HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Juventus-Barcellona ai quarti: passare è possibile?
  Sì, la Juventus è cresciuta rispetto al 2015
  No, il Barcellona resta più forte dei bianconeri

TMW Mob
Editoriale

La lezione del Costa Rica e lo spirito dellaColombia. All'Italia serve una rivoluzione

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
29.06.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 27776 volte
© foto di Federico De Luca

Non esserci più è quasi una consolazione. L'Uruguay ci ha allontanato - prima di seguirci - da un Mondiale che avevamo conquistato con valori lontani da quelli che di ora in ora vediamo in campo. Valori non tecnici o tattici coi quali siamo abituati a competere. Valori umani smarriti lungo il cammino dell'illusione. La prima lezione - diretta - ce l'ha data il Costarica: combattenti di razza, loro, noi soldatelli viziati che ci siamo dati la coperta di Balotelli per sentirci più sicuri eppoi l'abbiamo scaricato quando ci siamo accorti che il più spaventato era lui. Questo mondiale sta offrendo squarci di eroismo pedatorio e se Prandelli - certo in buonafede - se ne usci dicendo "partita epica" dopo la vittoria sull'Inghilterra, Brasile-Cile e Colombia-Uruguay dovremmo infilarli nei libri di storia di questo sport che ha colto pienamente il messaggio del tempo: per giocare ad alti livelli, oggi, occorrono muscoli e menti salde, resistenza fisica e cuori forti; e anche una forte dose di patriottismo, quello che il nostro Ct chiese agli italiani spettatori e avrebbe dovuto invece pretendere dai suoi immaginari guerrieri, resi di scorza tenera dalla dolce vita del calcio business ormai imperante in Italia. Colombia-Uruguay pareva una derby nostrano, tanti erano i calciatori militanti o ex del nostro campionato, molli e narcisi a casa nostra, combattenti di razza appena indossano la maglia nazionale che per loro è come una bandiera, mentre la nostra sembra una camicia di Nesso. I cileni sono fratelli di quei minatori scampati a una tragedia perché hanno saputo coraggiosamente sfidare la morte; i colombiani danno vita insieme a un'esibizione di classe e di forza: Cuadrado e Zuniga, tanto per dire, ci hanno mostrato virtù a dir poco inedite, e Cavani - prendo lui per tutti gli uruguagi - ha potuto sbatterci in faccia una scomoda verità: "Abbiamo perso, ma a fine partita ci siamo guardati in faccia senza vergogna, orgogliosi di aver dato tutto quello che avevamo". E alla faccia degli appassionati di bassa macelleria ha aggiunto, senza paura: "Suarez ha sbagliato, ha avuto una punizione troppo pesante ma ha sbagliato". Le ultime parole degli azzurri - che spero di non sentire mai più, così come mai le avevo sentite prima - sono state quelle di Buffon e De Rossi, un'invettiva biliosa contro i Giovanotti e le Figurine; non solo Balotelli, col quale potevano chiudere i conti come facevano, nello spogliatoio dell'Inter, Ibra e Materazzi, mollando sergozzoni: ce l'avevano - tanto per dire - anche contro Darmian e Verratti, i migliori di questa povera Nazionale scoglionata. Bell'esempio, dai Veterani: non potremo certo ricostruire quest'Italietta spaventata partendo da loro, combattenti di scarso spessore personale - non tecnico - sconfitti da ragazzi con un cuore grande così. Gente che ha fatto fuori in un amen l'adorato Ct. Sarà difficile trovare chi possa riproporci i ritratti del coraggio raccolti nel museo delle glorie tradite: uno Zoff, un Rossi, un Tardelli, un Conti, un Cannavaro, un Gattuso e un Materazzi - e dico dei più generosi, per il 2006, non dei più bravi - ci hanno fatto vincere due Mondiali; e tuttavia sarà questa la ricerca da fare, partendo proprio dal piccolo Verratti che s'è infilato fortunosamente nella spedizione azzurra, e da Pepito Rossi, la cui pena fisica era stata sconfitta da un cuore grande. Mi torna in mente il Totò di "Siamo uomini o caporali"; o l'Albertone di "Tutti a casa": le partite di calcio perdute somigliano, soprattutto all'ora dei conti, alle guerre perdute: spesso protagonista è la vigliaccheria, qui limitiamoci a parlare di paura; spesso a pagare il conto sono i soldati, i generali se la cavano. Dobbiamo invertire la rotta, e non bastano i pannicelli caldi. Ci vuole una rivoluzione: come nel'66, dopo la Corea, o nel '74, dopo la Polonia. Allora ci pensarono il mite Valcareggi e il Dottor Bernardini, ma con loro c'era Artemio Franchi. Datemi un dirigente capace - vien da dire - e vi solleverò il mondo. No, quelli che abbiamo sott'occhio non disturbateli: stanno contando i soldi. Sta a vedere che ci toccherà aspettare un Uomo della Provvidenza.