HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

La difesa di De Laurentiis a Sarri può diventare il segnale di un modo diverso di gestire il Napoli

20.09.2015 00.00 di Raffaele Auriemma  articolo letto 40323 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sembrava di vederlo De Laurentiis, con i pugni appoggiati ai fianchi e lo sguardo lontano di chi nulla può scalfirlo. "Non toccate Sarri, prendetevela con me", il tono sembrava quello del generale proteso a lanciare, fiero ed accigliato, un avvertimento (un po' tardivo) verso chi continuava a deridere oppure attaccare il suo più prossimo luogotenente. Cioè l'allenatore, Sarri che ha avuto come responsabilità quella di essere arrivato da una società di basso rango, per allenare il Napoli ancora disorientato dalla dissennata gestione Benitez. La goleada al Bruges è stata una boccata di ossigeno lungo un cammino ancora affannoso e che necessiterà di risultati più convincenti per garantirsi l'appoggio incondizionato del pubblico. Per il momento ci ha pensato De Laurentiis ad intervenire in difesa dell'allenatore e chissà se sia stata una sua iniziativa o se gli sarà stato suggerito, magari da Giuntoli, che è uomo di calcio, ruspante e pratico, fattivo e rude quando serve. Perchè nel calcio le partite si vincono pure con i dirigenti raggiunti da deferimenti per "atteggiamenti minacciosi" avuti nei confronti degli arbitri. Se fosse stato il nuovo ds a dire al patron che era arrivata l'ora di difendere Sarri e se De Laurentiis gli avesse dato ascolto, allora ci troveremmo di fronte ad un modo diverso di gestire le cose del Napoli. Dopo alcuni anni di patriarcato severo, di "faccio tutto io" e di spese troppo spesso sbagliate, sarebbe anche ora che il presidente cominciasse a raccogliere i suggerimenti dei collaboratori che frequentano il calcio anche da più tempo di lui. Un primo passo verso quella modernizzazione e riorganizzazione della società che dall'addio di Marino si è sempre più avvitata intorno alla figura del presidente. E' arrivato il momento che De Laurentiis dia una risposta che vada incontro alla gente, ai tifosi, la cui disaffezione si legge nel borderò delle presenze allo stadio. Il Napoli deve ancora diventare un club agile e credibile, tale da incontrare la soddisfazione dei calciatori. Tutti. Lo sforzo apprezzabilissimo di aver trattenuto tutti i big della squadra, rischia di essere vanificato dal pour parler di quelli che se ne vanno. Magari senza sbattere la porta e nascondendo dietro al sorriso l'intento di screditare la società alle orecchie di altri calciatori interessati, perché magari contattati dal Napoli. Solo così, con questo volgare discredito, sarebbero spiegabili certi "no" a prescindere. Eppure il Napoli c'è, formato da un gruppo di calciatori reputati unanimemente come in grado di portare la squadra nuovamente in Champions. A cominciare da Gonzalo Higuain che vive ancora come chi aspetta un episodio che gli permetta di innamorarsi nuovamente, di prendere quella passione sfrenata che con lui si chiama gol. Un consiglio: sorrida di più. La sua professione è un gioco, invidiato dal resto dell'umanità che lavora (o non lavora) senza esserne felice. Il calcio trasmette emozioni ma talvolta produce anche episodi sconcertanti. Chiudo con l'assurda vicenda del licenziamento di Marco Fassone dalla proprietà dell'Inter. Un dirigente serio come tanti club vorrebbero averne, messo alla porta dalla sera alla mattina, dopo aver spalato fango ed aver portato a Mancini tutti i calciatori che chiedeva. Questione di visibilità, che Fassone si era conquistato con il lavoro quotidiano e con i colpi sul mercato. Eccolo il punto: c'è stato qualcuno all'interno che tutto questo l'ha vissuto con un sentimento irreversibile, l'invidia. Quella che logora dall'interno ciò che funziona e che ti fa sentire campione d'Italia dopo appena 3 partite vinte. Anche questo è il calcio che non ci piace.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta. Per...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Michele Criscitiello

05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

Editoriale DI: Andrea Losapio

04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme, come...

Editoriale DI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.