HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Juventus-Udinese: ecco cosa offre Marotta per Pereyra. Milan, serve il certificato di garanzia. Serie B allo sbando, la Figc convochi Abodi

Nato ad Avellino il 30-09-1983. Vive a Milano dal 2005. Direttore di Tuttomercatoweb e Direttore di Sportitalia, canale 153 del digitale terrestre. Conduttore ed organizzatore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
26.05.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 56285 volte
© foto di Federico De Luca

Il calciomercato si divide in tre fasi, al termine del campionato. La prima: il valzer dei Direttori Sportivi. La seconda: la scelta degli allenatori, conseguenziale al cambio dei Ds. La terza: la risoluzione delle compartecipazioni. Solo dopo queste tre fasi si inizia a fare il classico mercato. Quest'anno la prima fase è stata abolita; non si cambia nulla. Poca roba. Il Genoa torna nelle sagge mani di Capozucca, alla faccia degli esperimenti maldestri tipo Delli Carri. All'Inter finalmente comanda un Direttore Sportivo capace di riconoscere i calciatori e di fare gli interessi della società. Giovane, preparato ed onesto: Piero Ausilio è la garanzia per il futuro di Walter Mazzarri. Nel frattempo la prima vera trattativa di mercato prevede, ancora una volta, l'asse bianconero tra Torino e Udine. Dopo Isla e Asamoah, Conte avrà a disposizione Pereyra. Siamo ai dettagli ma con Pozzo i dettagli sono come i preliminari in un rapporto di coppia. Fondamentali! Su Pereyra c'è anche la Roma ma siamo ad anni luce di distanza. La Juve lo ha bloccato esattamente 5 mesi fa, quando per la prima volta vi dicemmo dell'interesse di Beppe Marotta. Gino Pozzo manterrà la parola e la Juventus è consapevole che alla bottega friulana non si possono chiedere sconti. L'Udinese chiede 10 milioni per i difensori, 15 milioni per i centrocampisti e 25 milioni per gli attaccanti. Il tariffario è uguale per tutti. Poi ci sono le eccezioni ma se l'attaccante, vedi Muriel, è reduce da un'annata storta e non si può puntare alla canonica tariffa di partenza neanche si va sul mercato. Pereyra costicchia qualcosa in più di 15 milioni. Per due ragioni: la Juve ha concorrenza e il calciatore è un centrocampista duttile da circa 6-8 gol a stagione. Consigliabile l'utilizzo sulla sinistra di centrocampo, adattabile anche dietro le punte. L'Udinese chiede 20 milioni; non li prenderà. Allora si ragiona su 15 milioni più la metà del cartellino di un giovane della Juve. Pozzo ha chiesto la metà di Zaza ma il calciatore ha espressamente fatto sapere a Marotta e Paratici che preferirebbe restare a Sassuolo, dove si è ambientato molto bene. Anche a livello personale, non solo professionale. L'Udinese ha detto no alla metà di Marrone. Si ragiona solo sulla contropartita tecnica, dettagli come dicevamo, perchè sui soldi ci siamo. L'ultima offerta della Juventus per il giovane da spedire a Udine è Richmond Boakye, ex Sassuolo e nell'ultima stagione in prestito all'Elche. L'Udinese non è convinta perchè in Spagna ha deluso le aspettative. Vedremo. Tornando alle tre fasi che elencavamo in precedenza, il Milan è fermo alla seconda fase. Seedorf si può togliere dalla testa la buonuscita. Galliani spera che qualcuno lo chiami al più presto per far cadere i due anni di contratto. L'olandese non ha deluso sotto il punto di vista dei risultati, anche se non ha centrato mezzo obiettivo dal momento del suo arrivo, però i rapporti in casa Milan sono importanti almeno quanto i risultati. Si sonda la pista straniera, Galliani sta lavorando a diverse ipotesi; questa sarà la settimana decisiva, anche se i rossoneri hanno bisogno di un certificato di garanzia per la panchina. Basta scommesse. Allegri ha retto fin quando aveva i top player nello spogliatoio. Seedorf si è bruciato da solo e Inzaghi, sembra, non sia ancora pronto. Nel frattempo nello spogliatoio non c'è grandissima armonia. Le fazioni sono due: chi si è schierato con Seedorf e chi, invece, in una famosa cena ha deciso che per l'olandese non