HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

L'Inter benedice il duello Milan-Juventus. Caro Prandelli, un po' te la sei cercata. Milan-Juve: il 2004-2005 insegna, adesso basta...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
03.03.2012 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 15994 volte

Ci sarà una via di mezzo fra Maradona che nel Napoli di moggi dormiva tutta la settimana e poi giocava la domenica, e il rigoroso estremismo adottato da Luis Enrique nei confronti di Daniele De Rossi e da Cesare Prandelli nei confronti di Mario Balotelli? Tra il nero e il bianco ci sono diverse tonalità di grigio. Adottiamone qualcuna. Giusto stare addosso ai "caratterini", ma mettiamo qualche diffida fra il bene e il male, qualche provvedimento di mezzo prima di arrivare al danno finale. Il tecnico spagnolo, che resta la novità più piacevole in prospettiva per il calcio italiano, ha rafforzato la squadra dietro le quinte, ma il calcio non è dietro le quinte. C'è la luce dei riflettori, c'è il campo, ci sono i media, e sotto gli occhi di tutti la squadra è stata danneggiata dai quattro gol di Bergamo. Lo stesso riguarda la Nazionale. E' normale, e non è un delitto, che a fine febbraio, alle porta della volata finale su tutti i fronti, tutto il carrozzone abbia la testa sul calcio di Club. E' normale, come sarà normale ai primi di Giugno avere in mente solo la Nazionale. Ma se adesso il C.T. reclama attenzione sulla Nazionale, perché si priva di Balotelli? Mario quando si muove sposta montagne di attenzione e di appeal. A Genova non c'era, scelta etica inappuntabile, ma se poi ne viene fuori un mercoledì sciapito non può essere il protagonista della scelta, ovvero Prandelli, a rammaricarsene. Ha fatto una scelta, impopolare e minoritaria, e ne deve reggere le conseguenze. A meno che ai suoi occhi attorno a Balotelli non ci sia troppo Milan e troppo Raiola. Perché il C.t. azzurro, grandissimo professionista e persona squisita, non sembra amare molto il rossonero. Per tanti motivi.

L'Inter deve fare un monumento nell'ordine a: Ibrahimovic, Milan, Juventus, Tagliavento, Romagnoli, Buffon, Allegri, Conte, Marotta, Mexes, Muntari, Pirlo. Ma un monumento di quelli veri, altri, forti e costosi. L'Inter perde in casa 3-0 (!) col Bologna? L'Italia parla delle dichiarazioni di Allegri sul gol di Chiellini contro il Catania. L'Inter perde a Marsiglia? L'Italia parla del ricorso del Milan contro la squalifica di Ibrahimovic. L'Inter perde a Napoli? L'Italia parla di Buffon, del gol di Muntari e delle squalifiche. Immagino già le mani sul volto del presidente Moratti, alla notizia della telefonata di Andrea Agnelli ad Adriano Galliani. Affranto, Massimo Moratti. Vuoi vedere che se quei due smettono di litigare, l'Italia inizia a parlare dell'Inter che non segna dal 1' Febbraio e che non fa che perdere? Quisquilie. Il vero problema nerazzurro è e resta sempre lui: Rafa Benitez. Andava ascoltato, invece di trattarlo come un beone. Era inevitabile che, dopo un totem come Mourinho, lo spogliatoio perdesse forza, stimoli ed energia e accumulasse tossine, età, problemi. Benitez lo aveva constatato e analizzato subito. Ma è stato considerato un estraneo, ma come si permette? Ma cosa dice? In realtà chiunque riascolti oggi la filippica di Abu Dhabi da parte del tecnico spagnolo di un anno e mezzo fa, la ritrova quanto mai attuale. Si stavano verificando con Benitez e si sono verificate dopo Rafa, tutte le cose che il primo tecnico post-Mourinho aveva detto prima e dopo aver battuto il Mazembe. Bastava ascoltarlo...

Milan-Juventus? Una occasione persa, si spera non irrimediabilmente. Dopo il 2004-2005, i due Club avevano la possibilità di vivere un duello Scudetto di alto profilo, leale, di campo. Sperando di tutto cuore che sia così, nell'imminente Semifinale di Coppa Italia, nessuno può liquidare come archiviato e metabolizzato tutto ciò che è accaduto come contorno alla grande sfida di San Siro. Ha ecceduto la Juventus prima della gara, ha trasceso il Milan dopo la partita, scusandosene sul piano puramente personale, ma tenendo ferme le perplessità su quanto dichiarato in casa bianconera dal 5 al 22 febbraio. Milan-Juventus del 25 Febbraio è stata preceduta per 20 giorni (dal 5 Febbraio, pomeriggio di Juve-Siena e dell'espulsione di Ibra contro il Napoli) da dichiarazioni juventine poco serene su tutti i fronti. E infatti l'arbitraggio della partitissima non è stato sereno. Poi è esploso il Milan. Inevitabilmente. Adesso, ognuno si tiene i suoi bozzi e le sue ammaccature. Il bene supremo è la serenità del Campionato tutto. Sulla singola partita, passiamoci sopra. Sull'intero torneo, no. Deve essere sereno, corretto e leale con il contributo di tutti. Nessuno escluso. Perché il 2004-2005 insegna: quando i veleni superano il livello di guardia, non vince nessuno. Ma proprio nessuno.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, da pazza a confusa... che regalo dall'Uefa, che fastidio chi punta i piedi 24.08 - Vacanze terminate... Mi ero ripromesso di non parlare di calcio al mare. Di rilassarmi e godermi la family... Diciamo che l'obiettivo è stato raggiunto ma con qualche eccezione. Mi sono ritrovato a confrontarmi con un ultras della Nocerina, a discutere di mercato con un super...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

