HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Magazine
SONDAGGIO
Grandi bomber in Italia: chi la spunterà come capocannoniere?
  Vincerà Dzeko, è il centravanti più in forma della Serie A
  La spunterà ancora Higuain, è il goleador della squadra più forte
  Il trono tornerà ad un italiano, la rivelazione Belotti
  La sorpresa sarà totale: vincerà il falso nove Mertens
  Il titolo tornerà ad Icardi, già re dei bomber nel 2015

TMW Mob
Editoriale

La Juve in Europa come il Rosenborg: le ragioni di Allegri e quelle di Sacchi. Il silenzio della società, perché cerca Sousa? Milan, scatto Donadoni. Ibra verso Conte. Sessanta milioni per Higuain

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
11.03.2016 07.39 di Enzo Bucchioni   articolo letto 49513 volte
© foto di Federico De Luca

Sarà anche un po' bollito come fa capire Allegri per giustificarlo, "ha settanta anni...", ma Sacchi ha tirato una tale botta all'allenatore bianconero e alla Juventus che da due giorni il mondo juventino è in piena rivolta sui social network e non solo.

Non so come gli sia venuto in mente e se davvero le intenzioni fossero così radicali, ma paragonare il Rosenborg (squadra norvegese famosa solo sul web per il suo coro) alla Juventus è un po' come dire che Rosi Bindi assomiglia a Claudia Schiffer. De gustibus...

In effetti, Juve e Rosenborg, squadra della deliziosa cittadina di Trondheim, in comune hanno davvero poco. Vincono tanti titoli nazionali, dominano nelle loro nazioni, e questo è vero. Ma dire che in Europa sono entrambe perdenti, è assolutamente improprio. Se non offensivo. E qui casca l'asino....e nasce la discussione.

La Juve in giro per il mondo non ha vinto come in Italia, ma in bacheca qualche coppa internazionale ce l'ha. La Champions è il suo tallone d'Achille e questo è vero: otto finali giocate, solo due vinte.

Proprio da questo dato è partita la tesi di Sacchi volta a dimostrare che le squadre pragmatiche e italianiste come la Juventus, hanno poche possibilità di vittoria contro gli stranieri che in genere hanno una cultura calcistica diversa e cercano il successo imponendo il loro gioco.

Secondo Sacchi il capofila degli allenatori che lavorano solo per vincere senza dare alle loro squadre una personalità e un gioco moderno, è proprio Allegri. Vero? Falso?

Certo, vincere è l'essenza di qualsiasi sport, questo è innegabile, e molti sono felici anche per una vittoria di stinco dopo aver difeso per novanta minuti. Sempre vittoria è.

La domanda è un'altra: fin dove si può arrivare con questo modo di giocare e di pensare?

Ognuno si dia la sua risposta, il calcio è fatto anche di opinioni. Per Sacchi, tornando al paragone con il Rosenborg, giocando così si vince solo in Italia come i norvegesi vincono solo in Norvegia.

Un discorso simile, meno estremo, lo avevo fatto anch'io dopo Juventus-Bayern.

Per chi come me ama il calcio (oltre il tifo) e vuol bene a tutte le squadre italiane quando giocano in coppa, è stato umiliante vedere i bianconeri in balia dei tedeschi per quasi settanta minuti. E non mi importa se poi è arrivato un pareggio figlio della personalità, della tenacia, del carattere e poco del gioco.

E' logico giocare così, programmare una partita per lo zero a zero, o una squadra come la Juventus piena di giocatori importanti, di valore assoluto, deve giocarsela anche con avversari sulla carta più forti come il Bayern?

Penso che Sacchi abbia estremizzato come è nella sua cultura, e non voleva essere offensivo. Forse la dialettica è andata oltre, il parallelo con i norvegesi è esagerato, però sulle sue considerazioni bisogna riflettere.

E secondo me non è un caso che la società Juventus non abbia risposto per le rime a Sacchi. Di sicuro anche Agnelli & C. non hanno gradito quel dominio del Bayern, probabile che anche loro, pur stimando Allegri come è giusto, si stiano interrogando sul gioco della Juve.

