HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

La Juve ora è di Allegri, difensori nel mirino. Inzaghi paga l'inesperienza, Pazzini viola per Pasqual e Lazzari. Mazzarri, poche colpe. In attacco uno tra Campbell e Borini

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
07.11.2014 00.00 di Enzo Bucchioni  articolo letto 28906 volte
© foto di Federico De Luca

Finalmente Allegri ha deciso di trasformare la Juventus in una squadra sua. Era controproducente continuare a giocare quel 3-5-2 così poco contiano e non ancora completamente di Allegri, una formazione in mezzo al guado, schierata con un modulo che avrebbe bisogno di velocità e invece costretto a ragionare, a fare possesso. E allora tanto vale passare al 4-3-1-2 che Allegri ha sempre giocato, da Cagliari al Milan. I due moduli (crediamo) andranno ancora un po' di pari passo, ma appena la squadra avrà completamente capito il suo calcio, il tecnico livornese non lo mollerà più. Il problema però è un altro: come gioca meglio la Juventus? Con quale schieramento rende di più? Sicuramente il 3-5-2 giocato in orizzontale e col possesso, ha poco senso. Meglio allora insistere sulla formazione che ha incontrato e battuto l'Olympiakos tanto più che in questo modo Allegri può far giocare assieme tutti i suoi quattro grandi centrocampisti che sono la vera forza di questa squadra. Con Vidal a fare il finto trequartista, oppure trequartista mobile come era solito fare Boateng nel suo Milan, Allegri ha anche un'arma in più in attacco. I problemi, però, nascono in difesa dove la Juve non ha veri esterni di difesa. Ma se Lichstainer può essere adattato, è anche vero che lo svizzero rende meglio quando parte più avanti e può andare al cross. Caceres, invece, può sicuramente far bene da esterno destro basso. I problemi sono sulla sinistra dove Asamoah, ex centrocampista, era già stato adattato. Costringerlo a difendere non è il suo mestiere e anche Evra non ha più la rapidità necessaria. Ecco allora l'ipotesi di un ritorno di Chiellini sulla sinistra con l'arrivo del giovane centrale Rugani dall'Empoli già a gennaio. Purtroppo Barzagli ha problemi che lo costringeranno a star fuori ancora un bel po' e la Juve è costretta a rinforzare un reparto che ha bisogno di giocatori in più passando da tre a quattro.

Di difensori e centrocampisti ha bisogno anche il Milan che sta pagando un organico imperfetto, ma anche l'inesperienza di Inzaghi. Pippo ha fatto bene, ha riportato entusiasmo e non è poco, ma nei momenti difficili come questo si nota l'inesperienza e la poca abitudine a prendere decisioni rapide anche di formazione come successo domenica. Tutti quegli attaccanti in campo nel secondo tempo devono far pensare...Comunque il Milan si sta muovendo perché il ritorno di Montolivo prima di Natale non può bastare. Intanto il centrocampista avrà bisogno di tempo per rientrare in forma, poi numericamente il reparto è sguarnito. Manca anche un esterno destro dove De Sciglio (destro naturale) sta faticando più del previsto. Ecco allora all'orizzonte un giro di mercato sul quale si sta lavorando. La Fiorentina sta cercando un attaccante soprattutto dopo l'infortunio a Bernardeschi, i dubbi di Gomez e il ritorno di Rossi ancora lontano. Il giro se si concretizzerà dovrebbe portare Pasqual e Lazzari in rossonero con il ritorno di Pazzini in viola visto che Inzaghi non lo vede e le recenti polemiche a forza di tweet non sono state gradite. Il discorso è aperto.

Anche l'Inter cerca un attaccante e non è più un mistero. L'infortunio a Osvaldo e il vistoso calo di forma di Palacio hanno complicato il lavoro di Mazzarri. Tanto più che al centro dell'attacco nerazzurro c'è un giocatore come Icardi che non sembra il massimo nel movimento dell'Inter. Icardi è un attaccante importante, ma non ama l'uno-due, se volete è un giocatore vecchio stampo, da area, individualista e giocare con lui diventa più difficile per tutti. Ecco allora l'idea di puntare su Borini o Campbell, giocatori più agili, di movimento, capaci di aprire spazi per gli inserimenti dei centrocampisti.

Comunque è per molti versi incredibile quello che sta succedendo attorno a Mazzarri. L'Inter ha un solo punto meno del Milan, è in piena corsa per la Champions nonostante un organico nettamente inferiore dal punto di vista tecnico di Napoli e Lazio, ma anche (attacco a parte) della Fiorentina. Gli infortuni hanno condizionato anche la costruzione di una squadra rinnovata e con un modulo tattico diverso dall'anno scorso. Insomma, Mazzarri è uno che va lasciato lavorare e lo dimostra anche il pari di ieri sera con il Saint Etienne. I francesi non avevano ancora preso un gol, un'Inter giovanissima ha comunque giocato una gara di sofferenza dimostrando carattere e portando a casa un punto importante. Servono conferme anche in campionato, ma arriveranno se Mazzarri sarà protetto dalla società e fischiato meno da tifosi che non fanno il bene dell'Inter.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.