HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

L'Inter benedice il duello Milan-Juventus. Caro Prandelli, un po' te la sei cercata. Milan-Juve: il 2004-2005 insegna, adesso basta...

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
03.03.2012 00.00 di Mauro Suma  articolo letto 15093 volte

Ci sarà una via di mezzo fra Maradona che nel Napoli di moggi dormiva tutta la settimana e poi giocava la domenica, e il rigoroso estremismo adottato da Luis Enrique nei confronti di Daniele De Rossi e da Cesare Prandelli nei confronti di Mario Balotelli? Tra il nero e il bianco ci sono diverse tonalità di grigio. Adottiamone qualcuna. Giusto stare addosso ai "caratterini", ma mettiamo qualche diffida fra il bene e il male, qualche provvedimento di mezzo prima di arrivare al danno finale. Il tecnico spagnolo, che resta la novità più piacevole in prospettiva per il calcio italiano, ha rafforzato la squadra dietro le quinte, ma il calcio non è dietro le quinte. C'è la luce dei riflettori, c'è il campo, ci sono i media, e sotto gli occhi di tutti la squadra è stata danneggiata dai quattro gol di Bergamo. Lo stesso riguarda la Nazionale. E' normale, e non è un delitto, che a fine febbraio, alle porta della volata finale su tutti i fronti, tutto il carrozzone abbia la testa sul calcio di Club. E' normale, come sarà normale ai primi di Giugno avere in mente solo la Nazionale. Ma se adesso il C.T. reclama attenzione sulla Nazionale, perché si priva di Balotelli? Mario quando si muove sposta montagne di attenzione e di appeal. A Genova non c'era, scelta etica inappuntabile, ma se poi ne viene fuori un mercoledì sciapito non può essere il protagonista della scelta, ovvero Prandelli, a rammaricarsene. Ha fatto una scelta, impopolare e minoritaria, e ne deve reggere le conseguenze. A meno che ai suoi occhi attorno a Balotelli non ci sia troppo Milan e troppo Raiola. Perché il C.t. azzurro, grandissimo professionista e persona squisita, non sembra amare molto il rossonero. Per tanti motivi.

L'Inter deve fare un monumento nell'ordine a: Ibrahimovic, Milan, Juventus, Tagliavento, Romagnoli, Buffon, Allegri, Conte, Marotta, Mexes, Muntari, Pirlo. Ma un monumento di quelli veri, altri, forti e costosi. L'Inter perde in casa 3-0 (!) col Bologna? L'Italia parla delle dichiarazioni di Allegri sul gol di Chiellini contro il Catania. L'Inter perde a Marsiglia? L'Italia parla del ricorso del Milan contro la squalifica di Ibrahimovic. L'Inter perde a Napoli? L'Italia parla di Buffon, del gol di Muntari e delle squalifiche. Immagino già le mani sul volto del presidente Moratti, alla notizia della telefonata di Andrea Agnelli ad Adriano Galliani. Affranto, Massimo Moratti. Vuoi vedere che se quei due smettono di litigare, l'Italia inizia a parlare dell'Inter che non segna dal 1' Febbraio e che non fa che perdere? Quisquilie. Il vero problema nerazzurro è e resta sempre lui: Rafa Benitez. Andava ascoltato, invece di trattarlo come un beone. Era inevitabile che, dopo un totem come Mourinho, lo spogliatoio perdesse forza, stimoli ed energia e accumulasse tossine, età, problemi. Benitez lo aveva constatato e analizzato subito. Ma è stato considerato un estraneo, ma come si permette? Ma cosa dice? In realtà chiunque riascolti oggi la filippica di Abu Dhabi da parte del tecnico spagnolo di un anno e mezzo fa, la ritrova quanto mai attuale. Si stavano verificando con Benitez e si sono verificate dopo Rafa, tutte le cose che il primo tecnico post-Mourinho aveva detto prima e dopo aver battuto il Mazembe. Bastava ascoltarlo...

