HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da Tuttomercatoweb.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
TMW Mob
Editoriale

La Juventus gioca male, ma arriverà in fondo a tutto. Bayern permettendo. Inchiesta sull'Europa: andarci serve davvero? Negli ultimi dieci anni solo le big si ripetono. Un'Atalanta meravigliosa, Gasp merita una grande. Sarri è al capolinea?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
27.11.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:   articolo letto 42745 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima frazione, con le reti di Icardi e Brozovic, tanto male nella ripresa, fino al 3-2 finale che assomiglia più a una Caporetto. Per l'Inter non c'è interesse nel rimanere in Europa League: è come la Coppa Italia, diventa importante solamente dalle semifinali in poi. A parte per le piccole, come il Sassuolo: la trasferta con l'Athletic di Bilbao, nel nuovo San Mames, è stata tanto affascinante quanto crudele. Difficile pensare che l'équipe di Di Francesco, tornata alla partita singola in settimana, possa avere grossi problemi in campionato.

C'è appunto questa novella che le piccole, dopo una stagione in Europa, puntualmente retrocedano. Non è così, anche se negli ultimi dieci anni ci sono due casi abbastanza eclatanti. Il primo è quello del Chievo Verona, che passò dal quarto posto alla retrocessione. Era però l'anno di Calciopoli, con una classifica drogata dalle penalizzazioni, con Livorno e Parma che rientrarono in gioco anche grazie alle penalizzazioni di Lazio e Fiorentina. Infatti Livorno e Parma arrivarono undicesimo e dodicesimo, mentre il Chievo decise di cedere il giocatore più importante (Amauri) dopo gli sfortunati preliminari contro il Levski Sofia. E poi c'è l'incredibile epopea della Sampdoria, dalla coppia più bella del mondo Pazzini-Cassano a non avere né l'uno né l'altro, con l'incredibile filotto negativo con Cavasin. Per il resto solo le big riescono a non soffrire più di tanto la qualificazione nelle coppe europee, con eccezione dell'Udinese di Totò Di Natale all'inizio degli anni dieci. In fondo troverete lo specchietto con tutte le annate.

Così si torna al calcio giocato. La Juventus fa maluccio, non esalta e non diverte, ma vince. Passa in Champions League con facilità - avrebbe potuto chiuderla anche prima - in campionato gli altri si scansano, che l'abbia detto o non detto Buffon. Allegri certo non ha mai avuto un calcio spumeggiante, nemmeno con il Milan, ma ha il grosso pregio di crescere durante l'anno, arrivando alla volata finale con la squadra che gira al massimo. Il primo posto nel girone, praticamente ufficiale, garantirà uno scontro non troppo difficile. Certo, può ricapitare il Bayern Monaco (e sarebbe anche sfortuna) oppure il Manchester City di Guardiola. Però questa Juventus, con il mercato di gennaio fatto con intelligenza, quindi con un centrocampista top in più, può davvero arrivare fino in fondo. Il Real Madrid non fa paura, il Barcellona senza Messi sembra quasi abulico, le grandi d'Inghilterra vacillano. A meno che il Leicester non faccia l'exploit.

A proposito di Leicester, in tanti si sono affrettati a bollare l'Atalanta come la squadra di Ranieri. Che nella passata stagione non è mai stata a otto punti di distanza dal primo posto. Ci sono almeno due differenze: i nerazzurri giocano un calcio meraviglioso, fatto di forza e di ritmi altissimi, oltre ad avere una discreta qualità. Sembrano un po' i Vava Boys, quelli che a inizio millennio erano gli Zenoni e Zauri, con Doni, Donati e Ventola. Il paragone è calzante perché l'Atalanta viaggiava, sin dall'inizio, nelle prime posizioni. Il Leicester invece giocava dietro e ripartiva, spesso riuscendo a non prendere gol: non che i nerazzurri ne prendano molti, però hanno proprio una voglia di buttarsi negli spazi e non lanciare un Vardy in stato di grazia. Mentre Gomez, quello sì, sta facendo il Mahrez. E poi il fatturato dell'Atalanta è davvero minuscolo rispetto a quello del Leicester che, a sua volta, poteva permettersi grandi ingaggi e spese di un certo livello. La domanda è: Gasperini merita una grande? Sì, ma che abbia un progetto dietro, con la voglia di aspettarlo. A Bergamo ha rischiato molto dopo la partita con il Palermo, quando la pazienza sembrava finita. A Pescara contro il Crotone, per sua stessa ammissione, sembrava un funerale. Lazzaro, alzati e cammina. Bisogna fargli i complimenti, anche se non può essere considerata, ancora, una anti Juventus. Fa sorridere questa etichetta, ma sabato ci sarà Juventus-Atalanta...

