HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
-10 alla fine del mercato: da chi aspettarsi il grande colpo?
  Atalanta
  Bologna
  Cagliari
  Chievo Verona
  Crotone
  Empoli
  Fiorentina
  Genoa
  Inter
  Juventus
  Lazio
  Milan
  Napoli
  Palermo
  Pescara
  Roma
  Sampdoria
  Sassuolo
  Torino
  Udinese

TMW Mob
Editoriale

La "guerra" tra Barbara e Galliani? Ci sono vincitore e sconfitto. Napoli, bravo Dela: adesso si lavora e... si vede! Juve, io sto con Agnelli. Roma, la differenza tra Sabatini talent e Sabatini direttore

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
05.10.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 81040 volte
© foto di Federico De Luca

"Povero diavolo... ma che pena mi fai"! Chi lo avrebbe detto che una canzone sarebbe diventata per sbaglio l'inno nuovo del Milan. Facciamo una premessa, prima di essere invaso da insulti social rossoneri. Da bambino sono stato anche io un tifoso del Milan. Vidi a San Siro una semifinale di Champions tra Milan e Monaco, vincemmo 3-0: tiè. Feci 800 km, non vivevo ancora a Milano. Avrò avuto 11 anni. Mio padre, per festeggiare la vittoria, la sera stessa mi portò a cena "all'Assassino", l'allora tempio di casa Milan. Trovammo Sacchi e Braida. Ho ancora i loro autografi. Lo ricordo spesso al grande Ariedo quando oggi lo incontro per lavoro. Grande persona era prima, grande persona è oggi. Vi finisco il mio racconto con l'infanzia rossonera, poi parliamo un attimo del grande Braida. Andavo in giro da bambino con il cappello con le treccine di Gullit, ho la maglia "Motta" con il tricolore che mi regalò De Napoli ed è una numero 4 ma, siccome De Napoli al Milan era scarso e la 4 la indossò una sola volta (almeno dico io tieniti la maglia e non regalarla a me), dico che era la 4 di Albertini. Insomma, sono cresciuto a Mondiavolo e i Tre tulipani: le vhs dove Pellegatti raccontava la storia del Milan e sembrava che stesse raccontando la storia di Rossella O'Hara in Via Col Vento; anzi, se non ricordo male la nomina anche ad un certo punto della narrazione. Mi scappava quasi la lacrimuccia. Premesso questo, vi ribadisco che non sono anti-milanista; crescendo non sono stato neanche più milanista. Non sono mai stato juventino, interista, fiorentino, romanista né napoletano... Sembro Luca Carboni che canta! Il Milan ha la società migliore in comunicazione, dalla prima squadra ai pulcini. Andiamo con le riflessioni. Non esiste che dopo un anno e mezzo torni Braida alla guida del mercato rossonero. Per la precisione: non si doveva mandare via Braida dal Milan. E' stata una follia, un'assurdità. La mente del mercato è sempre stata Braida, il braccio destro perfetto di Galliani che aveva bisogno di uno che non gli togliesse mezza riga sul giornale, che gli facesse il lavoro sporco e poi arrivava il Condor e piazzava il colpo facendo grandi trattative economiche. A Galliani riconosciamo soprattutto la grande gestione manageriale dell'allenatore e dello spogliatoio. Bravissimo a fare affari ma l'occhio, vero, di calcio l'ha sempre avuto Braida. Se gli togli Braida, gli togli la vista. Al Milan, il vero problema degli ultimi anni, non è stata la mancanza di fondi. Fesserie. Il Milan ha perso tempo, inutile, per programmare la rinascita perché si è voluto fare del male da solo. La guerra tra Adriano Galliani e Barbara Berlusconi che da bambina, ben presto, è diventata Dottoressa oggi ha un vincitore e uno sconfitto. Lo scivolone sullo stadio che non si farà e il ritorno di Braida in rossonero sono punti che fanno classifica. Galliani, nel novembre del 2013, trattava la buonuscita. Sembrava finita. Era finita. Le prime persone che gli voltavano le spalle, mentre chi lo conosce sapeva che non avrebbe mai perso e avrebbe deciso lui quando uscire di scena dal Milan. Non poteva finire così e così non è finita. I risultati e le scelte di Barbara Berlusconi, poco alla volta, non hanno ripagato e, seppur la guerra fredda pubblicamente si sia interrotta, Galliani ha ottenuto ciò che voleva. Ha aspettato sulla riva del fiume e ora si riprende Braida, ha l'allenatore che ha voluto lui e ha il controllo completo del mercato. Altro che tutor di facciata, come avrebbe voluto la Berlusconi, la quale gli avrebbe preferito un vero direttore sportivo; preferibilmente giovane, preferibilmente capace. Ovviamente Galliani è consapevole che quest'anno non potrà fallire, altrimenti, rischia di rimettere tutto in discussione, già dalla prossima estate. Di certo il poker servito dal Napoli a San Siro non aiuta chi ancora era iscritto al partito degli ottimisti. Dopo un'estate di illusioni i primi freddi autunnali si stanno rivelando maledettamente amari.