c'era più spazio. Vedremo, anche se l'allenatore rischia di diventare strategico solo in caso di un allestimento di una rosa competitiva. A Raiola è stato dato un mandato virtuale per sondare il mercato che ruota attorno a Balotelli. Galliani è una vecchia volpe. Vuole vendere Mario ma solo in caso dovesse fare un Mondiale da protagonista in Brasile e recuperare qualche soldino speso un anno e mezzo fa per portarlo a San Siro. Chiusura dedicata alla serie B. Il turno di campionato, penultimo appuntamento stagionale, ha consacrato il Latina, rinviato la festa dell'Empoli a venerdì sera e sancito il caos in chiave play off. Al Cittadella manca pochissimo per la salvezza diretta mentre il Bari sogna un posto nei play off, anche se la conquista più grande, per il popolo pugliese, è la nuova proprietà. In bocca al lupo a Paparesta, in attesa di conoscere nome, cognome e codice fiscale dei veri proprietari del club. Il problema della serie B resta la Lega. Urge un intervento della Federazione Italiana Giuoco Calcio. La Lega di B non può pensare di fare il bello e cattivo tempo del proprio Presidente. Abete deve intervenire perchè il marcio parte sempre dal fondo. La B non ha credibilità, le iniziative di Abodi sono incomprensibili. Parla di arte e lealtà e poi non condanna episodi di partite accomodate e favorisce le società amiche. Gli arbitri hanno condizionato un intero campionato ma lui prende le distanze. Le soluzioni sono due: o non ha il potere di assicurare un campionato regolare e dovrebbe dimettersi oppure ha fin troppo potere, i risultati sono evidenti e comunque dovrebbe dimettersi. La B è un massacro per i Presidenti. Tutte le società sono in passivo, gli sponsor latitano, Abodi ha portato una miseria nelle casse delle società e parla di esempio da seguire. Società tecnicamente fallite continuano a giocare e i fallimenti pilotati da 2 diventeranno 20. Gli stadi sono sempre più vuoti e non c'è visibilità per un campionato che vedono solo gli abbonati degli abbonati. L'offerta di Sky è qualitativamente eccezionale, anche sotto il punto di vista quantitativo. Se fate un'intervista ad Abodi, però, vi dirà che a mezzanotte c'è il sole e che in Alaska fa caldo. Basta prese in giro! E' riuscito a far credere tutto ciò ai presidenti delle società di serie B ma a quelli di serie A non li ha fatti fessi, quando un anno e mezzo fa corse per la poltrona di Presidente di A. Lotito lo spazzolò via in un attimo e Galliani gli chiuse tutte le porte. Capirono immediatamente il rischio. Presidenti di Lega tifosi non possono più esistere (vedete i filmati dello scorso agosto su youtube e fate un ragionamento). Parli pure di conflitto di interessi, Abodi, ma è meglio un conflitto di interessi puro e dichiarato che conflitti di interessi mascherati e diabolici. Abete, spetta a lei salvare il calcio. Bisogna partire dal basso. Albertini lascerà la vice-presidenza della Figc, perchè non fargli fare pulizia in serie B?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...

EditorialeDI: Mauro Suma

Merdeka e le Cayman, passi - Huarong e le Vergini, alt! Romagnoli out e Caldara in - Rincon: maquillage perfetto 07.01 - Dalle altre parti sono diventati bravi. Quando, qualche mese fa, il Corriere della Sera scoprì che le azioni Inter di Thohir erano in pegno alla finanziaria Merdeka, senza centralino telefonico e senza uffici, una sorta di società virtuale online alle Isole Cayman, tutto venne tacitato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Clamoroso dalla Cina: stop del governo alle spese folli per il calcio. Il Milan trema. Ma per Gagliardini all'Inter nessun problema. Juve, Dybala al Real per 100 milioni più Morata 06.01 - Qualcuno lo sperava, altri lo auspicavano, ieri sera a tarda ora è arrivata la vera bomba di mercato. Secondo il sito del Financial Times il governo cinese è stufo della corsa alle spese folli per i calciatori, non piace l’immagine negativa del Paese che viene fuori dal mercato calcistico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.