VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi sarà il prossimo allenatore dell'Inter?
  Stefano Pioli
  Antonio Conte
  Diego Pablo Simeone
  Mauricio Pochettino
  Leonardo Jardim
  Marco Silva
  Luciano Spalletti
  Unai Emery

TMW Mob
Editoriale

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro

23.02.2017 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 19682 volte
© foto di Federico De Luca

Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale, coraggio d'Europa anche se bisognerà completare l'opera al meglio a Torino. Di sicuro, un appuntamento da vivere con una serenità e un morale diversi visto il risultato di Oporto, nato dai gol di Pjaca e Dani Alves. Guarda caso, due acquisti dello scorso mercato estivo a dimostrare come nell'arco di una stagione su tre fronti tutto possa cambiare in un attimo.

Proprio sul mercato, le manovre bianconere non finiscono mai. Marotta e Paratici stanno continuando a lavorare per un acquisto di livello a centrocampo in vista della prossima stagione, il nome preferito rimane quello di Corentin Tolisso del Lione. Inaccessibile a gennaio, primo obiettivo per giugno. La Juve sente che ci sono i margini per trattare col presidente Aulas, personaggio decisamente particolare, i tifosi del Napoli - da Gonalons allo stesso Tolisso - lo ricordano bene. Adesso i contatti proseguono, il francese è sottolineato in rosso nella lista della Juve.

Dove c'è anche il nome di Leonardo Spinazzola: lui bianconero di proprietà lo è già, sta vivendo una stagione magica con l'Atalanta di Gasperini, l'idea di riportarlo a Torino è decisamente forte. Al punto da aver messo in bilico l'operazione Kolasinac, esterno basso bosniaco a scadenza con lo Schalke: arriverebbe a parametro zero, la Juve prende tempo e valuta perché Spinazzola convince. Si deciderà senza ansia, il casting per il vice Alex Sandro che verrà fa stare decisamente tranquilli. Come sul fronte giovani, dove i lavori in corso sono continui: prenotato Caldara a gennaio scorso, in questi giorni la Juventus sta chiudendo per il brasiliano Lyanco, classe '97, difensore centrale del San Paolo e dell'Under 20 brasiliana. Sul tavolo 6 milioni di euro circa più bonus, ma il suo status da extracomunitario impone di trovare un club con cui fare in sinergia l'operazione visto che l'altro posto extra sarà già occupato da Bentancur. Altro protagonista delle grandi manovre bianconere.

Come grandi manovre sta tentando da tempo il Tianjin di Fabio Cannavaro, club cinese con l'obiettivo di un colpo importante in attacco. Nikola Kalinic continua a fare resistenza nonostante i rilanci multimilionari anche degli ultimi giorni; così, il mirino del Tianjin si è spostato su Carlos Bacca, attaccante del Milan che compirà 31 anni nel prossimo settembre. L'offerta al colombiano è da 12 milioni di euro all'anno, quella al Milan verrebbe formalizzata solo se Carlos dovesse accettare e sarebbe da poco più di 30 milioni di euro. Affare da cifre alte, ma di cui Bacca non pare particolarmente convinto. Al Milan sta bene, non ha fretta di andar via, la Cina non lo ha rapito al punto da rompere e volare in Oriente. Ad ora, il suo è un no: solo un ripensamento potrebbe cambiare l'esito di un'operazione nata a sorpresa. Altrimenti, l'obiettivo potrà spostarsi su qualche attaccante ormai in via di eliminazione dopo il primo turno di Champions League.

Vuole giocarsela fino alla fine il Napoli, con orgoglio e qualità, marchio di Sarri. E con quel protagonista del Bernabeu, Insigne, sempre più in forma. Lorenzo è l'uomo del momento, il Napoli sta lavorando per blindare anche lui nei tanti discorsi legati ai rinnovi più delicati. La proposta di De Laurentiis è salita nelle ultime settimane, non c'è ancora accordo totale ma le sensazioni sono positive. Parti più vicine, si riaggiorneranno, Insigne aspetta il rinnovo e intanto si gode il suo momento magico. Aspettando il Real Madrid al San Paolo, sperando sia un'altra storia rispetto all'andata.

