HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

Karpov e Kasparov sembrano due dilettanti guardando l'interminabile sfida a scacchi tra De Laurentiis e Benitez. Rinnovo del contratto rinviato alla prossima settimana. Quando si giocherà una nuova manche o un'altra mano: poker d'assi o astuto bluff

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
03.05.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22727 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La mente torna indietro di 30 anni. Nella Sala delle Colonne al Cremlino, dal settembre 1984 ed ininterrottamente dal fino al febbraio 1985, Eugeny Karpov e Garri Kasparov si sfidarono per il titolo di campione del mondo di scacchi. Non se lo aggiudicò nessuno dei due, dopo aver giocato 48 partite per un totale di oltre 200 ore: 40 in parità, Karpov ne vinse cinque e Kasparov tre. Anche se il russo era in vantaggio, non ebbe la meglio sull’azero perché il regolamento assicurava il titolo mondiale a chi avesse superato l’avversario almeno sei volte. Impossibile per due mostri della scacchiera, talmente abili da neutralizzarsi e costringere la federazione a sospendere la sfida per salvaguardare la loro salute mentale. Per carità, tra De Laurentiis non siamo a quei livelli, anche se la partita a scacchi sul rinnovo del contratto si arricchisce ogni volta di una mossa nuova, un’iniziativa che costringe l’avversario a studiarne un’altra più astuta. L’ennesimo confronto dovrebbe andare in scena a metà della prossima settimana, più presumibilmente dopo la semifinale di andata contro il Dnipro al San Paolo. Per quella occasione è atteso a Napoli anche Manuel Quilon, il manager di Benitez che il giorno successivo alla sfida di Europa League dovrebbe vedersi con il suo assistito e De Laurentiis per chiarire definitivamente il da farsi relativamente al prossimo oppure ai prossimi anni. Fino ad un numero di 5, così come ha proposto pubblicamente il patron ad un Benitez titubante sul progetto tecnico-economico del Napoli. Lo avranno rassicurato le parole del patron sui rinforzi (3) per la squadra, la realizzazione dello stadio (inizio lavori: marzo 2016) e del complesso tecnico per il settore giovanile (6 campi da costruire in 8 ettari di terreno)? Forse o più probabilmente potrebbe chiedere garanzie scritte prima di accettare qualsiasi proposta di rinnovo. Lo slittamento ulteriore della firma (De Laurentiis aveva chiesto a Benitez di decidere entro sabato 2 maggio) può voler dire proprio questo per poi mostrare il tutto al senor Quilon. Oppure no, più semplicemente c’è l’attesa di verificare se una delle panchine gradite a don Rafè possano liberarsi prima che scada l’ennesimo ultimatum di De Laurentiis. L’aereo che ha sorvolato Anfield con la scritta “Rodgers out, Rafa in” è il segnale evidente di quanto i tifosi della Kop vorrebbero il ritorno a Liverpool del grande maestro. E chi dice che anche De Laurentiis non stia, a sua volta, aspettando proprio un evento di questo tipo? Magari non lo auspica, perché con Benitez avrebbe comunque dalla sua parte una buona fetta di tifosi che apprezzano il trainer spagnolo; viceversa potrebbe allargare le braccia e dire che “era a fine contratto e ha voluto andar via”, per poi avere la serenità di presentare un altro tecnico, probabilmente, meno blasonato di Benitez. Come Karpov e Kasparov, l’un contro l’altro a studiare la mossa con la quale neutralizzare quella dell’avversario. Oppure no, De Laurentiis e Benitez potrebbero somigliare anche più a Max Pescatori e Salvatore Bonavena, i due campioni di poker che osservano con cura le proprie carte e studiano le mosse dell’avversario. Forza, chi viene allo scoperto? De Laurentiis e Benitez stanno costringendo il concorrente a “vedere” se l’altro ha in mano il poker d’assi o semplicemente un bluff.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Film-Milan, la settimana dei pianti e delle feste. De Laurentiis, hai rovinato tutto! Verona, per la A esonera Pecchia e prendi un De Canio... Figc, il gioco si fa duro ma i colpi bassi non pagano mai 27.02 - Il Milan vince a Sassuolo con un rigore da ripetere (almeno), il Napoli perde punti e testa e l'Atalanta è lo spot più bello del nostro campionato. Immaginate se Gasperini avesse indovinato anche le prime cinque giornate oggi dove sarebbe... Roba da matti. Complimenti a Percassi e...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il futuro di Allegri, Sousa, Spalletti, Sarri e la carta Ranieri: novità e previsioni su uno dei più grandi domini degli allenatori del calcio italiano 26.02 - Mentre il Napoli ha ufficialmente detto addio ai sogni Scudetto, la Juventus vola spedita verso l'ennesimo titolo. Sì, dietro c'è la Roma, arrembante, vigorosa, ma la sensazione è che per l'ennesima volta la proprietà americana resterà a bocca asciutta mentre a festeggiare sarà Massimiliano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.