HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

Kovacic, 35 milioni sulle spalle del Mancio. Ultime due settimane: dubbi e segreti di Milan, Juve e Napoli. Palazzi, ma è tutto vero?

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
17.08.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 119478 volte
© foto di Federico De Luca

Il mercato è come l'estate che stiamo vivendo. Sudiamo per due mesi e mezzo mentre siamo in ufficio e quando arriva Ferragosto dobbiamo prendere maglioni ed ombrelli. Il mercato è così: per tre mesi non succede nulla, poi in un amen si svegliano tutti. Nella notte di Ferragosto la Signora Ausilio, come sempre, era impegnata con i figli e doveva sopperire all'assenza del marito. Santa donna. Nel digitare sul suo cellulare il numero di "Piero" o "Amore mio", non sappiamo le abitudini della Signora, avrà trovato occupato; tanto per cambiare. Quella notte, però, la Signora non avrebbe dovuto telefonare perché Piero era impegnato in una telefonata importante. Che neanche avrebbe immaginato. Il Direttore dell'Inter aveva già prenotato un volo per l'Inghilterra, nella giornata di oggi. L'aereo lo prende ma cambia destinazione: "Pilota, niente Liverpool, viriamo su Madrid". Piero, allora, ha annusato l'affare e ha trovato un pazzo (Benitez) che spende 38 milioni di euro più qualche milionata di bonus per prendere Kovacic. E' un affare? Sì. Vendere un calciatore e guadagnarci più di 20 milioni di euro è sempre un affare. Kovacic è un potenziale campione, non è un campione, e - anche se sicuramente lo diventerà - un vero campione non ha bisogno di due anni di rodaggio. L'Inter lo ha aspettato ma adesso ci sono altre priorità. Fare cassa e prendere calciatori pronti. Con una plusvalenza del genere non si poteva dire al Real Madrid "No, grazie". Adesso, però, Mancini ha un peso di 35 milioni di euro sulle spalle. Inutile nascondere la testa sotto la sabbia, per i tifosi nerazzurri. In vista di altri acquisti, bisognava vendere e Mancini dovrà saper far fruttare gli investimenti. Altrimenti sarà dura. L'Inter non può perdere un altro anno. Roby-gol deve dimostrare agli scettici che non ha perso la mentalità vincente e può ancora rendere grande questa squadra. Perisic è diventata quasi un'ossessione e Mancini deve evitare di far prendere calciatori tanto per... Già a gennaio ha cannato clamorosamente due jolly. Oggi l'Inter, sulla carta, sarebbe fuori ancora dalla zona Champions e per restare in Europa League deve impegnarsi. Ausilio si sbatte come un pazzo, si fa in 4 con una proprietà che vive dall'altra parte del mondo e un allenatore che pretende ma ancora non dà.
Sono le ultime due settimane di mercato. Le più belle e le più intense. Mai come quest'anno ci saranno fuochi di artificio. Il Milan deve fare ancora due colpi da 90, la Juventus ha bisogno di due top player, l'Inter ha 35 milioni di euro da spendere e anche il Napoli deve puntellare la rosa. Sugli esterni soprattutto. La Roma è forte, si è mossa bene ed è completa. Però in difesa serve ancora, almeno, un altro rinforzo. La Lazio deve aspettare il preliminare di Champions. In caso di qualificazione sarà tutto un altro mondo. Il Milan sta rischiando seriamente. I tifosi hanno davanti agli occhi e nelle orecchie il nome di Ibrahimovic. Galliani è fiducioso e, anche se non si sta mettendo bene, crede di piazzare il colpo il 31 agosto. Se non gli riuscirà saranno guai. Mal di pancia veri. Saranno problemi di Galliani accontentare i tifosi, dopo aver accontentato Sinisa. Stando ai rumors, Berlusconi non sarebbe ancora sereno. I tifosi sono preoccupati e adesso la stima va guadagnata. La Juventus, invece, dal canto suo non può fallire. Quest'anno Marotta avrà più lavoro da fare. Mancano un 10 ed un centrocampista, perché l'affare Khedira puzza di pacco bruciato. Giuntoli, a Napoli, sta lavorando in silenzio e qualcosa ancora farà. Lo ha confidato ai suoi collaboratori più stretti. Il Napoli, a giorni, conoscerà due nuovi rinforzi. Manca ancora qualche uscita ma il club partenopeo è consapevole che per essere tra le prime tre deve ancora lavorare sul mercato in entrata.
In chiusura capitolo FIGC: abbiamo grande stima di Stefano Palazzi e non abbiamo voglia di attaccare tanto per farlo o per farci qualche amico gratis. Facciamo delle riflessioni. Palazzi ha un fucile nella mano destra e una rosa in quella sinistra. Non va bene. Dobbiamo credere nella giustizia sportiva e non dobbiamo temerla per follie o paranoie. Se Pulvirenti ha collaborato, senza portare agevolazioni al calcio italiano, ce ne frega nulla. Se Pulvirenti ha collaborato e grazie a lui allora cambierà il mondo del calcio, andrebbero puniti tutti i colpevoli in modo da cambiare radicalmente l'esistenza del pallone italiano. In quel caso ben vengano i 5 anni di squalifica. Ma vogliamo i fatti. Io, ad oggi, per la mia stupidità ancora non ho capito il Catania quali partite ha comprato, quali ha vinto grazie ai 100.000 di Pulvirenti, quali sono stati i calciatori corrotti e perché ancora non hanno pagato. Ci sono troppe ombre, poche luci e tanta fretta di voler chiudere. Il caso Catania ha insegnato qualcosa e ha cambiato qualcuno? La risposta è no. Il Teramo in D con -20 non si può sentire. E' oggettivo che il Catania ha commesso reati più gravi e continuativi. Pulvirenti ha collaborato perché ha confessato. Campitelli non ha collaborato e non sono state trovate prove contro di lui. Fino a prova contraria la giustizia deve dimostrare il reato commesso. Specifichiamo che le nostre preoccupazioni non sono legate al Teramo in quanto tale, ma abbiamo il timore che una società professionistica venga spazzata via con troppa facilità. Oggi tutto il calcio italiano dovrebbe mettersi nei panni del Teramo. Oggi tocca alla squadra abruzzese, ma domani potrebbe toccare ad altri. Palazzi è persona troppo intelligente per non capire che la giustizia deve fare un percorso diverso dalla politica. Tavecchio deve intervenire per mettere ordine nella giustizia. Il primo grado la pensa in un modo, il secondo in maniera completamente opposta e poi arriva il Collegio di Garanzia del Coni e manda tutti a casa. Così anche il discorso della chiusura della curva della Juventus. Non vogliamo parlare di Mauri e della Lazio. La giustizia sportiva sta dicendo, di fatto, alla giustizia ordinaria che non ha capito nulla. Cremona ha messo le manette ai polsi di Mauri, la Federazione gliele ha tolte. Noi ancora non abbiamo capito se Mauri è un delinquente o un fuoriclasse, come il campo più volte ci ha detto. Delle due l'una: o Mauri è andato ingiustamente in carcere o Mauri ingiustamente ha giocato e gioca regolarmente al calcio.
Me ne vado a dormire; si è fatto tardi. Oggi ricomincia Speciale Calciomercato su Sportitalia e mi dovrò sorbire Pedullà dal vivo per due settimane. Pensate voi che fatica, tra mille notizie di mercato. Chiudo la finestra che fa freddo. Ciao ciao ferragosto. Benvenuto campionato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.