HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

La Champions è sempre loro, o quasi.. Ecco cosa Juve e Napoli devono rubare all'Atletico... De Laurentiis e il mercato, il Milan e Brocchi: parte il solito valzer degli allenatori

14.04.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 33129 volte
© foto di Federico De Luca

Potremmo dire che si sta sfaldando una dittatura. Ecco cosa ci lascia questo turno di Champions. Il Real deve aggrapparsi e Ronaldo per arrivare in semifinale, il Bayern fatica troppo (anche se non così tanto come contro la Juve), il Barcellona è fuori (e per la seconda volta in questi 9 anni è l'Atletico a tirarla via dalle prime 4). Giusto per capire come l'aristocrazia europea ha dominato in questo periodo: il Real è alla sesta semi consecutiva, il Bayern alla quinta, per il Barcellona questo è il secondo no in nove anni.
Ogni tanto il calcio cambia i padroni. Tra il 2006 e il 2009 dominavano le inglesi, ora le tre big.
Ma il divario sembra essere diminuito. Non sul fatturato, di cui tanto si parla, ma sul campo. I "piccoli" (che poi piccoli non sono) fanno paura alle superpotenze. Le buttano fuori. Ed è qui che le nostre due migliori espressioni (in questo momento) devono inserirsi. Non solo con i campioni che comunque hanno in rosa: ma continuando a crescere. Tenere i grandi giocatori, scovarne di nuovi, farli crescere. Ma soprattutto avere un'identità precisa. Un'appartenenza. La voglia di dimostrare di essere sempre superiori all'avversario, comunque si chiami.
E' quello che ha fatto la Juve stessa contro il Bayern (e infatti per poco non lo elimina), è quello che hanno provato a fare il Benfica e il Wolfsburg (non al ritorno, quando una volta saltato il banco non sapeva più quale sarebbe stata la sua identità). E' quello che sicuramente e certamente ha fatto Simeone. Ha plasmato l'anima ai suoi giocatori, nessuno può fare un paragone fra i giocatori poi però quando giocano 11 contro 11 questo divario non c'è più. E' quello che sognano tutti, quello che vogliono fare tutti e in pochi riescono.
Ma come possono Juve e Napoli avvicinarsi? La Juventus c'è già riuscita e vuole ripetersi, il Napoli deve necessariamente iniziare. Ma il concetto di "gruppo", allargato deve essere centrale. La grande voglia di far parte di una famiglia in cui il "capo" traccia la strada e tutti insieme si tira fuori il massimo da tutti. In questo il lavoro di Allegri e Sarri è stato praticamente perfetto. Allegri è andato oltre quello che tutti pensavamo fosse il limite della Juventus: i famosi 102 punti di Conte. E la Juve è quella macchina da guerra che ha vinto 21 delle ultime 22 partite, che in 180 minuti ha rischiato di buttar fuori dalla Champions una delle migliori squadre del mondo. Sarri ha rivalutato tutta la rosa del Napoli: Higuain ora è sulla bocca di tutti, Koulibaly e Albiol sono due difensori mondiali, Hamsik è tornato Marekiaro.
E qui si innesta il mercato: la Juve ha sempre detto compro per migliorare, non tanto per comprare. E allora sul taccuino di Marotta e Paratici ci sono dei giocatori che possono fare la differenza. André Gomes (non a caso quello che cercava anche il Napoli 4 mesi fa) è un centrocampista straordinario per doti tecniche e atletiche, Yaya Touré, nonostante l'età, è ancora uno in grado di fare la differenza soprattutto per la mentalità che può dare in più alla Juventus. Quando questi giocatori vengono innestati in un gruppo da sempre consapevole dei propri mezzi non si può far nient'altro che crescere. Come è successo con Alex Sandro ed Evra, con Dybala e con Mandzukic.
