essere solo migliorata. Partire da Da Costa, Dickman, Mantovani, Viola, Casarini, Bolzoni e Lanzafame è un bel punto di partenza. Dovrà valorizzare giovani forti come Schiavi e Beye che possono davvero seguire le orme di Bruno Fernandes e Faragò. Grande allenatore in fase offensiva, attacca sempre con cinque elementi, dovrà avere un occhio di riguardo alla linea difensiva. Il Bari cerca un allenatore mentre il Benevento scioglierà a breve le riserve. Al Bari Marco Baroni sarebbe perfetto; persona perbene e pragmatica, anche lui come tanti altri deve migliorare qualcosa ma la persona non si discute e come allenatore è un gran lavoratore.
In chiusura ci vogliamo occupare del Catania. Non lo facevamo da tempo. Piazza a noi, da sempre, molto cara. Conoscete bene il nostro pensiero. Lo Monaco è stata la fortuna del Catania, Pulvirenti ha ammazzato il bimbo nella culla. Ora si sono ritrovati ma il nostro pensiero è leggermente cambiato. Sapete che non guardiamo mai in faccia ad amici o nemici e diciamo sempre quello che pensiamo, perché il rapporto con il lettore viene prima di un'amicizia. Non offendiamo nessuno se diciamo che Lo Monaco e Pulvirenti hanno perso entrambi con questo matrimonio bis che di fatto è un funerale reciproco. Se per anni sputo veleno su una persona non posso cambiare idea drasticamente sulla stessa persona solo per convenienza. Lo Monaco e Pulvirenti si sono fatti una guerra clamorosa che oggi non può finire in un abbraccio. La verità è che entrambi si sono resi conto di non poter fare a meno l'uno dell'altro. Pulvirenti è passato dall'altare alla polvere. Lo Monaco, dopo Catania, ha purtroppo fallito da Dirigente e da Presidente del Messina. Il Direttore è un amico ma come avremmo voluto dirglielo di persona glielo diciamo pubblicamente. Siamo fatti così. Siamo fatti male ma amiamo dire sempre ciò che pensiamo. Lo Monaco non avrebbe dovuto accettare le condizioni poste da Pulvirenti. Pur di lavorare, ha accettato condizioni che uno come lui mai avrebbe accettato prima. Il quadretto si è completato. Ha perso il Catania, i catanesi e Pulvirenti ma da due settimane ha perso anche Lo Monaco, l'unico vero vincitore post disastro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.