VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

Juventus: Donadoni piace anche a Torino. Paulo Sousa: il vero sogno è Pellè. Difensori: Montella batte la Roma. Milan: Aquilani, ma l'avete sentito?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
16.01.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 48637 volte

Se la stagione in corso dovesse essere gratificante come la prima, ve ne sono per la verità tutte le premesse a 360 gradi, e se Massimiliano Allegri dovesse pertanto fare il pieno di consacrazione in bianconero e andare verso l'Europa delle panchine con il petto in fuori, tutto potrebbe accadere all'insegna dei migliori rapporti e della reciproca soddisfazione con il suo attuale Club. Allegri che va a rassenerarsi in un calcio meno schizofenico del nostro e rimette in circolo stimoli e adrenalina. Non senza aver sottolineato ad una dirigenza con la quale ha ben lavorato, il nome di una persona serena ed equilibrata come lui: Roberto Donadoni. Nei suoi mesi difficili al Milan, Donadoni non mancava mai di sottolineare la bravura di Allegri e di descrivere il mare agitato nel quale si trovava ad operare. Non erano dichiarazioni di scambio, ma stima sincera. Conoscendoli entrambi, non possono non piacersi. Ed un eventuale passaggio di consegne lascerebbe la Juventus in consegna alle stesse mani e allo stesso buon senso, senza scompensi e senza sbandate.

Si parla molto in casa viola di difensori, centrocampisti e punte. Anche qui regna il mercato in uscita, Pepito Rossi in primis. In entrata fino ad oggi il solo Tino Costa che sarà pronto e tesserabile dopo la partita di domenica sera a San Siro con il Milan. Sul mercato però c'è sempre una bassa frequenza, un livello di rapporti e segrete speranze che non raggiunge quasi mai la superficie. Eccolo allora il nome, Graziano Pellè. Non ancora una trattativa, non ancora un obiettivo del Club viola. Ma che sia il vero sogno di Paulo Sousa sì, ci sentiamo di sbilanciarci. Un giocatore che crea spazi, che lavora, che la butta dentro. In questo il tecnico viola mostra di essere affine alla visione di calcio del suo ex compagno di squadra nella Juventus, Antonio Conte. Un rompighiaccio ancor più appuntito e avvolgente di Kalinic. E proprio il credito accumulato con l'ex Dnipro, Nikola è arrivato su espressa richiesta dell'allenatore portoghese, potrebbe sul filo di lana dare colpo al sogno Pellè.

E' l'altro volto dell'estate. Fai un mercato mediatico, intercetti due-tre luoghi comuni a tuo favore, tutti ti incensano e così facendo non si accorgono del problema. E' quanto accaduto alla Roma da giugno ad agosto 2015. Il suo si è rivelato un mercato pendulo, sbilanciato. Di grande qualità e tirato a lucido in attacco, giustamente conservativo a centrocampo, fatto male in difesa. Romagnoli al Milan per finanziare il mercato offensivo e lasciare le briciole alla retroguardia: non bene Digne, non bene Rudiger, non pervenuto Gyomber, idem Emerson Palmieri. E' dietro che bisogna rimediare e crediamo Spalletti lo sappia. Ma i primi pastoni di mercato non sembrano incoraggianti per i giallorossi. Alla Roma viene attribuito l'interesse per Tonelli, mentre l'ex romanista Montella che, a sua volta deve fronteggiare problemi difensivi con la sua Sampdoria, naviga attorno ad obiettivi di maggiore livello: Ranocchia ad esempio, Heurtaux ad esempio, lo stesso Diakitè. Tocca a Spalletti rimettere a posto la bilancia, rispetto alla Roma della scorsa estate e rispetto alla Sampdoria di questo Gennaio.

Gli squilibri elettrolitici dell'atmosfera attorno al Milan, dall'ex cognato all'ex minorenne, non sorprendono più. Tra uno sbadiglio post-panettone e l'altro, per non perdere l'abitudine, questo, quello e quell'altro ancora avevano inondato i siti della sosta natalizia con la frase più ricicciata di fine anno: "El Shaarawy? E allora? Cosa aveva fatto il Milan con Aquilani...eh?! eh?! eh?!". Tanto tuonò che piovve: finalmente addì Sabato 9 Gennaio Aquilani, lui proprio lui, lo spiega: "Sì è vero, il Milan mi ha fermato a 23 presenze, ma Galliani è stato onesto e mi ha avvisato per tempo spiegandomi la situazione economica del Club". Ecco cosa aveva fatto il Milan con Aquilani. Ma la montagna di sbadigli ha coperto le rivelazioni di Aquilani e la frase è sempre rimasta quasi autisticamente (con tutto il rispetto per chi subisce davvero gli effetti della sindrome) quella di El Shaarawy ed Aquilani. Ma chi legge tutto e non un tanto al tocco quello che fa comodo, lo faccia uno chapeau grande così ad Alberto che, a causa di quella scelta, perse anche l'Europeo del 2012. Ma il Milan, Mihajlovic e i giocatori devono essere bravi, freddi e pazienti, perché ormai è tutto così. Sempre, comunque. Fatevi un giro, venite con noi sulla giostra. Arriva Luiz Adriano? Non va bene, mercato scandaloso. Parte Luiz Adriano? Non va bene dovevamo tenerlo. Rimane El Shaarawy, ma no è uno scarto. Riparte El Shaarawy? Ma no, teniamolo. Dicono che prendiamo Fellaini? Ma no, è lento. Si parla di giovani meno noti, Grassi ed El Ghazi...ma no, meglio gente più solida e strutturata come Fellaini o Witsel. Bacca? Ma per 30 milioni devi prendere uno che fa la differenza. Bacca 40 milioni al Chelsea? Società allo sbando, dobbiamo tenerlo. L'aria che respira il Milan è tutta qui, impestata, viziata, ostaggio di un fiume di parole: ogni minuto c'è uno che fa la predica al Milan, ogni nanosecondo viene avvelenato un piccolo grande pozzo. La squadra spera che finisca, ma non finisce. E ad ogni delusione un sospiro, ad ogni sentenza un bel conticino fino a dieci. Certamente non sono mancati errori, incidenti e contraddizioni in questi anni da parte del Milan. Certamente i tifosi ci soffrono, sono delusi e amareggiati, per lo più in buona fede. Ma il mostro è proprio brutto. Lo yeti di parole e di odio che incombe sul Milan ad ogni ora del giorno è peggio di molte partite rossonere. E gli avversari ne approfittano. Sul campo e fuori. Alimentano lo psicodramma, lo coccolano, lo tengono sempre sul chi va là. Guai, non deve mai andare a nanna. Così copre le nostre piccole magagne di passaggio. La parola d'ordine è spaliamo sul Milan. Il dopo Roma-Milan è un trattato in questo senso. Gioca peggio Garcia per 70 minuti, ma in prima pagina ci va Mihajlovic, fino a che i fatti e le decisioni non prendono il sopravvento e ristabiliscono le cose. Ma nel frattempo, come per Aquilani ed El Shaarawy, qualche profilo infoiato, convinto che Spalletti in realtà abbia preso il posto di Sinisa lo troviamo sicuro da qualche parte. Anzi, molti più di qualcuno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.