Il Napoli deve compiere un passo in più rispetto alla Juve. Avere una base più ampia da cui poter far pescare Sarri. De Laurentiis è stato (come al solito) molto schietto e sincero: i giocatori che volevamo a gennaio erano considerati incedibili. E anche qui si ripete lo stesso concetto: comprare tanto per comprare non si fa. Giustissimo. Per cui largo agli investimenti per il futuro (vedi Grassi) e via alle trattative per giugno. I nomi li conosciamo: Klaasen, Kramer, lo stesso André Gomes, Maksimovic. Si deve fare la differenza: mettere in testa poi a questi giocatori il Sarri style. Possesso palla e triangolazioni, sovrapposizioni e un Higuain devastante. Ma soprattutto sapere che nessuno ti deve mettere sotto. Continuare a crescere. Motivazioni come gli schemi in campo, tutti alla stessa stregua. Quello che ha cominciato a fare Spalletti con la Roma. Con una raccomandazione molto importante: nel calcio vince solo uno, tutti gli altri perdono. Ma non perde chi continua a crescere e a continuare a credere nel progetto nel programma. Si può perdere per una svista arbitrale, per un errore al novantesimo del tuo uomo migliore, per bravura dell'avversario o per un sorteggio malevolo. Ma le idee, i concetti, la voglia non perde. Programmazione: una parola che probabilmente in Italia comincia a prendere peso soltanto in questo periodo, quando si deve fare di necessità virtù.
Programmazione che, obiettivamente, manca al Milan. Il cambio in panchina di Mihajlovic ha suscitato sorpresa in tutto l'ambiente rossonero. Berlusconi è stato molto duro con il suo ex allenatore: non si è mai visto il gioco. Forse non si è visto il gioco che il presidente avrebbe voluto, i è vista più volte l'anima di Mihajlovic che sicuramente ha fatto degli errori (come lui stesso ha ammesso). Ma i cambi in panchina del Milan sono tanti ormai. Con Allegri (compreso, l'ultimo che è riuscito a far vincere il Milan) sono 5 gli allenatori negli ultimi due anni: Seedorf, Inzaghi, Mihajlovic e ora Brocchi. Ci sono mille scusanti per un periodo certamente non felice per i colori rossoneri, ma i continui cambi di guida non aiutano. La pressione in casa Milan si fa sentire, ma la barra deve essere tenuta dritta. Non si può chiedere di vincere sempre, soprattutto se ormai è un po' di tempo se non si vince. Il progetto che ha in testa Berlusconi è interessante, ma ci vuole tempo per sfornare talenti dalla Primavera e costruire una squadra italiana. Il Milan non è lontano da questo, ma è lontano dalle prime. Ora Brocchi ha un compito difficilissimo e giustamente lui dice che vuole giocarsi questa chanches, Ne avrà il tempo?
Gli allenatori si muovono anche per il prossimo anno. Il Genoa sta corteggiando Juric che dunque cambierebbe squadra ma non colori. E anche Gasperini potrebbe fare la stessa cosa: lo sta cercando il Cagliari (prossimo a tornare in A), ma piace anche al Torino e all'Atalanta. Torino che ha messo gli occhi su Mihajlovic (sul quale c'è anche la Lazio, ma bisognerà aspettare anche come andrà Simone Inzaghi). La vera incognita è Paulo Sousa: l'interesse dello Zenit c'è, ma c'è anche la concorrenza di Pellegrini che il prossimo anno non sarà più l'allenatore del City. A Firenze piace sicuramente Di Francesco che non ha ancora accantonato i pensieri rossoneri (e qui dipenderà da Brocchi, ovvio) ma che a Sassuolo si trova bene eccome. E se dovesse partire? Pioli e Giampaolo sono le prime idee dei neroverdi. A Bologna rimane Donadoni e il Crotone? Se dovesse partire Juric le idee (al momento) sono due: Pasquale Marino e il ritorno di Drago. Ancora è preso, ma non troppo... Cominciate a tenervi forte...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.