HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

L'autogol del profeta: Hernanes giocava nella Lazio. Mou-Galliani: Vidic guardava segnare Kakà. Benitez-Mazzarri: il duello lo vince...Strama. Obama-Seedorf: Cassano rimpiange il Milan

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
08.02.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 52356 volte

All'Inter fanno così. Arriva uno nuovo e subito lo caricano a pallettoni contro l'avversario di turno. Cosa che dall'altra parte non ci pensano minimamente, preferendo da sempre essere globali piuttosto che altro. Ma tant'è. ET arriva, chi non salta lossonelo è, e poi si dilegua, di acquisti nemmeno l'idea a parte il baratto. Se non fosse che i tumulti di piazza lo richiamano alla realtà, costringendolo a prendere almeno Hernanes. Già, Hernanes. Arriva e ostenta orgoglio per il fatto di giocare nell'Inter, zero scandali e zero Serie B. Bene, bravo, bis. Ma come la mette adesso Hernanes con quei ragazzi che piangevano con lui davanti a Formello? Quei ragazzi sono tifosi della Lazio, la squadra nella quale lui ha giocato, palpitato e sofferto per 4 anni. Anche quei ragazzi hanno visto il loro Club coinvolto negli scandali (retrocessione nel 1979-80 e penalizzazione nel 2006), sono scesi in Serie B più volte e nel 1987 hanno addirittura sofferto per la loro squadra costretta a disputare gli spareggi per non andare in Serie C contro Taranto e Campobasso. Eppure erano lì, per lui e con lui, a piangere per la loro fede. Brutta abitudine quella dei giocatori di calcio, vedi Lucio dall'Inter alla Juventus, di far scivolare il piede dalla frizione quando cambiano squadra. L'orgoglioso di giocare per una maglia senza scandali e senza retrocessioni, non sapeva nel 2010, al suo arrivo a Roma, che anche la Lazio aveva patito queste cose in passato? Peccatucci. L'importante è che Hernanes dopo aver sentenziato si faccia vedere in campo, mica che saltella e poi sparisce o quasi.

La settimana di Mourinho e Galliani è stata una bella settimana. Mou si è confermato, e fa benissimo dal suo punto di vista per coerenza e convinzione, tifoso dell'Inter, ma ha espresso parole di rispetto anche per il Milan. Non a caso di rimando Adriano Galliani si è dichiarato un suo convinto estimatore. La disputa, assolutamente in punta di penna, è stata di alto livello. Meglio la partita perfetta Milan-Manchester United 3-0 del 2007 o la bella partita Inter-Barcellona 3-1 del 2010? Insomma, meglio battere Rooney e Cristiano Ronaldo o Messi e Ibra? De gustibus. Certo è che in Milan-Manchester United non c'è stata nessuna imperfezione: il ManU non ha fatto gol, non gli è stata annullata nessuna rete, nessuno ha gettato maglie per terra. E poi in campo c'era Nemanja Vidic, il difensore centrale che osservava Kakà di spalle mentre Ricky segnava il gol dell'1-0. Inter-Barcellona di tre anni dopo è stata una grandissima partita, ma non perfetta. Semplice cronaca.

Quella fra Rafa Benitez e Walter Mazzarri è una sfida lunga tutta una stagione. Benitez sente il peso del confronto con gli anni di Mazzarri al Napoli e il tecnico toscano vuol dimostrare di saper reggere anche a Milano il peso della guida tecnica di una grande squadra. Ma il loro duello per il momento ha un vincitore: Andrea Stramaccioni. Il giovane tecnico romano, criticato nella scorsa stagione per gli equilibri difensivi non sempre impeccabili della sua squadra, aveva fatto meglio di Mazzarri in termini di punti dopo le prime 22 giornate di Campionato. A Mazzarri resta la consolazione di aver fatto meglio, per il momento, al Napoli, del Benitez di quest'anno. Il duello continua, ma per il momento il vertice del triangolo, con tante scuse, è occupato proprio da Strama.

Clarence Seedorf sulla panchina del Milan. Per lui Antonio Cassano stravedeva. Spesso raccontava che era splendido allenarsi con lui. Quando parlava fuori dai microfoni con i giornalisti più vicini al Milan, ne decantava le lodi: ma guardatelo, è ecumenico, è grande, io lo chiamo Obama...Antonio oggi è a Parma e dà tutto per il Parma. Ma chi lo conosce intuisce facilmente che all'arrivo di Seedorf sulla panchina rossonera, un pensierino al Milan lo abbia fatto. Non seguirà nulla di particolare, ma se c'è un giocatore che avrebbe voluto esserci, adesso, al Milan, con Clarence Seedorf, quello potrebbe essere proprio Antonio Cassano.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: polemiche a raffica, un arrivo e un solo vero pericolo. Milan: la svolta, le ultime sul closing e i segreti di Mr Li. Inter: si sogna un colpo da sceicchi (ma occhio alle bufale)! Napoli sospeso tra Sarri e Higuain 28.03 - In quel tempo c'era la pausa per la Nazionale. E la pausa per la Nazionale portava polemiche sterili e invenzioni di mercato. E tu chiamavi i direttori sportivi e chiedevi "si parla molto di mercato, dimmi tutto!". E loro: "C'è la pausa per la nazionale, siamo in vacanza, vatti a...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.