Chissà se un'altra storia - in panchina - inizierà da giugno per Paulo Sousa. L'allenatore portoghese è sempre bravo a dribblare domande e indiscrezioni sul suo futuro, le opportunità non gli mancano, lui preferisce il silenzio. Quello che già a Basilea lo aveva blindato fino alla firma con la Fiorentina, dove oggi non è più sicuro della permanenza per la prossima stagione. Premessa: in tema di panchine potremmo assistere a diversi cambiamenti, ma Sousa è già molto corteggiato in Bundesliga. Lo vorrebbe il Wolfsburg, pronto a consegnare a Paulo le chiavi di una ricostruzione tecnica necessaria dopo questa annata sfortunata. Deciderà Sousa con calma, c'è tempo per rispondere, questa volta senza dribbling.

Al Wolfsburg però rischierebbe di non trovarsi come terzino sinistro quel Ricardo Rodriguez che piace tanto, tantissimo all'Inter. Lavori in corso per una trattativa delicata, l'idea ad oggi è quella di trattare sulla clausola rescissoria da 22 milioni di euro senza pagarla immediatamente. Lo svizzero infatti ha un contratto fino al 2019, non è blindato, vuole fortemente vestire nerazzurro (adora l'Italia, dove spesso e volentieri trascorre le vacanze estive) e questi fattori in sede di trattative aiutano. Ma c'è anche una concorrenza agguerrita (PSG in testa), per questo l'Inter si è mossa in largo anticipo e da novembre ha avviato i discorsi per arrivare a Ricardo Rodriguez. Presto, sarà tempo di parlarne proprio col Wolfsburg.

Come bisognerà parlare con la Roma di Kostas Manolas, obiettivo ormai allo scoperto di Suning che sogna di regalarsi il greco per completare la difesa nel reparto centrale in vista del prossimo anno. Non sarà semplice, perché la Roma non svende i suoi giocatori migliori ma cercherà una soluzione fino all'ultimo. L'Inter però spinge, vuole Manolas e ci avrebbe provato già per gennaio qualora non ci fossero stati i paletti del Fair Play Finanziario a bloccare operazioni così importanti. Sarà un mercato lungo anche quello di Manolas, Inter e Roma lo sanno, il mercato spesso si muove prima. E sono già le settimane di programmi e contatti, missioni e obiettivi. Iniziate a tenervi forte...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, Berlusconi takes it all. Il 4-3-3 di Montella. Mercato, il grande centravanti. Napoli, Mertens a Manchester 15.04 - Il bene di famiglia non è più della famiglia, ma non tutto è perduto. Silvio Berlusconi è entrato, salutatissimo presidente della Storia rossonera, nel mito uscendo dalla quotidianità, il suo caro amico fidato Paolo Scaroni siede nel Cda di Casa Milan, sua figlia Barbara presiede...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Nuovo Milan, ecco i piani di mister Li. Contratto a Donnarumma, risanamento e la borsa. Ma nel 2018 servono 350 milioni. Juve, Dybala simbolo di un grande progetto 14.04 - Tra nostalgia e qualche rimpianto, Berlusconi saluta il Milan con le lacrime agli occhi. Mancherà a tutti. Umano, molto umano. Ma, signori è fatta. Alla faccia di tutti quelli che fino all’ultimo hanno messo in dubbio perfino l’esistenza di Mister Li Yonghdong. Da ieri il Milan...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Champions, closing (Milan), rinnovi (Dybala) e panchine (tutti) 13.04 - A guardare i risultati delle altre l'impresa della Juve è ancora più rotonda. Nessuna delle magnifiche otto ha ottenuto un risultato così schiacciante, le altre grandi (Real a parte forza - ma se Vidal non avesse sbagliato il rigore...) scoprono di avere dei punti deboli e la Juve...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.