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Le infiltrazioni mafiose nel calcio e i falsi moralisti. Milan, dopo la colletta il problema sarà di Mirabelli. Verona, comunque andrà sarà un fallimento! Foggia, da De Zerbi a Stroppa il vero vincitore è Di Bari 27.03 - Quando c'è la Nazionale bisogna cercare altre notizie, altrimenti televisioni e giornali chiudono. Si punta sul mercato o su questioni extra. Hanno aiutato, in questa fase, il closing del Milan e le indagini della Procura Federale sulle intercettazioni della Juventus. Se a fare i...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Il closing del Milan: la figura di Yonghong Li e tutti gli scenari futuri del club. Valzer delle panchine: tanto ruota attorno a Spalletti. Tutti i colpi delle grandi da Bernardeschi a Manolas fino a Kessie 26.03 - Forse, ci siamo. Il Milan sta per diventare del misterioso Yonghong Li in... Prestito con obbligo di riscatto. Già. Perché i soldi per il closing arriverebbero al broker cinese dagli Stati Uniti, dal fondo Elliott, che finanzierebbe così la chiusura del passaggio del club. Li è rimasto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: Maiorino sa tutto. I 720 milioni di Sino, i 270 di Suning. Inter e Milan: Napoli e Roma col fiato corto. Balo e Darmian novità di mercato 25.03 - "Vediamo". In Casa Milan da diversi mesi a questa parte non è una espressione come le altre. Non è un intercalare o un modo per prendere tempo. E' una vera e propria parola d'ordine, un approccio costante nel tempo, l'unico modo per attendere una soluzione definitiva alla cessione...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-'Ndrangheta, siamo alla follia. Le colpe di Agnelli. Allegri vuole Di María. Inter, lasciate in pace Pioli. Napoli, tieni Insigne non Mertens 24.03 - LL’ultimo scandalo del calcio italiano ha dei contorni inquietanti. Parlo, naturalmente, della vicenda Juventus-‘Ndrangheta e di tutto quello che sta scatenando. Qui non si tratta di essere juventini o antijuventini, credo che il discorso che sto per fare attenga alla civiltà più...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Caparre cene e allenatori, in Primavera si fa il mercato e si guarda al futuro 23.03 - Sono principalmente due le notizie che hanno movimentato la settimana della pausa di campionato e sono destinate entrambe ad avere strascichi durante tutta la settimana. A Milano la questione closing non si è ancora chiusa: né in un verso né nell'altro. I famosi 100 milioni che doveva...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Luis Enrique, non solo Roma... Milan-Donnarumma, è rimasta solo la fede! Napoli, Mertens va premiato oppure... 22.03 - Ogni volta che si manifesta la primavera mi sento meglio… Le giornate diventano più luminose, la natura rinasce, tutto siamo più felici o, almeno, così pare… Tuttavia, ancora una volta, a primavera c’è solo una rondine che tiene alto il buon nome dell’Italia pallonara in Europa. C’è...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Un'idea "folle" per la Juve e una cosa da chiarire su Agnelli. I soldi del Milan ci sono: ecco chi li ha davvero (da lì nascono i problemi). Il fastidio dietro la "non sconfitta" dell'Inter. E sul pranzo indigesto di Sarri... 21.03 - Questa volta non me la prendo con la “pausa per la Nazionale”. Non ci penso neanche. Al limite con il campionato. Quello delle ultime che perdono sempre, delle prime che vincono sempre, di quelle in mezzo che vincono se giocano con le ultime, perdono se giocano con le prime e pareggiano...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta, chiedi il conto a Spalletti. Giro di panchine: Bucchi e Semplici le new entry. Il Torino dalla “Padelli alla brace”. Lotito in B? Ecco perché conviene più alla B che alla A… 20.03 - Nel week end dell’addio dei sogni di gloria dell’Inter, si passa al sabato dove il Milan conferma di essere da Europa di serie B. Milano oggi è da Europa di serie B e la classifica confermerà che le due squadre di Milano ancora non sono pronte a rientrare dalla porta principale. Il...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il monopolio della Juve fa male al calcio italiano: o tornano le milanesi (dei giorni migliori...) o la Serie A in Europa perderà posizioni. E tanti saluti al regalo dell'UEFA 19.03 - Ci risiamo. Superati gli ottavi di finale ecco riaffiorare i soliti problemi e sempre gli stessi limiti. C'è la Juventus, che si avvia indisturbata a conquistare il sesto Scudetto consecutivo (record assoluto). Poi c'è il vuoto, in Serie A e nelle competizioni europee. La Roma in...

EditorialeDI: Mauro Suma

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova 18.03 - Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.