HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

L'attacco più forte d'Italia, impossibile da stabilire. Conte ha ragione, ranking che fa ridere. Ma non da oggi. Juve, ma è Delneri-Zaccheroni-Ferrara oppure Allegri? Manca Kulovic. Fiorentina che scollina, Scudetto si avvicina (non c'è Edmundo)

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
11.10.2015 09.30 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 105735 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il buon José Maria Callejon, attaccante multiuso del Napoli più bello degli ultimi venticinque anni, ha provato a esagerare. "Siamo l'attacco migliore d'Italia". No, ecco, d'Europa non ha osato. Ma del Belpaese sì, perché in senso assoluto è complicato trovarne cinque meglio dell'iberico, e poi Gabbiadini. E Mertens? Senza contare il leader Higuain, oppure il numero dieci Insigne. Proprio sul Diez la discussione è complicata. A Napoli c'è chi dice sì, Insigne se la merita. E altri che ovviamente contrappongono la propria voce. In un mese Sarri è riuscito a far digerire pure un ipotetico cambio di maglia, da ritirata a regalata allo Scugnizzo. Il buongiorno si vede dal mattino, ma l'isteria è evidente: bastano trenta giorni per passare da disastro a salvatore della patria? Claro que no, direbbe Benitez. E pure chi è dotato di equilibrio. Il nostro calcio però è dei titolisti, pur forzati. E di chi ha un opinione per tutto, senza vedere nulla. Così Insigne è un ottimo giocatore ma non un fenomeno come Diego (dovendo dimostrare di essere Lavezzi, più che altro) e mancano almeno un paio di Scudetti vinti per pareggiare (per modo di dire) l'argentino. Poi ci sarebbe un Mondiale, un gol scartando tutti e uno di mano... Fatto sta che è impossibile stabilire se è meglio l'attacco del Napoli oppure la fantastica Roma che si permette di dimenticare Iturbe, fare a meno di Dzeko e Totti, ma siglare quattro gol ugualmente. E poi la Juve, con Dybala che è il futuro (l'ha detto Messi) oppure Morata, centravanti della Spagna al prossimo Europeo. E poi il Milan di Bacca, l'Inter di Icardi, le lune della Lazio. Il Napoli sta comunque sorprendendo, ma è pur sempre a sei punti dalla capolista. Ma ne parleremo dopo.

Perché, all'orizzonte, c'è l'Italia di Antonio Conte. Argomento che diverte più o meno quanto giocare a scacchi contro Deep Blue. Matto in diciotto mosse, e occhio a sbagliare apertura. La realtà è che la Nazionale ci piace solo nelle grandi manifestazioni, e manco nell'Europeo. La differenza è più o meno quella tra Europa e Champions League: una vittoria dei Mondiali ci porta in piazza, ci fa godere fisicamente per anni. Un secondo posto l'anno prossimo non sarebbe un fallimento, ma nemmeno un'impresa da ricordare: Prandelli insegna, sebbene Balotelli ci abbia basato la carriera, tra la doppietta alla Germania e la spaccata per Aguero, all'ultimo secondo di Manchester City-Queens Park Rangers, oramai parecchio tempo fa. Per questo bisogna già pensare ai Mondiali 2018: chi nei venticinque? I miei sono Sportiello, Buffon e Perin. Zappacosta, Darmian, Romagnoli, Rugani, Bonucci, Florenzi, De Sciglio, Santon, Verratti, Marchisio, Baselli, Bonaventura, Candreva, Cataldi, Soriano, Bertolacci, Balotelli, Berardi, Bernardeschi, El Shaarawy, Insigne, Gabbiadini. Ne mancano parecchi, da Sturaro a Giovinco, passando per i Bonazzoli, gli Zaza o i Benassi. Troppi. In una cosa Conte ha ragione: il ranking fa ridere, l'Italia ha passato il turno senza grossi patemi d'animo, mentre la Croazia è messa meglio. Appunto, da ridere, ma non da ora.

Piccolo, grosso, enorme problema per Allegri. Gli infortuni. Dopo avere rinunciato a Morata, per un po' di tempo, a Mandzukic, senza contare Asamoah o il problema riscontrato con Lichtsteiner, in questo momento il tecnico della Juventus deve fare i conti con la sfiga. Che non è quella che ti fa colpire pali e traverse a FIFA o Pes (per la par condicio) ma l'impossibilità di schierare la formazione tipo. Perché poi c'è Caceres che va a sbattere con l'auto, bevendo un bicchiere di troppo, Khedira che gioca la prima ufficiale in maniera degna all'ultimo giorno di settembre, Blanchard che fa gol nell'unica occasione del Frosinone, e via così. In Champions si sta vedendo la vera forza, mentre per la conta degli infortunati sembra essere tornati ai tempi di Zaccheroni, di Delneri e di Ferrara, quando gli assenti avevano sempre ragione e la Juve galleggiava poco più su di metà classifica. Manca un po' di fortuna, oppure il giocatore più forte della Juventus, secondo il Mughini dei primi anni duemila: Kulovic. Poi non è detto che dopo quattro Scudetti consecutivi un calo non sia pure fisiologico, in attesa di un'altra grande striscia.

La Fiorentina intanto gode. A Firenze si respira un clima che difficilmente in città si ricorda, almeno dopo l'addio di Batistuta e Rui Costa. Paulo Sousa è passato da gobbo a profeta del calcio totale, la dirigenza di sprovveduti (e lo è stata, da Salah a Neto, ma non su Bernardeschi e Babacar, pur rischiando molto) aveva già avuto il suo bel funerale, salvo poi trovare sei vittorie in sette partite. Firenze, città umorale come poche, vive di sentimento. E il parallelismo con la viola di Trapattoni è già bell'e sdoganato: con una differenza, non c'è Edmundo. La realtà è che i toscani hanno avuto un calendario abbastanza semplice, Inter a Milano esclusa, salvo poi trovare Bologna e Carpi, un'Atalanta in dieci dal quinto minuto e un Milan allo sbaraglio della prima giornata (e non solo). Le due prossime partite diranno molto sulle ambizioni viola, tra Napoli - fuori casa, scoglio complicatissimo - e la Roma, forse la squadra più completa, Juve a parte. Dovesse scollinare... Pensieri sparsi: l'Inter ha una buona dose di fortuna, chissà quando finirà (o inizierà a giocare bene), il Sassuolo soffre l'assenza di Berardi, una provinciale difficilmente vincerà alcunché in un calcio del genere. Troppe partite, forbice ampia dalle prime. Dietro raggiungono i tre punti, finalmente, Frosinone e Carpi, ma il ciapanò sembra destinato a rimanere inalterato. Da qui alla prossima sosta della Nazionale le cose torneranno a posto. E pure la noia, dovuta a una squadra che entusiasma un mese ogni quattro anni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan senza closing che cambia? I dilemmi dell'Inter, Napoli arriva l'attaccante... A Torino (tutti) cercano un centrocampista 08.12 - Arrivato dicembre, il freddo, gli addobbi di Natale. Significa che è di nuovo mercato. Operativo. Non come avrebbe voluto il Milan. Il closing fra una settimana non ci sarà: di nuovo un rinvio, stavolta fino al 3 marzo, ancora una volta a mercato chiuso. Ancora una volta una...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.