HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

La Juve ha deciso: via Pogba, è scattata l'asta. Dybala insiste per i bianconeri. Moratti: ecco perché rivuole l'Inter. Milan, pronta la cordata cinese. Napoli, tra Miha e Spalletti

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
10.04.2015 00.00 di Enzo Bucchioni  articolo letto 42621 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus ha deciso di vendere Paul Pogba. Gli ultimi dubbi sono caduti nel corso di un vertice tra Agnelli, Marotta e Paratici nel quale sono stati attentamente valutati tutti gli aspetti positivi e negativi della vicenda. Cosa ha portato a questa decisione? Gli aspetti sono molteplici.

Il primo, strettamente mercantile, è legato all'insistenza con la quale si sono fatti sotto tutti i principali club europei con offerte piuttosto sostanziose per il club e proposte di ingaggio faraoniche per il ragazzo. Quello che la Juventus sperava a gennaio quando ha dato l'ok a Raiola per valutare la situazione sta succedendo, è scattata una vera e propria asta fra tutte le principali società europee disposte a far follie per il giovane centrocampista francese.

Non ci sono soltanto le proposte di Paris Saint Germain della quale vi abbiamo già detto, ma anche il Barcellona si è mosso con Ariedo Braida. Richieste di incontri e manifestazioni di interesse sono però arrivate anche dal Real Madrid, dal Manchester United e perfino dal Bayern di Monaco. Questa situazione porterà alla Juventus soltanto dei vantaggi. I dirigenti valuteranno con calma quale sarà l'offerta più vantaggiosa sia in termini di denaro contante e di contropartite di giocatori. Su questo fronte continua anche a lavorare Raiola nell'interesse del suo assistito.

La Juventus valuta Pogba tra gli ottanta e i cento milioni. L'offerta del Psg ha messo sul piatto due giocatori che piacciono molto come Cavani e Verratti. Il Manchester sarebbe perfino disposto a cedere anche Van Persie, vecchio pallino della Signora che in agosto compirà 32 anni, pur di arrivare a Pogba. Tutti quanti per il giocatore sono pronti a offrire un quinquennale attorno ai dieci milioni, il doppio di quello che guadagna a Torino.

L'analisi dei dirigenti juventini ha tenuto conto anche di un altro aspetto, strettamente personale. Il ragazzo non sembra più lo stesso da quando è entrato nel vortice di questa mega-valutazione e sa che tutti i più grandi club lo vogliono. Manifesta riconoscenza alla Juventus, ma è sicuramente attratto dai guadagni e dalla possibilità di successo maggiore andando a giocare in club in questo momento più prestigioso. La vicenda lo turba e i dirigenti della Juventus sono troppo scafati per non aver capito che costringere Pogba a rimanere in bianconero potrebbe rivelarsi un autentico boomerang. C'è il rischio che il giocatore perda intensità e motivazioni, l'ascesa potrebbe fermarsi e il rischio è quello di svalutare un capitale che oggi è altissimo. L'esempio recente che è stato fatto e al quale hanno pensato a Torino è quello di Cuadrado che la Fiorentina ha tenuto a forza l'estate scorsa. Nei primi cinque mesi di campionato il rendimento del ragazzo era notevolmente calato, neanche lui sembrava più quel giocatore spensierato e felice di un tempo. Per fortuna Mourinho ne era rimasto comunque innamorato e la società viola ha avuto l'occasione di rifarsi a gennaio vendendolo molto bene, ma non sempre va così.

Ecco allora che la strategia è stata decisa. Va bene l'asta, vanno bene le trattative su più fronti, va bene anche denaro più giocatori che piacciono ad Allegri e non solo cash, poi la Juve tirerà le somme anche sentendo la volontà del giocatore che punta molto in alto. Comprensibilmente. Raiola lo vede molto bene al Psg che vuol fare di Pogba un testimonial perfetto del calcio francese, ma ci sono almeno due mesi di tempo per chiudere, da aprile a giugno. La Juve fisserà una data limite anche perché, comprensibilmente, l'affare Pogba condizionerà tutte le strategie di mercato.

