HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus agli ottavi: ora può arrivare fino in fondo in Europa?
  Sì, la squadra ha le possibilità di tornare a giocarsi la Champions
  No, è presto per fare certi giudizi e servirà un mercato invernale importante
  Sì, col rientro progressivo degli infortunati la squadra è da titolo
  No, troppa la differenza con le big spagnole, inglesi e tedesche

TMW Mob
Editoriale

La Juve non libera Conte, ancora un anno insieme? Vidal, il Manchester United offre 50 milioni. Per Montella nessuno paga 7 milioni. Il giallo Prandelli: la firma non arriva, aspetta il Milan

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
16.05.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38706 volte
© foto di Federico De Luca

Giorni decisivi per la vicenda Conte. Noi siamo qui ad aspettare l'incontro che non c'è, ma la verita' è un'altra: Agnelli, Conte e Marotta si sentono tutti i giorni. Non c'è bisogno di summit o di vertici in sede per spiegare o per spiegarsi, la situazione è molto chiara da ambo le parti.

Si tratta solo di trovare un punto d'incontro per poter continuare la strada assieme ed evitare una clamorosa rottura. I margini erano pochissimi lunedì scorso, nel frattempo la situazione sembra cambiata. Cosa è successo?

La Juventus ha fatto capire a Conte di non essere disposta a liberarlo a cuor leggero per soddisfare la sua voglia di un'esperienza più stuzzicante, come lui stesso ha detto. In sostanza l'allenatore ha ancora un anno di contratto e se non lo vuole prolungare, la Juventus gli chiederà comunque di onorarlo. Insomma una sorta di vicolo cieco nel quale le due parti si sono infilate, in certi caso il muro contro muro non paga quasi mai. E allora?

In questa situazione Conte non avrebbe tante vie d'uscita e sarebbe costretto a restare fino al giugno del 2015. Conviene alla Juve tenere un allenatore controvoglia? La società bianconera conosce Conte e sa benissimo che comunque si butterebbe a capofitto nel lavoro perché è orgoglioso e non gli piace perdere. Nello stesso tempo Conte, se costretto a restare con una squadra non di suo gradimento, ha intenzione di parlare chiaro ai tifosi e dire in sostanza .

Conte ha paura di non riuscire più a motivare questo gruppo, di non dare più obiettivi stimolanti, per questo chiede un profondo rinnovamento della rosa. Ma la Juve ha un budget ridotto all'osso. Che fare? L'ipotesi di una cessione eccellente per fare cassa non è poi così da scartare.

Nei giorni scorsi Ferguson a Torino per la finale di Europa League ha chiesto ufficialmente Arturo Vidal proponendo una cifra attorno ai 50 milioni di euro. La Juve è tentatissima, meglio privarsi di Vidal che non di Pogba molto più giovane e con margini di miglioramento. Vidal, grande giocatore, potrebbe però aver già raggiunto il suo massimo e potrebbe tornare dal mondiale in condizioni non ottimali.

Con i soldi di Vidal, gli introiti della Champions e il premio scudetto la Juventus potrebbe comunque attuare un buon potenziamento per accontentare le esigenze di Conte che ha sostanzialmente ragione: se i bianconeri vogliono provare a fare meglio in Europa c'è bisogno di gente nuova.

Dunque se non si dovesse trovare un accordo, la Juve non è disposta a mollare Conte anche perché arrivare a Spalletti è molto complicato. E' ancora legato allo Zenith che per liberarlo vuole un accordo tra gentiluomini con una minima buonuscita, mentre Spalletti non vuol rimetterci troppo del contratto ancora in corso. Poi Spalletti costa molto, è abituato a lavorare con uno staff di una decina di persone. Montella è stato contattato, ma la Juventus non sapeva della clausola rescissoria di 7 milioni: con sette milioni si compra un giocatore e non un allenatore.

La pista Prandelli era stata abbandonata da tempo, mentre Mancini (la scelta della prima ora) può liberarsi dal Galatasaray, ma anche lui ha un costo non da poco e uno staff numeroso. Insomma, mettere Conte con le spalle al muro sembra la strada più facile.

I contatti e gli incontri continueranno anche oggi e domani, probabilmente la situazione sarà più chiara lunedì a campionato finito e festa per i 102 punti in archivio. I colpi di scena sono sempre possibili, ma la Juve non vuol mollare e chiederà anche l'intervento di Marchionne e John Elkann che gestiscono la cassaforte di famiglia.

A proposito di Prandelli, il mancato annuncio ufficiale della firma sul contratto della Nazionale in scadenza il 30 giugno, sta diventando un giallo. Due mesi fa sembrava tutto fatto con dichiarazioni entusiastiche poi, guarda caso, la bufera attorno alle panchine del Milan e della Juve ha bloccato tutto. Che succede? Abete dice che non c'è problema, ma se uno più uno fa due, non è che Prandelli sta aspettando gli eventi?

