HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

Kakà: se parte ne arriva uno fortissimo. Ranocchia-Juve: li divide una fascia. La Juve sogna Cuadrado ma finirà come Jovetic. Milan-Mondiali: chi come Boateng? Pioli: alla Lazio tra Luis Enrique e Allegri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.06.2014 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 46608 volte

Il bacio del San Valentino brasiliano fra Caroline e Riccardino ha fatto felici i tifosi milanisti. Ancor di più la sua esultanza allo Stadio per i gol del Brasile sulla Croazia. Grande Kakà. Qualcuno a Usa '94 tifava contro la Nazionale per non essere stato convocato da Sacchi. Lui invece è lì a tifare per il suo Brasile e per Scolari. Torniamo a noi: si baciano, tutto bene, quindi torna al Milan e a Milano. Potrebbe essere ma potrebbe anche non essere e non essere così semplice. In ogni caso per i milanisti veri i motivi privati e personali di Kakà sono sacri. Contrariamente però a quanto accadde nel 2009 quando Kakà non fu sostituito da nessuno (certe equazioni pittoresche le lasciamo ai fumi degli happy hour delle ore piccole) per il semplice motivo che se vieni ceduto per salvare il bilancio ed essendo quel Kakà insostituibile non c'era contropartita tecnica che tenesse, questa volta le cose potrebbero andare diversamente. Kakà può scegliere liberamente e in serenità. Se rimane al Milan, tutti contenti. Se dovesse invece scegliere di optare per altre opportunità, il Milan potrebbe andare su un sostituto vero questa volta. Non solo vero, ma anche fortissimo.

Ranocchia torna dal Brasile e pensa alla prossima stagione. Sogna la fascia di capitano dell'Inter e qualche apertura in Società c'è effettivamente stata. Ma la panchina non è la Società e Mazzarri sa che in qualche caso potrebbe fare scelte che non vedono Ranocchia fra i primi undici. E tener fuori il Capitano della squadra potrebbe essere un problema in più. Per cui il discrimine della fascia è importante, sul fronte Ranocchia, non soltanto per la prossima stagione ma anche per il suo futuro. Perché da oggi Ranocchia ha un pensiero fisso in testa: giocare sempre in un progetto stabile per essere presente ai prossimo Europei e Mondiali dopo il 24' posto nella rosa azzurra di quest'anno. Con la fascia di capitano, questo contesto lo può trovare all'Inter. Senza la fascia, ecco che il richiamo continuo, quasi quotidiano, di Torino bianconera potrebbe anche avere successo.

Antonio Conte lo sogna, lo vuole e lo considera ideale per il suo calcio e per alzare l'asticella della sua squadra in Champions League. Lui è Cuadrado. Buoni rapporti con l'Udinese, meno con la Fiorentina. Questo il panorama che deve declinare chi fa il mercato dopo i desiderata dell'allenatore. Ed è proprio la rivalità atavica con la Fiorentina che rende pressochè impossibile l'operazione. Esattamente come accadde un anno fa con Jovetic. La Juventus ne parlava e ci credeva. Poi fu Manchester City. Certo è che se per un Berbatov di passaggio, ti giochi prima Jovetic e poi Cuadrado, quel benedetto aereo poteva anche essere lasciato al suo destino.
L'anno dopo i Mondiali è sempre particolare. Soprattutto al Milan. L'ultimo Scudetto rossonero, nel 2011, dopo il Mondiale del 2010, è arrivato anche grazie a Kevin Prince Boateng, notato e osservato da Adriano Galliani proprio durante i Campionati in Sudafrica. Il Milan naturalmente guarderà anche i Mondiali iniziati giovedì in Brasile. E dal momento che almeno una casella a centrocampo può ancora essere occupata, ecco che i centrocampisti, modello Boateng, di tutte le Nazionali impegnate ai Mondiali saranno visionati con attenzione. La storia di Kevin Prince è sintomatica. Fa un Mondiale all'insegna della corsa e degli inserimenti e quel Milan del 2010 che aveva voglia di un po' di gamba e un po' di polmoni, si informa. Avraham Grant, suo allenatore al Portsmouth, dà certe referenze alla famiglia Galliani che non si scoraggia e inizia una trattativa a più riprese che porta Boateng al Milan prima in prestito, poi in compartecipazione e poi a titolo definitivo. Insomma, il Mondiale aguzza l'ingegno.

Stefano Pioli a Roma. Poteva andare così già tre anni fa, quando il giallorosso Sabatini lo aveva scelto per la Roma. Ma in quel caso a prevalere fu la linea Baldini che optò per Luis Enrique. Pioli dunque a Roma, tre anni dopo e sulla sponda opposta. Anche grazie a Massimiliano Allegri che si è fatto da parte e ha sostanzialmente scelto di stare fermo un anno. Il tecnico toscano ha misurato sull'interesse per il suo stesso ingaggio, le ambizioni del presidente Lotito per la prossima stagione della Lazio. E a torto o a ragione ha fatto la sua scelta. Tocca dunque a Pioli, un allenatore bravo, costante, serio e innovativo. La Lazio ha scelto bene, ma che incroci. Poteva essere Roma e invece è Lazio, dopo la scelta dell'ex allenatore del Milan. Pioli è passato dalle fessure degli incroci del calcio. Adesso tocca a lui.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.