HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

Juventus: Donadoni piace anche a Torino. Paulo Sousa: il vero sogno è Pellè. Difensori: Montella batte la Roma. Milan: Aquilani, ma l'avete sentito?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
16.01.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 48609 volte

Se la stagione in corso dovesse essere gratificante come la prima, ve ne sono per la verità tutte le premesse a 360 gradi, e se Massimiliano Allegri dovesse pertanto fare il pieno di consacrazione in bianconero e andare verso l'Europa delle panchine con il petto in fuori, tutto potrebbe accadere all'insegna dei migliori rapporti e della reciproca soddisfazione con il suo attuale Club. Allegri che va a rassenerarsi in un calcio meno schizofenico del nostro e rimette in circolo stimoli e adrenalina. Non senza aver sottolineato ad una dirigenza con la quale ha ben lavorato, il nome di una persona serena ed equilibrata come lui: Roberto Donadoni. Nei suoi mesi difficili al Milan, Donadoni non mancava mai di sottolineare la bravura di Allegri e di descrivere il mare agitato nel quale si trovava ad operare. Non erano dichiarazioni di scambio, ma stima sincera. Conoscendoli entrambi, non possono non piacersi. Ed un eventuale passaggio di consegne lascerebbe la Juventus in consegna alle stesse mani e allo stesso buon senso, senza scompensi e senza sbandate.

Si parla molto in casa viola di difensori, centrocampisti e punte. Anche qui regna il mercato in uscita, Pepito Rossi in primis. In entrata fino ad oggi il solo Tino Costa che sarà pronto e tesserabile dopo la partita di domenica sera a San Siro con il Milan. Sul mercato però c'è sempre una bassa frequenza, un livello di rapporti e segrete speranze che non raggiunge quasi mai la superficie. Eccolo allora il nome, Graziano Pellè. Non ancora una trattativa, non ancora un obiettivo del Club viola. Ma che sia il vero sogno di Paulo Sousa sì, ci sentiamo di sbilanciarci. Un giocatore che crea spazi, che lavora, che la butta dentro. In questo il tecnico viola mostra di essere affine alla visione di calcio del suo ex compagno di squadra nella Juventus, Antonio Conte. Un rompighiaccio ancor più appuntito e avvolgente di Kalinic. E proprio il credito accumulato con l'ex Dnipro, Nikola è arrivato su espressa richiesta dell'allenatore portoghese, potrebbe sul filo di lana dare colpo al sogno Pellè.

E' l'altro volto dell'estate. Fai un mercato mediatico, intercetti due-tre luoghi comuni a tuo favore, tutti ti incensano e così facendo non si accorgono del problema. E' quanto accaduto alla Roma da giugno ad agosto 2015. Il suo si è rivelato un mercato pendulo, sbilanciato. Di grande qualità e tirato a lucido in attacco, giustamente conservativo a centrocampo, fatto male in difesa. Romagnoli al Milan per finanziare il mercato offensivo e lasciare le briciole alla retroguardia: non bene Digne, non bene Rudiger, non pervenuto Gyomber, idem Emerson Palmieri. E' dietro che bisogna rimediare e crediamo Spalletti lo sappia. Ma i primi pastoni di mercato non sembrano incoraggianti per i giallorossi. Alla Roma viene attribuito l'interesse per Tonelli, mentre l'ex romanista Montella che, a sua volta deve fronteggiare problemi difensivi con la sua Sampdoria, naviga attorno ad obiettivi di maggiore livello: Ranocchia ad esempio, Heurtaux ad esempio, lo stesso Diakitè. Tocca a Spalletti rimettere a posto la bilancia, rispetto alla Roma della scorsa estate e rispetto alla Sampdoria di questo Gennaio.

