VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

La Champions conferma di essere la coppa dei ricchi, ma il Milan non sfigura. Ora sotto con l'Europa League: italiane in testa in una speciale classifica...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
20.02.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 24479 volte
© foto di Federico De Luca

Nessuna squadra ha vinto in casa, nessuna squadra ha segnato. Questo racconta la Champions, forse racconta sfide non troppo equilibrate. Si poteva intuire anche dall'urna, e anche il Milan non ha fatto eccezione. Confermando però che la sfida contro l'Atletico era la più equilibrata. Diciamolo chiaramente: il Milan non meritava di perdere. L'Atletico ha capitalizzato al massimo l'occasione che ha avuto. Il Milan si è fermato sui pali, su un rigore non concesso e su un secondo tempo meno spumeggiante del primo. Ma il Milan è vivo. E sebbene il ritorno al Vicente Calderon non sia per niente una passeggiata, il Milan non è spacciato. Dovrà fare un'impresa. Letteralmente, ma non è chiusa qui, come per tutte le altre (Arsenal, City per non parlare del Leverkusen).
Il problema è la competitività, di tutti. E non voglio entrare nella polemica Conte-Capello, ci mancherebbe. Hanno vinto i ricchi, i potenti. E in questo ha ragione Conte. E l'unica sfida equilibrata, in cui hanno contato il momento di forma e il momento storico, è stata proprio quella di san Siro. Psg, Bayern e Barcellona (sebbene contro i ricconi del City) non hanno tradito. Sono nei quarti di nobiltà e hanno dimostrato ancora una volta che la strada per raggiungerli è lunga.
Ora spazio all'Europa League.
Conte ha espresso in maniera molto elegante un concetto che tutti hanno ripetuto come un mantra nelle conferenze pre Europa League: turnover. L'allenatore della Juventus ha semplicemente chiamato tutti all'appello, ha chiesto una mano a chiunque lavori nella Juventus, perché c'è bisogno di ognuno di loro.
Il concetto è molto semplice: non vincono soltanto gli undici, soprattutto se si è impegnati su due fronti.
La Juventus (insieme al Napoli e al Tottenham) sicuramente è fra le favorite per la vittoria finale, fermo restando che nella partita secca più avanti si va nella competizione chiunque può vincere con chiunque.
Ma anche la rosa dei bianconeri è all'altezza dei competitor? Se prendiamo come riferimento il valore dei cartellini (da transfermarkt) la risposta è sempre sì.
La Juve ha in "dote" 374 milioni di euro in cartellini, segue il Tottenham con 277 e il Napoli con 253. Insomma i pronostici sono più o meno rispettati. E in questa particolare graduatoria nelle prime 10 partite ci sono tutte e 4 le italiane. In quarta posizione la Fiorentina (201 milioni) nona la Lazio (125 milioni). E' chiaro che i numeri (soprattutto quelli delle valutazioni dei giocatori) non consegnano la coppa a nessuno, ma sono un indicatore importante anche per capire il valore delle squadre e soprattutto del lavoro sul mercato fatto dalla Juventus e dal Napoli anche a gennaio in cui si sono ulteriormente rinforzate. Avere per esempio un Osvaldo in più permette di avere più chanches anche con il turnover. Ecco perché la Juve sa di poter arrivare fino in fondo. Tanto quanto il Napoli che probabilmente non ha l'assillo del campionato e in coppa spingerà fino in fondo, consapevole del fatto anche il proprio condottiero Benitez in coppa dà sempre il meglio di sé. Senza dimenticare che anche se non si parte da favoriti (leggi Fiorentina e Lazio) non si è spacciati per forza. La bellezza dell'Europa. In una serata, che anche di giovedì, assomiglia alla Champions.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.