VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Juventus e Fiorentina, un rovente derby d'Europa. Ha ragione Conte: le riserve non sono all'altezza. Ecco perché Zanetti lascia l'Inter, Vidic ha già firmato

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
21.02.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35766 volte
© foto di Federico De Luca

Se la sconfitta del Milan in casa con l'Atletico fa piangere il calcio italiano, c'è da consolarsi con l'Europa League che ci regala uno straordinario derby tutto italiano. Con i risultati dell'andata, Juventus e Fiorentina hanno ipotecato il passaggio del turno e un sorteggio perfido o geniale (fate voi) negli ottavi metterà di fronte proprio le due squadre e le due società italiane che forse si odiano di più (sportivamente parlando). Sarà un marzo caldissimo, di quelli che se qualcuno l'avesse detto avresti fatto fatica a crederci. Juventus e Fiorentina si incontreranno tre volte nel giro di due settimane, per la coppa e per il campionato. Una sfida nella sfida, un confronto ravvicinato del terzo tipo che rimetterà in campo vecchi e nuovi veleni, c'è da scommetterci.
Fra l'altro quest'anno la sfida arriva dopo il rocambolesco 4-2 dell'andata a Firenze in campionato, quando la Fiorentina nel giro di un quarto d'ora segnò quattro gol alla Juventus compiendo un'impresa che resterà nella storia. I bianconeri uscirono distrutti nel morale, ridicolizzati. C'è da scommettere che da quel giorno non hanno pensato ad altro se non a questa rivincita.
In più ci sarà la coppa che la Fiorentina vuole per provare a vincere qualcosa e la Juve cercherà di vincere perché la finale si giocherà proprio allo Juventus Stadium. Roba da film, prenotate i biglietti ci sarà da divertirsi con due squadre che giocano sempre un calcio a viso aperto.
Ma questa sfida è arricchita anche da una tensione esterna molto più forte di quella che si vive in campo.
Da anni le due proprietà (Yaki Elkann e Diego Della Valle) si fronteggiano in una clamorosa sfida economica e politica con risvolti dialettici clamorosi, che ha già visto diverse puntate senza esclusione di colpi. Facile prevedere che le tre partite a fila potranno accendere ancora di più la rivalità e di conseguenza le attese.
I risultati in Europa League hanno dimostrato ancora una volta che funzionano meglio le squadre che cercano di imporre il gioco, che hanno una personalità. Stiamo parlando della Fiorentina, ma anche del Napoli che ha portato a casa un pari da non disprezzare. Un disastro la Lazio punita da un gioco di rimessa che in Europa non funziona.
La Juventus ha fatto la sua partita, ma ancora una volta fuori dai confini la Signora perde un po' della sua sicurezza. La maledizione europea continua e anche ieri sera contro il Trapzospor i bianconeri hanno corso il rischio di non andare oltre l'uno a zero e di subire il pareggio. Il 2-0 nel recupero ha sistemato la pratica.
Ma perché la Juve fatica così in Europa? E' un problema di mentalità, ma anche di qualità tecnica complessiva del gruppo. Se in Italia i bianconeri sono più forti, anche in Europa League quando Conte decide di fare un minimo di turn-ore vengono a galla i limiti di alcun i giocatori che non sono da Juventus. Parliamo di Peluso, ma anche di Isla. E la difesa con Ogbonna e Caceres non è la stessa di quando giocano Chiellini e Barzagli.
Le grandi squadre europee, invece, hanno la panchina più o meno equivalente ai giocatori che scendono in campo.
Questo discorso di crescita progressiva lo metterà ancora sul tavolo Antonio Conte quando deciderà di affrontare il discorso-contratto. Nel passato, ad esempio, quando è mancato Pirlo la Juve ha sofferto. Ieri per portare a casa il risultato, l'allenatore bianconero ha dovuto rimettere in campo Vidal e Llorente. Confermiamo che l'appuntamento con Conte per il contratto è fissato dopo il 20 di marzo, dopo Juventus-Fiorentina a puntate.
Intanto è tornato in Italia Thohir che per la prima volta ha polemizzato con Moratti che lo aveva richiamato per le troppe assenze. Con il sorriso, ma stizzito, ha replicato: "Mi sento tutti i giorni con i miei collaboratori". Naturalmente non basta, ma contento lui... Comunque dobbiamo registrare un progressivo allontanamento dai miti e dalle idee morattiane. Branca, un totem, è stato licenziato in tronco. E la stessa sorte sta per toccare a Xavier Zanetti.
Del resto l'Inter per cambiare strada aveva bisogno di liberarsi di tutti i miti del passato. Mazzarri ha chiesto e ottenuto carta bianca dal presidente indonesiano, se deve imporre le sue idee, se deve essere libero di sbagliare, deve fare di testa sua. Non è un caso se dopo questo chiarimento i risultati sono arrivati. Uno straordinario giocatore di 41 anni non può più far parte di un progetto futuro. Ma con lui gradualmente anche Milito e Cambiasso si ritroveranno più lontani dell'Inter. La loro storia, la loro personalità, il famoso clan degli argentini, rischia di continuare a condizionare l'Inter e questo non può essere. Con Moratti non sarebbe mai successo per ragioni di cuore, per riconoscenza, ma le squadre non si ricostruiscono con la storia e Mazzarri è in pieno accordo con Thohir.
Di questo disagio (messo tra le riserve) però Xavier Zanetti ha parlato con Mourinho che conoscendo il valore dell'uomo e pensando di poter avere dall'argentino anche un aiuto per far crescere il gruppo del Chelsea in personalità gli ha proposto di andare a lavorare con lui in Inghilterra. E' molto probabile quindi che Zanetti accetti e a fine stagione dopo una vita lasci l'Inter.
Del resto la nuova proprietà non si può far condizionare da nessuno, i rapporti e i ruoli devono essere chiari: prendere o lasciare.
Intanto, in quanto a prendere, dopo Hernanes l'Inter cerca altri giocatori di grande personalità e Thohir ha quasi ammesso l'ingaggio di Vidic, centrale difensivo del Manchester. L'affare, in realtà, è fatto: Vidic è nerazzurro.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.