Milan-Juventus? Una occasione persa, si spera non irrimediabilmente. Dopo il 2004-2005, i due Club avevano la possibilità di vivere un duello Scudetto di alto profilo, leale, di campo. Sperando di tutto cuore che sia così, nell'imminente Semifinale di Coppa Italia, nessuno può liquidare come archiviato e metabolizzato tutto ciò che è accaduto come contorno alla grande sfida di San Siro. Ha ecceduto la Juventus prima della gara, ha trasceso il Milan dopo la partita, scusandosene sul piano puramente personale, ma tenendo ferme le perplessità su quanto dichiarato in casa bianconera dal 5 al 22 febbraio. Milan-Juventus del 25 Febbraio è stata preceduta per 20 giorni (dal 5 Febbraio, pomeriggio di Juve-Siena e dell'espulsione di Ibra contro il Napoli) da dichiarazioni juventine poco serene su tutti i fronti. E infatti l'arbitraggio della partitissima non è stato sereno. Poi è esploso il Milan. Inevitabilmente. Adesso, ognuno si tiene i suoi bozzi e le sue ammaccature. Il bene supremo è la serenità del Campionato tutto. Sulla singola partita, passiamoci sopra. Sull'intero torneo, no. Deve essere sereno, corretto e leale con il contributo di tutti. Nessuno escluso. Perché il 2004-2005 insegna: quando i veleni superano il livello di guardia, non vince nessuno. Ma proprio nessuno.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
15.04 - Ho fatto merenda con Prandelli. A Coverciano. Cioè, lui non ha mangiato una fava tipo anoressico, ma a esplicita domanda "vuoi qualcosa?" mi son sentito in dovere di scroccare lo scroccabile alla Figc. "Prendo un caffè", ho detto, ma mi son morso la lingua memore di uno dei...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Michele Criscitiello
14.04 - E' arrivata la Primavera. Si capisce, prevalentemente, da due aspetti. Il primo: la domenica iniziano a piovere gol sui campi di serie A. Oggi a Verona, Napoli e Livorno sembrava la sagra della porchetta. Secondo motivo: si inizia a parlare più di mercato che di campo. E',...
Editoriale DI: Italo Cucci
13.04 - Ho incontrato Cesare Prandelli a Catanzaro dove gli è stato consegnato il Premio Ceravolo, dedicato al grande presidente dei giallorossi. Prima di lui abbiamo premiato anche Ranieri, Lippi, Capello e Conte, i maestri di un calcio che troppo spesso - e troppo volentieri - viene...
Editoriale DI: Mauro Suma
12.04 - Alessio Cerci, il giocatore di tutti. Adesso è del Toro e dall'ambiente granata sale fiero l'urlo di battaglia: no, alla Juve no, questa volta non lo diamo. Interroghi l'ambiente juventino e affiora tutt'altra sicurezza. E cioè è presto detto, Cerci viene da noi nell'ambito...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
11.04 - Barbara Berlusconi sta girando il mondo per portare in giro il grande brand Milan e sta riscuotendo un grande successo anche personale. E' il volto giovane dei rossoneri con molte idee da sottoporre a partners interessati a investire nel Milan e nel calcio italiano. Tra...
Editoriale DI: Luca Marchetti
10.04 - Comincia a muoversi sotto traccia la Juventus. E se Conte, sul campo, è alla ricerca insieme ai suoi ragazzi della doppietta, anche i dirigenti cercano di raddoppiare gli sforzi per consegnargli anche nella prossima stagione una squadra competitiva. Anzi, più competitiva. Da...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
08.04 - Inizio a scrivere dieci minuti esatti dopo aver perso tutti i numeri di telefono del mio modernissimo smartphone 'Stafava (marca fittizia). A un bel punto entro nella rubrica e non c'è più nulla, neppure il contatto di Flavia Vento, rubato a suo tempo a una collega distratta...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
07.04 - Da pochi minuti è finita Parma-Napoli: Ghirardi e Leonardi non si contengono più, Benitez ha il suo solito faccione con le guance rosse e la grande sfida con la Juventus è già finita in archivio. La grande contraddizione partenopea continua. Dal trionfo del San Paolo ai punti...
Editoriale DI: Italo Cucci
06.04 - Fa male, Mazzarri, a parlare di sfortuna. Anche un indonesiano, forse mai sfiorato da ubbìe scaramantiche, finirebbe per crederci. E di attribuirne l'origine - la dolorosa produzione - all'allenatore più sfortunato dell'anno: lui, il Walter che descamisado infuocava il popolo...
Editoriale DI: Mauro Suma
05.04 - A Settembre i soliti illuminati, quelli che per non saper né leggere né scrivere ti appendono al muro una sentenza al giorno, avevano accusato il solito Milan della solita sceneggiata. Kakà finito, la logica dei sentimenti e della nostalgia giocata al posto di un mercato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510