HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Kakà: se parte ne arriva uno fortissimo. Ranocchia-Juve: li divide una fascia. La Juve sogna Cuadrado ma finirà come Jovetic. Milan-Mondiali: chi come Boateng? Pioli: alla Lazio tra Luis Enrique e Allegri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.06.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 46612 volte

Il bacio del San Valentino brasiliano fra Caroline e Riccardino ha fatto felici i tifosi milanisti. Ancor di più la sua esultanza allo Stadio per i gol del Brasile sulla Croazia. Grande Kakà. Qualcuno a Usa '94 tifava contro la Nazionale per non essere stato convocato da Sacchi. Lui invece è lì a tifare per il suo Brasile e per Scolari. Torniamo a noi: si baciano, tutto bene, quindi torna al Milan e a Milano. Potrebbe essere ma potrebbe anche non essere e non essere così semplice. In ogni caso per i milanisti veri i motivi privati e personali di Kakà sono sacri. Contrariamente però a quanto accadde nel 2009 quando Kakà non fu sostituito da nessuno (certe equazioni pittoresche le lasciamo ai fumi degli happy hour delle ore piccole) per il semplice motivo che se vieni ceduto per salvare il bilancio ed essendo quel Kakà insostituibile non c'era contropartita tecnica che tenesse, questa volta le cose potrebbero andare diversamente. Kakà può scegliere liberamente e in serenità. Se rimane al Milan, tutti contenti. Se dovesse invece scegliere di optare per altre opportunità, il Milan potrebbe andare su un sostituto vero questa volta. Non solo vero, ma anche fortissimo.

Ranocchia torna dal Brasile e pensa alla prossima stagione. Sogna la fascia di capitano dell'Inter e qualche apertura in Società c'è effettivamente stata. Ma la panchina non è la Società e Mazzarri sa che in qualche caso potrebbe fare scelte che non vedono Ranocchia fra i primi undici. E tener fuori il Capitano della squadra potrebbe essere un problema in più. Per cui il discrimine della fascia è importante, sul fronte Ranocchia, non soltanto per la prossima stagione ma anche per il suo futuro. Perché da oggi Ranocchia ha un pensiero fisso in testa: giocare sempre in un progetto stabile per essere presente ai prossimo Europei e Mondiali dopo il 24' posto nella rosa azzurra di quest'anno. Con la fascia di capitano, questo contesto lo può trovare all'Inter. Senza la fascia, ecco che il richiamo continuo, quasi quotidiano, di Torino bianconera potrebbe anche avere successo.

Antonio Conte lo sogna, lo vuole e lo considera ideale per il suo calcio e per alzare l'asticella della sua squadra in Champions League. Lui è Cuadrado. Buoni rapporti con l'Udinese, meno con la Fiorentina. Questo il panorama che deve declinare chi fa il mercato dopo i desiderata dell'allenatore. Ed è proprio la rivalità atavica con la Fiorentina che rende pressochè impossibile l'operazione. Esattamente come accadde un anno fa con Jovetic. La Juventus ne parlava e ci credeva. Poi fu Manchester City. Certo è che se per un Berbatov di passaggio, ti giochi prima Jovetic e poi Cuadrado, quel benedetto aereo poteva anche essere lasciato al suo destino.
L'anno dopo i Mondiali è sempre particolare. Soprattutto al Milan. L'ultimo Scudetto rossonero, nel 2011, dopo il Mondiale del 2010, è arrivato anche grazie a Kevin Prince Boateng, notato e osservato da Adriano Galliani proprio durante i Campionati in Sudafrica. Il Milan naturalmente guarderà anche i Mondiali iniziati giovedì in Brasile. E dal momento che almeno una casella a centrocampo può ancora essere occupata, ecco che i centrocampisti, modello Boateng, di tutte le Nazionali impegnate ai Mondiali saranno visionati con attenzione. La storia di Kevin Prince è sintomatica. Fa un Mondiale all'insegna della corsa e degli inserimenti e quel Milan del 2010 che aveva voglia di un po' di gamba e un po' di polmoni, si informa. Avraham Grant, suo allenatore al Portsmouth, dà certe referenze alla famiglia Galliani che non si scoraggia e inizia una trattativa a più riprese che porta Boateng al Milan prima in prestito, poi in compartecipazione e poi a titolo definitivo. Insomma, il Mondiale aguzza l'ingegno.

Stefano Pioli a Roma. Poteva andare così già tre anni fa, quando il giallorosso Sabatini lo aveva scelto per la Roma. Ma in quel caso a prevalere fu la linea Baldini che optò per Luis Enrique. Pioli dunque a Roma, tre anni dopo e sulla sponda opposta. Anche grazie a Massimiliano Allegri che si è fatto da parte e ha sostanzialmente scelto di stare fermo un anno. Il tecnico toscano ha misurato sull'interesse per il suo stesso ingaggio, le ambizioni del presidente Lotito per la prossima stagione della Lazio. E a torto o a ragione ha fatto la sua scelta. Tocca dunque a Pioli, un allenatore bravo, costante, serio e innovativo. La Lazio ha scelto bene, ma che incroci. Poteva essere Roma e invece è Lazio, dopo la scelta dell'ex allenatore del Milan. Pioli è passato dalle fessure degli incroci del calcio. Adesso tocca a lui.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.