HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
      
Editoriale

La missione bianconera a Londra, gli attaccanti di Prandelli che piacciono alle grandi, le punte europee per puntare in alto. Inter, Milan, Juve e Roma in concorrenza con l'Europa!

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come caposervizio e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
05.04.2012 00.00 di Luca Marchetti  articolo letto 17589 volte
© foto di Micri Comunication

La Champions è sempre un buon momento per vedere i calciatori, e la Juve quest'anno ne approfitta. Ieri sera a Stamford Bridge gli occhi di Fabio Paratici, ds bianconero, erano puntati,principalmente su tre giocatori: Rodrigo (attaccante 91 del Benfica, che però ha giocato una manciata di minuti), Gaitan, esterno argentino del centrocampo portoghese, e Raul Meireles, portoghese, centrocampista del Chelsea. In realtà i primi due non hanno soddisfatto in pieno (soprattutto Rodrigo, che ha giocato troppo poco), Meireles invece è un vecchio pallino della Juve, lo seguono dalla scorsa estate. Ma i prezzi per arrivare a lui e a Gaitan sono quasi proibitivi.
Meireles è stato valutato circa 10 milioni, a voler essere ottimisti, l'argentino hauna clausola da 45. Non serviranno tutti, ma bisogna andarci il più vicino possibile. Così la Juve mette da parte le osservazioni e continua a guardarsi intorno.
Gli attaccanti invece li vogliono tutti. Sono loro che fanno girare il mercato, sono loro che fanno sognare i tifosi. Ecco perché è indispensabile capire in anticipo le mosse delle concorrenti per imostare bene il proprio lavoro. Il colpo grosso non si può sbagliare, c'è che aspetta i saldi, quasi tutti gocano su più tavoli, per il momento.
Si parlerà molto di Balotelli. Il suo feeling con il Milan non l'ha mai nascosto. Qualcuno legge la sua visita a sorpresa ad Appiano nello Stramaccioni-day come un voler testare l'ambiente. A Manchester (Mancini o non Mancini) sono pronti a metterlo sul mercato, nonostante le prodezze in campo. Al momento non si registrano picchi di interesse da parte delle due milanesi, ma in Italia (per un motivomo per l'altro) sono le uniche due squadre dove SuperMario può atterrare. Certo, ci sarebbe la Juve, che un grande attaccante lo cerca (e che ultimamente con Raiola ha contatti frequenti, per via di Pogba), ma prima bisognerebbe risolvere il problema ambientale (ricordate le accoglienze tutt'altro che calorose di Balotelli a Torino?).
Poi c'è l'altro attaccante della nazionale italiana: Giuseppe Rossi. Appena tornato al gol in allenamento, Prandelli lo aspetta, l'Inter lo segue molto da vicino, consapevole che il prezzo, rispetto a quanto il Villarreal chiedeva alla Juve quest'estate, è calato. E poi Giovinco. Che piace al Barcellona, ma che piace anche alla Juventus. Non sarà immediato trovare un accordo con il Parma, ma alla fine l'accordo arriverà e Antonio Conte potrà avere un giocatore di grandissima qualità, superpronto per la consacrazione.
Poi ci sono gli stranieri. Da Tevez, che si è ripreso in mano il City dopo le liti di gennaio, a Suarez, che invece dall'Inghilterra potrebbe andarsene. E qui ci sono Roma e Juve soprattutto, in Italia però. Perché Suarez è un giocatore giovane e fortissimo. Senza dimenticarsi di tutti gli altri, di cui abbiamo parlato tante volte che sembranoquasi passati di lda: Higuain, Dzeko, Leandro Damiao, Lavezzi, Neymar, Lucas. Sono troppi rispetto a chi cerca punte? Attenzione ai soldi russi e a quelli arabi. Anzhi e Psg (visto che Pato ogni giorno che passa perde appeal). Manchester City, Real Madrid. La concorrenza è spietata. Ecco perché bisogna pianificare bene avendo anche la forza (e lapazienza) di aspettare l'occasione.
E quindi nel frattempo si continuano a scandagliare i giovani: la Juve tiene sott'occhio Matthias Ginter, centrale difensivo del 1994 del Friburgo (che ha già esordito e segnato in Bundesliga) mentre all'Udinese arriverà Silvan Widmer, esterno svizzero di 19 anni dell'Aarau.

