HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

La "guerra" tra Barbara e Galliani? Ci sono vincitore e sconfitto. Napoli, bravo Dela: adesso si lavora e... si vede! Juve, io sto con Agnelli. Roma, la differenza tra Sabatini talent e Sabatini direttore

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
05.10.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 81042 volte
© foto di Federico De Luca

"Povero diavolo... ma che pena mi fai"! Chi lo avrebbe detto che una canzone sarebbe diventata per sbaglio l'inno nuovo del Milan. Facciamo una premessa, prima di essere invaso da insulti social rossoneri. Da bambino sono stato anche io un tifoso del Milan. Vidi a San Siro una semifinale di Champions tra Milan e Monaco, vincemmo 3-0: tiè. Feci 800 km, non vivevo ancora a Milano. Avrò avuto 11 anni. Mio padre, per festeggiare la vittoria, la sera stessa mi portò a cena "all'Assassino", l'allora tempio di casa Milan. Trovammo Sacchi e Braida. Ho ancora i loro autografi. Lo ricordo spesso al grande Ariedo quando oggi lo incontro per lavoro. Grande persona era prima, grande persona è oggi. Vi finisco il mio racconto con l'infanzia rossonera, poi parliamo un attimo del grande Braida. Andavo in giro da bambino con il cappello con le treccine di Gullit, ho la maglia "Motta" con il tricolore che mi regalò De Napoli ed è una numero 4 ma, siccome De Napoli al Milan era scarso e la 4 la indossò una sola volta (almeno dico io tieniti la maglia e non regalarla a me), dico che era la 4 di Albertini. Insomma, sono cresciuto a Mondiavolo e i Tre tulipani: le vhs dove Pellegatti raccontava la storia del Milan e sembrava che stesse raccontando la storia di Rossella O'Hara in Via Col Vento; anzi, se non ricordo male la nomina anche ad un certo punto della narrazione. Mi scappava quasi la lacrimuccia. Premesso questo, vi ribadisco che non sono anti-milanista; crescendo non sono stato neanche più milanista. Non sono mai stato juventino, interista, fiorentino, romanista né napoletano... Sembro Luca Carboni che canta! Il Milan ha la società migliore in comunicazione, dalla prima squadra ai pulcini. Andiamo con le riflessioni. Non esiste che dopo un anno e mezzo torni Braida alla guida del mercato rossonero. Per la precisione: non si doveva mandare via Braida dal Milan. E' stata una follia, un'assurdità. La mente del mercato è sempre stata Braida, il braccio destro perfetto di Galliani che aveva bisogno di uno che non gli togliesse mezza riga sul giornale, che gli facesse il lavoro sporco e poi arrivava il Condor e piazzava il colpo facendo grandi trattative economiche. A Galliani riconosciamo soprattutto la grande gestione manageriale dell'allenatore e dello spogliatoio. Bravissimo a fare affari ma l'occhio, vero, di calcio l'ha sempre avuto Braida. Se gli togli Braida, gli togli la vista. Al Milan, il vero problema degli ultimi anni, non è stata la mancanza di fondi. Fesserie. Il Milan ha perso tempo, inutile, per programmare la rinascita perché si è voluto fare del male da solo. La guerra tra Adriano Galliani e Barbara Berlusconi che da bambina, ben presto, è diventata Dottoressa oggi ha un vincitore e uno sconfitto. Lo scivolone sullo stadio che non si farà e il ritorno di Braida in rossonero sono punti che fanno classifica. Galliani, nel novembre del 2013, trattava la buonuscita. Sembrava finita. Era finita. Le prime persone che gli voltavano le spalle, mentre chi lo conosce sapeva che non avrebbe mai perso e avrebbe deciso lui quando uscire di scena dal Milan. Non poteva finire così e così non è finita. I risultati e le scelte di Barbara Berlusconi, poco alla volta, non hanno ripagato e, seppur la guerra fredda pubblicamente si sia interrotta, Galliani ha ottenuto ciò che voleva. Ha aspettato sulla riva del fiume e ora si riprende Braida, ha l'allenatore che ha voluto lui e ha il controllo completo del mercato. Altro che tutor di facciata, come avrebbe voluto la Berlusconi, la quale gli avrebbe preferito un vero direttore sportivo; preferibilmente giovane, preferibilmente capace. Ovviamente Galliani è consapevole che quest'anno non potrà fallire, altrimenti, rischia di rimettere tutto in discussione, già dalla prossima estate. Di certo il poker servito dal Napoli a San Siro non aiuta chi ancora era iscritto al partito degli ottimisti. Dopo un'estate di illusioni i primi freddi autunnali si stanno rivelando maledettamente amari.
