VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

La Juve ha in mano Nastasic del City. No per Jovetic e Cuadrado. Via tutti dopo il crac azzurro, idea Baggio e Maldini dirigente. Iturbe aspetta il Milan, Amauri torna in Brasile

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
27.06.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 48572 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus ha fatto rotta verso Manchester per mettere le mani su un giovane difensore che può essere il dopo Barzagli. Si tratta di Matija Nastasic, serbo, 21 anni, che in Italia è già stato, debuttando nella Fiorentina nel campionato 2011 e nell'estate del 2012 ceduto al Manchester City per una cifra enorme per un difensore così giovane.
Il City, infatti, lo pagò alla Fiorentina quasi trenta milioni dando una parte cash più l'altro giovane difensore serbo Savic che in Inghilterra non aveva sfondato. Un po' la stessa cosa sta succedendo a Nastasic. Ha grande talento, fisico, elevazione e piedi buoni, è un classico difensore centrale nella difesa a tre, ma sa giocare anche in linea a quattro. Nel City, anche causa un infortunio e con la strada sbarrata da giocatori più esperti, ha giocato poco e così la Juventus ha fatto la sua offerta che ha colpito nel segno. Siamo ai dettagli.
Al City andranno dodici milioni, Nastasic rafforzerà la difesa di Conte che ha in Barzagli un punto dolente per problemi fisici e l'età non più verde. Ogbonna non è cresciuto come si sperava, ecco quindi un giovane che sotto la cura Conte potrà di sicuro riprendere il cammino: ha tutto per tornare ad essere uno dei più forti difensori in circolazione.
La Juventus, già che c'era, ha chiesto anche la situazione di Jovetic offrendo di rilevare il cartellino per un anno, pagando l'ingaggio e il prestito oneroso per cercare di rilanciare anche questo acquisto del City che non ha fatto sfracelli. Anzi. Jovetic è un vecchio pallino di Conte, la Juventus lo aveva inseguito a lungo, ma la Fiorentina aveva preferito cederlo agli inglesi con i quali ha un ottimo rapporto. Jovetic però non si muove, l'allenatore Pellegrini lo apprezza e conta di poterlo utilizzare di più e meglio l'anno prossimo. La stessa risposta l'ha avuta anche l'Inter.
In alternativa la Juve è sempre su Iturbe, ma anche questa trattativa è complicata perchè è arrivato prima il Milan. Il Verona ha dato ai rossoneri un diritto di prelazione, il giocatore è stato bloccato da Sogliano che ha un ottimo rapporto con Galliani. Il Milan spera che Kakà resti in Brasile, torni al San Paolo così potrà liberarsi di un ingaggio pesante e di un giocatore ingombrante per la sua storia e puntare deciso su Iturbe. Il Verona aspetterà di sicuro fino a lunedì prossimo trenta giugno, ma è possibile che Galliani ottenga qualche giorno in più. La vicenda non si risolverà a breve.
Non si risolverà tanto in fretta anche la situazione della Federcalcio dopo il crac clamoroso della Nazionale in Brasile. Il nostro calcio deve ripartire da zero, dopo le dimissioni di Abete è inaccettabile che il nuovo presidente venga scelto dal solito apparato vecchio di trent'anni e tra i soliti dirigenti che hanno condotto il calcio italiano allo sfascio. Quasi impossibile il commissariamento se non interverranno fatti nuovi, speriamo solo il Coni riesca a intervenire per proporre delle soluzioni che impediscano a questo centro di potere pieno di clientele di sopravvivere a se stesso. Lo chiedono milioni di sportivi italiani che non ne possono più di questo calcio che non produce risultati e spettacolo, ma purtroppo è terreno per morti (il povero Ciro) e violenza. Che fare? Situazione complicata perché l'establishment attuale ha la sua forza nell'apparato e nei funzionari. Proporre un Maldini potrebbe essere suggestivo, ma rischia di essere una foglia di fico. Anche Albertini o Abodi possono essere novità eccellenti, ma con questa struttura sarebbero destinati al fallimento.
Per la panchina i nomi in corsa sono i soliti. Allegri è libero, Mancini pure. La scelta probabilmente sarà fra questi due se accetteranno di ridursi lo stipendio attorno al milione e mezzo che percepiva Prandelli. Mancini ci sembra più adatto, ha vinto sempre, da giocatore e da tecnico, non pensa di essere un inventore di calcio, può essere un buon selezionatore. Circola però anche una suggestione alimentata dal web nel quale corre una voce forte: Baggio in panchina come Ct. Baggino ha la possibilità di farlo, anche burocraticamente è stato promosso di recente al master di Coverciano. Potrebbe essere un'idea affascinante anche se l'ex Codino non ha esperienza in panchina e soprattutto potrebbe essere complicata per lui la gestione del gruppo. Però meglio un grande campione carismatico di tanti signori nessuno che circolano magari con lo sponsor dentro la Federcalcio.
Tornando al mercato, Amauri potrebbe finire la carriera in Brasile: il Parma tratta. N'vila all'Inter è quasi fatta, basta accontentare Taider mentre Mazzarri ha detto sì visto che Mario Suarez dell'Atletico inseguito anche dalla Fiorentina, costa troppo. La Roma ha preso il difensore centrale montenegrino Marco Basa dal Lille, fortemente voluto da Garcia. Un suo pallino, se è buono come Gervinho...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...

EditorialeDI: Marco Conterio

Allegri e un altro segnale: è tra i migliori al mondo. Dybala e i Fab Four: l'azzardo ci sta. Roma: il fallimento parte da Spalletti. Empoli e Crotone: cuore e anima, altro che il Palermo. Lega Pro: Inzaghi e Stroppa, destino ad alti livelli 16.04 - La partita contro il Barcellona ha ufficialmente inserito Massimiliano Allegri nel novero dei grandissimi allenatori d'Europa. Ha imbrigliato campioni come Messi, Neymar e Suarez facendo sua la partita, dando un'anima e un gioco a una squadra forse sulla carta sfavorita ma sul piglio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.