Da Milano a Torino, passando per Roma... fino a Bangonk
Passiamo da Roma. I giallorossi sono già in crisi e le tre sberle del Bate fanno male male. Il discorso è sempre lo stesso: in campionato i punti, forse, tornano. In Europa no. Te li sogni. Garcia è in bambola. Rileggete il nostro pagellone. Grande squadra composta da ottimi calciatori ma cè un vero punto di domanda: Garcia. L'allenatore francese ha spiazzato tutti al primo anno in Italia e ha sfruttato la debolezza della concorrenza; ma al secondo anno, figuriamoci al terzo, è diventano monotono e imprevedibile. Quando ha provato ad alzare la testolina ha preso solo bastonate. A Roma sei finito. Garcia non ha un futuro e forse neanche un presente, di questo passo. Le radici sono più profonde e meritano un'analisi. Sabatini è un grandissimo intenditore di calcio, un bravissimo direttore sportivo ma non incarna il direttore del presente. Finito il mercato Sabatini è un guaio. Un direttore deve saper gestire la quotidianità, deve saper parlare con l'allenatore e con i calciatori. Sabatini non è capace a ricoprire questo ruolo. Perfetto, non sempre, nei 4 mesi di mercato aperto, terrificante negli 8 mesi in cui la palla rotola. Non riesce a gestire le pressioni, figuriamoci a Roma dove le sue sigarette passano da 100 a 135 al giorno, e non è in grado di regalare alla sua squadra 7-8 punti a stagione grazie alla sua gestione della settimana. Queste cose la Roma le paga e da qui c'è la grande differenza con i Marotta e i Galliani. Se Galliani avesse l'occhio di Sabatini e Sabatini la gestione di Galliani avremmo di fronte due mostri. Purtroppo per la Roma, a Walter manca un pezzo importante della sua professionalità.
Scusate se dalla capitale ci allunghiamo fino a Napoli, ma le scelte estive di De Laurentiis meritano di essere festeggiate e glorificate. In tempi non sospetti già avevamo detto la nostra sul positivo inserimento di Giuntoli in luogo dell'impalpabile Bigon dal punto di vista dirigenziale: ora anche i risultati ci danno supporto. Il vuoto di potere dietro alla scrivania è stato colmato, ed in panchina Sarri ha idee meno reclamizzate ma molto più efficaci rispetto a quelle del falso Santone Benitez. Brindiamo a una Napoli che convince, è sbarazzina e ottiene risultati. Il lavoro paga sempre, non potrebbe essere altrimenti. E mi perdonerete se riporto al centro della discussione quell'Allan che già in estate glorificai come miglior acquisto azzurro... Il paragone rispetto a tanti centrocampisti ben più costosi è quantomeno irriverente, ma per fortuna il campo, come il tempo, è maledettamente galantuomo.
Chiudiamo con la Juventus. Qualcuno ha puntato il dito contro Andrea Agnelli, per questa partenza flop in campionato della Juve e non vede più nella Juventus gli occhi della tigre. Che il mercato abbia lasciato dei dubbi e che le partenze eccellenti non si sostituiscono in 10 giorni, siamo stati i primi a dirlo. Da qui, però, a mettere in discussione l'operatore di questi anni di Agnelli sembra follia. E' arrivato da presidente e la Juventus era reduce da una serie di figuracce in giro per l'Italia. Qualcuno, al suo arrivo, avrà pensato "figuriamoci come se lo mangiano, hanno fatto scappare John, ad Andrea lo fanno a pezzi". Invece ha vinto. Tutto, o quasi. Ha lavorato 20 ore al giorno e ha saputo costruire una grande Juventus insieme a Nedved, Marotta e Paratici. Ha saputo gestire egregiamente il clamoroso addio di Conte e due ore dopo era già pronto con il sostituto. Una falsa partenza è consentita a tutti, a maggior ragione se in Europa sei già con 6 punti in due giornate di fase a gironi. Andrea Agnelli ha il grande merito di aver portato la Juventus alla vittoria ed è stato capace in un colpo solo di tirarla fuori dalle sabbie mobili. E quando le sabbie ti risucchiano sai quando ci entri ma difficilmente riesci a capire quando ne esci. Vedete Milan, Inter, Roma e Napoli. Probabilmente la Juventus quest'anno lo scudetto non lo vincerà e senza che Andrea ci senta: meno male, altrimenti sai che monotonia...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, se tutto va bene sarà l'ultimo Deulofeu della storia. Habemus "Papum", che esplosione! Inter, tre anni per arrivare sul tetto d'Europa. Un Manolo in "Gabbia"  23.01 - E' arrivato Gerard Deulofeu. Erano circa le 19:00 in Italia, Malpensa era presa d'assalto dai cronisti sportivi italiani e Rai e Canale 5 interrompevano la programmazione per darne la notizia. Ad accoglierlo il noto Direttore Sportivo rossonero Rocco Maiorino, conosciuto per le operazioni...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Andrea Losapio

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.