HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

La difesa di De Laurentiis a Sarri può diventare il segnale di un modo diverso di gestire il Napoli

20.09.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 40326 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sembrava di vederlo De Laurentiis, con i pugni appoggiati ai fianchi e lo sguardo lontano di chi nulla può scalfirlo. "Non toccate Sarri, prendetevela con me", il tono sembrava quello del generale proteso a lanciare, fiero ed accigliato, un avvertimento (un po' tardivo) verso chi continuava a deridere oppure attaccare il suo più prossimo luogotenente. Cioè l'allenatore, Sarri che ha avuto come responsabilità quella di essere arrivato da una società di basso rango, per allenare il Napoli ancora disorientato dalla dissennata gestione Benitez. La goleada al Bruges è stata una boccata di ossigeno lungo un cammino ancora affannoso e che necessiterà di risultati più convincenti per garantirsi l'appoggio incondizionato del pubblico. Per il momento ci ha pensato De Laurentiis ad intervenire in difesa dell'allenatore e chissà se sia stata una sua iniziativa o se gli sarà stato suggerito, magari da Giuntoli, che è uomo di calcio, ruspante e pratico, fattivo e rude quando serve. Perchè nel calcio le partite si vincono pure con i dirigenti raggiunti da deferimenti per "atteggiamenti minacciosi" avuti nei confronti degli arbitri. Se fosse stato il nuovo ds a dire al patron che era arrivata l'ora di difendere Sarri e se De Laurentiis gli avesse dato ascolto, allora ci troveremmo di fronte ad un modo diverso di gestire le cose del Napoli. Dopo alcuni anni di patriarcato severo, di "faccio tutto io" e di spese troppo spesso sbagliate, sarebbe anche ora che il presidente cominciasse a raccogliere i suggerimenti dei collaboratori che frequentano il calcio anche da più tempo di lui. Un primo passo verso quella modernizzazione e riorganizzazione della società che dall'addio di Marino si è sempre più avvitata intorno alla figura del presidente. E' arrivato il momento che De Laurentiis dia una risposta che vada incontro alla gente, ai tifosi, la cui disaffezione si legge nel borderò delle presenze allo stadio. Il Napoli deve ancora diventare un club agile e credibile, tale da incontrare la soddisfazione dei calciatori. Tutti. Lo sforzo apprezzabilissimo di aver trattenuto tutti i big della squadra, rischia di essere vanificato dal pour parler di quelli che se ne vanno. Magari senza sbattere la porta e nascondendo dietro al sorriso l'intento di screditare la società alle orecchie di altri calciatori interessati, perché magari contattati dal Napoli. Solo così, con questo volgare discredito, sarebbero spiegabili certi "no" a prescindere. Eppure il Napoli c'è, formato da un gruppo di calciatori reputati unanimemente come in grado di portare la squadra nuovamente in Champions. A cominciare da Gonzalo Higuain che vive ancora come chi aspetta un episodio che gli permetta di innamorarsi nuovamente, di prendere quella passione sfrenata che con lui si chiama gol. Un consiglio: sorrida di più. La sua professione è un gioco, invidiato dal resto dell'umanità che lavora (o non lavora) senza esserne felice. Il calcio trasmette emozioni ma talvolta produce anche episodi sconcertanti. Chiudo con l'assurda vicenda del licenziamento di Marco Fassone dalla proprietà dell'Inter. Un dirigente serio come tanti club vorrebbero averne, messo alla porta dalla sera alla mattina, dopo aver spalato fango ed aver portato a Mancini tutti i calciatori che chiedeva. Questione di visibilità, che Fassone si era conquistato con il lavoro quotidiano e con i colpi sul mercato. Eccolo il punto: c'è stato qualcuno all'interno che tutto questo l'ha vissuto con un sentimento irreversibile, l'invidia. Quella che logora dall'interno ciò che funziona e che ti fa sentire campione d'Italia dopo appena 3 partite vinte. Anche questo è il calcio che non ci piace.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allegri-Bonucci: tutta una finta! Il 3 Marzo del Milan, il 24 Febbraio della Roma. Arbitri: Carnevali come Donadoni. 25.02 - Ci avevano convinto. Erano stati proprio bravi. In diretta, il primo commento di pelle alle "parole grosse" fra Allegri e Bonucci, era stato "non è per forza un male". Ma l'approfondimento, forse solo una battuta..., era stato ancora meglio: "Hanno fatto finta di litigare, visto che...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.