Non a caso ci sono stati dei contatti e si pensa a Paulo Sousa ( o simili), un allenatore moderno, che cerca di imporre sempre il suo gioco. Di sicuro per il dopo Allegri (quando sarà) la Juve punterà su un tecnico più europeo.

Del resto oggi, alla vigilia del varo del Campionato Europeo per Club, una grande squadra come quella bianconera, con la voglia di crescere ancora, deve maturare anche la sua cultura calcistica e la sua personalità. Il gioco migliora i singoli e attira di più gli spettatori. Attraverso il gioco le grandi squadre hanno più possibilità di vincere.

Su questo credo debbano essere d'accordo anche i tifosi bianconeri, pur rispettando e osannando la loro storia ricchissima, ma figlia di un calcio molto italiano salvo il periodo del primo Lippi che non a caso la Champions l'ha vinta.

I tempi cambiano e adeguarsi è un obbligo, fermo restando che la verità tecnico-tattica e filosofica, forse sta nel mezzo.

Oggi solo chi ha Messi, secondo me, può permettersi di pensare solo ad attaccare considerando la difesa un obbligo noioso. Guardate quanto rischia (e quanto perde) anche il Real. Tutte le altre grandi squadre devono andare oltre l'utopia sacchiana o (peggio) zemaniana: non si vince solo pensando a imporre il gioco. Le partite vanno interpretate e oggi i grandi allenatori (penso a Guardiola, Ancelotti, aspetto Conte al Chelsea) pensano a imporre il gioco, ma pretendono anche una fase difensiva attenta, magari attraverso il possesso palla, il pressing alto e robe del genere.

Questa è la cultura calcistica moderna e la Juve a quello deve mirare. Allegri è bravo, ma trattasi di un Trapattoni del 2016, riveduto e corretto. Una volta vincere era tutto e con buoni giocatori e contropiede si vinceva. Oggi in Europa non basta più.

O meglio, spero almeno basti mercoledì prossimo alla Juve a Monaco. Ma sarà durissima...

In attesa di chiarire il futuro, compreso il contratto di Allegri, sul fronte mercato la Juve sta tenendo contatti, ha idee, da Gotze a Gundogan (chiede troppi di ingaggio, il City offre di più), ma al momento non ha stretto su nulla e nessuno.

Qualche decisione, invece, la sta prendendo Berlusconi. Se Mihajlovic ha ragione nel dire che non se ne andrà a fine stagione (ha un contratto), caso mai aspetterà l'esonero o la rescissione consensuale, la sensazione è che l'aver mancato l'obiettivo Champions suoni come una sentenza. Chi arriverà al Milan?

Sarri deve rinnovare con il Napoli, ma De Laurentiis finirà per dargli quello che merita: non può farlo scappare. La piazza non capirebbe e non gradirebbe. Montella alla Samp ha lasciato forti dubbi, forse non è pronto. Di Francesco è bravo, ma ha sempre allenato in provincia, reggerà le pressioni? Dopo queste considerazioni ha preso decisamente quota Donadoni, un grande ex che sembra all'apice del suo essere allenatore. Berlusconi avrebbe sciolto anche le riserve sulla scarsa comunicativa del tecnico del Bologna: è da Milan. Mancano gli accordi definitivi, ma in pole position ora c'è l'ex fantasista dei grandi trionfi di Sacchi e Capello.