Da Milano a Torino, passando per Roma... fino a Bangonk
Passiamo da Roma. I giallorossi sono già in crisi e le tre sberle del Bate fanno male male. Il discorso è sempre lo stesso: in campionato i punti, forse, tornano. In Europa no. Te li sogni. Garcia è in bambola. Rileggete il nostro pagellone. Grande squadra composta da ottimi calciatori ma cè un vero punto di domanda: Garcia. L'allenatore francese ha spiazzato tutti al primo anno in Italia e ha sfruttato la debolezza della concorrenza; ma al secondo anno, figuriamoci al terzo, è diventano monotono e imprevedibile. Quando ha provato ad alzare la testolina ha preso solo bastonate. A Roma sei finito. Garcia non ha un futuro e forse neanche un presente, di questo passo. Le radici sono più profonde e meritano un'analisi. Sabatini è un grandissimo intenditore di calcio, un bravissimo direttore sportivo ma non incarna il direttore del presente. Finito il mercato Sabatini è un guaio. Un direttore deve saper gestire la quotidianità, deve saper parlare con l'allenatore e con i calciatori. Sabatini non è capace a ricoprire questo ruolo. Perfetto, non sempre, nei 4 mesi di mercato aperto, terrificante negli 8 mesi in cui la palla rotola. Non riesce a gestire le pressioni, figuriamoci a Roma dove le sue sigarette passano da 100 a 135 al giorno, e non è in grado di regalare alla sua squadra 7-8 punti a stagione grazie alla sua gestione della settimana. Queste cose la Roma le paga e da qui c'è la grande differenza con i Marotta e i Galliani. Se Galliani avesse l'occhio di Sabatini e Sabatini la gestione di Galliani avremmo di fronte due mostri. Purtroppo per la Roma, a Walter manca un pezzo importante della sua professionalità.
Scusate se dalla capitale ci allunghiamo fino a Napoli, ma le scelte estive di De Laurentiis meritano di essere festeggiate e glorificate. In tempi non sospetti già avevamo detto la nostra sul positivo inserimento di Giuntoli in luogo dell'impalpabile Bigon dal punto di vista dirigenziale: ora anche i risultati ci danno supporto. Il vuoto di potere dietro alla scrivania è stato colmato, ed in panchina Sarri ha idee meno reclamizzate ma molto più efficaci rispetto a quelle del falso Santone Benitez. Brindiamo a una Napoli che convince, è sbarazzina e ottiene risultati. Il lavoro paga sempre, non potrebbe essere altrimenti. E mi perdonerete se riporto al centro della discussione quell'Allan che già in estate glorificai come miglior acquisto azzurro... Il paragone rispetto a tanti centrocampisti ben più costosi è quantomeno irriverente, ma per fortuna il campo, come il tempo, è maledettamente galantuomo.
Chiudiamo con la Juventus. Qualcuno ha puntato il dito contro Andrea Agnelli, per questa partenza flop in campionato della Juve e non vede più nella Juventus gli occhi della tigre. Che il mercato abbia lasciato dei dubbi e che le partenze eccellenti non si sostituiscono in 10 giorni, siamo stati i primi a dirlo. Da qui, però, a mettere in discussione l'operatore di questi anni di Agnelli sembra follia. E' arrivato da presidente e la Juventus era reduce da una serie di figuracce in giro per l'Italia. Qualcuno, al suo arrivo, avrà pensato "figuriamoci come se lo mangiano, hanno fatto scappare John, ad Andrea lo fanno a pezzi". Invece ha vinto. Tutto, o quasi. Ha lavorato 20 ore al giorno e ha saputo costruire una grande Juventus insieme a Nedved, Marotta e Paratici. Ha saputo gestire egregiamente il clamoroso addio di Conte e due ore dopo era già pronto con il sostituto. Una falsa partenza è consentita a tutti, a maggior ragione se in Europa sei già con 6 punti in due giornate di fase a gironi. Andrea Agnelli ha il grande merito di aver portato la Juventus alla vittoria ed è stato capace in un colpo solo di tirarla fuori dalle sabbie mobili. E quando le sabbie ti risucchiano sai quando ci entri ma difficilmente riesci a capire quando ne esci. Vedete Milan, Inter, Roma e Napoli. Probabilmente la Juventus quest'anno lo scudetto non lo vincerà e senza che Andrea ci senta: meno male, altrimenti sai che monotonia...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.