HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

Juventus, con quei 40 chiedi di cambiare con due 20. Si sveglia la Roma! Napoli, Allan ok ora servono due difensori. Caro Avellino, ti scrivo...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.07.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 137087 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il mercato della Juventus divide. Sinceramente sono sempre stato uno che si schiera, a volte sbagliando altre indovinando, ma per ora rinvio il giudizio al 31 agosto. Quando l'Inter conquistò tutto con Mourinho decise di tenere tutti, per riconoscenza. Fu l'inizio della fine. La Juventus non ha vinto tutto, lo scorso anno, ma quasi. Sta cambiando molto e si sta muovendo bene. E' anche vero, però, che perdere Vidal, Pirlo e Tevez in un solo colpo potrebbe essere rischioso. Chi è arrivato farà la differenza, senza dubbio, ma ora con i 40 milioni di euro in cassa per la cessione di Vidal c'è solo una cosa da fare: prendere due calciatori da 20 milioni di euro. In difesa la Juventus non è ancora definita e il numero 10 serve come l'acqua di questi tempi di gran caldo. Allegri è un tecnico perfettamente aziendalista. Non è come Conte che ti fa il cinema se vuoi vendere un calciatore. Lui accetta la politica societaria ma pretende i rinforzi. In Italia c'è sempre un divario netto tra la Juve, il Napoli, le milanesi e le romane ma la Roma si sta svegliando e sembra che Sabatini abbia rassicurato Garcia, negli ultimi giorni, dopo un avvio di ritiro abbastanza turbolento. La Roma è forte ma non fortissima, prigioniera della sua storia. Francesco Totti deve capire, se davvero è tifoso giallorosso come si professa da una vita, che dovrà anteporre il bene della squadra al suo. Se Sabatini chiuderà il doppio colpo Salah-Dzeko, allora, ci alzeremo in piedi sul divano di casa e ci metteremo a fumare una sigaretta con Walter. Il problema della Roma, in questa stagione, sarà Rudi Garcia. Chi inizia con il mal di pancia la giornata non può che finirla...come tutti sapete. Oggi vedo: Juve-Roma-Inter-Milan-Napoli-Fiorentina e Lazio. Ovviamente non è neanche fine luglio e questa scaletta vale come un giudizio di Cassano sulla Tosca. A proposito di Cassano e Balotelli. Il calcio ti dà e ti toglie. Puoi avere tutta la classe innata di questo mondo ma se non ti comporti da professionista, alla lunga, il calcio non ti accetta più. Il Napoli cresce bene e Sarri è un gran lavoratore. Bisognerà dargli tempo e l'ago della bilancia sarà il comportamento di Higuain. Se l'argentino torna con entusiasmo il Napoli può svoltare, altrimenti sarà un problema. Allan è un grande acquisto e a centrocampo può ricoprire più ruoli; come Hamsik. Insigne sarebbe il top dietro Higuain e Gabbiadini. La difesa ha bisogno di Astori + 1. Sarri è bravissimo in fase di non possesso e cura il minimo dettaglio in difesa, ma per una buona difesa servono ottimi difensori.
Infine, sfrutto questo spazio per rivolgermi ai tanti tifosi avellinesi che mi hanno scritto in questi dieci giorni. Non hanno capito cosa sia realmente successo e, ovviamente, hanno ascoltato solo una campana; quella più vicina e non quella distante 800 km. Premetto che la scorsa settimana ho chiarito personalmente diversi aspetti con il Presidente Taccone e ribadisco che io, io, io, io... (non è un errore di battitura) i panni sporchi li lavo sempre in casa. Se poi qualcuno decide di stenderli fuori, allora, il discorso cambia. Sono un tifoso irpino dall'età di 1 anno e, anche quando sono approdato alla tv nazionale, ho sempre precisato di essere irpino e non, genericamente, campano. Un anno mi chiesero di fare in video i collegamenti come tifoso del Napoli, per una trasmissione molto popolare. Mi dissero "tanto l'Avellino è in serie D, chi vuoi che se ne freghi". Rifiutai la proposta e qualche migliaia di euro perché non potevo ingannare la gente, fingendomi tifoso napoletano. Non ho mai voluto essere quello che non sono. Ho pensato ai tanti tifosi avellinesi, i quali, ogni volta, che torno in città, mi regalano affetto ed emozioni. Poi, nell'ultima stagione qualcosa è cambiato. La gente, prima di giudicare deve sapere; poi tragga le conclusioni che ritiene più giuste, non quelle capziose di qualche sito locale che ho puntualmente querelato per diffamazione, sia in sede civile che penale. Non ho colpe se il destino ha deciso di dividere le strade. Con Taccone ho sempre avuto un rapporto di stima, con De Vito di amicizia. Ma due anni fa accettai di "aiutare" un Direttore, nel quale ho sempre creduto sin da ragazzino. Mi chiese un colloquio con una persona a me cara. Voleva compiere un passo in avanti nella sua carriera. La cena a Monza, la stretta di mano, poi la retrocessione della squadra in questione e la retromarcia del Direttore. A qualcuno non è andata giù, ma ricordo che non fui io a cercare, mi limitai ad accogliere la richiesta di "aiuto". Sbagliando. Se qualcuno ti chiede una mano, meglio tagliarla; la riconoscenza in questo mondo non esiste. Fai del bene per conoscere l'ingratitudine. Ormai la frase l'ho capita. Per amore del Lupo mi sono fatto tanti nemici in altre piazze, ho combattuto contro i torti arbitrali subiti dai Lupi e ho provato ad agevolare trattative di mercato in favore dell'Avellino. Tutto questo non è bastato, ma l'importante è essere a posto con la propria coscienza e, nonostante il destino (o chi per lui) abbia riservato simpatiche sorprese, specifico che io per Avellino non sarò mai un "avversario".

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

L’Inter esagera… il Milan anche! Tutti sul carro di Luis, uomo perfetto per il Napoli. Samp, fissa il prezzo! Tavecchio stravince, Abodi ecco dove hai sbagliato… 13.03 - Se dall’altra parte del mondo, un uomo in Sudafrica non guarda le partite di serie A e non legge i giornali, ma vede solo i risultati, penserà che da inizio stagione ad oggi e da una domenica all’altra in Italia siamo impazziti. Prendete l’Inter e portate a Coverciano l’esempio di...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il miliardo di euro che tiene in piedi il calcio italiano. Juve avanti dieci anni rispetto alle altre, oltre a undici punti. La colpa dei giornalisti nelle sconfitte del Napoli 12.03 - Chi non ha ancora capito si attacchi pure agli arbitri, come se fosse quello il problema di un campionato che è già finito prima di iniziare. Quando una squadra può permettersi di acquistare Dani Alves, Higuain, Pjanic, Pjaca e Cuadrado, vendendo il solo Pogba e un Morata che, obiettivamente,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.