ARTICOLI CORRELATI

TuttoMercatoWeb.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
30.07 - Con chiunque parlo di calcio, sia il mio amico barista che l'agente Fifa di turno, tutti concordano sul definire il nostro calcio alla frutta. La Serie A non è mai stata così in disgrazia e, ad onor del vero, anche il mio pensiero non si discosta tanto dal comune senso di...
App Store Play Store Windows Phone Store
 
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
29.07 - E niente, questa settimana tento l'esperimento "editoriale live". L'ennesima boiata insomma. Il fatto è che non potevo non approfittare dell'invito nella lussuosissima sede Sky di Rogoredo per il mega sorteggione galattico dei calendari e, quindi, scrivo direttamente dal...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
28.07 - Se il buongiorno si vede dal mattino, allora, è preferibile rimettersi a letto e rimboccarsi le coperte. Se il Milan perde una partita a luglio o agosto, Galliani fa venire giù il finimondo perché il Milan è il Milan 12 mesi all'anno e non può fare brutte figure neanche in...
Editoriale DI: Mauro Suma
26.07 - Inutile girarci attorno. Un buon Mondiale da parte di Balotelli avrebbe dato il via ad una serie di operazioni importanti per il Milan, in vero e proprio stile fuochi d'artificio. Oggi invece, nonostante la partenza di Kakà, non ci sono prospettive di accelerazioni immediate...
Editoriale DI: Enzo Bucchioni
25.07 - Sappiamo bene che oggi basta un tweet o un procuratore che passa per Place Vendome e gli sembra di avere visto un sosia di Conte, per far diventare una non notizia in una quasi notizia. Ma nessuno si sbagli e nessuno cerchi di inquinare le acque di un addio limpido e genuino...
Editoriale DI: Luca Marchetti
24.07 - La scena se l'è presa tutta Astori, senza dubbio. Già era una vicenda intricata con il Cagliari che non lo voleva mollare e la Lazio che lo corteggiava da un mese. Nel giro di poche ore si è passati dal rinnovo con il Cagliari alla cessione alla Roma ad un passo. Com'è stati...
Editoriale DI: Fabrizio Ponciroli
23.07 - Oggi mi sento più mistico del solito. Merito (o colpa) di De Laurentiis. Quando parla il patron del Napoli, tutto può accadere. E' una sorta di certezza incrollabile. Ospite ad Aspettando il Calciomercato, mi sono cuccato l'intero show del grande DeLa. Ad una platea formata...
Editoriale DI: Fabrizio Biasin
22.07 - "Cinque giorni che ti ho perso" cantava uno straordinario Michele Zarrillo in un Sanremo di qualche anno fa. Solo che oggi siamo al settimo giorno di "Juve senza Conte" e quindi Zarrillo c'azzecca una fava, al limite solo perché la tristezza della sua canzonetta ben si sposa...
Editoriale DI: Michele Criscitiello
21.07 - Antonio, secondo me hai già nostalgia del tuo lavoro. Quando ti svegli la mattina cosa fai? Va bene coccolarsi figlia e moglie ma tu sei uno da battaglia. Non ti vedo proprio al sole 12 ore al giorno, anche se nell'intervista di addio ero nero più per la rabbia che per...
Editoriale DI: Italo Cucci
20.07 - Riflettete. Comunque ce la raccontino, la storia di Antonio Conte ha un solo titolo: lo hanno licenziato. Le rivelazioni, le ricostruzioni e i commenti non possono ignorare un dato di fondo: il tecnico voleva partecipare in termini decisivi alla campagna acquisti-cessioni...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510