HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

L'analisi dal 2006 al 2016: sicuri serva esonerare gli allenatori? Inter maglia nera, ma Juve e Milan ragionano allo stesso modo. A Napoli situazione capovolta. E in Europa? Si sono adeguati: resiste solo Wenger

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
13.11.2016 13.56 di Raimondo De Magistris  Twitter:   articolo letto 52104 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Se vi va, in questa noiosa domenica di sosta per le Nazionali andate su Google e cercate questa domanda: "Quanto conta l'allenatore in una squadra?" Vi appariranno centinaia di migliaia di risposte, più o meno autorevoli, attorno a una figura affascinante e controversa. Il suo peso, la sua importanza, negli anni ha oscillato a seconda delle mode calcistiche. All'inizio, ai primordi dello sport più popolare di sempre, nemmeno esisteva. Così come adesso, da ormai circa 20 anni, non esiste come singolo individuo, è il vertice di un team di lavoro che in alcuni casi ha più componenti della squadra stessa. Eppure, come farne a meno del primo allenatore. E' la figura attorno a cui ruota tutto il racconto calcistico, il Don Chischotte di un mondo che ha nel tecnico (oltre che nei giornalisti) il suo bersaglio preferito. Un attaccante non segna? E' colpa dell'allenatore. La difesa è decontrata? E' colpa dell'allenatore. I risultati non arrivano? E' colpa dell'allenatore. Si vince lo Scudetto? E' merito... di tutti. Eh si, è un po' così. Figura affascinante proprio perché per molti versi fantozziana.
In questo editoriale però, elucubrazioni a parte, l'argomento principale riguarda il modo in cui gli stessi vengono trattati dai club più importanti di Serie A. Il pretesto è l'umiliazione subita ad Appiano Gentile da Frank De Boer, un burattino utilizzato per risolvere in casa Inter alcuni equilibri societari. Lo incontrai poco più di un mese fa a Montecarlo, in occasione del Golden Foot, e a due passi dalla Promenade parlava di progetto. Un progetto durato una manciata di settimane perché adesso, a Milano, dopo un casting surreale ha già avuto inizio l'era Pioli. E' il terzo allenatore nerazzurro da agosto ad oggi. Perché?
Analizzando la situazione negli ultimi dieci anni, dal Mondiale vinto a oggi, ci si rende conto che il club nerazzurro è quello che tra le big italiane ha cambiato di più. Il discorso dalle parti di Appiano Gentile è sempre stato molto semplice: se vinci puoi restare o, come Mourinho, decidere di andar via da idolo incontrastato. Se perdi per te non c'è scampo. E' un discorso che in una piazza 'pazza' per definizione come quella nerazzurra trova la sua espressione più chiara, ma in fondo non troppo diverso da quello che fanno dirigenti di Milan e Juventus. Sono i tre club che da quasi sempre dominano il calcio italiano e ragionano esclusivamente secondo la dicotomia successo/fallimento. Senza possibilità di altre sfaccettature. Ecco perché a Torino sponda bianconera nel periodo dal ritorno in A all'inizio del ciclo Conte proprio non c'è stata pace, così come a Milano - sponda rossonera - andato via Allegri (il tecnico che ha vinto l'ultimo Scudetto) si sono avvicendati allenatori con una rapidità che nell'era Berlusconi non s'era mai vista. Nessuno s'è mai posto il problema che nei periodi difficili il problema potesse essere la società o la squadra. A pagare sempre i tecnici, almeno fino a quando non si torna alla vittoria.
Discorso diverso in piazze come Napoli e Fiorentina, club che hanno come ambizione quella di restare ai primi posti. Non di vincere. Dal 2006 ad oggi l'unica scelta rinnegata dal presidente De Laurentiis è stata quella riguardante Donadoni. Ha esonerato Reja al naturale esaurimento di un ciclo comunque piuttosto lungo, poi ha sempre aspettato che fosse l'allenatore ad andare via. Non viceversa. Ha attirato Mazzarri e Benitez con la promessa di cicli lunghi e vincenti, li ha salutati (e saluterà Sarri allo stesso modo) quando loro stessi hanno capito che questo Napoli - per limiti societari, culturali, storici e non solo - oltre una certa soglia non può andare. E' così, con un margine leggermente maggiore di elasticità e consapevolezza, anche a Firenze. E' stato così con Prandelli e Montella, sarà così con Sousa.
Ecco perché dal 2006 ad oggi l'Inter ha avuto più del doppio degli allenatori del Napoli. Tecnici transitori a parte (Vecchi all'Inter, Corradini alla Juve o Guerini alla Fiorentina) questo il dato:

Numero di allenatori alla guida delle big di Serie A dal 2006 ad oggi.
Inter 11 allenatori
Juventus 7 allenatori
Milan 8 allenatori
Napoli 5 allenatori
Roma 8 allenatori
Fiorentina 5 allenatori
Lazio 7 allenatori

Infine, un raffronto con i dieci club europei più in vista nell'ultimo decennio. Il Barcellona, nonostante il periodo più importante della sua storia, ha comunque cambiato di media un tecnico ogni biennio. Il Real Madrid è un club 'mangia-allenatori' per definizione, ma ancor meno paziente è il magnate del Chelsea Roman Abramovich che al pari dell'Inter ha addirittura raggiunto la doppia cifra.
La panchina del Manchester United, esaurito il ciclo Ferguson, non sembra trovare più pace, Wenger è l'ultimo baluardo di un calcio che cambia allenatori con sempre maggiore rapidità. E sempre più per moda o per ragioni extracalcistiche. Questi i dati in Europa, a voi i giudizi complessivi...

Numero di allenatori alla guida delle big di Serie A dal 2006 ad oggi.
Barcellona 5 allenatori
Real Madrid 8 allenatori
Chelsea 11 allenatori
Manchester United 5 allenatori
Arsenal 1 allenatore
Manchester City 7 allenatori
Siviglia 8 allenatori
Paris Saint-Germain 6 allenatori
Atletico Madrid 5 allenatori
Bayern Monaco 9 allenatori


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

Silvio, il difficile arriva adesso... Inter-James, si fa sul serio! Kean, un predestinato 23.11 - Lo capisco. Silvio Berlusconi sta soffrendo. Ormai ha capito che l'attimo in cui sarà costretto a dire addio, per sempre, al suo amato Milan è ormai alle porte. Il popolo rossonero gli ha tributato una coreografia da brividi, tutti lo hanno applaudito. Per ogni singolo tifoso...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

22.11 - Eccoci. "Che vita di merda" cantava qualche anno fa nel brano "Alfonso" una strepitosa Levante, cantautrice con i fiocchi. Questo è l'incipit di almeno altri 3 o 4 editoriali negli ultimi dieci anni, segno che a volte c'è qualcosa di peggio della pausa per la Nazionale:...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.