Finiamo, appunto, con il Napoli. Che probabilmente avrebbe bisogno di un Gasperini, con però molta pazienza dietro. E se Sarri incomincia a dare la colpa a qualsiasi cosa per un pareggio contro la Dinamo Kiev, evidentemente è già al capolinea. Poi potrà vincere cinque partite consecutive, ma rispetto all'anno scorso sotto al Vesuvio non sognano nemmeno, perché non hanno la possibilità di farlo. Certo, bisogna essere realisti. Però Ranieri, fosse arrivato secondo, sarebbe stato il Newcastle di Shearer che aveva sprecato un vantaggio di dodici punti con lo United e che in pochi si ricordano. Invece ha vinto, e verrà ricordato per questo. A De Laurentiis manca il passo successivo per, finalmente, scrivere la storia. Chissà se lo capirà mai.

STAGIONE 2006-07
INTER - Champions, primo
ROMA - Champions, secondo
MILAN - Champions, quarto
CHIEVO - Champions, retrocesso
PALERMO - Europa, quinto
LIVORNO - Europa, undicesimo
PARMA - Europa, dodicesimo

STAGIONE 2007-08
INTER - Champions, primo
ROMA - Champions, secondo
LAZIO - Champions, dodicesimo
MILAN - Champions, quinto
PALERMO - Europa, undicesimo
FIORENTINA - Europa, quarto
EMPOLI - Europa, retrocesso
SAMPDORIA - Europa, sesto

STAGIONE 2008-09
INTER - Champions, primo
ROMA - Champions, sesto
JUVENTUS - Champions, secondo
FIORENTINA - Champions, quarto
MILAN - Europa, terzo
SAMPDORIA - Europa, tredicesimo
UDINESE - Europa, settimo
NAPOLI - Europa, dodicesimo

2009-10
INTER - Champions, primo
JUVENTUS - Champions, settimo
MILAN - Champions, terzo
FIORENTINA - Champions, undicesimo
GENOA - Europa, nono
ROMA - Europa, secondo
LAZIO - Europa, dodicesimo

2010-11
INTER - Champions, secondo
ROMA - Champions, sesto
MILAN - Champions, primo
SAMPDORIA - Champions, retrocesso
PALERMO - Europa, ottavo
NAPOLI - Europa, terzo
JUVENTUS - Europa, settimo

2011-12
MILAN - Champions, secondo
INTER - Champions, sesto
NAPOLI - Champions, quinto
UDINESE - Champions, terzo
LAZIO - Europa, quarto
ROMA - Europa, settimo
PALERMO - Europa, sedicesimo

2012-13
JUVENTUS - Champions, primo
MILAN - Champions, terzo
UDINESE - Champions, quinto
LAZIO - Europa, settimo
NAPOLI - Europa, secondo
INTER - Europa, nono

2013-14
JUVENTUS - Champions, primo
NAPOLI - Champions, terzo
MILAN - Champions, ottavo
FIORENTINA - Europa, quarto
UDINESE - Europa, tredicesimo
LAZIO - Europa, nono

2014-15
JUVENTUS - Champions, primo
ROMA - Champions, secondo
NAPOLI - Champions, quinto
FIORENTINA - Europa, quarto
INTER - Europa, ottavo
TORINO - Europa, nono

2015-16
JUVENTUS - Champions, primo
ROMA - Champions, secondo
LAZIO - Champions, ottavo
FIORENTINA - Europa, quinto
NAPOLI - Europa, secondo
SAMPDORIA - Europa, quindicesimo

