HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Gagliardini-Inter, è il nome giusto per completare la squadra di Pioli?
  Sì, al centrocampo nerazzurro servono qualità come le sue
  No, non è ha il physique du role per giocare all'Inter
  Sì, pescare tra i migliori giovani italiani è la via giusta
  No, il prezzo chiesto dall'Atalanta è assolutamente fuori mercato
  La Juve alla fine avrà la meglio

TMW Mob
Editoriale

La Juve ha in mano Nastasic del City. No per Jovetic e Cuadrado. Via tutti dopo il crac azzurro, idea Baggio e Maldini dirigente. Iturbe aspetta il Milan, Amauri torna in Brasile

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
27.06.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 48568 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus ha fatto rotta verso Manchester per mettere le mani su un giovane difensore che può essere il dopo Barzagli. Si tratta di Matija Nastasic, serbo, 21 anni, che in Italia è già stato, debuttando nella Fiorentina nel campionato 2011 e nell'estate del 2012 ceduto al Manchester City per una cifra enorme per un difensore così giovane.
Il City, infatti, lo pagò alla Fiorentina quasi trenta milioni dando una parte cash più l'altro giovane difensore serbo Savic che in Inghilterra non aveva sfondato. Un po' la stessa cosa sta succedendo a Nastasic. Ha grande talento, fisico, elevazione e piedi buoni, è un classico difensore centrale nella difesa a tre, ma sa giocare anche in linea a quattro. Nel City, anche causa un infortunio e con la strada sbarrata da giocatori più esperti, ha giocato poco e così la Juventus ha fatto la sua offerta che ha colpito nel segno. Siamo ai dettagli.
Al City andranno dodici milioni, Nastasic rafforzerà la difesa di Conte che ha in Barzagli un punto dolente per problemi fisici e l'età non più verde. Ogbonna non è cresciuto come si sperava, ecco quindi un giovane che sotto la cura Conte potrà di sicuro riprendere il cammino: ha tutto per tornare ad essere uno dei più forti difensori in circolazione.
La Juventus, già che c'era, ha chiesto anche la situazione di Jovetic offrendo di rilevare il cartellino per un anno, pagando l'ingaggio e il prestito oneroso per cercare di rilanciare anche questo acquisto del City che non ha fatto sfracelli. Anzi. Jovetic è un vecchio pallino di Conte, la Juventus lo aveva inseguito a lungo, ma la Fiorentina aveva preferito cederlo agli inglesi con i quali ha un ottimo rapporto. Jovetic però non si muove, l'allenatore Pellegrini lo apprezza e conta di poterlo utilizzare di più e meglio l'anno prossimo. La stessa risposta l'ha avuta anche l'Inter.
In alternativa la Juve è sempre su Iturbe, ma anche questa trattativa è complicata perchè è arrivato prima il Milan. Il Verona ha dato ai rossoneri un diritto di prelazione, il giocatore è stato bloccato da Sogliano che ha un ottimo rapporto con Galliani. Il Milan spera che Kakà resti in Brasile, torni al San Paolo così potrà liberarsi di un ingaggio pesante e di un giocatore ingombrante per la sua storia e puntare deciso su Iturbe. Il Verona aspetterà di sicuro fino a lunedì prossimo trenta giugno, ma è possibile che Galliani ottenga qualche giorno in più. La vicenda non si risolverà a breve.
Non si risolverà tanto in fretta anche la situazione della Federcalcio dopo il crac clamoroso della Nazionale in Brasile. Il nostro calcio deve ripartire da zero, dopo le dimissioni di Abete è inaccettabile che il nuovo presidente venga scelto dal solito apparato vecchio di trent'anni e tra i soliti dirigenti che hanno condotto il calcio italiano allo sfascio. Quasi impossibile il commissariamento se non interverranno fatti nuovi, speriamo solo il Coni riesca a intervenire per proporre delle soluzioni che impediscano a questo centro di potere pieno di clientele di sopravvivere a se stesso. Lo chiedono milioni di sportivi italiani che non ne possono più di questo calcio che non produce risultati e spettacolo, ma purtroppo è terreno per morti (il povero Ciro) e violenza. Che fare? Situazione complicata perché l'establishment attuale ha la sua forza nell'apparato e nei funzionari. Proporre un Maldini potrebbe essere suggestivo, ma rischia di essere una foglia di fico. Anche Albertini o Abodi possono essere novità eccellenti, ma con questa struttura sarebbero destinati al fallimento.
Per la panchina i nomi in corsa sono i soliti. Allegri è libero, Mancini pure. La scelta probabilmente sarà fra questi due se accetteranno di ridursi lo stipendio attorno al milione e mezzo che percepiva Prandelli. Mancini ci sembra più adatto, ha vinto sempre, da giocatore e da tecnico, non pensa di essere un inventore di calcio, può essere un buon selezionatore. Circola però anche una suggestione alimentata dal web nel quale corre una voce forte: Baggio in panchina come Ct. Baggino ha la possibilità di farlo, anche burocraticamente è stato promosso di recente al master di Coverciano. Potrebbe essere un'idea affascinante anche se l'ex Codino non ha esperienza in panchina e soprattutto potrebbe essere complicata per lui la gestione del gruppo. Però meglio un grande campione carismatico di tanti signori nessuno che circolano magari con lo sponsor dentro la Federcalcio.
Tornando al mercato, Amauri potrebbe finire la carriera in Brasile: il Parma tratta. N'vila all'Inter è quasi fatta, basta accontentare Taider mentre Mazzarri ha detto sì visto che Mario Suarez dell'Atletico inseguito anche dalla Fiorentina, costa troppo. La Roma ha preso il difensore centrale montenegrino Marco Basa dal Lille, fortemente voluto da Garcia. Un suo pallino, se è buono come Gervinho...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi 22.01 - Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Mauro Suma

