HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

La Juve ora è di Allegri, difensori nel mirino. Inzaghi paga l'inesperienza, Pazzini viola per Pasqual e Lazzari. Mazzarri, poche colpe. In attacco uno tra Campbell e Borini

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
07.11.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 28914 volte
© foto di Federico De Luca

Finalmente Allegri ha deciso di trasformare la Juventus in una squadra sua. Era controproducente continuare a giocare quel 3-5-2 così poco contiano e non ancora completamente di Allegri, una formazione in mezzo al guado, schierata con un modulo che avrebbe bisogno di velocità e invece costretto a ragionare, a fare possesso. E allora tanto vale passare al 4-3-1-2 che Allegri ha sempre giocato, da Cagliari al Milan. I due moduli (crediamo) andranno ancora un po' di pari passo, ma appena la squadra avrà completamente capito il suo calcio, il tecnico livornese non lo mollerà più. Il problema però è un altro: come gioca meglio la Juventus? Con quale schieramento rende di più? Sicuramente il 3-5-2 giocato in orizzontale e col possesso, ha poco senso. Meglio allora insistere sulla formazione che ha incontrato e battuto l'Olympiakos tanto più che in questo modo Allegri può far giocare assieme tutti i suoi quattro grandi centrocampisti che sono la vera forza di questa squadra. Con Vidal a fare il finto trequartista, oppure trequartista mobile come era solito fare Boateng nel suo Milan, Allegri ha anche un'arma in più in attacco. I problemi, però, nascono in difesa dove la Juve non ha veri esterni di difesa. Ma se Lichstainer può essere adattato, è anche vero che lo svizzero rende meglio quando parte più avanti e può andare al cross. Caceres, invece, può sicuramente far bene da esterno destro basso. I problemi sono sulla sinistra dove Asamoah, ex centrocampista, era già stato adattato. Costringerlo a difendere non è il suo mestiere e anche Evra non ha più la rapidità necessaria. Ecco allora l'ipotesi di un ritorno di Chiellini sulla sinistra con l'arrivo del giovane centrale Rugani dall'Empoli già a gennaio. Purtroppo Barzagli ha problemi che lo costringeranno a star fuori ancora un bel po' e la Juve è costretta a rinforzare un reparto che ha bisogno di giocatori in più passando da tre a quattro.

Di difensori e centrocampisti ha bisogno anche il Milan che sta pagando un organico imperfetto, ma anche l'inesperienza di Inzaghi. Pippo ha fatto bene, ha riportato entusiasmo e non è poco, ma nei momenti difficili come questo si nota l'inesperienza e la poca abitudine a prendere decisioni rapide anche di formazione come successo domenica. Tutti quegli attaccanti in campo nel secondo tempo devono far pensare...Comunque il Milan si sta muovendo perché il ritorno di Montolivo prima di Natale non può bastare. Intanto il centrocampista avrà bisogno di tempo per rientrare in forma, poi numericamente il reparto è sguarnito. Manca anche un esterno destro dove De Sciglio (destro naturale) sta faticando più del previsto. Ecco allora all'orizzonte un giro di mercato sul quale si sta lavorando. La Fiorentina sta cercando un attaccante soprattutto dopo l'infortunio a Bernardeschi, i dubbi di Gomez e il ritorno di Rossi ancora lontano. Il giro se si concretizzerà dovrebbe portare Pasqual e Lazzari in rossonero con il ritorno di Pazzini in viola visto che Inzaghi non lo vede e le recenti polemiche a forza di tweet non sono state gradite. Il discorso è aperto.

Anche l'Inter cerca un attaccante e non è più un mistero. L'infortunio a Osvaldo e il vistoso calo di forma di Palacio hanno complicato il lavoro di Mazzarri. Tanto più che al centro dell'attacco nerazzurro c'è un giocatore come Icardi che non sembra il massimo nel movimento dell'Inter. Icardi è un attaccante importante, ma non ama l'uno-due, se volete è un giocatore vecchio stampo, da area, individualista e giocare con lui diventa più difficile per tutti. Ecco allora l'idea di puntare su Borini o Campbell, giocatori più agili, di movimento, capaci di aprire spazi per gli inserimenti dei centrocampisti.

Comunque è per molti versi incredibile quello che sta succedendo attorno a Mazzarri. L'Inter ha un solo punto meno del Milan, è in piena corsa per la Champions nonostante un organico nettamente inferiore dal punto di vista tecnico di Napoli e Lazio, ma anche (attacco a parte) della Fiorentina. Gli infortuni hanno condizionato anche la costruzione di una squadra rinnovata e con un modulo tattico diverso dall'anno scorso. Insomma, Mazzarri è uno che va lasciato lavorare e lo dimostra anche il pari di ieri sera con il Saint Etienne. I francesi non avevano ancora preso un gol, un'Inter giovanissima ha comunque giocato una gara di sofferenza dimostrando carattere e portando a casa un punto importante. Servono conferme anche in campionato, ma arriveranno se Mazzarri sarà protetto dalla società e fischiato meno da tifosi che non fanno il bene dell'Inter.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Spalletti, ora è addio. E la Juve aspetta. Allegri più lontano. Inter, Suning 150 milioni per lo Scudetto. Milan, se salta il closing Donnarumma al Real 17.03 - La Roma è fuori dall’Europa nonostante la vittoria e una gara di grande spessore tecnico e agonistico e, se tanto mi da tanto, Spalletti è fuori dalla Roma. Non faccio altro che seguire le sue indicazioni e il suo ragionamento. Ancora pochi giorni fa ha ribadito che senza tituli (alla...

EditorialeDI: Luca Marchetti

I giovani, la Champions e le scadenze 2018? Vendi o firmi? 16.03 - La Champions sa ancora riservare sorprese. Non che il Monaco potenzialmente sia (stato) meno ricco del City, ma nell’anno in cui gli inglesi volevano la glorificazione in campo internazionale è arrivato il fracaso di Pep. Lontano dalla testa della classifica in Premier, uscito per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta. 15.03 - La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tira una strana e “nuova” aria attorno alla Signora. Inter: Zhang e il destino di Pioli (occhio al dato su Simeone). Milan: ultime sul closing (con sorpresa sulla data?). Napoli: un assist a Sarri. E sul regolamento… 14.03 - Eccoci qui. Volevo spiegarvi le regole del calcio. Che sono semplici. Perché se non lo fossero, allora sarebbe un problema. E noi non vogliamo problemi. Quindi eccovi le regole del calcio, così come le abbiamo capite. REGOLA DEL FALLO DI MANO A meno che tu non sia il portiere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.