HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

L'attacco più forte d'Italia, impossibile da stabilire. Conte ha ragione, ranking che fa ridere. Ma non da oggi. Juve, ma è Delneri-Zaccheroni-Ferrara oppure Allegri? Manca Kulovic. Fiorentina che scollina, Scudetto si avvicina (non c'è Edmundo)

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
11.10.2015 09.30 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 105765 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il buon José Maria Callejon, attaccante multiuso del Napoli più bello degli ultimi venticinque anni, ha provato a esagerare. "Siamo l'attacco migliore d'Italia". No, ecco, d'Europa non ha osato. Ma del Belpaese sì, perché in senso assoluto è complicato trovarne cinque meglio dell'iberico, e poi Gabbiadini. E Mertens? Senza contare il leader Higuain, oppure il numero dieci Insigne. Proprio sul Diez la discussione è complicata. A Napoli c'è chi dice sì, Insigne se la merita. E altri che ovviamente contrappongono la propria voce. In un mese Sarri è riuscito a far digerire pure un ipotetico cambio di maglia, da ritirata a regalata allo Scugnizzo. Il buongiorno si vede dal mattino, ma l'isteria è evidente: bastano trenta giorni per passare da disastro a salvatore della patria? Claro que no, direbbe Benitez. E pure chi è dotato di equilibrio. Il nostro calcio però è dei titolisti, pur forzati. E di chi ha un opinione per tutto, senza vedere nulla. Così Insigne è un ottimo giocatore ma non un fenomeno come Diego (dovendo dimostrare di essere Lavezzi, più che altro) e mancano almeno un paio di Scudetti vinti per pareggiare (per modo di dire) l'argentino. Poi ci sarebbe un Mondiale, un gol scartando tutti e uno di mano... Fatto sta che è impossibile stabilire se è meglio l'attacco del Napoli oppure la fantastica Roma che si permette di dimenticare Iturbe, fare a meno di Dzeko e Totti, ma siglare quattro gol ugualmente. E poi la Juve, con Dybala che è il futuro (l'ha detto Messi) oppure Morata, centravanti della Spagna al prossimo Europeo. E poi il Milan di Bacca, l'Inter di Icardi, le lune della Lazio. Il Napoli sta comunque sorprendendo, ma è pur sempre a sei punti dalla capolista. Ma ne parleremo dopo.

Perché, all'orizzonte, c'è l'Italia di Antonio Conte. Argomento che diverte più o meno quanto giocare a scacchi contro Deep Blue. Matto in diciotto mosse, e occhio a sbagliare apertura. La realtà è che la Nazionale ci piace solo nelle grandi manifestazioni, e manco nell'Europeo. La differenza è più o meno quella tra Europa e Champions League: una vittoria dei Mondiali ci porta in piazza, ci fa godere fisicamente per anni. Un secondo posto l'anno prossimo non sarebbe un fallimento, ma nemmeno un'impresa da ricordare: Prandelli insegna, sebbene Balotelli ci abbia basato la carriera, tra la doppietta alla Germania e la spaccata per Aguero, all'ultimo secondo di Manchester City-Queens Park Rangers, oramai parecchio tempo fa. Per questo bisogna già pensare ai Mondiali 2018: chi nei venticinque? I miei sono Sportiello, Buffon e Perin. Zappacosta, Darmian, Romagnoli, Rugani, Bonucci, Florenzi, De Sciglio, Santon, Verratti, Marchisio, Baselli, Bonaventura, Candreva, Cataldi, Soriano, Bertolacci, Balotelli, Berardi, Bernardeschi, El Shaarawy, Insigne, Gabbiadini. Ne mancano parecchi, da Sturaro a Giovinco, passando per i Bonazzoli, gli Zaza o i Benassi. Troppi. In una cosa Conte ha ragione: il ranking fa ridere, l'Italia ha passato il turno senza grossi patemi d'animo, mentre la Croazia è messa meglio. Appunto, da ridere, ma non da ora.

Piccolo, grosso, enorme problema per Allegri. Gli infortuni. Dopo avere rinunciato a Morata, per un po' di tempo, a Mandzukic, senza contare Asamoah o il problema riscontrato con Lichtsteiner, in questo momento il tecnico della Juventus deve fare i conti con la sfiga. Che non è quella che ti fa colpire pali e traverse a FIFA o Pes (per la par condicio) ma l'impossibilità di schierare la formazione tipo. Perché poi c'è Caceres che va a sbattere con l'auto, bevendo un bicchiere di troppo, Khedira che gioca la prima ufficiale in maniera degna all'ultimo giorno di settembre, Blanchard che fa gol nell'unica occasione del Frosinone, e via così. In Champions si sta vedendo la vera forza, mentre per la conta degli infortunati sembra essere tornati ai tempi di Zaccheroni, di Delneri e di Ferrara, quando gli assenti avevano sempre ragione e la Juve galleggiava poco più su di metà classifica. Manca un po' di fortuna, oppure il giocatore più forte della Juventus, secondo il Mughini dei primi anni duemila: Kulovic. Poi non è detto che dopo quattro Scudetti consecutivi un calo non sia pure fisiologico, in attesa di un'altra grande striscia.

La Fiorentina intanto gode. A Firenze si respira un clima che difficilmente in città si ricorda, almeno dopo l'addio di Batistuta e Rui Costa. Paulo Sousa è passato da gobbo a profeta del calcio totale, la dirigenza di sprovveduti (e lo è stata, da Salah a Neto, ma non su Bernardeschi e Babacar, pur rischiando molto) aveva già avuto il suo bel funerale, salvo poi trovare sei vittorie in sette partite. Firenze, città umorale come poche, vive di sentimento. E il parallelismo con la viola di Trapattoni è già bell'e sdoganato: con una differenza, non c'è Edmundo. La realtà è che i toscani hanno avuto un calendario abbastanza semplice, Inter a Milano esclusa, salvo poi trovare Bologna e Carpi, un'Atalanta in dieci dal quinto minuto e un Milan allo sbaraglio della prima giornata (e non solo). Le due prossime partite diranno molto sulle ambizioni viola, tra Napoli - fuori casa, scoglio complicatissimo - e la Roma, forse la squadra più completa, Juve a parte. Dovesse scollinare... Pensieri sparsi: l'Inter ha una buona dose di fortuna, chissà quando finirà (o inizierà a giocare bene), il Sassuolo soffre l'assenza di Berardi, una provinciale difficilmente vincerà alcunché in un calcio del genere. Troppe partite, forbice ampia dalle prime. Dietro raggiungono i tre punti, finalmente, Frosinone e Carpi, ma il ciapanò sembra destinato a rimanere inalterato. Da qui alla prossima sosta della Nazionale le cose torneranno a posto. E pure la noia, dovuta a una squadra che entusiasma un mese ogni quattro anni.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.