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, il 13 Dicembre resta il giorno. Roma, Napoli, Lazio, Milan non distraetevi. Berardi rimpiazza Gabigol all'Inter. Dani Alves torna a Gennaio, no emergenza Juve 03.12 - Poveri tifosi del Milan. E' come se li vedessimo. E per certi versi li vediamo. Costretti a compulsare siti, tv e social a tutte le ore del giorno e della notte per soppesare ogni sfumatura del particolare che arriva dal tal profilo twitter che fino ad oggi ha detto certe cose...
App Store Play Store Windows Phone Store
 

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Il futuro di Allegri legato alla Champions. Piace Paulo Sousa. Marotta ha deciso: due centrocampisti a gennaio. Anche Berlusconi e le sue vedove si arrendono. Napoli, dubbi su Pavoletti 02.12 - Della serie anche i ricchi piangono, mi risulta che i dirigenti della Juventus, Agnelli in testa, non siano poi così contenti di questa squadra nonostante il primo posto in campionato e la qualificazione anticipata in Champions. L'assenza di gioco non è più motivo di simpatici...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le panchine cambiano tutte insieme, gli scricchiolii delle big strizzano l'occhio al mercato. Gennaio si avvicina... 01.12 - Saltata un'altra panchina in A. De Zerbi non è più l'allenatore del Palermo dopo una sconfitta in coppa Italia ai rigori contro lo Spezia a pochi giorni dalla conferma (a sorpresa) del suo presidente Zamparini. Al suo posto arriva Corini, grande ex, che avrà il compito di...

Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli

30.11 - Campionato riaperto, infermeria, quella bianconera, presa d'assalto. Allegri, di colpo, si è ritrovato a fare la conta dei pochi presenti. Ogni partita, qualche tassello della corazzata bianconera va in pezzi. In particolare, problemi evidenti a livello difensivo. Da qui la...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan e la telefonata "cinese" di chi crede ancora al closing: ecco cosa succede! Juve e Allegri: la "follia" dopo il ko di Genova. Inter: ecco il diktat sul mercato firmato Zhang. Roma: autodenuncia su Dzeko 29.11 - "Ciao, mi chiamo Maurizio, ho 75 anni e non esonero da 6 mesi". "Fate un bell'applauso a Maurizio". E giù applausi. Ci piace iniziare così, con un pensiero all' "esoneratore anonimo" Maurizio Zamparini, in crisi d'astinenza e comunque capace di tenere duro col buon De...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

28.11 - Sarà che settimana prossima c'è il referendum, sarà che per 8 mesi è rimasto in silenzio per problemi ben più gravi del calcio, sarà che in Italia tutto è consentito, sta di fatto che sono 10 giorni che Silvio Berlusconi,...

Editoriale DI: Andrea Losapio

27.11 - Abbiamo negli occhi la clamorosa sconfitta che l'Inter ha patito con il Hapoel Beer Sheva. I suoi giocatori hanno tenuto fede al nome della squadra e hanno ubriacato gli avversari in un secondo tempo davvero vergognoso da parte degli uomini di Pioli. Tanto bene nella prima...

Editoriale DI: Mauro Suma

Il 14 Dicembre del Milan. La confusione del Sassuolo. Pioli, il terzo scomodo. E' bruttissimo il calcio fra Biella e la Questura di Como 26.11 - All'esterno del Milan l'attesa spasmodica è per il 13 Dicembre. All'interno del Milan la curiosità e la suspence sono tutte per il 14 Dicembre. Chi entrerà a Casa Milan quel giorno? Le chiavi saranno sempre nelle stesse mani o saranno consegnate ai nuovi proprietari?...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

25.11 - L'ennesimo tentativo di agitare le acque attorno alla cessione del Milan è andato a vuoto. Questa volta è sceso in campo direttamente Silvio Berlusconi, spalleggiato dai soliti noti nel mondo della comunicazione, per cercare di depistare, spargere dubbi, insinuare situazioni...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Berlusconi insiste: si chiude, ma altrimenti... il Napoli stoppato in Champions, prenota una stellina brasiliana. E i giovani... 24.11 - La notte dopo il derby Berlusconi aveva dato certezze: il closing ci sarà, ma se così non dovesse essere sarei pronto a rimanere e vincere con un Milan giovane e italiano. Sembrava più una sorta di rassicurazione ai tanti tifosi del Milan contenti per come stavano andando le...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.