Cercasi fotografo per Deulofeu. Juve-Milinkovic Savic: qualcosa è cambiato. Allegri circondato dagli Inzaghi. Simeone, nuovo snodo Inter-Juve 21.01 - Esattamente due anni fa. Il sabato precedente Milan-Atalanta, il Milan sognava Witsel. Ma nel frattempo si preparava ad accontentarsi di Suso. Svanito infatti in poche ore il sogno Witsel, stessa sorte che sarebbe capitata ad altri Club notoriamente più capaci sul mercato, e persa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto 20.01 - Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan, Deulofeu si avvicina. Kalinic si allontana. Defrel-Roma tutta in salita. Cassano ora che fa? E i grandi colpi in B... 19.01 - Partiamo dall'ultima notizia arrivata in serata. L'Everton ha dato segnali di apertura per il prestito di Deulofeu con diritto di riscatto al Milan. È evidente che questo tipo di apertura ha suscitato un moderato ottimismo fra i dirigenti rossoneri, anche se ora bisognerà discutere...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Cina si dà una regolata! Coppa d'Africa, effetto Billiat... Aiutiamo Drogba! E il mercato? 18.01 - Fa freddo, fa freddissimo a Milano… Note climatiche a parte, tanto di cui disquisire. Partiamo dalla Cina. Finalmente anche il governo cinese ha capito che qualcosa non torna. Le spese folli dei club cinesi stanno “inquinando” il prodotto calcio. Esborsi assurdi, inverosimili, fuori...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: fuori dal campo sta succedendo qualcosa di grosso (e i cinesi trattano con  un attaccante!). Inter: i segreti di Nanchino e le prossime mosse di Ausilio. Milan: la decisione su Deulofeu. Napoli: e se Maradona... 17.01 - Ci tocca partire con una cosa seria. Molto seria. Pure troppo. La potenza di Tuttomercatoweb ha generato il “dramma dei pizzoccheri” che vi vado brevemente a raccontare. (Ricordatevi che è tutto molto serio. Serissimo). Settimana scorsa ho iniziato l’editoriale con la consueta...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Da Orsolini a Gabbiadini, quando gli agenti sbagliano parole e strategie. Dalla Juve all'Inter: le cifre che "drogano" il mercato. Ombre e luci su un gennaio atipico. Palermo verso la B e Lo Faso fa la Primavera... 16.01 - Sapere che è, quasi, tutto finito a metà gennaio, sinceramente, ci porta un pò di tristezza. Poi capiamo le mosse di mercato dei dirigenti italiani e ce ne facciamo una ragione. Non a caso questo è il primo mercato di gennaio di programmazione e non distruzione. Crotone, Pescara e...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alla fine tutti si scansano con la Juventus, Napoli e Roma un po' meno. Tornerà la grande Milano, almeno la parte cinese delle due. Mercato a costo zero, tranne per i cinesi: Zidane costa 285 milioni, Buffon 110 e Veron 120 15.01 - Abbiamo negli occhi ancora la - ennesima - bella prestazione dell'Atalanta contro la Juventus, con i nerazzurri capaci, negli ultimi dieci minuti, di mettere in seria difficoltà i bianconeri. Bravo Gasperini, bravo Latte Lath, se non ci fosse la Juve un dieci euro sullo Scudetto nerazzurro...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gagliardini-Caldara, una simpatica zuffa a suon di milioni. Le spallucce di Montella, le spallucce del Milan. La Champions della Juve passa da Dybala 14.01 - Una volta si cantava vengo anch'io no tu no. Oggi si canticchia all'avversario l'hai pagato di più tu, no invece tu. Non sappiamo chi si contenterà, ma certamente chi gode è l'Atalanta. Visto che il motivo del contendere è chi ha speso di più fra Inter e Juventus, fra Gagliardini...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko 13.01 - Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione. E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.