HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

L'autogol del profeta: Hernanes giocava nella Lazio. Mou-Galliani: Vidic guardava segnare Kakà. Benitez-Mazzarri: il duello lo vince...Strama. Obama-Seedorf: Cassano rimpiange il Milan

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
08.02.2014 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 52343 volte

All'Inter fanno così. Arriva uno nuovo e subito lo caricano a pallettoni contro l'avversario di turno. Cosa che dall'altra parte non ci pensano minimamente, preferendo da sempre essere globali piuttosto che altro. Ma tant'è. ET arriva, chi non salta lossonelo è, e poi si dilegua, di acquisti nemmeno l'idea a parte il baratto. Se non fosse che i tumulti di piazza lo richiamano alla realtà, costringendolo a prendere almeno Hernanes. Già, Hernanes. Arriva e ostenta orgoglio per il fatto di giocare nell'Inter, zero scandali e zero Serie B. Bene, bravo, bis. Ma come la mette adesso Hernanes con quei ragazzi che piangevano con lui davanti a Formello? Quei ragazzi sono tifosi della Lazio, la squadra nella quale lui ha giocato, palpitato e sofferto per 4 anni. Anche quei ragazzi hanno visto il loro Club coinvolto negli scandali (retrocessione nel 1979-80 e penalizzazione nel 2006), sono scesi in Serie B più volte e nel 1987 hanno addirittura sofferto per la loro squadra costretta a disputare gli spareggi per non andare in Serie C contro Taranto e Campobasso. Eppure erano lì, per lui e con lui, a piangere per la loro fede. Brutta abitudine quella dei giocatori di calcio, vedi Lucio dall'Inter alla Juventus, di far scivolare il piede dalla frizione quando cambiano squadra. L'orgoglioso di giocare per una maglia senza scandali e senza retrocessioni, non sapeva nel 2010, al suo arrivo a Roma, che anche la Lazio aveva patito queste cose in passato? Peccatucci. L'importante è che Hernanes dopo aver sentenziato si faccia vedere in campo, mica che saltella e poi sparisce o quasi.

La settimana di Mourinho e Galliani è stata una bella settimana. Mou si è confermato, e fa benissimo dal suo punto di vista per coerenza e convinzione, tifoso dell'Inter, ma ha espresso parole di rispetto anche per il Milan. Non a caso di rimando Adriano Galliani si è dichiarato un suo convinto estimatore. La disputa, assolutamente in punta di penna, è stata di alto livello. Meglio la partita perfetta Milan-Manchester United 3-0 del 2007 o la bella partita Inter-Barcellona 3-1 del 2010? Insomma, meglio battere Rooney e Cristiano Ronaldo o Messi e Ibra? De gustibus. Certo è che in Milan-Manchester United non c'è stata nessuna imperfezione: il ManU non ha fatto gol, non gli è stata annullata nessuna rete, nessuno ha gettato maglie per terra. E poi in campo c'era Nemanja Vidic, il difensore centrale che osservava Kakà di spalle mentre Ricky segnava il gol dell'1-0. Inter-Barcellona di tre anni dopo è stata una grandissima partita, ma non perfetta. Semplice cronaca.

Quella fra Rafa Benitez e Walter Mazzarri è una sfida lunga tutta una stagione. Benitez sente il peso del confronto con gli anni di Mazzarri al Napoli e il tecnico toscano vuol dimostrare di saper reggere anche a Milano il peso della guida tecnica di una grande squadra. Ma il loro duello per il momento ha un vincitore: Andrea Stramaccioni. Il giovane tecnico romano, criticato nella scorsa stagione per gli equilibri difensivi non sempre impeccabili della sua squadra, aveva fatto meglio di Mazzarri in termini di punti dopo le prime 22 giornate di Campionato. A Mazzarri resta la consolazione di aver fatto meglio, per il momento, al Napoli, del Benitez di quest'anno. Il duello continua, ma per il momento il vertice del triangolo, con tante scuse, è occupato proprio da Strama.

Clarence Seedorf sulla panchina del Milan. Per lui Antonio Cassano stravedeva. Spesso raccontava che era splendido allenarsi con lui. Quando parlava fuori dai microfoni con i giornalisti più vicini al Milan, ne decantava le lodi: ma guardatelo, è ecumenico, è grande, io lo chiamo Obama...Antonio oggi è a Parma e dà tutto per il Parma. Ma chi lo conosce intuisce facilmente che all'arrivo di Seedorf sulla panchina rossonera, un pensierino al Milan lo abbia fatto. Non seguirà nulla di particolare, ma se c'è un giocatore che avrebbe voluto esserci, adesso, al Milan, con Clarence Seedorf, quello potrebbe essere proprio Antonio Cassano.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.