HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

La Juve è come Jeeg Robot... Milan, applausi a Montella! De Boer, il duro che parla con i fatti

28.09.2016 00.00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 33683 volte
© foto di Federico De Luca

Il ritornello lo conosciamo a memoria: la Juventus è una corazzata, forte di una rosa infinita, completamente tappezzata di titolari. Eppure, si sa, nel calcio di oggi, la componente fortuna è determinante. Gli infortuni sono una spada di Damocle con la quale tutti, prima o poi, devono fare i conti. Lo sanno bene in quel di Roma, ci stanno facendo i conti, da qualche tempo a questa parte, a casa Juventus. Rugani e Asamoah sono due gravi perdite per una squadra che fa del turnover programmato e ostinato il proprio marchio di fabbrica. In attesa di riavere Marchisio e Benatia, il buon Allegri sta cominciando a fare gli scongiuri del caso. La corazzata sta perdendo i pezzi, è necessario "invertire la rotta" e tornare a navigare in acque baciate dalla dea bendata. Tuttavia, fossi in Max, non ne farei un dramma. La Juventus mi ricorda Jeeg Robot. Lo potevano smantellare ma, alla fine, Miwa sapeva sempre "ricomporlo", lanciandogli i componenti. La Juventus ha una riserva di componenti infinita. L'importante è che non si rovini la testa, il cuore pulsante della squadra. Restare concentrati e continuare a dominare tutto e tutti deve essere l'unico imperativo, a prescindere da chi va in campo e chi resta fermo in infermeria. Il Napoli, così come l'Inter, non ha intenzione di alzare bandiera bianca prima del previsto. Bello per lo spettacolo e pure per la Juventus, obbligata a fare sul serio per meritarsi il primo posto in testa alla classifica.
Giusto soffermarsi sul Napoli. Ad oggi, non ci sono dubbi, la squadra di Sarri è quella che offre il calcio più spettacolare in tutto il territorio italiano. Tutto è oliato alla perfezione, tranne Sarri. Maestro, la prego: basta lamentarsi o chiedere ad altri di lamentarsi al posto suo. E, altro consiglio, si ricordi che DeLa le ha comprato tanti giocatori, non solo Zielinski... Troppi nuovi ancora in panchina, è necessario metterli in campo per capire se sono o meno da Napoli... Per il resto, solo una quantità immensa di complimenti per un gioco tanto divertente quanto funzionale. La Juve dovrà lottare per avere la meglio su questo Napoli...
Non posso non soffermarmi sulle milanesi. Da entrambe giungono segnali incoraggianti. Sto sbavando per il Milan di Montella. Vero, qualità vicino allo zero, talenti purissimi pochi, fuoriclasse forse neppure uno ma che determinazione!!! Tanti, tantissimi italiani, molti, moltissimi giovani, tutti decisi a far capire che possono valere una maglia prestigiosa come quella del Diavolo. Speriamo che sia di buon auspicio anche per le questioni societarie. Il closing resta un mistero e, nel calcio, i misteri non portano mai a nulla di buono...
Argomento Inter. Mi sbagliavo: De Boer non è uno precipitato da Marte senza idee... L'olandese ha le palle... In poco più di un mese chiede di interloquire in italiano, in poco più di un mese stravolge le regole di casa Inter: mette al palo Kondogbia, alza, di molto, il baricentro della squadra e fa di Icardi il perfetto modello del capitano che tutti vorrebbero... Bravo De Boer e, a questo punto, complimenti alla società che l'ha scelto. Magari non arriverà a centrare la Champions ma, signori, era dai tempi di Mourinho che non si notava a San Siro uno in grado di dire quello che pensa senza filtri... o mi sbaglio?
Chiudo con il mio personale ricordo di Totti, fresco quarantenne. Euro 2000, Francesco, contro l'Olanda, si presenta sul dischetto del rigore dopo aver confidato ai compagni di Nazionale che farà il cucchiaio. Lo pensa e lo fa, così come vuole la legge non scritta dei geni. Ricordo che restai a ripensare a quel gesto tecnico per diversi minuti, mi era sembrato qualcosa di magico. A distanza di anni, rivedendolo, lo posso confermare: solo Francesco poteva farlo e, infatti, l'ha fatto!!! Un mito, bello poterlo vedere ancora in campo...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sousa verso l'esonero, disastro Fiorentina. E adesso Kalinic può andare in Cina. Ranieri finito il fattore C. Allegri, ecco perché andrà via. Dybala firma fino al 2021 24.02 - Succede l’incredibile a Firenze. La Fiorentina in vantaggio per 2-0 dopo l’1-0 dell’andata, si fa battere 4-2. Un crollo verticale di una squadra che chiude la stagione qui, a febbraio: fuori da tutto. E adesso? Dopo la contestazione a caldo, allo stadio, nella notte c’è stato un...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve d'Europa non si ferma neanche sul mercato, Bacca ancora Cina, l'Inter guarda alla Roma e al futuro 23.02 - Promossa. A pieni voti. La Juventus versione Europa viaggia, come in campionato. Uno 0-2 pesante sul campo sempre delicato del Porto, il modulo offensivo confermato da Allegri senza timori e la tensione con Bonucci già alle spalle: la Juve risponde con una vittoria importante, fondamentale,...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, un ex Juve per l'attacco... Inter-Berardi, passi avanti! Roma, troppe parole sullo stadio. Napoli, Sarri deve restare 22.02 - Forse neppure Beautiful, mitica soap opera statunitense (in onda dal 1987…), è durata di più. Il tanto agognato closing pare alle porte. Finalmente il Milan scoprirà i suoi nuovi capi e, altrettanto finalmente, ci comincerà a pensare, in grande, per il mercato. Saranno due i primi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, Allegri e gli sfoghi: ecco cosa c'è dietro la multa a Bonucci. Milan: 2 cose sui cinesi (ma occhio al "boicottaggio"). Inter: decisioni prese e da prendere a prescindere dalla Champions (e Pioli...). Napoli: c'è il "patto"  21.02 - Ciao. Vogliamo stupire De Laurentiis. Lui e quelli che non credono in noi. Noi abbiamo la "cazzimma" e lo dimostreremo compilando il primo editoriale "a caso" della storia. Partiamo dalle cose importanti: le marchette. Questa settimana ne abbiamo raccolte cinque. (Le marchette...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Svolta Milan: Fassone e Mirabelli, ecco cosa c'è in agenda. De Laurentiis, squadra e mister in pubblico vanno sempre difesi. Figc, Tavecchio 60%-Abodi 40%. E quell'assalto a Renzo... 20.02 - Il calcio è strano e per questo ci piace così tanto. Zeman torna a Pescara e in un colpo solo consente di festeggiare il primo successo sul campo agli abruzzesi e fa più gol lui in 90 minuti che Oddo in un girone e mezzo. Il Torino è durato 3 mesi poi Sinisa si è squagliato come già...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.