HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

La difesa di De Laurentiis a Sarri può diventare il segnale di un modo diverso di gestire il Napoli

20.09.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 40326 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sembrava di vederlo De Laurentiis, con i pugni appoggiati ai fianchi e lo sguardo lontano di chi nulla può scalfirlo. "Non toccate Sarri, prendetevela con me", il tono sembrava quello del generale proteso a lanciare, fiero ed accigliato, un avvertimento (un po' tardivo) verso chi continuava a deridere oppure attaccare il suo più prossimo luogotenente. Cioè l'allenatore, Sarri che ha avuto come responsabilità quella di essere arrivato da una società di basso rango, per allenare il Napoli ancora disorientato dalla dissennata gestione Benitez. La goleada al Bruges è stata una boccata di ossigeno lungo un cammino ancora affannoso e che necessiterà di risultati più convincenti per garantirsi l'appoggio incondizionato del pubblico. Per il momento ci ha pensato De Laurentiis ad intervenire in difesa dell'allenatore e chissà se sia stata una sua iniziativa o se gli sarà stato suggerito, magari da Giuntoli, che è uomo di calcio, ruspante e pratico, fattivo e rude quando serve. Perchè nel calcio le partite si vincono pure con i dirigenti raggiunti da deferimenti per "atteggiamenti minacciosi" avuti nei confronti degli arbitri. Se fosse stato il nuovo ds a dire al patron che era arrivata l'ora di difendere Sarri e se De Laurentiis gli avesse dato ascolto, allora ci troveremmo di fronte ad un modo diverso di gestire le cose del Napoli. Dopo alcuni anni di patriarcato severo, di "faccio tutto io" e di spese troppo spesso sbagliate, sarebbe anche ora che il presidente cominciasse a raccogliere i suggerimenti dei collaboratori che frequentano il calcio anche da più tempo di lui. Un primo passo verso quella modernizzazione e riorganizzazione della società che dall'addio di Marino si è sempre più avvitata intorno alla figura del presidente. E' arrivato il momento che De Laurentiis dia una risposta che vada incontro alla gente, ai tifosi, la cui disaffezione si legge nel borderò delle presenze allo stadio. Il Napoli deve ancora diventare un club agile e credibile, tale da incontrare la soddisfazione dei calciatori. Tutti. Lo sforzo apprezzabilissimo di aver trattenuto tutti i big della squadra, rischia di essere vanificato dal pour parler di quelli che se ne vanno. Magari senza sbattere la porta e nascondendo dietro al sorriso l'intento di screditare la società alle orecchie di altri calciatori interessati, perché magari contattati dal Napoli. Solo così, con questo volgare discredito, sarebbero spiegabili certi "no" a prescindere. Eppure il Napoli c'è, formato da un gruppo di calciatori reputati unanimemente come in grado di portare la squadra nuovamente in Champions. A cominciare da Gonzalo Higuain che vive ancora come chi aspetta un episodio che gli permetta di innamorarsi nuovamente, di prendere quella passione sfrenata che con lui si chiama gol. Un consiglio: sorrida di più. La sua professione è un gioco, invidiato dal resto dell'umanità che lavora (o non lavora) senza esserne felice. Il calcio trasmette emozioni ma talvolta produce anche episodi sconcertanti. Chiudo con l'assurda vicenda del licenziamento di Marco Fassone dalla proprietà dell'Inter. Un dirigente serio come tanti club vorrebbero averne, messo alla porta dalla sera alla mattina, dopo aver spalato fango ed aver portato a Mancini tutti i calciatori che chiedeva. Questione di visibilità, che Fassone si era conquistato con il lavoro quotidiano e con i colpi sul mercato. Eccolo il punto: c'è stato qualcuno all'interno che tutto questo l'ha vissuto con un sentimento irreversibile, l'invidia. Quella che logora dall'interno ciò che funziona e che ti fa sentire campione d'Italia dopo appena 3 partite vinte. Anche questo è il calcio che non ci piace.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter: Gagliardini e le uscite. Deulofeu passi in avanti. Colpo Genoa e Fiorentina. Tutte le punte della B 12.01 - Finalmente Gagliardini è ufficialmente un giocatore dell’Inter. Colpo dei nerazzurri anche perché (praticamente a sorpresa) il giocatore arriva in prestito sì, ma biennale. Vale a dire che i 20 milioni di euro fissati per il riscatto andranno pagati nel 2018, consentendo così all’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

CR7, un anno da 102 milioni! Milan, trovato il secondo... Brava Inter! Dybala, per ora solo Juve 11.01 - Il mondo dei tifosi pallonari si divide in due grandi masse. C’è il popolo dei fedelissimi di Cristiano Ronaldo e quello che vive per Messi. Il portoghese e l’argentino, da anni, sono il gotha del calcio mondiale. Bene, i due stanno vivendo momenti diametralmente opposti. CR7 ha vissuto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il no per Tolisso, nasconde qualcosa di grosso (ma occhio ad Agnelli...). Milan: i fissati sulla questione cinese e un futuro grandi-nomi. Inter: occhio, arriva la "scelta di Pioli". Napoli: la "bellezza" della sofferenza 10.01 - Eccoci qua. Sono stato quattro giorni in ferie. In Valtellina. A mangiare pizzoccheri. La caratteristica dei pizzoccheri è che il primo giorno sono buonissimi, il secondo ti fanno venire l’acetone, il terzo cementano e al quarto non ci arrivi. Nel senso che muori. Siccome il 6 gennaio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter-Gagliardini: avere i soldi non significa buttarli. Juve, batti un colpo da Juve. Ferrero, posa i fazzoletti. Basta con le mogli-addette stampa! 09.01 - Gasperini dovrebbe spiegare meglio il significato della frase: "Gagliardini non convocato per rispetto dell'Inter". E il rispetto per i tifosi dell'Atalanta dov'è? La verità è che il Mister ha sbagliato la risposta e avrebbe fatto più bella figura a dire la verità. Le parole che non...

EditorialeDI: Marco Conterio

Ferrero, Sarri & co: ora basta! Una decisione arbitrale sbagliata non può portare ancora a simili reazioni. Juventus, perdere Witsel non è un peccato. Roma, Feghouli bel colpo. Caso Kalinic: cifre folli, immobilismo viola e la reazione di Sousa 08.01 - Renzo Ulivieri, presidente dell'Assoallenatori, disse chiaramente che i tecnici arebbero dovuto evitare di parlare di decisioni arbitrali. E siccome nell'universo calcio, nel posto gara, i microfoni sono accesi anche per i presidenti, sarebbe stata cosa buona e giusta se quelle parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.