Sul fronte mercato-giocatori arrivano rumors solo dall'Inghilterra. I riflettori sono accesi sul Chelsea che fuori da tutto, deve rifare la squadra. Conte sarà annunciato a breve, presto l'incontro decisivo. Fra i nomi dei giocatori che circolano con insistenza c'è quello di Ibrahimovic che vuol chiudere la carriera a Londra per provare a vincere la Champions con Conte. I tabloid rilanciano anche un'offerta del Chelsea da 60 milioni di euro per Higuain. La clausola è di 94 milioni, ricordiamolo. E su questo De Laurentiis sarà irremovibile, c'è da scommettere. Cavani e Lavezzi insegnano.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
De Laurentiis, lo sai che hai affrontato Modric e CR7 al Bernabeu? Marotta, Verratti come Higuain: si migliora solo con un'altra 'follia'. Rodriguez, trattativa alla Perisic: dettagli e retroscena di una lunga maratona 19.02 - Ma cosa si aspettava De Laurentiis? Mercoledì sera, in attesa dell'arrivo di Sarri nella sala stampa, ammetto di essere rimasto spiazzato dalle dichiarazioni del presidente del Napoli. Stupito. E mi sono presto accorto che non ero l'unico. Venivamo da giorni in cui il numero...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Simeone-Juve e Conte-Inter, le ultime dal fronte. De Laurentiis non protegge il Napoli di Madrid. Milan, il lavoro di Montella. C'è Valeri, ma il Milan deve stare calmo 18.02 - Sognare e ipotizzare non cosa nulla. E soprattutto può essere utile ad uscire, finalmente, non se ne può più, dall'ultimo Juventus-Inter. Nella speranza che non ci siano più dettagli e pagliuzze da esaminare per intere trasmissioni di quella partita, i tifosi bianconeri e nerazzurri...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Sarri prigioniero del Napoli, divorzio impossibile. Chelsea accelera per Bernardeschi, ieri mezza Europa a seguire l'asso viola. Milan, pronti cento milioni per il mercato. Spalletti prima scelta per la Juve 17.02 - Le accuse a Sarri, inaspettate e immotivate, del presidente De Laurentiis (con due i, mi raccomando) hanno fatto saltare in aria lo spogliatoio del Bernabeu e trasformato una onesta sconfitta in un’altra drammatica puntata della serie "I due nemici". E adesso cosa succederà? Ho...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo… 16.02 - Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Real Madrid-Napoli, il giorno del giudizio... Cassano, nessuno si fa avanti! C'è la fila per Allegri ma... 15.02 - Finalmente ci siamo. Oggi è il giorno della verità. Il blasonato Real Madrid, la squadra delle stelle, quella del Pallone d’Oro CR7, ospita, nel mitico Bernabeu, il bel Napoli di Sarri, ossia la compagine che gioca il miglior calcio in tutt’Europa. Una sfida “galattica”, un confronto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: le pulci al Pipita e l'ultima (scomoda) parola sul caso-arbitri. Inter: la "scoperta" di Pioli, un partente...Eun nuovo arrivo! Turbolenze Milan, strane telefonate, risposte sul campo: occhio alle scelte cinesi...Napoli: dimentica i complimenti 14.02 - Ciao. È finito Sanremo. Ha vinto uno che cantava con uno scimmione di fianco. Davvero bravo (anche il cantante). Sanremo è incredibile perché puoi avere tutte le rotture di balle del mondo ma fa niente "tanto c'è Sanremo". "Mamma hai cambiato le pile del polmone d'acciaio della...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Forza Napoli, regalaci la notte perfetta! Juve-Ascoli e il paradosso di mercato. Toni, ti presento Avellino. Abodi contro Tavecchio: la scimmia nuda balla 13.02 - Se dieci anni fa avessero detto a Gabbani che, sul palco dell'Ariston, uno contro uno avrebbe battuto Sua Maestà Mannoia, anche lui si sarebbe messo a ridere. Invece i tempi cambiano e, a volte, i miracoli esistono. Se il Napoli non si presenterà battuto al Bernabeu, il pronostico...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Inter, una rivalità che si estenderà al mercato. Il Beijing vale più del Milan. Napoli e Roma hanno perso la loro occasione, a meno che non arrivi una Superlega. Gomez, ma dove vai? 12.02 - A metà gennaio il Beijing Guoan, club di Pechino, è stato venduto al gruppo immobiliare Sinobo Land per 3,6 miliardi di yuan. Poiché le quote acquistate erano del 64%, virtualmente la società cinese ne vale ben 2 in più. Significa che il valore intero è di circa 754 milioni di euro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve-Inter: Andrea, il grande assente Deulofeu: peccato per Rabiot e Pjaca Sosa: M'Vila e Felipe Melo Radja: l'odio, no! Bernabeu: forza Napoli! 11.02 - Non è un derby, c'è qualcosa di molto più acre. Lo sappiamo per esperienza, ad esempio fra Milan e Inter: dopo un derby vero, gli sbertucciamenti e le frecciate durano al massimo 24 ore. Quella fra Juventus e Inter è ben altro, è un guanto si sfida di potere. La posta in palio non...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina 10.02 - Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.