23.08 - Ben ritrovati. Lo so, è iniziato il campionato ma io vorrei parlarvi dei signori che vendono il cocco in spiaggia perché se non lo faccio il 23 d'agosto non lo faccio più. I coccari fanno una fatica bestia. Se fossero andati a Rio almeno un bronzo nei 3000 siepi o nella 50 km...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sipario sul campionato: la griglia di partenza! Solita pole, coda lunga e sorpresa per la fine del mercato 22.08 - La prima giornata è andata ma conta poco. Restano gli ultimi nove giorni di mercato che, come sempre, saranno i più intensi e, di conseguenza, interessanti. Restano, però, le mille ombre tra poche luci. Questa sarà ricordata come l'estate della "minaccia". Come vivere in un...

Editoriale DI: Marco Conterio

Roma-Udinese e l'ennesima vergogna all'italiana. Serve una presa di posizione dalle istituzioni del calcio. Il coraggio del Milan e la strategia vincente della Juventus. Nel 2017 un appuntamento da non fallire 21.08 - Ci sono istanti che più d'ogni altri segnano la tua vita. Orme, impronte. Una delle frasi che è andata più in profondità nella mia, è stata quella di un astronauta. "Quando sei lassù, capisci che i confini non esistono. Che il mondo, è uno solo". E da quel giorno mi è sempre...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, su Sosa i fantasmi del passato. Juve e Viola, le due vittime di Mario Gomez. La prima di De Boer sul campo di Mancini. Il primo Napoli post Higuain sul campo di Maradona 20.08 - Avvelenati e con la bava alla bocca. Dopo aver visto banchettare su Sosa le anime dannate che nel 2003, un mese prima del trionfo rossonero a Manchester, profetizzavano la cacciata di Galliani e Ancelotti per far posto a Pier Silvio Berlusconi e Capello, abbiamo visto tutto. E...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, Cuadrado torna. Per Neto chiesto Biglia. Matuidi o Witsel testa a testa. Ma rispunta Luiz Gustavo. Inter, Icardi rinnova. Joao Mario, troppe pretese. Napoli, ok Diawara. Criscito e Caceres nel mirino 19.08 - Servono ancora due centrocampisti, Allegri l'aveva detto chiaramente una settimana fa. E Marotta questa volta gli ha dato ragione. Ma i centrocampisti saranno uno solo e tornerà quel preziosissimo esterno-fantasista-jolly chiamato Cuadrado. Tutto sommato meglio così per...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Intrigo Diawara, telenovela Joao Mario, dietrofront Zaza e un Sassuolo europeo 18.08 - Che intrigo per Diawara! Proprio quando il Milan stava rompendo gli indugi e stava formulando un'offerta (in prestito) per mettere in piedi l'operazione ecco che piomba il Napoli. Intesa raggiunta sulla base di 15 milioni di euro più bonus, accordo raggiunto direttamente fra...

Editoriale DI: Andrea Losapio

17.08 - Il primo regalo di Silvio Berlusconi, magnate che a metà degli anni ottanta procedeva a colpi di elicottero sul destino del Milan, fu Roberto Donadoni. Arrivava dalla vicina Bergamo, dove la giovane ala si era messa in mostra tanto da valere dieci miliardi. Una cifra non folle...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

16.08 - Ciao. In barba ai roventi giorni del mercato son partito per le ferie. Tanto non è più come un tempo: una volta sparivi due settimane ed eri fuori dal mondo, isolato, cara grazia se spedivi una cartolina, dovevi trovare la cabina telefonica e i gettoni. Oggi si sa tutto di...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter, Suning ha scelto il nuovo Direttore Sportivo. Aspettando Gabigol, pazza doppia idea con il Boca. Torino, pessima gestione Maksimovic. Da Terni a Pisa fino a Foggia: siamo tutti impazziti 15.08 - Innanzitutto Buon Ferragosto a tutti. Godiamoci quest'altra giornata di sole che poi si torna a pieno ritmo a lavoro. Il campionato è alle porte ma i difetti del passato non li abbiamo persi. Non vogliamo essere populisti perché non lo siamo ma pensare che Mino Raiola sia il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.