L'unica pista tenuta ancora calda, molto calda, è quella che porta a Dybala. La Juve vede l'argentino del Palermo come il più affidabile successore di Tevez che per ora non ha voglia di allungare il contratto con la Juve fino al 2017. Resterà ancora un anno e poi chiuderà al Boca. Su Dybala ora sono in molti, Inter compresa, ma anche nell'ultimo incontro di pochi giorni fa, il ragazzo ha fatto ancora una volta sapere di volere la Juve. L'offerta, 25 milioni, non convince Zamparini che ne vuole almeno quaranta. Neanche il rilancio Juve, quaranta fra cash e giocatori per Dybala e Vazquez, ha fatto breccia. Il presidente del Palermo sa che la volontà del giocatore è importante (come quando Cavani scelse Napoli) e prima o poi dovrà mettersi a trattare. La Juve, comunque, non molla.

Per l'attacco Allegri vuole giocatori più disposti a partecipare alla manovra, più tecnici. Ecco allora che ha dato il via libera per la cessione di Llorente e il fine prestito di Matri al Milan, mentre il giovane Coman sarà dato in prestito. Alla Juve oltre a Tevez e Morata servono almeno altri tre attaccanti importanti. Su Zaza e Berardi sono nati dei dubbi. Hanno caratteri non malleabili, si adatteranno alla Juve? Su questo si ragiona, ma sono scese le probabilità di Zaza bianconero. Come si vede, oltre Dybala, molto ruota attorno a Pogba.

Ruota tutto attorno a Moratti, invece, la recompra dell' Inter. Anche se l'ex presidente ha smentito l'anticipazione della Gazzetta (e cosa doveva fare?), l'idea è nata dal suo entourage, soprattutto dal figlio, e la cordata di amici sta nascendo nell'ombra. L'azionariato popolare è una soluzione più lontana, si sta ancora lavorando su un pool di personaggi interisti disposti a investire per tirare fuori la società da una situazione difficile dopo la cessione a Thohir. C'è la convinzione che anche spendendo, questa gestione fatta da lontano, con poca gente di calcio al comando, difficilmente produrrà effetti e rilancio a breve. E vedere l'Inter in questa situazione non piace a chi per l'Inter ha dato la vita.

Proprio per questo al momento della cessione Moratti si era cautelato facendo inserire una clausola chiamiamola di possibile ricompra. Thohir si è impegnato per iscritto a mantenere la società nerazzurro al livello della sua tradizione e della sua storia, in caso contrario l'ex proprietario avrebbe esercitare la ricompra. Un giorno Moratti ci disse: "Ho venduto a Thohir perché mi sembra affidabile, farà il bene dell'Inter, non voglio ritrovarmi dopo sei mesi i tifosi sotto casa". Sta succedendo dopo un anno e mezzo. Il discorso è avviato, vediamo dove porterà. Comunque Thohir se non vuol vendere, dovrà fare una squadra competitiva e comunque l'Inter ci guadagnerà.

A proposito di cessione e di ricompre, mentre mister Bee, il thailandese, sta per passare all'offerta ufficiale e definitiva per comprare una quota del Milan, mister Lee, il cinese, ha fatto sapere attraverso l'agenzia cinese Xinhua e non una qualsiasi, di avere messo assieme una cordata con cinque magnati disposti a versare il miliardo per comprare il Milan, quattro sono cinesi, il quinto è thailandese. Speriamo non sia Bee altrimenti è una frittata.

Berlusconi valuta, lui e alcuni figli venderebbero tutto e subito, Barbara vorrebbe fare una vendita più graduale, gli piacerebbe costruire prima lo stadio. Molto complicato, un po' come per il Milan tornare in Europa.

Nel frattempo finalmente tutti hanno capito quello che scriviamo da gennaio: Benitez se ne andrà da Napoli. Non ci voleva molto, nel calcio quando si rimandano le firme a primavera in genere non arrivano mai. De Laurentiis ha in mano Spalletti, il sogno è Klopp e l'ultima tentazione Mihajlovic che ha già detto a Ferrero di voler lasciare la Samp. Un trio di duri, quello che serve al Napoli.

TWITTER @EnzoBucchioni

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.