In fondo per il Milan alle prese con il problema Seedorf, sarebbe la soluzione più facile, già suggerita da Galliani l'estate scorsa: Prandelli non costa molto, ha uno staff "normale", sa lavorare con i giovani e piace a Berlusconi. Inzaghi deve farsi le ossa, metterlo ora in panchina sarebbe troppo rischioso. Per Spalletti il Milan ha gli stessi problemi della Juve, mentre i contatti con Montella (la prima scelta di Berlusconi) si sono infranti sulla barriera dei sette milioni di euro.

Insomma la rivoluzione delle panchine è condizionata da troppe strade in salita.

La Fiorentina finora è stata alla finestra a sentire allibita la raffica di dichiarazioni del suo allenatore che in sette giorni ha parlato sei volte per dire la stessa cosa: voglio allenare una Fiorentina più forte. Nessuno ha detto che avrà una Fiorentina più debole, ha fatto tutto da solo e forse non merita neppure una risposta. I dirigenti viola sono piuttosto irritati, ma non lo diranno mai pubblicamente.

In fondo hanno preso Montella dal Catania, gli hanno affidato una squadra importante e dato fiducia, ora appena l'allenatore ritiene di poter volare comincia a fare il fenomeno. Un comportamento che non è piaciuto affatto, non è nello stile della casa. Comunque la società va avanti per la sua strada con i programmi di rafforzamento e forte della clausola rescissoria da sette milioni. Se Montella li porta (e chi glieli da?) potrà andarsene, in caso contrario si impone un chiarimento netto che arriverà tra oggi e lunedì. Come finirà? Montella dirà di essere stato frainteso (Berlusconi docet) dai soliti giornalisti e di aver parlato per il bene della Fiorentina e non per il suo interesse personale. Toccherà anche credergli.

A proposito di soldi che dovrebbero esserci e non ci sono, il Milan è in difficoltà. Basta vedere l'andamento del titolo Fininvest in borsa per capire tante cose. Se non arriva il socio di minoranza (ma chi?) e se Berlusconi continua a dire no alla vendita, con quali soldi si farà il mercato?

L'idea che sta prendendo sempre più piede è quella di vendere un paio di gioielli della casa: Balotelli e De Sciglio. Prima Balotelli, però. Per De Sciglio il Milan spera in un grande mondiale per rilanciarlo.

Dunque, Balotelli. La regia dell'operazione è stata affidata al solito Mino Raiola che sa sempre come e dove andare a parare. L'Atletico Madrid che cederà Diego Costa al Chelsea ha bisogno di un attaccante, questa potrebbe essere la prima delle soluzioni. Trenta milioni per Balo si possono anche pagare, con questo soldi il Milan potrà sicuramente rifare una squadra migliore dall'attuale tanto più che in avanti c'è un ottimo attaccante come Pazzini, El Shaarawy sta tornando e Kakà può fare la seconda punta. Insomma, senza soldi bisogna ingegnarsi: tempi duri per tutti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Messi-Inter? Parliamo di Gabigol... Milan, tre al prezzo di uno! Dopo Drogba, ecco Eto'o e Tevez 07.12 - Sono anni, forse decenni, che mi interrogo sul perché attorno all'Inter succeda sempre qualcosa che ti lascia a bocca aperta, sbigottito, spesso incredulo. Perché si è solo ipotizzato un possibile matrimonio tra Messi e l'Inter? Non siamo più ai tempi in cui Moratti,...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

 Juve: Allegri ha un'idea per il presente, Marotta pensa al futuro: ecco il (super) colpo per l'estate! Inter: la "bomba Simeone" nasconde una verità. Milan e il closing in ritardo: così cambia il mercato. Napoli: occhio a Pavo... 06.12 - Ciao. Volevo commentare insieme a voi gli esiti del referendum, ma mentre ci pensavo mi si è materializzata in testa l'immagine di Brunetta che esulta e se la tira come se avesse qualche merito. Mi sono spaventato. Sono cose più grosse di me: i referendum, non Brunetta....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, un consiglio a Piero: occhio al tuo "miglior nemico". Udinese, 120 anni di storia e 30 anni di come si fa mercato. Il Verona primo e brutto, l'Alessandria ha già fatto il check-in 05.12 - Mi e vi devo fare una promessa: in questo mio spazio del lunedì non parlerò più del closing Milan fino alla firma del contratto, alla stipula davanti al notaio, ai comunicati ufficiali e alle foto di rito. Anche se dovessero arrivare altri 100 milioni di euro dalle banche...

EditorialeDI: Andrea Losapio

401 milioni di euro spesi sul mercato per non vincere nulla: l'Inter è un fallimento conclamato. Closing parola dell'anno a Milano. La fortuna aiuta gli audaci, come Conte 04.12 - Sono allo Juventus Stadium per la gara fra padroni di casa e Atalanta. E vedo la squadra di Allegri che gioca come non fa mai nemmeno in Europa, figuriamoci in Italia. Forse è demerito nerazzurro ma la disfatta con il Genoa forse ha fatto suonare un campanello di allarme,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, trovato l'uomo per la difesa! Inter, ma Gabigol? Drogba è libero... 30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Closing Milan: in un Paese normale sarebbe già intervenuta la Procura della Repubblica. Disastro Juve nel deserto delle rivali. Palermo, lo specchio di Zamparini. De Zerbi, te lo avevamo detto... 28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.