Gli squilibri elettrolitici dell'atmosfera attorno al Milan, dall'ex cognato all'ex minorenne, non sorprendono più. Tra uno sbadiglio post-panettone e l'altro, per non perdere l'abitudine, questo, quello e quell'altro ancora avevano inondato i siti della sosta natalizia con la frase più ricicciata di fine anno: "El Shaarawy? E allora? Cosa aveva fatto il Milan con Aquilani...eh?! eh?! eh?!". Tanto tuonò che piovve: finalmente addì Sabato 9 Gennaio Aquilani, lui proprio lui, lo spiega: "Sì è vero, il Milan mi ha fermato a 23 presenze, ma Galliani è stato onesto e mi ha avvisato per tempo spiegandomi la situazione economica del Club". Ecco cosa aveva fatto il Milan con Aquilani. Ma la montagna di sbadigli ha coperto le rivelazioni di Aquilani e la frase è sempre rimasta quasi autisticamente (con tutto il rispetto per chi subisce davvero gli effetti della sindrome) quella di El Shaarawy ed Aquilani. Ma chi legge tutto e non un tanto al tocco quello che fa comodo, lo faccia uno chapeau grande così ad Alberto che, a causa di quella scelta, perse anche l'Europeo del 2012. Ma il Milan, Mihajlovic e i giocatori devono essere bravi, freddi e pazienti, perché ormai è tutto così. Sempre, comunque. Fatevi un giro, venite con noi sulla giostra. Arriva Luiz Adriano? Non va bene, mercato scandaloso. Parte Luiz Adriano? Non va bene dovevamo tenerlo. Rimane El Shaarawy, ma no è uno scarto. Riparte El Shaarawy? Ma no, teniamolo. Dicono che prendiamo Fellaini? Ma no, è lento. Si parla di giovani meno noti, Grassi ed El Ghazi...ma no, meglio gente più solida e strutturata come Fellaini o Witsel. Bacca? Ma per 30 milioni devi prendere uno che fa la differenza. Bacca 40 milioni al Chelsea? Società allo sbando, dobbiamo tenerlo. L'aria che respira il Milan è tutta qui, impestata, viziata, ostaggio di un fiume di parole: ogni minuto c'è uno che fa la predica al Milan, ogni nanosecondo viene avvelenato un piccolo grande pozzo. La squadra spera che finisca, ma non finisce. E ad ogni delusione un sospiro, ad ogni sentenza un bel conticino fino a dieci. Certamente non sono mancati errori, incidenti e contraddizioni in questi anni da parte del Milan. Certamente i tifosi ci soffrono, sono delusi e amareggiati, per lo più in buona fede. Ma il mostro è proprio brutto. Lo yeti di parole e di odio che incombe sul Milan ad ogni ora del giorno è peggio di molte partite rossonere. E gli avversari ne approfittano. Sul campo e fuori. Alimentano lo psicodramma, lo coccolano, lo tengono sempre sul chi va là. Guai, non deve mai andare a nanna. Così copre le nostre piccole magagne di passaggio. La parola d'ordine è spaliamo sul Milan. Il dopo Roma-Milan è un trattato in questo senso. Gioca peggio Garcia per 70 minuti, ma in prima pagina ci va Mihajlovic, fino a che i fatti e le decisioni non prendono il sopravvento e ristabiliscono le cose. Ma nel frattempo, come per Aquilani ed El Shaarawy, qualche profilo infoiato, convinto che Spalletti in realtà abbia preso il posto di Sinisa lo troviamo sicuro da qualche parte. Anzi, molti più di qualcuno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Verratti nel mirino. Il Lione libera Tolisso. Il Real non fa paura ma Allegri deve far giocare Higuain, Mandzukic e Dybala. Roma, Strootmann indifendibile. Napoli: 26 milioni per Kalinic. Milan, niente mercato 09.12 - Il primo posto nel girone di Champions era un obiettivo e la Juve l’ha conquistato, cosa volete di più? Su questo Allegri ha ragione. E, pensando al sorteggio, è altrettanto vero che se ti chiami Juventus e vuoi andare avanti devi mettere in conto che prima o poi squadre...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.